Della dissimulazione onesta/XXII. La dissimulazione è rimedio che previene a rimuover ogni male

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXII. La dissimulazione è rimedio che previene a rimuover ogni male

../XXI. Del cuor che sta nascosto ../XXIII. In un giorno solo non bisognerà la dissimulazione IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

XXII. La dissimulazione è rimedio che previene a rimuover ogni male
XXI. Del cuor che sta nascosto XXIII. In un giorno solo non bisognerà la dissimulazione

Era tanto stimata da Giob la dissimulazione onesta che, non avendo lasciato di valersene nel suo regno, poi che si vide privo di prosperità, parendogli di aver fatto assai dalla parte sua perché non gli fosse caduta dalle mani, disse:

Nonne dissimulavi? nonne silui? nonne quievi?
et venit super me indignatio.

Egli con tranquillità governò il suo stato, e sempre che potette dissimular, lo fe’ volentieri; e però s’era persuaso che non avesse da seguir mutazione nelle cose sue, ben assicurate dalla prudenzia, che in sé raccoglieva dissimulazione, silenzio e quiete. Ma se con tutto ciò cadde in miseria, fu voler di Dio, che si compiacque di far vedere nella persona di quel santo una invitta costanza e ’l trionfo della pazienzia, che nel carro della vera gloria si menò appresso come catenati tutt’i mali, fin ch’egli ebbe la prístina felicità con duplicate sodisfazzioni; e quella sua giustizia, che nel termine della semplice natura si dimostrò al mondo, sarà esempio in tutt’i secoli per affermare che i servi di Dio, in ogni condizione, son sempre beati. Dunque Giob era tale, anche nel tempo de’ suoi tormenti; ma per non uscir dalla materia di che vo trattando, dico ch’egli, facendo il conto con la sua conscienzia, dicea: "Nonne dissimulavi? nonne silui? nonne quievi?", volendo significar che a questa diligenza non suol mancar piacer alcuno; e quando succede qualche accidente che perturbi tanto sereno, vuol il cielo che, dopo l’avversità, si accresca splendor agli animi che son alieni dagli affetti della terra.