Egli è tanto gentile et alta cosa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo E Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Egli è tanto gentile et alta cosa Intestazione 10 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 85 modifica]

     Egli è tanto gentile et alta cosa
La donna che sentir mi face amore,
Che l’anima, pensando come posa
La vertù ch’esce di lei nel mio core,
     Isbigottisce e divien paurosa;5
E sempre ne dimora in tal tremore,
Che batter l’ali nessun spirito osa
Che dica a lei — Madonna, costui muore. —
     lasso me!, come v’andrà pietanza,
E chi le conterà la morte mia10
Celato in guisa tal che lo credesse?
     Non so; ch’Amor medesmo n’ha dottanza,
Et ella già mai creder noi potrìa
Che sua virtù nel cuor mi discendesse.