Il diavolo/Indice

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Indice

../Capitolo 15 IncludiIntestazione 23 aprile 2016 75% Da definire

Capitolo 15
[p. 457 modifica]

INDICE.


Dedica ||
 Pag. v


Capitolo I.

Origine e formazione del diavolo.

La leggenda e la storia. ― Il principio del male. ― Religioni primitive. ― Spiriti buoni e spiriti malvagi. ― Il dualismo. ― Divinità malefiche degli egizii, dei fenici, degl’indiani, dei greci, dei romani. ― Il mazdeismo; Ormuz ed Arimane. ― Satana nel giudaismo. Satana nel cristianesimo. ― Satana e i Barbari. ― La figura di Satana giunge a perfezione nel medio evo. ||
 1


Capitolo II.

Capitolo II. La persona del diavolo.

[p. 458 modifica]
Corpo dei demonii e sue qualità. ― Fisiologia diabolica. ― Figura dei demonii. ― Bruttezza spaventosa. ― Diavoli belli. ― Varie forme assunte dai diavoli. ― Zoologia diabolica. ― Diavoli che si appropriano corpi morti ― Aspetto pernicioso dei diavoli. ― Peccati diabolici. ||
 37


Capitolo III.

Numero, sedi, qualità, ordini, gerarchia, scienza
e potenza dei diavoli.

Diecimila bilioni di diavoli. ― Diavoli nell’aria, diavoli nell’inferno. ― Ordinamenti sociali e divisione del lavoro. ― Monarchia infernale. ― Intelligenza diabolica. ― Ciò che sanno i diavoli. ― Ciò che possono i diavoli. ||
 69


Capitolo IV.

Il diavolo tentatore.

Ragioni, condizioni, modi, tempi e luoghi della tentazione. ― La tentazione semplice. ― La tentazione composta e sceneggiata: sant’Ilarione. ― La tentazione amorosa. ― Confessione di san Gerolamo. ― Caso doloroso di un santo monaco, che cessò d’esser santo. ― Avvedimento di san Benedetto. ― Altre tentazioni e trappole. ― Credulità del monaco Erone. ― Dabbenaggine di un povero giovine che andò in pellegrinaggio a San Giacomo di Gallizia. ― Accortezza di san Martino. ― Storia terribile di un eremita, di un gallo e di una gallina. ― Tentazioni laboriose e lunghe. ― Il diavolo frate e abate. ― Tentazioni indirette e tortuose. ― Concilio diabolico. ― Rimedio contro le tentazioni. ||
 101
[p. 459 modifica]


Capitolo V.

Burle, truffe, soprusi, angherie e violenze del diavolo.

Un nuovo Mosè. ― Piccole noje date a grandi santi. ― La ossessione; suoi gradi e forme. ― Tribolazioni di san Romualdo, di sant’Egidio, di santa Gertrude da Oost, di santa Francesca Romana, della beata Cristina da Stommeln, e di altri santi e sante di molta reputazione. ― Il soccorso di Pisa. ― Angosce e terrori dei moribondi. ― L’Arte di morire. ― La possessione; come si producesse. ― Quattrocentomila diavoli in un corpo solo. ― Sintomi, caratteri, effetti della possessione. ||
 133


Capitolo VI.

L’infestazione diabolica.

Il prete Pannichio. ― Vita tribolatissima e sante dottrine dell’abate Ricalmo. ― Acquazzone di diavoli. ― La natura indemoniata. ― I diavoli nei conventi. ― I diavoli in chiesa. ― Ubique daemon. ― Il lago di Norcia. ||
 163


[p. 460 modifica]

Capitolo VII.

Amori e figli del diavolo.

Come generano i diavoli? ― Caso quasi incredibile di una donna che concepì e partorì parecchi anni dopo la sua morte. ― Gl’incubi. ― I succubi. ― Venere demonio.― Il prete di Bonna. ― Figliuoli del diavolo. ― Gli unni, Caino, Attila, Teodorico ― Il mago e profeta ― Merlino. ― Roberto il Diavolo ― Ezzelino da Romano. ― Lutero. ― L’Anticristo. ― I figliuoli di Goffredo Plantagenet e di Baldoino conte di Fiandra. ― Figliuoli adottivi e avventizii del diavolo. ― Il diavolo e l’esattore. ||
 185


Capitolo VIII.

I patti col diavolo.

Perchè e come si tacessero. ― Scritture vergate col sangue. ― Storia di un servo innamorato. ― Storia del ricco Antemio. ― Storia del buon ― Teofilo. ― Storia del dotto Gerberto, che fu papa con l’ajuto del diavolo. Altri papi che si vendettero al diavolo. ― Perchè Cecco d’Ascoli non abbia potuto scampare dal rogo. Come sia mal fatto fidarsi atte parole del diavolo. Esempio notabile narrato da san Pier Damiano. ― La bellissima e terribile storia di Fausto. ― Probità dello scellerato Twardowsky ||
 221


[p. 461 modifica]

Capitolo IX.

La magia.

Di quante maniere fosse. ― Ragioni di essa. ― Scuole in cui s’insegnava. ― La evocazione del diavolo; suoi pericoli. ― Esempii di un prete anonimo e di uno scolare di Toledo. ― Caso narrato da san Gregorio Magno. ― L’ultimo dei Carraresi. ― Il libro magico. ― Diavoli prigionieri. ― Maghi maggiori e minori. ― dei maghi. ― Il banchetto magico. ― Michele Scotto e il cavaliere Ulfo. ― Il mago Zito; il rabbino Lòw. ― Filosofi, poeti e papi stregoni, ― I maghi dabbene: Ruggero Bacone. ― Le streghe. ― I congressi delle streghe. ― I processi per istregoneria. ||
 247


Capitolo X.

L’inferno.

Dove fosse. ― Le porte dell’inferno. Ampiezza, struttura, topografia dell’inferno. ― La città infernale. ― Il ponte del cimento. ― Meteorologia, flora e fauna del doloroso regno. ― Affluenza incessante di anime dannate. ― I diavoli rapitori. ― Ultima avvertenza di Teodorico re dei Goti. ― Orrenda fine del conte di Matiscona. ― Qui pro quo diabolico. ― Anime senza recapito. ― Visitatori ed esploratori dell’inferno. ||
 285


[p. 462 modifica]

Capitolo XI.

Ancora l’inferno.

Il libro dei peccati. ― Punizioni anticipate. ― Violenza e qualità delle pene infernali. ― Esperimento di santa Teresa. ― Lo scolare parigino. ― Natura del fuoco infernale. ― Uno dei molti gaudii dei beati. ― Ciò che si vedeva in inferno. ― Relazion di viaggio del monaco Wettin; del giovane Alberico; del cavaliere Tundalo. ― Abbominazione della desolazione. ― il cielo di ferro arroventato. ― Il monte spaventoso. ― Il ponte di mille passi. ― La bestia voraginosa. ― Lo stagno procelloso. ― Il terribil forno. ― La bestia che divora e digerisce. ― Le anime che ingravidano. -I fabbri diabolici. ― L’ultimo fondo d’abisso. ― Il re delle tenebre. ― Cucina e banchetti infernali. Pene dei diavoli. ― Il purgatorio. ― Dannati fuor dell’inferno. ― Le anime dannate a processione. ― Storie orribili. ― Eternità e mitigazione delle pene infernali. ― La vision di san Paolo. ― Gli uccelli neri di Pozzuoli. ― Lasciate ogni speranza, o voi ch’entrate. ||
 307


Capitolo XII.

Le disfatte del diavolo.

Gli avversarii del diavolo. ― Armi varie. ― L’inno della campana. ― Bravura dei santi. ― Sante correzioni date da essi al nemico. ― Il nemico legato. ― Il nemico bastonato. ― Il nemico imprigionato. ― Burle e sfregi varii: il gloriosissimo san Chiuppillo. ― Storia edificante di santa Giuliana. ― Storia non meno edificante di santa Gertrude. ― Il pugilato col diavolo. ― Guerra contro i diavoli invasori. ― Come si liberasse certo chierico indemoniato. ― Esorcismi ed esorcisti. ||
 339


[p. 463 modifica]

Capitolo XIII.

Seguitano le disfatte del diavolo.

Santi che scendono di cielo. ― Storia di un vescovo molto devoto di sant’Andrea. ― Angeli e diavoli. ― La Vergine trionfatrice. ― Storia del cavaliere impoverito. ― Contrasti di più maniere. ― Esempio del mal cavaliere del re Coenredo. ― Il libriccino delle buone opere. ― Anime strappate di mano ai diavoli. ― Re Dagoberto. ― Carlo Magno imperatore. ― Enrico III. ― Il contrasto nella forma più semplice. ― Zuffa tra celesti e infernali. ― Fra due litiganti il terzo spasima. ― Battaglia campale. ― Satana e la Vergine. ― Dialettica satanica. ― Il diritto di Satana. ― Il processo celeste. ― Storia di san Cristoforo. ||
 363


Capitolo XIV.

Il diavolo ridicolo e il diavolo dabbene.

Diavolo popolare. ― Bruttezza ridicola. ― Diavolo mattacchione. ― Diavolo rimminchionito. ― Inganni e frodi che gli si fanno. ― I diavoli nei Misteri. ― La magia derisa. ― Profumato racconto di Benvenuto Cellini. ― Gli angeli neutrali. ― Il diavolo servizievole. ― Riconoscenza diabolica. ― II servitore del conte Eleno. ― Altri esempii. ― Il diavolo credente. ― Il diavolo galantuomo. ― Astarotte e Farfarello. ― La conversione del diavolo. ― La confessione del diavolo. ― Il diavolo impenitente. ||
 395


Capitolo XV.

La fine del diavolo.

Il diavolo muore, il diavolo è morto. ― Cagioni e sintomi. ― Affinarsi del sentimento religioso. ― Affinarsi della morale. ― La scienza. ― Satana simbolo. ― L’opera di Cristo è compiuta. ||
 431