Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino/Voci esotiche

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Aggiunte e correzioni

IncludiIntestazione 18 novembre 2012 25% Da definire

Aggiunte e correzioni

[p. 569 modifica]

ELENCO DELLE VOCI ESOTICHE



[p. 570 modifica] [p. 571 modifica] Alon, inter. v. francese, allons: andiamo, animo, olà, su, suvvia.

Àport, specie à’int. usata da’ cacciatori: piglia, piccino, — su, piccino.

Bersò, sm. v. francese, berceau: -capanno, coperto,-cupola, pergolato.

Bios, sm. storpiatura della v. tedesca, Wichs: patina; met. legnate, percosse, grammatica tedesca.

Biftech, sm. v. inglese, beefsteak . bistecca.

Bignè, sm. v. francese, beignet: galletto — specie di pasta dolce che si mangia fritta.

Bisù, sm. v. francese, bijou: compitezza, galanteria, gioia; esser un bisù, m. avv. essere un. gioiello: — «La signorina Cecilia è un gioiello;“ essere co’ baffi: — ..Refosco d’Istria ? “vino co’ baffi !“

Bleda, sf. bot. barbabietola o bieta —: beta vulgaris.

Bloco, sm. v. francese, bloci masso.: — „Un masso di marmo.“ — „Argine tutto di massi.“


Bochè, sm. v. francese, bouquet: mazzetto, mazzo, mazzolino; finteria, quella verzurà che. si aggiunge a’ mazzi per renderli più appariscenti; — aroma, fragranza.

Bon, sf. v. francese, bonne: aia.

Boneto, sm. v. francese, bonnet: berretto.

Bon-ton (el), sm. francese: gli eleganti.

Bros, sm. v. francese, broche chiavacuore, fermaglio, picchiapetto.

Bric, sm. pancaccio.

Broscir (in), m. avv. francese, en brochure: alla rustica.

Brulé (vin), sm. vincotto, — vin caldo.

Buchè, lo stesso che bochè.

Bufè, sm. v. francese, bufet: credenziera; credenza.

Gaiser, sm. v. tedesca: rosetta, stelletta.

Cambrich, sm. cambrì: — „Traverseta de cambrich. == Grembiulino di cambrì.“ [p. 572 modifica] Carnè, sm. v. francese, carnet: taccuino.

Canistra, sf. zàino.

Cimpel, sm. zi. v. tedesca, Gimpel: ciuffolotto — frìngilla pyrrhula.

Clach, sf. v. francese, claque: bocche vuote: — «Senze le bocche vuote il dramma non si sarebbe retto.“

Clanfer, sm. v. slava: bandaio, docciaio.

Clanz, sm. v. slava: vicolo.

Club, sm. brigata, compagnia, società; casino, circolo, ritrovo, stanza.

Cluca, sf. gruccia, maniglia, saliscendi; oro de cluca, met. oro di Bologna, che diventa rosso dalla vergogna.

Clucada, sf. grucciata.

Comelfò, m. avv. francese, cornine il faut: a dovere, per l’appunto, con tutte le virgole., Comìs (de), m. avv. dal tedesco: di munizione.

Comò, sm. v. francese, commode: canterale, cassettone.

Consumè, sm. v. francese: brodo corto, o brodo grosso, — ristretto.

Coz, sm. v. tedesca: schiavina, stiavina; far soto coz, m. avv. fare alla chetichella, o fare sott’acqua.

Crafen, sm. dal tedesco, Krapfen: specie di frittella; met. garontolo, pugno.

Crampeltè, sm,. te di lichene.

Crauti, smp. cappucci salati.

Crem (el), smf. il fiore, il meglio di che si sia, — la crema: — «Vi era in società certa crema che meglio le si converebbe il nome di mota.“ — «Rinaldo e Ruggero“ — „eran l’eletta e il fior d’ogni gagliardo.“

Cren, sm. bot. v. boema: armoraccio, barba forte, lapazio acuto, rafano rusticano — armoracia rusticana.

Cucer, sm. v. tedesca, Kutscher: auriga, cocchiere, fiaccherraio, vetturino; — de cavai de carigo, cavallaro.

Cupè, sm. v. francese, coupèe: scompartimento.

Cupon, sm. v. francese, coupon: cedola, tagliando.


Defilé (el, dal francese: il passaggio, lo sfilare.

Defizit, sm. disavanzo.

Deser, sm. v. francese, déssert: finimento, sopratavola.

Desunè, sm. v. francese, déjeuner; colazione.

Disabilié (in), m. avv. francese, deshabillé: in abito da camera, in abito da casa in abito da mattina; scinto.

Dublè (oro), dal francese, doublé d’or: similoro.

Envelop, sm. v. francese, enveloppe: busta, o busta da lettera, sopracarta.

Etager, sm. v. francese, etagere: palchetto, scaffalino.

Festival, sm. musicone.

Fiacher, sm. v. francese, fiacre: fiaccherraio; fiàccherre. Yòce derivata dal luogo dove dimoravano le prime carrozze di questa specie, ov’era un’immagine di Saint Fiacre. I milanesi lo chiaman cittadina, e più spesso, con voce inglese, brougham; i napoletani, cittadina; i romani pincionella; i toscani fiàccherre; ma per onore e gloria dell’unità del linguaggio sarebbe bene usare la voce carrozzella, che è comune a Italia tutta.

Finfler, dal francese, finefleur-. lo stesso che el bonton, o la crem.

Flica, sf. pezzo da dieci soldi.

Frach, sm. v. tedesca, Frack: falda, giubba lunga, velata (Fusinato), e come voce d’uso: rondinella.

Framboa, sm. bot. v. francese, framboise: lampone, rovo ideo — rubus idaeus; acqua di lampone: — «Farete bere al paziente dell’acqua di lampone.“

Furbais, sm. lavacapo, rimprovero, ripassata, riprensione, risciacquata, sgridata;, bastonatura, carpaccio, rifrusto, zombatura.

Futrar, va. storpiatura della voce tedesca, fiittem: abbiadare, dare la biada, dare il fieno — agli animali; met. aderbare, impinzare, pascere; vnp. avventrinarsi; pigliare una satolla: — „S’è avventrinato che non può tirare il fiato.“ — «Ho pigliato una satolla piramidale.“ [p. 573 modifica] Ghisa, sf. dal francese, gueuse, e questo dal tedesco, Guss: ferraccio.

Giacoriet, sm. v. francese, jaconette.’. giaconetta: — „Una veste di giaconetta, per la campagna.“

Gilè, sm. v. francese, gilet: corpetto, panciotto, sottoveste.

Gimpel, v, tedesca, lo stesso che cimpel.

Gloriet, sm. v. francese, lo stesso che bersò.

Gres, sm. storpiatura della voce tedesca Gries: tritello.

Gripèrl, agg. e sm. dal francese, grisperle: colore di perla, color perla, grigio perla.

Grò, sm. grossagrana: — „Una mantellina di grossalana.“

Grubla, sf. v. slava, t. de’ cacciatori: muriccia: — «È la seconda volta in questa stagione che fa cavaliere sull’istessa muriccia.“

Grup, sm. med. chir. v. scozzese: crup.

Haiglàif, pronunciato col h aspirato, dall’inglese: Highlife, lo stesso che el bonton, o la crem.

Lilà, agg. gridellino; sm. bot. sicomoro — melia azedarach.

Mandrianza, sf. bot. camomilla — camamilla matricaria. Mars, inter. o dal francese, marche, o dal tedesco, marsch: allontanati, — via, — lontano; avanti !

Menù, sm. v. francese, menue: lista. Meting, sin. v. inglese, Meeting: adunanza, assemblea, raunata.

Merinos, sm. v. spagnuola: merino.

Mismas, sm. dal tedesco, mischmasch: zenzeverata: — «Vino, birra o zenzeverata ?“ — „Una tazza di zenzeveiata, presto;fc met. poltriechio; confusione, guazzabuglio, subbuglio.

Mlecherza, sf. v. slava: lattaia, latti Vendola

Moarè, agg. dal francese, moirèe: mareggiato: — «Nastri mareggiati.“ — „Un» pezza di stoffa mareggiata.“ Morg, sf. v.. francese, morgue: riconoseitorio, — stanza mortuaria.


Morocof, sm. zi. dal tedesco, Morenkopf: rovano. Alcuni vocabolaristi, spogliatori — registrano il cavallo di tale mantello col nome di „cavezza di moro.“ — forse perchè la cavezza la si adatta a’ cavalli — ma pigliano un granchio. La razza rovana fu importata dai Mori in Iberia, e gli spagnoli chiamarono siffatti cavalli cabeza de moro (testa di moro); da qui la storpiatura, e il granchio.

Negligé (in), tn. avv. dal francosei en neglige: in abito da mattina.

Omelet, smf. v. francese, omelette: frittata.

Faeton, sm. argentone: — „Romaiuolo d’argentone.“ — „Una dozzina di cucchiai d’argentone.“

Pacumstecum, storpiatura del latino, pax tecum, v. usata met. sciacquadenti: — *El ghe ga da un pacumstecum che H glie ga lassà su la ganassa tuti zinque dedi. = Gli ha dato uno sciacquadenti che gli ha lasciato sulla guancia tutt’e cinque le ditate.“

Paletò, sm. v. francese, paletot: mantello, pastrano, tabarro.

Pandan (far), m. avv. dal francese, faire pendant: essere a corrispondenza o essere a riscontro, — fare accompagnatura, — fare riscontro.

Pansé, sf. bot. v. francese, pensée: erba della trinità, minuti pensieri, suocera e nuora — viola tricolor.

Pardesù, sm. cappa, soprabito.

Pardon, specie d’inter. francese: scusi.

Parè, agg. v. francese: di gala.

Patoch, sm. v. slava: torrente, torrentello.

Paz (in), m. avv. dal tedesco: in fusione.

Peoh, sm. v. slava: fornaio, prestinaio; bazilar col pech, met. delirare, vaneggiare; girare il boccino; aver dato il cervello a rimpedulare, essere andato in villa colla brigata; gambe de pech, met. gambe a iccase, o gambe ercoline.

Pichnich, sm. v. francese, piqué- [p. 574 modifica] nique: invito di comunella; far pichnich, far piattello, — fare a bocca e borsa, o fare a lira e soldo.

Pichè, sm. v. francese: coltroncino d’Inghilterra, — basino trapunto.

Pirè, sm. v. francese, puree: passato: — «Polli arrosto con passato di piselli.“ — «Eccovi il passato di patate-.“

Plafòn, sm, v. francese, plafond: soffitto, stoiato.

Plisè, sm. dal francese: pieghettatura.

Plucia, sf. v. slava: pasto: — „Du’ soldi di pasto pel miccio.“

Plus, sm. v. francese, peluche: peluzzo.

Pluzer, sm. scaldapiedi.

Pompom, sm. cicotto, nappa, rappa.

Portapè, snt. dal francese, porte-èpèe: dragona.

Potpurl, sm.. v. francese, potpourri: composto, mescolanza;“ miscellanea, rapsodia; .guazzabuglio.

Presniz, sm. specie di pasta dolce, detta in alcuni luoghi: guba- 1 na, e in altri: turbante.

Prie, sm. lo stesso che hric.

Profos, sm. v. tedesca: profosso.

Pul, sf. v. francese, poule: gara, partita, posta.

Punc, sm. v. inglese, punch: ponce.

Punceto, sm. poncino.

Purè, v. francese, lo -stesso che pire. Ragù, sm. v. francese, rqgout: guazzetto, stufatine.

Randevù, sm. v. francese, rendezvous: appuntamento, posta, ritrovo.

Ranglò, sm. hot. dal francese, rane Claude ’ prugna della regina Claudia.

Reclam, smf. v. francese, reclame: stamburata.

Refugiumpecatoris, storpiatura del latino: Refugium peccatorum.

Reporter, smf. v. inglese: raccoglitore, ragguagliatore, relatore.

Revolver, sm. v. inglese: rivoltella.

Ronglò, lo stesso che ranglò.


Sachinpach, sm. storpiatura tedesca: zàino.

Sanfason, m. avv. dal francese, sans fafon: alla sciamannata; esser un sanfason, essere un fastello mal legato.

Scina, sf. dal tedesco: guida, rotaia.

Secreter, sm. v. francese, secrétaire: segreteria.

Sich (el), sm. la crema; sich, quale inter. bene, benone, ottimamente — ma elleno son voci usate antifrasticamente.

Sifoniè, sm. v. francese, chifonnière: armadino, armadio.

Sinter, sm. storpiatura della voce tedesca, Scinder: canicida; lappiatore; met. crudele,, inumano, spietato.

Slaif, sm. freno, martinica; sf. met. ancroia, scanfarda; meretrice, mondana prostituta; cialtrona, sciamannata.

Smetena, smetina, -sf. panna.

Sriita, sf. pandorato.

Splin, sm. v. inglese, spleen: ipocondria, malanconia.

Sport, sm. v. inglese: diporto, divertimento, passatempo, spasso.

Starerza, sf. tirolese.

Straus, agg. e smf. cempenna, goffo, malassestato, malgraziato, sciamannato.

Sturpan, sm. dal tedesco, Sturmhand: aliccio.

Stuz, sm. calice; ed è voce con. cui s’è formato il modo metaforico: ciapar in tei stuz, averla nelle ghette, averla fra capo e collo.

Suarè, smf. v. francese, soirée: serata.

Sueler, sveler, sm. v. tedesca:. traversa.

Svitich, sm. v. slava, cercine.

Tablò, sm. v. francese, tableau:. quadro.

Toast, sm. v. inglese: brindisi.

Tualet, sm. v. francese, toilette: toletta; — nel senso di ciò che occorre per abbigliare una persona: apparecchiatoio; — utensile in cui si [p. 575 modifica] tengono le cose proprie all’acconciarsi: pettmiera, specchiera; luogo dove uno sta ad acconciarsi: abbigliatolo, spogliatoio; tualet del viso, acconciatura, affazzonatura; — del vestir, abbigliamento, vestito: — „La signora dop’essere stata per due ore davanti la pettiniera, è uscita ora dallo spogliatoio senz’ aver ancora compiuto il suo abbigliamento e la sua acconciatura.“

Tul, sm. tulle.

Tunel, sm. v. inglese: galleria.

Vagon, sm. v. inglese, Wagon: carrozza — quello dove prendono posto i passeggeri; gabbia — quello delle bestie; bagagliaio — quello delle valigie; carro — quello delle mercanzie.

Vinc, sm. mar. v. inglese: verricello.


Visavì, avv. v. francese: visa-vis: di contro, di fronte, di rimpetto; sm. amorino — specie di canapè in forma d’esse.

Zamparel, sm. dal francese, sans pareil: specie di tabacco da naso.

Zvitich, lo stesso che svitich. Fine. [p. 576 modifica]