La pace (Bacchilide)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Bacchilide Antichità L 1886 Achille Giulio Danesi Indice:Poesie greche.djvu Poesie letteratura La pace Intestazione 14 marzo 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 30 modifica]

La Pace ai mortali ricchezze suol dare
     E fiori di carmi di lingue mellite;
     Si bruciano a’ Numi sovresso dell’are
     Di pecore e buoi le cosce gradite,
     Che il biondo divora del fuoco fervor.
     E flauti e palestre sudate e banchetti
     De’ giovani sono in pace i diletti,
     Che loro sol scendono soavi nel cor.

[p. 31 modifica]

Sui scudi di ferro recinti la tela
     Il ragno distende: la ruggine nera
     Le lance appuntate, le spade già vela
     Aventi a due tagli la lama guerriera,
     Le trombe di rame non s’odon squillar.
     Non più del mio core conforto beato
     Il sonno soave mi viene troncato,
     Banchettasi, e s’odon fanciulli lodar1.


Note

  1. Letteralmente: fervono canti di fanciulli, in lode di leggiadri fanciulli, ossia canti d’amore.