L'Asino e il Caronte/L'Asino/Scena IX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Scena IX.

../Scena VIII ../../Il Caronte/Scena I IncludiIntestazione 28 settembre 2016 75% Da definire

L'Asino - Scena VIII Il Caronte - Scena I
[p. 76 modifica]

IX.


Pontanus, Caselio, Pardus.


Pont. — Video ne ego heroes meos?... Illi ipsi sunt! Dies hic profecto mihi futurus est oppido quam iucundus. Valeat omnino res asinaria! (a parte): Heus tu, Caselio, de Fermentilla nulla sit cum heroibus nostris omnino mentio. Atque ut illa secum magis ac magis gaudeat, asinum tam belle cultum, cuteque tam nitida, dono ad eam ducito! quo satis illam scio et ruris et suburbiorum puellas superaturam... specie comptu stratu, dum ad nuptias vocata, dum Puteolanas it ad balneas, etiam blandientibus crepitaculis.

Cas. — Here, mihi crede: hoc asello tibi ab illa [p. 77 modifica] [p. 78 modifica]et meridies hermaphroditinas comparabis, et noctes.

Pont. — Amabo, quid nobis cum Hermaphrodito?

Cas. — Quod illa sic tecum amplexa innexa implicita accumbet incumbetque in lecto, itaque inhaerescet hederescetque tecum una, hermaphroditum simul ut agatis. Ego tum vobis inspergam et rosam et myrtum, et quos illa e citrio deliquavit rores. Verum approperant iam philosophi; ego ad eos praecurro.

(Facendosi loro incontro) Exspectati advenitis, viri boni! et herus de adventu quidem sollicitus erat vestro, quod diebus compluribus ad eum non venissetis... Scilicet domestica vos negotia impedierunt... Ipse vero de brassiculis diebus his sollicitus fuit admodum, quod eruculis averuncandis non medicamenta, non Catonianum illud Carmen quicquam profuerit: omnia exederunt holera bestiolae tam importunae!

Par. — Senex ergo noster etiam in hortis non caret molestia?

Cas. — Adite ad illum; liberabitis eum alia etiam molestia. Diem hunc pene dimidiatura transegit in volutando coelo, quod in manibus adhuc etiam versat. Cui, mea quidem sententia, cerebrum identidem volutatur; et ni ego accurrissem amiculo iniecto, dum coelum suspectat, et alvearia non videt, in ea illatus, apiculae illum confecissent. Mihi credite: senes tandem omnes, quique praesertim habiti sunt sapientiores, delirio corripiuntur. Senex autem hic noster non uno delirat modo. Sed non est nunc plura dicendi locus... Dicam apertius alias. Amore etiam insanit, ac nutrire sibi capillum coepit, qui tonso semper capite in hunc usque diem, atque in publicum processerit.

Par. — Faselio mi, dic obsecro: de asino quid est actum? [p. 79 modifica] [p. 80 modifica]

Cas. — Perbene, quod non senem ipsum confecit iam calcibus, adeo nihil defuit ad lumbifragium! Quem dono mihi post id dedit; suboluit enim illi uxorculam mihi esse ducendam: nihil enim est eo salacius, ac nescio quo modo in maritas foemellas magis accenditur.

Par. — Parcius, oro, Faselio!... quippe qui solitus sis illi subblandiri, et de amore laboranti ferre suppetias. Sed venit iam ad nos senex: conferamus gradum, et hilares hilarem salutemus!


X.


Pardus, Syncerus, Altilius, Chariteus, Pontanus.


Par. — Et bene et feliciter cum familiaribus his tuis agitur, dum te valentem conspicimus, dum quae ruris sunt, ea te summo studio, singulari diligentia curantem intuemur. Quodque quatriduum hoc in secessu, procul ab negotiis, vacuus etiam urbanis curis requieveris, novum te excudisse aliquid pro tua consuetudine arbitramur. Quocirca tanto etiam iucundius magisque e sententia nobiscum agitur, eoque et valentem salvere te hilari maxime animo iubemus, et perscrutationibus gratulamur, quando otium tibi nullum absque mentis negotio fuisse tibi unquam, abunde cognitum est, et perspectum nobis est.

Pont. — Ego vero amicissimos homines, ac Musarum nostrarum alumnos, ea voluptate his in hortis accipio amplectorque, qua coelestes res diebus his, in hac ipsa solitudine vel magis secessu, sum contemplatus. Siquidem contemplationis ipsius communicatio cum studiosis rerum earundem viris, is profecto fructus est etiam suavissimus.


Finis.

[p. 81 modifica]

[p. 76 modifica] [p. 77 modifica]

Scena IX.


Il contadino e i filosofi; infine il Pontano.


Fas. — Voi arrivate proprio a tempo, galantuomini!... E il mio buon padrone vi aspettava... Anzi era ansioso di saper qualcosa di voi, che da parecchi giorni non v’eravate lasciati vedere... Ma certo v’han trattenuto gli affari domestici... Il mio padrone invece è stato molto in pensiero, in questi giorni, anche pei cavoli... perchè a toglier loro la ruggine e i bruchi non aveva servito nessun rimedio, [p. 78 modifica] [p. 79 modifica]neppure il magico scongiuro di Catone... Se l’han mangiati tutti, quei maledetti bruchi!...

Par. — E così... anche in villa non gli mancan molestie, al nostro Vecchio!

Fas. — Andate da lui... Ce n’è un altro fastidio da cui potrete liberarlo... Figuratevi che ha passato metà del giorno a farsi girare per le mani il cielo.

Par. — Il mappamondo, vuoi dire; le sfere celesti!

Fas. — Quel che volete; ma a me mi sembra che gli stia per dar di volta anche il cervello... perchè mentre passeggiava tutto assorto, studiando il suo cielo, non vide che andava dritto dritto sugli alveari... E se non fossi accorso io a salvarlo gettandogli intorno una coperta, le pecchie l’avrebbero mezzo morto. Credete a me; i vecchi tutti quanti, e specialmente quelli che son creduti più saggi, hanno tutti un po’ del matto... E il nostro vecchio non ne ha solo un po’... e non una sola pazzia!... Ma non sta a me parlare... e non ora... Dirò più chiaro un’altra volta... Intanto lo sapete che ora sta impazzendo d’amore?... e che, mentre ha sempre portato i capelli corti, ora ha cominciato a farseli crescere?... ed è uscito così in pubblico?...

Par. — Dimmi, Faselio: che n’è stato dell’asino?

Fas. — C’è mancato poco che lo finisse con una scarica di calci... un vero lumbifragio!... E allora l’asino l’ha regalato a me... perchè — sia detto in confidenza — ha subodorato che io sto per prender moglie fresca fresca; e lui, ch’è tanto salace!... non so come, s’accende subito... a sentir parlare di femmine maritate!

Par. — Chi non ti conoscesse!... Come se non si sapesse che tu sei solito fargli piacere e aiutarlo in questi suoi tormenti d’amore!... Oh ma ecco che il Vecchio viene a noi lieto in volto. Affrettiamo il passo e salutiamolo lieti in volto anche noi.







[p. 80 modifica] [p. 81 modifica]

Pont.1 Oh non vedo io finalmente i miei eroi?... Son proprio essi! Sia ringraziato il cielo! È davvero un giorno fortunato, questo!

Par. — Siamo veramente lieti di vederti in buona salute!... e di saper qui, da quei di famiglia, che tutto va bene, e che ti occupi con la solita diligenza anche delle cose di campagna. E pensiamo, che in questi quattro giorni, in cui ti sei venuto a riposare qui in villa, lontano dagli affari e dalle cure della città, tu avrai, secondo il tuo solito, trovata qualche nuova invenzione. E perciò tanto più siamo lieti di salutarti e di mostrarti la nostra gioia, e di congratularci pei tuoi ritrovati... perchè sappiamo che la tua mente non sta mai in ozio... E il buon Faselio, qui, ci diceva che tu t’eri sprofondato nella meditazione delle cose celesti e delle sue sfere...

Pont. — Sì, sì: e potete perciò immaginarvi con qual piacere io vi accolgo e vi abbraccio in questa mia villa, voi che siete gli amici miei più cari e gli alunni delle nostre Muse, con quello stesso piacere con cui, tutti questi giorni, chiuso in questa specie di romitaggio e solo solo, ho meditato con qualche frutto le cose celesti. E tanto più grande sarà quindi il mio godimento, nel comunicare i risultati di questa mia contemplazione con voi, che siete appassionati studiosi degli stessi argomenti. Ne sia grazia al Cielo!


Fine.


Note

  1. Crediamo meglio collocato qui questo saluto (Video ne heroes) che nel testo trovasi un po’ prima (pag. 76).