Della dissimulazione onesta/XXIII. In un giorno solo non bisognerà la dissimulazione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXIII. In un giorno solo non bisognerà la dissimulazione

../XXII. La dissimulazione è rimedio che previene a rimuover ogni male ../XXIV. Come nel cielo ogni cosa è chiara IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

XXIII. In un giorno solo non bisognerà la dissimulazione
XXII. La dissimulazione è rimedio che previene a rimuover ogni male XXIV. Come nel cielo ogni cosa è chiara

È tanta la necessità di usar questo velo, che solamente nell’ultimo giorno ha da mancare. Allora saran finiti gl’interessi umani, i cuori piú manifesti che le fronti, gli animi esposti alla publica notizia, ed i pensieri esaminati di numero e di peso. Non averà che far la dissimulazione tra gli uomini, in qualunque modo si sia, quando Iddio, che oggi "est dissimulans peccata hominum", non dissimulerà piú; ma poste le mani al premio ed alla pena, metterà termine all’industria de’ mortali, e que’ sagaci intelletti, che hanno abusato il proprio lume, si accorgeranno come allora non gioverà l’arte del cucir la pelle della volpe dove non arriva quella del leone, che fu consiglio di un re spartano: perché l’onnipotente Leone, facendo ruggir il mondo dagli abissi fin alle stelle, chiamerà tutti; e ciascuno dee saper e dire "circumdabor pelle mea", come disse Giob. Quell’aurora porterà un giorno tutt’occupato dalla giustizia, e nel mostrar i conti, non vi sarà arte da far vedere il bianco per lo nero. S’udirà il decreto, che sarà l’ultimo delle leggi, e darà legge eterna alle stelle ed alle tenebre, al piacer ed alla pena, alla pace ed alla guerra. Sarà forz’alla dissimulazione di fuggirsene in tutto, quando la verità stessa aprirà le finestre del cielo e, con la spada accesa, troncherà il filo d’ogni vano pensiero.