I pettegolezzi delle donne/Atto III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto III

../Atto II ../Nota storica IncludiIntestazione 23 gennaio 2020 75% Da definire

Atto II Nota storica

[p. 479 modifica]

ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.
Camera di Checca.
Pantalone, Checca e Beppo.

Pantalone. Via, putti, quieteve, e stè sora de mi, che no ghe xe gnente de mal. Paron Toni m’ha contà tutto. A Corfù ghe xe sta consegna una putella de tre anni da un marcante, per menarla a Venezia. El l’ha tolta, e per viazzo el s’ha tanto innamorà in quelle care raise1, che nol gh’aveva cuor de lassarla. In sto mentre i ha abuo la niova che so sior pare, navegando verso la Morea, xe sta fatto schiavo; onde paron Toni, d’accordo co so muggier, i s’ha tegnù la putella; e [p. 480 modifica] come i giera stai qualche anno in Levante, i ha dà da intender a Venezia, che la giera so fia.

Checca. Via, sior, me direu più che sia una bastarda? (a Beppo)

Beppo. Mi no ve dirò gnente; ma no se sa gnancora chi sia vostro pare.

Pantalone. Co mi ve assicuro che la xe fia de un omo civil, de un bon marcante che gh’ha la disgrazia d’esser schiavo, ma che xe un galantomo, no ve basta? Me credeu a mi, che son vostro compare?

Beppo. Sior sì, ve credo, e xe tanto el ben che voggio a Checca, che tutto me basta, purchè possa salvar in qualche modo la mia reputazion.

Pantalone. Via, seguite a volerve ben, e lassè andar la malinconia.

Beppo. Cara la mia cara Checchina. (si accosta)

Checca. Via, sior, andè via de qua, che son una bastarda. (sdegnosa)

Pantalone. Vedeu? La xe instizzada.

Beppo. Mo via, no me tormentè. Savè che ve voggio ben.

Checca. Se m’avessi volesto ben, no averessi dito de volerme lassar.

Pantalone. Sentìu? La gh’ha rason.

Beppo. Sia malignazzo chi xe sta causa.

Pantalone. Causa i pettegolezzi. Ma via, quel che xe stà, xe stà. Fenimola, e no ghe ne parlemo più. Vegnì qua, deme la man. (a Beppo)

Beppo. Volentiera, sior compare.

Pantalone. Anca vu, comare, de qua.

Checca. Mi no, vede.

Pantalone. Perchè mo no?

Checca. Perchè son una mu...

Pantalone. Zitto là, no disè più ste brutte parole. Deme la man.

Checca. No ve vôi dar gnente.

Pantalone. Via, no ve fè pregar.

Checca. Ve digo de no.

Pantalone. Sentì, se sarè ustinada, i dirà che xe la verità che se mu... [p. 481 modifica]

Checca. Tolè, tolè la man.

Pantalone. Oh brava! Pulito. Via, cari novizzetti, tocchevela, e fè pase.

Checca. Can, sassin. (sdegnosetta, a Beppo)

Beppo. No, vita mia.

Checca. Ti me volevi lassar.

Beppo. No, vissere mie.

Pantalone. Via, baroni, me fè vegnir l’acqua in bocca.

Beppo. Sior compare, quando faremio le nozze?

Pantalone. Paron Toni ha dito da qua diese o dodese zorni.

Beppo. Oh giusto, da qua diese o dodese zomi?

Pantalone. Ve par troppo presto?

Checca. Me par che le se poderia far doman o doman l’altro.

Beppo. Oh giusto! Doman o doman l’altro?

Pantalone. Ghe vol el so tempo, n’è vero? (a Beppo)

Beppo. No le se poderia far stassera?

Pantalone. Oh che baroni! Oh che desgraziai! Se ghe fusse paron Toni, vorria persuaderlo a destrigarse. Orsù, mi bisogna che vaga via.

Beppo. La se comoda.

Pantalone. Che me comoda? E vu resterè qua?

Checca. No xelo el mio novizzo?

Pantalone. Oh, no lasso el novizzo co la novizza. Paron Toni xe sta mandà a chiamar da un foresto; el m’ha lassà mi in custodia della putta, e no vôi... Basta; Beppo, vegnì co mi.

Beppo. Farò quel che la comanda, sior compare.

Checca. Vardè che sesti2! El me lo mena via.

Pantalone. Cara fia, abbiè pazenzia. Col sarà vostro marìo, el starà con vu quanto che volè.

Checca. Ghe voi i argani a far che el sia mio marìo?

Pantalone. Orsù, stassera, se posso, vôi che ve destrighè.

Beppo. Oh bravo, sior compare.

Checca. Oh magari3, sior compare. [p. 482 modifica]

Beppo. Oh benedetto sior compare!

Checca. Oh caro sior compare!

Pantalone. Via, andemo, che sto comparezzo4 me stroppia.

Beppo. Bondì, vita mia.

Checca. Vien presto, muso bello.

Beppo. Andemo, sior compare.

Checca. Me raccomando a ela, sior compare.

Beppo. Benedetto sior compare!

Checca. Caro sior compare!

Pantalone. Mai più compare, mai più compare. (parte con Beppo)

Checca. Manco mal che s’ha scoverto la verità. Vardè quanti pettegolezzi che aveva fatto quelle donne! E mi poverazza squasi più ho tolto de mezzo.

SCENA II.
Paron Toni e Checca.

Toni. Checchina, allegramente.

Checca. Za so tutto. Sior Pantalon m’ha dito tutto.

Toni. El v’averà dito, che mi no son vostro pare.

Checca. Sior sì, el me l’ha dito.

Toni. E mi mo ve digo, che vostro pare xe vegnù a Venezia.

Checca. Oh, gh’ho ben a caro. L’aveu visto? Gh’aveu parla?

Toni. No l’ho visto, no gh’ho parlà. El m’ha mandà a chiamar; ma no l’ho più trovà. Un mariner m’ha dito che el ghe xe, e adessadesso lo troverò. Son vegnù a darve sta niova per vostra consolazion.

Checca. In verità, che ancuo posso dir de aver una zornada felice. Prima vederò mio pare, e po presto Beppo me sposerà.

Toni. No so; poi esser de sì, e poi esser de no.

Checca. Vardè, vede; no xelo el mio novizzo?

Toni. Finchè mi giera in liogo de vostro pare, podeva far de vu quel che me pareva ben fatto; adesso che xe vegnù vostro pare da senno, bisognerà che fè quel che el vorrà elo. [p. 483 modifica]

Checca. E se nol volesse che sposasse Beppo?

Toni. Bisogneria che lo licenziessi.

Checca. Oh poveretta mi! Credemio che el possa dirme de no?

Toni. Chi sa! Pol esser che el ve voggia mandar con qualche persona de meggio condizion.

Checca. Sior pare... Sentì, sarè sempre mio pare.

Toni. E mi ve vorrò sempre ben come fia.

Checca. Sior pare, se me volè ben, feme un servizio.

Toni. Cossa vorressi?

Checca. Lassè che me sposa con Beppo, avanti che lo sappia quell’altro sior pare.

Toni. Cara fia, no lo vorria desgustar.

Checca. Co la sarà fatta, nol dirà gnente.

Toni. Che penseremo.

Checca. Caro papà, se me volè ben.

Toni. (La me fa peccà).5 (da sè) Via, farò de tutto per consolarve.

Checca. Se perdo Beppo, no passa tre zorni che me ammalo, e che moro dalla passion. (parte)

Toni. Farò de tutto che no la lo perda. Povera putta, ghe vorrò sempre ben. (parte)

SCENA III.
Strada.
Beppo, poi Cate.

Beppo. No vedo l’ora de abbrazzar la mia cara Checchina. Causa quelle pettegole, che l’ho squasi persa.

Guglielmo. Abagiggi, abagiggi.

Beppo. Siora Cate, avere savesto che Checca no xe una bastarda.

Guglielmo. Abagiggi, abagiggi.

Beppo. Cos’è sto bagiggi? Xela matta custìa? [p. 484 modifica]

SCENA IV.
Sgualda, poi Anzoletta e detto.

Sgualda. Abagiggi, abagiggi.

Beppo. Siora donna Sgualda, saveu chi sia vostra zermana Checca?

Sgualda. Abagiggi, abagiggi. (va in casa)

Beppo. Anca questa la gh’ha coi bagiggi. Mi no la so intender.

Anzoletta. (Velo qua el sior novizio). (da sè)

Beppo. E vu, siora Anzoletta, saveu chi sia Checchina?

Anzoletta. Oh sior sì, lo so.

Beppo. Via mo, chi xela?

Anzoletta. La xe fia de quel che vende bagiggi.

Beppo. Cossa! Fia de quel dai bagiggi?

Anzoletta. Oh caro! Vegnìu dalla villa? El saverè meggio de mi.

Beppo. Siora Anzoletta, vu me fè morir. Chi v’ha dito sta cossa?

Anzoletta. Chi me l’ha dito? Xela una cossa sconta6? Lo sa mezza Venezia. So pare xe arriva ancuo7, e doman lo vederè in piazza a criar abagiggi.

Beppo. Questo donca xe el marcante forastier pare de Checca! O poveretto mi! Siora Anzoletta, ho paura che me burlè.

Anzoletta. Oe, se no me credè a mi, domande a donna Sgualda e a donna Cate, e po domande a tutti della contrada, che tutti lo sa e tutti ride. Oh, che caro sior novizzo! Abagiggi. (parte)

Beppo. Oh Dio! Me sento a morir. Se sta cossa xe vera, come oio da far a sposarla? Vôi sentir come che la xe. Oe, donna Cate. (batte)

Guglielmo. (batte

SCENA v:
Cate e detto.

Guglielmo. Cossa voleu, sior?

Beppo. Cara vu, ve prego per carità, diseme cossa che ave savesto de Checca.

Guglielmo. Ho savesto che la xe fia de Abagiggi.

Beppo. Vardè che no v’ingannè. [p. 485 modifica]

Guglielmo. No fio, no m’inganno. Checca no xe mia zermana, la xe fia de Abagiggi, e se no me credè a mi, domande a donna Sgualda. Oe, Sgualda.

SCENA VI.
Sgualda e detti.

Sgualda. Chi me chiama? Cate. Oe, conteghe mo de Checca.

Sgualda. Che cade!8 la xe fia de Abagiggi.

Beppo. Son fora de mi. Vardè che no falè.

Sgualda. Ho parlà mi co so pare.

Guglielmo. El xe qua, el xe qua, el xe a Venezia.

Sgualda. Se vedessi che fegura!

Guglielmo. Se vedessi che bella barba!

Sgualda. Che bel missier che gh’averè!

Guglielmo. Che bon parentà che farè!

Sgualda. O che bel maridozzo9!

Guglielmo. O che novizza civil!

Sgualda. Oe, se vorrè far el mestier de vostro missier, farè poca fadiga. Anderè co una cesta a criar abagiggi.

Guglielmo. Oh che bella fegura che farè! Abagiggi.

A Due. Abagiggi, abagiggi. (entrano nelle loro case gridando ecc.)

Beppo. Son coppà. Son morto, no posso più. Mi che se diga che ho sposà la fia de un omo che no xe stima gnente, de un omo che xe da tutti burlà? No sarà mai vero. A Checca ghe voggio ben. Morirò, se la lasso; ma lassarla bisognerà.

SCENA VII.
Checca in zendale e detto.

Checca. Oh Beppo! Giusto vu ve cercava.

Beppo. Oh poveretto mi! [p. 486 modifica]

Checca. Sappiè che xe vegnù a Venezia mio pare vero.

Beppo. Eh, el so, el so.

Checca. Cos’è, gh’aveu paura che nol voggia che ve toga? Gh’aveu paura che nol se degna?

Beppo. Come! che nol se degna? Un omo de quella sorte no s’ha da degnar de mi? M’aveu in concetto che sia pezzo de vostro pare?

Checca. Mo cossa xelo mio pare? I m’ha dito che el xe un marcante.

Beppo. SI ben, un marcante che gh’ha un bon negozio. L’aveu visto? Lo cognosseu?

Checca. No l’ho gnancora visto.

Beppo. Saveu chi el xe vostro pare?

Checca. Via mo, chi xelo?

Beppo. Ah pazienzia!

Checca. Via, diseme chi el xe.

Beppo. Povera Checchina!

Checca. Chi xelo? El boggia10?

Beppo. El xe quell’omo che vende i bagiggi.

Checca. Quello... mio pare?

Beppo. Me schioppa el cuor... no posso più.

Checca. Caro Beppo, me par impussibile.

Beppo. Pur troppo xe la verità.

Checca. Donca cossa sarà de mi?

Beppo. Mio sior pare no vorrà che ve sposa.

Checca. E vu me lasserè?

Beppo. E mi morirò.

Checca. Ah, se me volessi ben, no diressi cussì.

Beppo. Cara Checca, mio sior pare xe un omo civil; el serve da fattor, ma el xe nato ben. Gh’ho dei parenti che xe più de mi... Oh Dio! No so quala far...

Checca. Via, lasseme, abbandoneme. So mi cossa che ho da far.

Beppo. Cossa gh’aveu intenzion de far? [p. 487 modifica]

Checca. De buttarme in t’un pozzo.

Beppo. No, vita mia, no disè cussi.

Checca. O sposarne, o me nego.

Beppo. Vien zente.

Checca. Chi xeli?

Beppo. Oh Dio! Cossa vedio?

Checca. Cossa aveu visto?

Beppo. Vostro pare.

Checca. Qualo?

Beppo. Quel dai bagiggi.

Checca. Me vien i suori freddi.

Beppo. No lo voggio vardar. Checchina, anema mia, compatime... se vederemo. (parte)

Checca. Povera sfortunada! Podevio aspettar de pezzo?

SCENA VIII..
Salamina, Musa, Toni, Pantalone e detta.

Toni. Checca, allegramente, che xe qua vostro pare.

Checca. (Oh Dio! Mio pare! Son desperada, no lo vôi veder, no lo vôi saludar). (parte)

Salamina. Come, da me fugge mia figlia?

Pantalone. No la saverà gnente gnancora, che se sia scoverto a Venezia so pare vero.

Toni. Mi gh’ho dito qualcossa, ma poveretta, l’ha visto tanta zente, la se vergogna e la xe andada via.

Salamina. Signor Pantalone, io so per fama che voi siete un onestissimo galantuomo, e credo alle vostre parole. Non sarà vero, quanto mi è stato detto di Checchina mia figlia. Ella sarà savia ed onesta, e avrò motivo di ringraziar padron Toni per avermela custodita e bene educata.

Pantalone. Paron Toni xe un omo de sesto11, che gh’ha giudizio, e ha fatto le cosse sempre pulito. [p. 488 modifica]

Toni. Come che diseva, sior Ottavio, sta putta giera promessa con un putto de garbo, fio d’un fattor, civiletto; se no ghe lo demo, la se despiera.

Salamina. Lo stato in cui ora mi trovo, non mi consiglia a ricusare un tale partito; nè io voglio privar mia figlia della buona fortuna di sposare un uomo dabbene.

Toni. Dei bezzi ch’ella m’ha dà, gh’ho ancora cento ducati, e ghe li dago per dota.

Salamina. Siete un uomo di garbo.

Toni. Andemo a casa. Andemo a trovar sta putta e consolarla. (parte)

Pantalone. Poverazza, la xe là che la sgangolisse12.

Salamina. L’abbraccierò più contento, potendo io contribuire a farla felice con il mio assenso. Musa, andiamo. (parte)

Pantalone. Andemo, sior Bagiggi caro.

Musa. Anca tia me cognossira?

Pantalone. Te cognossira segura. Fin adessa dove stata?

Musa. Stata sglava.

Pantalone. E adessa servira?

Musa. E adessa voler vendira bagiggia. (parte)

Pantalone. El gh’ha un muso che fa spavento. Bisogna che Checca sia scampada per paura de quella barba. (parte)

SCENA IX.
Strada con case civili.
Lelio ed Arlecchino.

Lelio. Fortuna ingrata!

Arlecchino. Sorte traditora!

Lelio. Un uomo del merito mio dalle femmine sarà deriso?

Arlecchino. Un omo della mia sorte morirà dalla fame?

Lelio. Vi è nessuno che sia più di me grazioso?

Arlecchino. Gh’è nissun che d’appetito staga meio de mi?

Lelio. Questo volto può essere più ben fatto? [p. 489 modifica]

Arlecchino. Sti denti poleli essere più forti?

Lelio. Questa vita può essere più attillata?

Arlecchino. Sta panza polela esser più voda?

Lelio. Ah, mi sovviene quante donne ho incantate!

Arlecchino. Ah, m’anecordo quanti piatti ho nettà!

Lelio. E ora non son più quello?

Arlecchino. E adess no se magna più?

Lelio. Ah, Lelio, coraggio.

Arlecchino. Arlecchino, no te desperar.

Lelio. Arlecchino?

Arlecchino. Sior?

Lelio. Batti a quella porta.

Arlecchino. Sior si, subito. (batte all’osteria)

Lelio. No a quella, a quell’altra.

Arlecchino. Questa l’è l’osteria, dove che se magna.

Lelio. E quella è la casa, dove sta la mia adorata Beatrice. Io ho bisogno di consolare le mie pupille.

Arlecchino. E mi ho bisogno de consolar i mi denti.

Lelio. Batti, e non perder tempo.

Arlecchino. Farò così; batterò qua e qua. Qua per vu, e qua per mi. (accenna la casa e l’osteria)

Lelio. Fa come vuoi.

Arlecchino. Oh de casa, oh dell’osteria! (batte alle due porte)

SCENA X.
Beatrice alla finestra e detti.

Beatrice. Ecco il graziosissimo signor Lelio.

Arlecchino. Qua i ha resposo, sotto vu. Qua l’è averto, drento mi. Vu consoleve i occhi, mi me consolerò el naso, perchè nè vu, nè mi, non avemo un quattrin da consolar el nostro appetito. (entra nell'osteria)

Lelio. M’inchino al vostro bello.

Beatrice. Ed io al vostro brutto.

Lelio. Signora, abbiate pietà di me. [p. 490 modifica]

Beatrice. In verità, che vi compatisco.

Lelio. Sì? Mi compatite? Mi amate?

Beatrice. Vi compatisco, ma non vi amo.

Lelio. Se non mi amate, perchè mi compatite?

Beatrice. Vi compatisco, perchè siete un pazzo. (parte)

Lelio. Oh Dio! Che mortal colpo al mio cuore! Io pazzo? Io che nella delicatezza d’amare non cedo ai più teneri amoretti della reggia d’amore? Ma se costei mi sprezza, Eleonora sarà più grata, sarà più giusta, sarà del merito conoscitrice e pietosa. O di casa! (batte all'altra casa)

SCENA XI.
Eleonora alla finestra e detto.

Eleonora. Siete voi, signor Lelio?

Lelio. Sono io che sospiro.

Eleonora. Povero giovane! Sospirate voi per l’amore o per la fame?

Lelio. Sospiro per una fame amorosa.

Eleonora. E venite da me per saziarvi? Poverino! Qui non vi è carne per i vostri denti.

Lelio. Morirò disperato.

Eleonora. Povero mondo! Vi sarà un pazzo di meno.

Lelio. Cosi m’oltraggiate? Così mi disprezzate!

Eleonora. Oh signore, anzi per lei ho tutta la stima e la venerazione; e che sia la verità, prima d’andarmene le faccio un profondissimo inchino. (parte)

Lelio. E mi lascia, e mi fugge, e mi schernisce! Povero Lelio, sventurato Lelio, eccomi con due orribili disgrazie al fianco, senz’amante e senza denari. Muoio di fame, e non ho con che satollarmi. Ardo d’amore, e non trovo pietà. Che vita infelice è la mia! Ma viene una donna! Ah, che quella beltà m’incanta! [p. 491 modifica]

SCENA XII.
Checchina e detto.

Checchina. Son desperada, per mi no ghe xe più remedio. Beppo me lassa. Beppo me abbandona. Tutti me burlerà, tutti me strapazzerà, tutti me dirà la Bagiggi. E perderò el mio caro Beppo, el mio ben, le mie vissere, l’anema mia? Moro, no posso più.

Lelio. Che avete, o bellissima dea?

Checca. Oimè! Moro. (sviene in braccio di Lelio)

Lelio. Ora sto bene. Ella mi è in braccio svenuta; che ho da fare?

SCENA XIII.
Sgualda e Cate che ascoltano, e detti.

Lelio. Farò così, la condurrò in quell’albergo, sino ch’ella rinvenià. (la conduce nell’osteria)

Sgualda. Oe, cossa distu?

Guglielmo. Astu visto?

Sgualda. A drettura in brazzo.

Guglielmo. Oh, che cara modestina?

Sgualda. Ma no sastu? Sti colli storti i fa cussì.

Guglielmo. La gh’ha tutte le bone qualità.

Sgualda. E all’osteria, alla civil.

Guglielmo. Oh, che bella putta!

SCENA XIV.
Beppo e dette.

Beppo. Creature, aveu visto Checca?

Sgualda. Sior sì, l’ho vista.

Beppo. Poverazza! Dalla desperazion la va via co fa una matta. Dove l’aveu vista? Dove xela andada?

Guglielmo. Eh, la xe poco lontana. [p. 492 modifica]

Sgualda. Eh, no ve travaggiè no, che la sta ben.

Beppo. Per carità, diseme, dove xela?

Guglielmo. Oe, la xe là all’osteria.

Beppo. All’osteria? A cossa far?

Sgualda. A devertirse.

Beppo. Con chi xela?

Guglielmo. Con un paregin13 in perrucca.

Beppo. Ah siora Cate! vu me buriè.

Guglielmo. Oe, Sgualda, el dise che lo burlo.

Sgualda. Saveu chi ve burla? Quella desgraziada de Checca. La xe all’osteria con un foresto.

Beppo. Oimè! Cossa sentio?

Sgualda. E se no credè, andè drento e vedere.

Guglielmo. Oe, abbrazzai i giera. No ve digo altro. (m atto di partire)

Sgualda. Oe, el se l’ha portada drento. (in atto di partire)

Guglielmo. Qua in prubrico14, senza suggizion.

Sgualda. Oe, la gh’ha el foresto.

Guglielmo. Povero putto! Me fè pecca. (parte)

Sgualda. Altro che bagiggi! La xe roba da osteria. (parte)

Beppo. Gnancora noi posso creder. Ste pettegole no le merita fede. No, no sarà vero. Ma me voggio chiarir. Oe dall’osteria: gh’è nissun?

SCENA XV.
Cameriere e detto.

Cameriere. Cosa comanda?

Beppo. Diseme, caro vu, cognosseu Checchina fia de paron Toni?

Cameriere. La cognosso seguro, anzi l’è de su in t’una camera con un forastier.

Beppo. In t’una camera con un forastier! Cossa fali?

Cameriere. Mi no cerco i fatti dei altri. Servitor umilissimo, (parte)

Beppo. Ah povero Beppo, tradìo, sassinà. [p. 493 modifica]

SCENA XVI.
Arlecchino all’osteria e detto.

Arlecchino. O de ruffe, o de raffe, ho magnà qualcossa; e per ancuo stago ben.

Beppo. Sior Arlecchin, diseme, caro vu, za che vegnì da quell’osteria, aveu visto Checchina?

Arlecchino. Oh, se l’ho vista!

Beppo. Cossa fala all’osteria?

Arlecchino. L’è in t’una camera col me padron.

Beppo. Oh Dio! A cossa far?

Arlecchino. Qui potest capere, capiat15. (parte)

Beppo. Ma chi l’avesse mai dito, che una putta de quella sorte avesse da buttar cussi mal! Ma, oh Dio! Ho paura che l’abbia perso el cervello, e che per causa mia la sia deventada matta.

SCENA XVII.
Salamina, Musa, Toni, Pantalone e Beppo.

Pantalone. Oh, velo qua. Ve cerchemo per tutto.

Toni. Xe qua el pare de Checca, che xe contento che la spose, e ve voi abbrazzar.

Beppo. Che bel matrimonio che me vonessi far far!

Toni. Perchè?

Beppo. Parme sposar la fia de Bagiggi?

Toni. Chi v’ha dito sta bestialità?

Musa. Mi non avira fiola.

Pantalone. Falè, compare, falè.

Salamina. Signore, io sono il padre di Checchina, e sono un mercante onorato.

Beppo. Vu sè? Questo xe el pare da Checca? (a Toni)

Toni. Sì ben, questo. Un omo civil, che xe sta in gran fortune, e che ghe tornerà in poco tempo. [p. 494 modifica]

Beppo. Questo xe so pare? (a Pantalone)

Pantalone. Sior sì, el sior Ottavio Aretusi, omo de merito e de condizion.

Beppo. Ah, poveretto mi!

Pantalone. Cossa xe? Cossa xe sta?

Beppo. Vu sè pare de Checca? (a Pantalone)

Salamina. Si signore, io.

Beppo. Oh, poveretto vu! Oh, poveretto mi!

Salamina. Voi mi fate tremare.

Pantalone. Bisogna che ghe sia qualche gran novità.

Toni. Caro Beppo, no me tegnì più in pena, parie.

Beppo. Saveu dove che xe Checca?

Toni. Dove? No la xe a casa?

Beppo. La xe in queir osteria.

Toni. In osteria? A cossa far?

Beppo. La xe con un foresto.

Pantalone. Cossa diavolo diseu?

Beppo. Sì, con un foresto abbrazzada, la xe andada in quell’osteria.

Salamina. Ah, dunque sarà vero quel che di Checca mi hanno raccontato le buone femmine.

Pantalone. No pol esser, no pol star.

Toni. Me par impussibile.

Beppo. Son certo, son seguro, la ghe xe, la me tradisse, no la merita amor, vago via, e no spere de vèderme più. (parte)

Pantalone. Fermeve, sentì; oe, mi ghe vago drio, e vualtri andè all’osteria, e chiarive de sta verità. Oe, sior compare! Sì, el va che el svola. Sta volta a esser compare rischio de romperme qualche gamba. (parte correndo)

Salamina. Che dite, paron Toni?

Toni. Digo che se no vedo, no credo. Andemo all’osteria; andemo a veder.

Salamina. Io non ci voglio venire. Non voglio maggiormente affliggermi colla vista d’una figlia indegna. [p. 495 modifica]

SCENA XVIII.
Checchina dall’osteria, seguita da Lelio, e detti.

Lelio. Fermatevi. (a Checchina)

Checca. Via, sior, lassème star.

Salamina. Ecco la scellerata.

Toni. La xe col foresto.

Checca. Sior pare, aiuto.

Toni. Andè via de qua, mi no son vostro pare.

Checca. Agiuteme, che son assassinada.

Toni. Sassinada da chi?

Checca. M’ho trovà all’ostaria, e no so come.

Toni. No savè come? La diga ela, patron, come xelo sto negozio?

Lelio. Vi dirò, stavo qui passeggiando... così per prendere il fresco. Venne questa povera ragazza, la quale mostrava essere disperata. Con tutta gentilezza le ho chiesto che cosa aveva. Ella è svenuta, ed io per assisterla l’ho condotta nell’osteria. Ora che è rinvenuta, fugge da me, e invece di ringraziarmi, mi tratta come assassino.

Toni. Adesso intendo. Povera putta, la xe innocente.

Salamina. Eh, io non credo a gente sospetta. Questa esser potrebbe una favola.

SCENA XIX.
Beatrice, poi Eleonora e dette.

Beatrice. Signori, credete a quanto dice Checchina, poichè io dalla finestra ho veduto ogni cosa. L’ho veduta svenire, e l’ho veduta soccorrere da quel signore.

Eleonora. Sì certamente, signori miei, la cosa è così come la narra la signora Beatrice. Io dietro la finestra ho goduto due belle scene, una del signor Lelio e una di Checchina, e mi sono consolata, quando l’ho veduta soccorrere.

Toni. Sèntela, sior Ottavio? Sta putta xe innocente; sta putta xe una colomba.

Salamina. Ma perchè disperarsi? [p. 496 modifica]

Toni. Disè, fia mia, perchè aveu dà in sta desperazion?

Checca. Perchè Beppo me vuol lassar.

Toni. Per cossa ve vorlo lassar?

Checca. Per causa de mio pare.

Toni. Velo qua vostro pare.

Checca, Oh Dio! Quel dai bagiggi?

Musa. Mi no stara; mi no stara.

Salamina. No, cara figlia, vostro padre son io. Io sono Ottavio Aretusi, quello che a voi diede la vita, quello che ora teneramente vi stringe.

Checca. Oimè! Beppo, dov’estu Beppo? Anema mia, dov’estu? Oh Dio! Muoro dalla consolazion.

Toni. Adesso, adesso l’anderò a trovar mi.

Salamina. Via, rasserenatevi. Mi è noto il vostro amore, e son contento che vi sposiate col vostro caro.

Checca. Mo dove xelo sto Beppo? Mo dove xelo?

Salamina. La nascita nostra è assai civile; ma essendo io stato schiavo per tanti anni, ora sono in ristrette fortune. La mia consolazione è veder voi, mia unica figlia, e vedervi sposa di chi tanto amate.

Checca. Creature, cerchè Beppo, per carità.

Salamina. Beppo è di voi disgustato.

Checca. Mo per cossa?

Salamina. Perchè ha saputo essere voi nell’osteria con quel signor forestiere, e non sapeva il perchè.

Checca. Oh diavolo maledetto! Per causa vostra. (a Lelio)

Lelio. Io vi ho fatto del bene.

Checca. Sì ben, xe vero, el cielo ve ne renda merito.

SCENA XX.
Beppo, condotto da Pantalone, Toni e detti.

Pantalone. Velo qua, velo qua.

Toni. El vien, el vien.

Checca. Ah Beppo, anema mia! [p. 497 modifica]

Beppo. Oh Dio! No posso più.

Toni. Poverazzo! I l’veva messo su. I gh’aveva contà delle cosazze. Adesso el sa tutto, el se contenta, e el xe qua tutto vostro.

Checca. Xestu tutto mio?

Beppo. Si, tutto.

Checca. Oh caro!

Beppo. Oh benedetta!

Pantalone. Sior Ottavio, fè una cosa: lassè che i se sposa.

Salamina. Io non mi oppongo.

Toni. Sì ben, qua su do pie.

Pantalone. Anemo, da bravi.

Beppo. Oimè...

Checca. Via, ghe voi tanto? Deme la man.

Pantalone. Oh brava!

Beppo. Tiolè la man.

Checca. E el cuor?

Beppo. Anca el cuor.

Checca. Tutto?

Beppo. Tutto.

Tutti. Evviva i novizzi, evviva.

SCENA ULTIMA.
Sgualda, Cate e detti.

Sgualda. Coss’è sto strepito?

Guglielmo. Coss’è sta allegria?

Pantalone. No vedè? Checchina s’ha fatto novizza.

Sgualda. Abagiggi. (colla solita caricatura)

Guglielmo. Abagiggi.

Musa. Cosa volira da Abagiggia?

Sgualda. Varè el pare della novizza.

Guglielmo. Varè el missier de Beppo.

Pantalone. Siore no, siore pettegole. El pare de Checca, el missier de Beppo, el xe sto sior, un mercante de credito e de [p. 498 modifica]

Sgualda. Eh via!

Guglielmo. Diseu da senno?

Beppo. Sè pettegole, sè male lengue. Checca xe una putta civil, e una putta onesta.

Sgualda. In veritae, che gh’ho gusto.

Guglielmo. Siestu benedetta! Zermana, me raliegro.

Sgualda. La sarà andada all’osteria... cussi per divertimento.

Guglielmo. Sì ben, per sorar16 un tantin. No miga per mal; n’è vero, fia?

Beatrice. Poverina! Per causa vostra è svenuta e quasi morta.

Eleonora. Quel signore l’ha assistita per carità, e l’ha condotta nell’osteria per farla rinvenire.

Lelio. Sì, io, io il protettor delle donne.

Sgualda. Oh caro lustrissimo, l’ha fatto ben; gh’ho tanto a caro che mai più. La xe mia zermana, sala?

Guglielmo. Poveretta! Ti ghe n’ha passà la to parte. Vien qua, zermana; lassa che te daga un baso.

Checca. Andè via, siora, no gh’ho bisogno dei vostri basi.

Sgualda. Via, via, vien qua; femo pase.

Checca. Ande via; sè pettegole. No ve vôi praticar.

Sgualda. Coss’è, siora? Ghe montela?

Guglielmo. Varè che spuzza!

Sgualda. Semo pettegole.

Guglielmo. No la vol basi?

Toni. Voleu fenirla?

Pantalone. Seu gnancora stufe?

Guglielmo. Lustrissima siora novizza, tiolè sto canelao17.

Checca. Frasconazza!

Sgualda. Oh la veda, cara ela, la me la conta ben granda. Tolè sto parpagnacco18. (parte)

Checca. Malignazze! Debotto le me fa pianzer.

Beppo. No, vita mia, no pianzè. Sior missier, andemo in casa per carità. [p. 499 modifica]

Salamina. Sì, andiamo. Voi siete la mia unica figlia. Non sono miserabile. Risorgerà la mia casa, e tutto farò per voi.

Musa. E mi a to nozze donar abagiggia.

Checca. Eh, siora Abagiggi caro, m’ave fatto suspirar la mia parte.

Musa. Mi non avira colpa, te prego perdonara.

Beatrice. Compatite anche me, se innocentemente vi ho pregiudicato.

Eleonora. Ed io parimente vi chiedo scusa.

Lelio. Signore mie, senza pregiudicare al merito del loro sesso, che stimo e venero infinitamente, ora ho imparato un non so che di più circa alle donne, che mi obbliga a ritirarmi e a star lontano, per fuggire l’incontro dei loro graziosissimi pettegolezzi.

Beatrice. Il pazzo ci tocca sul vivo.

Eleonora. È venuta la sua, e si è voluto rifare.

Pantalone. Via, destrighemose, e andemo a casa.

Beppo. Oh quanti pettegolezzi!

Checca. Per causa de quelle pettegole son stada travaggiada, e squasi in stato de desperazion. Che le me staga lontan, no le voggio più per i piè. Sia ringrazià el cielo, adesso sarò contenta. Ho trova el pare, ho tornà a recuperar el novizzo, viverò quieta in pase; e la maniera de viver ben, xe praticar poco e star lontan dai Pettegolezzi; perchè da questi per el più nasse la rovina delle fameggie19.

Fine della Commedia.



Note

  1. Radici che sono intorno al cuore, metaf. [nota originale]
  2. Maniera di procedere. [nota originale]
  3. Il ciel volesse. [nota originale]
  4. Comparesimo. [nota originale]
  5. Mi fa compassione. [nota originale]
  6. Occulta. [nota originale]
  7. Oggi. [nota originale]
  8. Che importa! V. vol. I. 453 ecc.
  9. Matrimonio. [nota originale]
  10. Bett., in nota: Ministro di giustizia.
  11. Di garbo. [nota originale]
  12. Spasima per voglia. [nota originale]
  13. Parigino, bellimbusto: v. Boerio.
  14. Pubblico. [nota originale]
  15. L’ed. Zatta sostituisce con dei puntolini queste parole.
  16. Sollevarsi. [nota originale]
  17. Maniera di scherno, che si fa crollando la mano, e facendo batter l’indice ed il medio fra di loro. [nota originale]
  18. Maniera ingiuriosa, che si fa appoggiando le punte delle dita sopra il rovescio dell’altra mano, facendovi poscia battere il polso. [nota originale]
  19. Segue nell’ed. Bettinelll questo SONETTO.

    Donne che colla grazia e con i vezzi
         Avè l’arte e el poder d’innamorar,
         No ve stè fra vualtre a ruvinar
         Colla superbia o coi pettegolezzi.
    E vualtri patroni, che sè avezzi
         Sulle povere donne a criticar.
         Che andè per le botteghe a mormorar.
         Che gh’ave troppa lengua e pochi bezzi;
    Avvertì che l’onor xe un panno fin,
         Presto presto la giozza se dilata.
         Se se ghe spande suso o l ’oggio, o el vin.
    Un panno de natura delicata
         Per farloo scolorir, basta un tantin,
         E se stenta a nettar quando el i imbratta.

[p. 500 modifica]