Giambi ed epodi/Libro I/La Consulta araldica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Onomastico

../Nostri santi e nostri morti IncludiIntestazione 29 gennaio 2012 100% Poesie

Libro I - Onomastico Libro I - Nostri santi e nostri morti
[p. 428 modifica]


XI.

LA CONSULTA ARALDICA1


Cercate pur se il pio siero che stagna
Nel cor d’un paolotto ignoto al dí,
Da i reni d’un ladron de l’Alemagna
4Sangue cavalleresco un giorno uscí,

Se ne la tabe che da gli avi nacque
E strugge a i figli l’ultimo polmon
Vive la colpa d’una rea che piacque
8Adultera latina al biondo Otton.

Deh dite: quante belve a cui le spade
Affondar ne la carne era virtú,
Quanti marchesi che assalian le strade,
12Quanti mitrati che vendean Gesú,

[p. 429 modifica]


Quanti storici gradi di peccato
Occorron dunque, dite in vostra fe’,
Per poter la camicia di bucato
16Porger la mane al dormiglioso re?

Per quante aule di barbari signori
Vigilate dal pubblico terror
Bisogna aver contaminato i cuori
20Ed i ginocchi, e quante volte ancor

Rinnegata la misera latina
Patria e del suo comun le libertà,
Per poter di diritto a la regina
24Tener la coda quando a messa va?

Oh non per questo dal fatal di Quarto
Lido il naviglio de i mille salpò,
Né Rosolino Pilo aveva sparto
28Suo gentil sangue che vantava Angiò.

Ma voi da l’arche, voi da gli scaffali,
Invidïando a i vermi ombra e sopor,
Corna di cervi e teschi di cignali
32Ed ugnoli d’arpie mettete fuor;

Ed a gli scheltri de le ree castella
Che foscheggian pe ’l verde ermo Apennin,
Poi che l’austero e pio Gian de la Bella
36Trasse i baroni a pettinare il lin

[p. 430 modifica]


(E allora il pugno già contratto al brando
Ne l’opera plebea ben si spianò,
E su le labbra tumide il comando
40In lusinga servile iscivolò),

A quegli scheltri voi chiedete ancora
Le targhe colorate e il pennoncel;
E vorreste veder l’antica aurora
44Arrider mesta a un gotico bertel.

O dormenti nel giorno, il gallo canta,
Ferve il lavoro e cedon l’ombre al ver;
L’azzurro oltremarin di Terra santa
48È bava di lumaca in suo sentier.

Rendete pur, rendete a i vecchi scudi
Il pallid’ oro che l’ebreo raschiò
Ed a gli elmi le corna: io questi ludi
52A la vecchiezza invidïar non so.

E aspettate cosí ne le supreme
Gran gale, o morituri, il funeral:
La Libertà tocca il tamburo, e insieme
56Dileguan medio evo e carneval.


ottobre 1869.



Note

  1. [p. 531 modifica]La Consulta araldica fu istituita con r. decreto 10 ottobre 1869 in dieci articoli, per dar parere al Governo in materia di titoli gentilizi, stemmi ed altre pubbliche onorificenze.