Lo cunto de li cunti/Lo Cunto de li Cunti/Jornata primma/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tr. X, La vecchia scortecata

../IX ../La Coppella IncludiIntestazione 5 gennaio 2016 100% Da definire

Lo Cunto de li Cunti - IX Lo Cunto de li Cunti - La Coppella

[p. 122 modifica]


LA VECCHIA SCORTECATA




Trattenemiento decemo de la Jornata primma.


Lo re de Roccaforte se nnammora de la voce de na vecchia. E, gabbato da no dito rezocato1 la fa dormire cod isso. Ma, addonatose de le rechieppe2, la fa iettare pe na fenestra. E, restanno appesa a n’arvolo, è fatata da sette fate, e, deventata na bellissema giovane, lo re se la piglia pe mogliere. Ma l’autra sore, nmediosa de la fortuna soja, pe farese bella, se fa scortecare, e more.


No nce fu perzona a chi n’avesse piaciuto lo cunto de Ciommetella, ed appero no gusto a doi sole, vedenno liberato Canneloro e casticato l’uerco, che faceva tanto streverio de li povere cacciature. E, ntimato l’ordene a Iacova, che sejellasse co l’arme soje sta lettera de trattenemiento, essa cossì trascorze.

Lo marditto vizio, ncrastato co nui autre femmene, de parere belle, nce reduce a termene tale, che, pe nnaurare la cornice de la fronte, guastano lo quatro de la faccie; pe janchejare le pellecchie de la carne, roinano l’ossa de li diente; e, pe dare luce a li membre, copreno d’ombre la vista, che, nanze l’ora de dare tributo a lo tiempo, l’apparecchiano scazzimme3 all’uocchie, crespe a la facce e defietto a le mole. Ma, se merita biasemo na giovanella, che, troppo vana, se dace a sse vacantarie 4, [p. 123 modifica]quanto è chiù degna de castico na vecchia, che, volenno competere co le figliole, se causa l’allucco de la gente, la ruina de se stessa; comme so pe contareve, se me darrite no tantillo d’aurecchie.

S’erano raccorete5 drinto a no giardino, dove avea l’affacciata lo re de Roccaforte, doi vecchiarelle, ch’erano lo reassunto de le desgrazie, lo protacuollo de li scurce6, lo libro maggiore de la bruttezza. Le quale avevano le zervole scigliate e ngrifate7, la fronte ncrespata e vrognolosa, le ciglia storcigliate e restolose8, le parpetole chiantute9 ed a pennericolo, l’uocchie guize e scarcagnate, la faccie gialloteca ed arrappata10, la vocca squacquarata11 e storcellata, e, nsomma, la varva12 d’annecchia, lo pietto peluso, le spalle co la contrapanzetta13, le braccia arronchiate, le gamme sciancate e scioffate14, e li piede a crocco15. Pe la quale cosa, azzò no le vedesse manco lo sole, co chella brutta caira, se ne stevano ncaforchiate drinto no vascio16 sotto le fenestre de chillo segnore. Lo quale era arredutto a termene, che non poteva fare no pideto senza dare a lo naso de ste brutte gliannole 17, che d’ogne poco cosa mbrosoliavano e le pigliava lo totano18; mo decenno ca no gesommino, cascato da coppa, l’aveva mbrognolato lo caruso, mo ca na lettera stracciata l’aveva ntontolato na spalla, mo ca no poco de porvere l'aveva ammatontato19 na coscia. Tanto che, sentenno sto scassone de dellecatezza, lo re facette argomiento, che, sotto ad isso, fosse la quintascienza de le cose cenede, lo primmo taglio de le carnumme mellese e l’accoppatura20 de le tennerumme. Pe la qualemente [p. 124 modifica]cosa, le venne golio dall’ossa pezzelle e voglia da le catamelle21 de l’ossa de vedere sto spanto e chiarirese de sto fatto. E commenzaje a jettare sospire da coppa a bascio, a rascare22 senza catarro, e, finalemente, a parlare chiù spedito e fora de diente, decenno: «Dove, dove te nascunne, giojello, sfuorgio, isce bello de lo munno? Jesce jesce, sole, scaglienta, mparatore23! Scuopre sse belle grazie, mostra sse locernelle de la poteca d’ammore, caccia ssa catarozzola, banco accorzato24 de li contante de la bellezza!, non essere accossì scarzogna de la vista toja!, apre le porte a povero farcone25!, famme la nferta, si me la vuoi fare26!, lassame vedere lo stromiento, da dove esce ssa bella voce!, fa che vea la campana, da la quale se forma lo ntinno27!, famme pigliare na vista de ss’auciello!, non consentire, che, pecora de Ponto28, me pasca de nascienzo29, co negareme lo mirare e contemprare ssa bellezzetudene cosa!» Cheste ed autre parole deceva lo re; ma poteva sonare a grolia, ca le vecchie avevano ntompagnato l’aurecchie; la quale cosa refonneva legne a lo fuoco. E lo re, che se senteva, [p. 125 modifica]comm’a fierro, scaudare ala fornace de lo desederio, tenere da le tenaglie de lo penziero e martellare da lo maglio de lo tormiento amoruso, pe fare na chiave, che potesse aperire la cascettella de le gioje, che lo facevano morire sperato; ma non pe chesto se dette a reto ma secotaje a mannare suppreche, ed a renforzare assaute, senza pigliare mai abiento30. Tanto che le vecchie, che s’erano poste ntuono e ngarzapellute de l’afferte e mprommesse de lo re, pigliattero consiglio de non se lassare perdere sta accasione de ncappare st’auciello, che, da se stisso, se veneva a schiaffare drinto a no codavattolo. Accossì, quanno no juorno lo re faceva da coppa la fenestra lo sparpetuo, le dissero da la serratura de la porta co na vocella ncupo: ca lo chiù gran favore, che le potevano fare fra otto juorne, sarria stato lo mostrarele schitto no dito de la mano. Lo re, che comme sordato pratteco, sapeva, ca a parmo se guadagnano le fortezze, non recosaje sto partito, speranno a dito a dito de guadagnare sta chiazza forte, che teneva assediata; sapenno ancora essere mutto antico: «piglia ed addemanna». Perzò, azzettato sto termene perentorio de l’ottavo juorno, pe vedere l’ottavo miracolo de lo munno, le vecchie, fra tanto, non fecero autro sarzizio, che, comm’a speziale, che ha devacato lo sceruppo, zucarese le deta, co proposeto, che, junto lo termene dato, chi de loro avesse lo dito chiù liscio, ne facesse mostra a lo re. Lo quale, fra chisto miezo, steva a la corda, aspettanno l’ora appontata pe spontare sto desederio: contava li juorne, nomerava le notte, pesava l’ore, mesorava li momente, notava li punte, e scanagliava31 l’atome, che l’erano date pe staglio a l’aspettativa de lo bene desederato; mo preganno lo sole, che facesse quarche scortatora pe li campe celeste, azzò, avanzanno cammino, arrivasse [p. 126 modifica]primmo de l’ora osata a sciogliere lo carro nfocato, ed abbeverare li cavalle stracque de tanto viaggio. Mo sconciurava la notte, che, sparafonnanno le tenebre, potesse vedere la luce, che, non vista ancora, lo faceva stare drinto la carcarella de le shiamme d’ammore; mo se la pigliava co lo tiempo, che, pe farele despietto, s’aveva puosto le stanfelle32 e le scarpe de chiummo, azzò non jognesse priesto l’ora de liquidare lo stromiento a la cosa amata, pe sodesfarese de l’obrecanza stipulata fra loro. Ma, comme voze lo sole lione, jonze lo tiempo, e, juto de perzona a lo giardino, tozzolaje la porta, decenno: «Vienela, vienela33!» Dove una de le vecchie, la chiù carreca d’anne, visto a la preta de lo paragone ca lo dito sujo era de meglio carata de chillo de la sore, mpezzannolo pe lo pertuso de la serratura, lo mostraje a lo re. Lo quale non fu dito, ma spruoccolo appontuto, che le smafaraje lo core;non fu spruoccolo, ma saglioccola che le ntonaje lo caruso! Ma, che dico spruoccolo e saglioccola? Fu zurfariello34 allommato pe l’esca de le voglie soje, fu miccio infocato pe la monezione de li desiderie suoje. Ma, che dico spruoccolo, sagliocca, zorfariello e miccio? Fu spina sotto la coda de li pensiere suoje, anze cura de fico jejetelle35, che le cacciàje fora lo frato de l’affetto amoruso, co no sfonnerio de sospire! E, tenenno mano36 e vasanno chillo dito, che, de raspa37 de chianellaro38, era deventato mbrunetura de nauratore39, commenzaje a dicere: «O arcuccio de le docezze, o repertorio de le gioje, o registro do li privelegie d’ammore!, pe la quale cosa so deventato funnaco d’affanno, magazzeno d’angosce, doana de tormiento!, è possibele, [p. 127 modifica]che vuoglie mostrarete cossì ncotenuta e tosta, che non t’aggie da movere a li lamiente mieje? Deh, core mio bello, s’hai mostrato pe lo pertuso la coda, stienne mo sso musso, e facimmo na jelatina de contiente40!, s’hai «mostrato lo cannolicchio41, o maro de bellezza, mostrame ancora le carnumme, scuopreme ss’uocchie de farcone pellegrino, e lassale pascere de sto core! Chi sequestra lo tresoro de sta bella facce drinto no cacaturo?, chi fa fare la quarantana a ssa bella mercanzia drinto a no cafuorchio?, chi tene presone la potenzia d’ammore drinto a sso mantrullo42? Levate da sso fuosso; scapola da ssa stalla; jesce da sso pertuso; sauta, maruzza, e dà la mano a Cola43, e spienneme pe quanto vaglio! Sai puro, ca songo re, e non so quarche cetrullo, e pozzo fare e sfare. Ma chillo cecato fauzo, figlio de no sciancato e na squaltrina44, lo quale ha libera autoretate sopra li scettre, vole che io te sia suggeco45, e che te cerca pe grazia chello, che porria scervecchiarene pe proprio arbitrio; e saccio ancora, comme disse chillo, ca co li carizze, non co le sbraviate, se ndorca46 Venere!» La vecchia, che sapeva dove lo diascace teneva la coda, vorpa mastra, gattone viecchio, trincata, arciva47 ed ecciacorvessa48, pensanno ca quanno lo soperiore prega, tanno commanna, e che la zerronaria49 de no vassallo move l’omure colereche nolo cuorpo de lo patrone, che po sbottano a besentierie de ruine, se fece a correjere; e, co na vocella de gatta scortecata, disse: «Signore mio, posca ve ncrinate de [p. 128 modifica]sottomettere a chi ve stace sotta, degnannove de scennere da lo scettro a la conocchia, da la sala rejale a na stalla, da li sfuorge a le pettole, da la grannezza a le miserie, da l’astraco50 a la cantina, e da lo cavallo all’aseno, non pozzo, non devo, nè voglio leprecare a la volontate de no re cossì granne; perzò, mentre volite fare sta lega de prencepe e de vajassa, sta ntrezziatura d’avolio e de ligno de chiuppo, sto ncrasto de diamante e de vritille, eccome pronta e parata a le voglie vostre, sopprecannove schitto na grazia pe primmo signo dell’affrezzione, che me portate: ch’io sia recevuta a lo lietto vuostro de notte e senza cannela, perchè non me sopporta lo core d’essere vista nuda!» Lo re, tutto pampanianno de priejo, le juraje co na mano ncoppa all’autra, ca l’avarria fatto de bona voglia. Cossì, tirato no vaso de zuccaro a na vocca d’asa feteda, se partette, nè vedde l’ora che lo sole, nsoperato d’arare li campe de lo cielo, azzò51 fossero semmenate de stelle, pe semmenare lo campo dove aveva fatto designo de raccogliere le gioje a commola e li contiente a cantaro. Ma, venuta la notte, che, vedennose atuorno tante pescature de poteche e ferrajuole52, aveva comm’a seccia53 jettato lo nigro, la vecchia, tiratose tutte le rechieppe de la perzona e fattone no rechippo dereto le spalle, legato stritto co no capo de spao, se ne venne a la scura, portata pe mano da no cammariero, drinto la camraara de lo re. Dove, levatose le zandraglie54, se schiaffaje drinto a lo lietto. Lo re, che steva co lo miccio a la serpentina, commo la ntese venire, e corcare, mbroscinatose tutto de musco e zibetto, e sbazzariatose tutto d’acqua d’adore, se lanzaje, comm’a cane [p. 129 modifica]corso, drinto a lo lietto. E fu ventura de la vecchia che portasse lo re tanto sproffummo, azzò non se sentesse lo shiauro de la vocca soja, l’afeto de le tetelleche55 e la mofeta de chella brutta cosa. Ma, non fu così priesto corcato, che, venuto a li taste, s’accorze a lo parpezzare de lo chiajeto dereto, adonannose de le cajonze secche, e de le vessiche mosce, ch’erano dereto la poteca de la negra vecchia. E, restanno tutto de no piezzo, non voze, pe tanno, dicere niente, pe se sacredere meglio de lo fatto. E, sforzanno la cosa, dette funno a no Mantracchio56, mentre se credeva stare a la costa de Posileco57, e navecaje co na permonara58, penzannose de ire ncurzo co na galera shiorentina59. Ma, non cossì priesto venne a la vecchia lo primo suonno, che lo re, cacciato da no scrittorio d’ebano e d’argiento na vorza de cammuscio co no focile drinto, allommaje na locernella. E, fatto perquisizione drinto a le lenzola, trovato n’Arpia pe Ninfa, na Furia pe na Grazia, na Gorgona pe na Cocetrigna, venne ntanta furia, che voze tagliare la gomena, ch’aveva dato capo a sta nave. E, sbruffanno de zirria, chiammaje tutte le serveture, che, sentenno gridare ad arme, fatto na ncammisata60, vennero ncoppa. A li quale, sbattenno comm’a purpo, disse lo re: «Vedite bell’abbuffa-cornacchia61 m’ha [p. 130 modifica]fatto sta vava de parasacco62, che, credennome de norcare na vitelluccia lattante, m’aggio trovato na seconna63 de vufara64; pensannome d’avere ncappatona penta palomma, m’aggio ashiato mano sta coccovaja65; magenannome d’avere no morzillo de re, me trovo tra le granfe sta schifienzia, mazzeca-e-sputa. Ma chesto e peo nce vole a chi accatta la gatta drinto a lo sacco! Ma essa m’ha fatto sto corrivo66, ed essa ne cacarrà la penetenzia. Perzò, pigliatela priesto comme se trova, e sbalanzatela pe ssa fenestra!» La quale cosa sentenno la vecchia, se commenzaje a defennere a cauce ed a muorze, decenno, che s’appellava da sta settenzia, mentre isso stisso l’aveva tirata co no stravolo a venire a lo lietto sujo, otra che portarria ciento dotture a defesa soja, e sopra tutto chillo tiesto: «gallina vecchia fa buono bruodo», e chill’autro, che: «non se deve lassare la via vecchia pe la nova». Ma, con tutto chesto, fu pigliata de zippo e de pesole67, e derropata a lo giardino. E fu la fortuna soja, ca, restata appesa pe li capille a no rammo de fico, non se roppe la catena de lo cuollo. Ma, passanno ben matino certe fate da chillo giardino, nante che lo sole pigliasse possessione de le terretorie, che l’aveva ciesso la notte, le quale pe na certa crepantiglia non avevano mai parlato, nè riso, e visto pennoliare dall’arvolo chella mal’ombra, ch’aveva fatto nante tiempo sporchiare l’ombre, le venne tale riso a crepafecate, ch’appero a sguallarare68. E, mettenno la lengua nvota, non chiusero pe no piezzo vocca de sto bello spettacolo. Talemente che, pe pagare sto spasso e [p. 131 modifica]sto sfizio, le dezero ogne una la fatazione soja, decennole, una ped una, che potesse deventare giovane, bella, ricca, nobele, vertolosa, voluta bene e bona asciortata. E, partutose le fate, la vecchia se trovaje nterra, seduta a na seggia de velluto nquaranta co france d’oro, sotta l’arvolo stisso, ch’era deventato no bardacchino de velluto verde co funno d’oro. La facce soja era tornata de fegliola de quinnece anne, cossì bella, che tutte l’autre bellezze averriano parzeto scarpune scarcagnate a paro de na scarpetella attillata e cauzante; a comparazione de sta grazia de sieggio69, tutte l’autre grazie se sarriano stimate de li Fierre viecchie e de lo Lavinaro70; dove chesta joquava a trionfiello de ciance e de cassesie, tutte l’autre averriano joquato a banco falluto71. Era po cossì nciricciata, sterliccata e sforgiosa, che vedive na maestà; l’oro sbagliava, le gioje stralucevano, li shiure te shiongavano nfacce; le stevano ntuorno tante serveture e dammecelle, che pareva che nce fosse la perdonanza72. Fra chisto tiempo, lo re, puostose na coperta ncuollo e no paro de scarpune a li piede, s’affacciaje a la fenestra pe vedere, che s’era fatto de la vecchia. E, visto chello, che non se magenava de vedere, co no parmo de canna aperta, e comme ncantato, squatraje pe no piezzo da la capo a lo pede chillo bello piezzo de schiantone73, mo miranno li capelle, parte sparpogliate ncoppa le spalle, parte mpastorate drinto no lazzo d’oro, che facevano midia a lo [p. 132 modifica]sole, mo tenenno mente a le ciglia, valestre a pozone74, che parrettiavano75 li core, mo guardanno l’uocchie, lanterne a vota de la guardia d’Ammore, mo contempranno la vocca, parmiento amoruso, dove le grazie pisavano contento e ne cacciavano grieco dece e manciaguerra de gusto76. Dall’autra parte, se votava comm’a stantaro77, e sciuto da sinno a li trincole e mingole78, che portava appise ncanna ed a li ricchi sfuorgie, ch’aveva adduosso. E, parlanno fra se stesso, deceva: «Faccio lo primmo suonno, o songo scetato?, sto ncellevriello, o sbarejo?, so io, o non so io? Da quale trucco è venuto cossì bella palla a toccare sto re79 de manera, che so juto a spaluorcio? So fuso, so tarafonato, si non me recatto! Comme è spontato sto sole?, comme è sguigliato sto shiore?, comm’è schiuso st’auciello pe tirare comm’a vorpara80 le voglie meje? Quale varca l’ha portato a sti paise?, quale nuvola l’ha chiuppeto?, che lave de bellezza me ne portano drinto a no maro d’affanne?» Cossì decenno, se vrociolaje pe le scale, e, correnno a lo giardino, jette nante a la vecchia renovata; e, mbroscinannose quase pe terra, le disse: «O musso de peccionciello mio, o pipatella de le grazie, penta palomma de lo carro de Venere, straolo trionfale d’ammore; si hai puosto nammuollo sto core a lo shiummo de Sarno81, si no nce so trasute drinto l’aurecchie le [p. 133 modifica]semenze de canna82, si no ci è caduto nell’uocchie la merda de rennena83, io so securo ca sentarraje, o vedarraje, le pene e li tormiente, che, de vrocca e de relanzo84, m’hanno refuso a lo pietto sse bellezze toje; e, si non cride a lo cennerale85 de sta faccie la lesela86, che bolle drinto a sto pietto, si non cride a le shiamme de li sospiri, la carcara, ch’arde drinto a ste vene; comme a comprennoteca, e de jodizio, puoi fare argomiento delli capille d’oro, quale funa m’attacca, da ssi uocchie nigre, quale cravune me coceno, e dall’arche russe de ste lavre, quale frezza me smafara! Perzò, non varriare la porta de la pietà, non auzare lo ponte de la mesericordia, nè appilare lo connutto de la compassione! E, si no me judiche meretevole d’avere nulto87 da ssa bella facce, famme a lo manco na sarva guardia de bone parole, no guidateco de quarche prommessa e na carta aspettativa de bona speranza; perchè, autramente, io me ne piglio li scarpune, e tu pierde la forma!» Cheste, e mille autre parole, le scettero da lo sprofunno de lo pietto, che toccare a lo bivo la vecchia renovata; la quale, all’utemo, l’azzettaje pe marito. E, cossì, auzatase da sedere, e pigliatolo pe la mano, se ne jezero ncocchia a lo palazzo rejale. Dove, ped ajero, fu apparecchiato no grannissemo banchetto; e, mannato a mitare tutte le gentiledonne de lo pajese, tra l’autre, voze la vecchia zita, che nce venesse la sore. Ma nce fu da fare e da dire, pe trovarela e carriarela a lo commito: [p. 134 modifica]perchè, pe la paura granne, s’era juta a ntanare e a ncaforchiare, che non se ne trovava pedata. Ma, venuta, comme Dio voze, e postase accanto a la sore, che nce voze antro che baja pe la canoscere, se mesero a fare gaudeamo. Ma la vecchia scura aveva autra famme, che la resecava; pocca la crepava la midia de vedere lucere lo pilo a la sore. Ed, ogne poco, la tirava pe lo manecone, decenno: «Che nce hai fatto, sore mia, che nce hai fatto?, viata te co la catena88!» E la sore responneva: «Attienne a magnare, ca pò ne parlammo!» E lo re addemannava, che l’occorreva; e la zita, pe copierchio, responneva, ca desiderava no poco de sauza verde; e lo re subeto fece venire agliata, mostarda mpeperata, e mill’autre saporielle89 pe scetare l’appetito. Ma la vecchia, che la sauza de mostacciuolo90 le pareva fele de vacca, tornaje a tirare la sore, decenno lo stisso: «Che nce hai fatto, sore mia, che nce hai fatto?; ca te voglie fare na fico sotto a lo mantiello!»91 E la sore responneva: «Zitto, ch’avimmo chiù tiempo, che donare; mancia mo, che te faccia fuoco, e po parlammo!» E lo re, coriuso, demannava, che cosa volesse; e la zita, ch’era ntricata comm’a pollecino a la stoppa, e n’averria voluto essere diuna de chillo rompemiento de chiocche, respose, ca voleva quarcosa doce. E lloco shioccavano le pastetelle92", [p. 135 modifica]lloco sbombavono le neole93 e taralluccie, lloco delloviava lo janco manciare94, lloco chiovevano a cielo apierto le franfrellicchie95! Ma la vecchia, che l’era pigliato lo totano, ed aveva lo filatorio ncuorpo, tornaje a la stessa museca. Tanto che la zita, non potenno chiù resistere, pe levaresella da cuollo, respose: «Me so scortecata, sore mia!» La quale cosa sentenno la crepantosa96, disse sotta lengua: «Va, ca no l’hai ditto a surdo!, voglio io perzì tentare la fortuna mia, ca ogne spireto ha lo stommaco! E, si la cosa m’enchie pe le mano, non sarrai tu sola a gaudere, ca ne voglio io perzì la parte mia, pe fi a no fenucchio!» Cossì decenno, e levatese ntanto le tavole, essa, fatto nfenta de ire pe na cosa necessaria, se ne corse de ponta a na varvaria. Dove trovato lo mastro, e reteratolo a no retretto, le disse: «Eccote cinquanta docate, e scortecame da la capo a lo pede!» Lo varviero, stimannola pazza, le rispose: «Va, sore mia; ca tu non parle a sapare, e securamente venarrai accompagnata97!» E la vecchia, co na facce de pepierno, leprecaje: «Si pazzo tu, che non canusce la fortuna toja!; perchè, otra de li cinquanta docate, si na cosa me resce mparo, te farraggio tenere lo vacile a la varva a la fortuna. Perzò, miette mano a fierre, non perdere tiempo, ca sarrà la ventura toja!» Lo varviero, avenno contrastato, letechiato e protestato no [p. 136 modifica]buono piezzo, all’utemo, tirato pe naso, fece comm’a chillo: «lega l’aseno dove vo lo patrone!» E, fattola sedere a no scanniello, commenzaje a fare la chianca de chillo nigro scuorzo98, che chiovellecava e piscioliava tutta sango; e, da tanto ntanto, sauda, comme se radesse, deceva: «Uh chi bella vo parere, pena vo patere!» Ma, chillo, continovanno a mannarela a mitto, ed essa, secotianno sto mutto, se ne jezero contrapuntianno lo colascione de chillo cuorpo fi a la rosa de lo vellicolo99; dove, essennole mancato co lo sangue la forza, sparaje da sotta no tiro de partenza, provanno co riseco sujo lo vierzo de Sanazaro:

La nmidia, figlio mio, se stessa smafara100!

  1. Succhiato.
  2. Grinze.
  3. Cispe.
  4. Vanità.
  5. (ES) racoute.
  6. Mostruosità.
  7. Irte.
  8. Spinose.
  9. Grosse.
  10. Grinzosa.
  11. Allargata.
  12. (EO) varvea.
  13. Gobba.
  14. Zoppe e deboli.
  15. A uncino.
  16. Basso: abitazione a pian terreno.
  17. Glandule; cancheri.
  18. Parlantina, brontolìo.
  19. Contuso.
  20. Fior fiore.
  21. Midolle.
  22. Spurgarsi.
  23. Canzone, per la quale v. princ. G. IV, Il Serio dice che «se canta da li peccerille senza abballo, quanno è male tiempo e l’aria sta ntrovolata» (Lo Vernacchio, Nap., 1780, pp. 48-9), Cfr, Imbriani e Casetti, Canti popol. della prov. merid. (Torino, 187l-2; II, 194-7),
  24. Che ha molto concorso.
  25. Giuoco, pel quale v. princ. G, II.
  26. Il Del Tufo, parlando del capodanno, dice che in quella «notte senti mille spassi e contenti, Come molti cantare: Fance la nferta se nce la vuoi fare!, Sentendo a tutte l’ore: Fance la nferta e fanla de bon core, Che pozzi fa nu figlio mperatore! Gli altri puttin con voce dolce e lieta: Mittete mano a la vorza de seta. Che te ce pozza crescer la moneta!» (ms. c., f. 86). Cfr. variante in Molinaro del Chiaro (GBB, I, 4).
  27. Tintinnìo, rintocco.
  28. «Absinthi genera plura.... Ponticum, e Ponto, ubi pecora pinguescunt illo, et ob id sine felle reperiuntur» (Plin., Hist. nat., XXVII, 7). Cfr., Liebr., Anm., I, 403.
  29. Assenzio.
  30. Riposo.
  31. Scandagliava.
  32. Grucce.
  33. Giuoco, pel quale v. pr. G. II.
  34. Solfanello.
  35. V. n. 61, p. 57.
  36. cioè: in mano.
  37. Specie di lima.
  38. Lavoratore di pianelle.
  39. Brunitoio, che è d’acciaio o pietra dura, ma sempre molto liscio.
  40. Bisticcio; int.: muso di porco, che si prepara in gelatina.
  41. Sorta di pesce; pesce cannella.
  42. Carcere.
  43. Frase proverbiale.
  44. Amore, figlio di Vulcano e Venere.
  45. Soggetto.
  46. Adesca.
  47. Astuta.
  48. Ingannatrice. Cfr. Cort.: «L’ecciacuorvo le fece n’autro tratto» (Viaggio di Parn., III, 22); e Sgrutt. (o. c., C. VII, p. 181). Spagn.: echacuervos.
  49. Ostinazione.
  50. Terrazza, superiore alle case
  51. (EO) Manca: azzò
  52. Ladri. «Garbuglie fanno pe nuje, — disse chillo, ch’adonava ferraiuole», trovo in una commedia (L’innocenti Colpati di G. C. Sorrentino, In Napoli, 1683, per de Bonis, I, 4).
  53. seppia.
  54. cenci.
  55. Fetore delle ascelle.
  56. Contrada del Molo piccolo, lurida ed abitata dall’infima plebe.
  57. La deliziosa collina e spiaggia, all’estremità occidentale del golfo di Napoli.
  58. Piccola barca. Cfr. IV, 4.
  59. Le belle galee fiorentine, che tante volte in quei tempi scorsero il Mediterraneo, insieme colle napoletane, contro i barbareschi.
  60. Incamiciata; cioè scelta di soldati, propriamente per assalti notturni, i quali, per riconoscersi nel buio, mettevano una camicia sopra l’armatura.
  61. II Del Tufo, tra le frasi, che enumera, del «parlar goffo della plebe napoletana», ha: «L’altro, che l’onor suo non cerca macchie: Uh quanta paparacchie! Haggiote cera d’abboffa cornacchie?» (ms. c., f. 130).
  62. V. n. 45, p. 9.
  63. Propr., placenta delle puerpere.
  64. Bufola.
  65. Civetta. Era famosa la fontana della Coccovaia di Porto.
  66. Burla.
  67. Di peso.
  68. Prop.: uscir l’ernia per lo sforzo del ridere: chè tale è la credenza volgare.
  69. Sono noti i cinque seggi della nobiltà napoletana. Onde nobiltà di seggio, che si considerava maggiore della nobiltà fuori seggio, ecc.
  70. Ferrivecchi, via di Napoli, poco lungi dalla Sellaria. — Lavinaro, v. n. 28, p. 92.
  71. V. n. 41, p. 38.
  72. II Tansillo, nei Capitoli: «Entrar ci vedo gli uomini a drappello, Come si dice a Napoli, al perdono» (ed. cit., p. 173). Cioè, a prender le indulgenze.
  73. Piantone. «No piezzo de schiantone». Egl. La Coppella. Cfr. II, 9.
  74. A bolzone.
  75. Saettavano.
  76. Sul mangiaguerra d’Angri, v. Del Tufo (ms. c., ff. 2l-2), che ne fa grandi lodi e ne enumera le qualità. Cfr. anche MN., III.
  77. (EO) stentaro — Propr.: regoli, che reggono le imposte.
  78. Fronzoli, gingilli. Il Del Tufo: «Ma poi con altri ancor: Tringole e mingole, Chi accatta lazze e spingole?» (ms. c., f. 27).
  79. Metaf. dal giuoco del trucco.
  80. uncino.
  81. Al fiume Sarno, (che bagna la provincia di Salerno e sbocca nel golfo di Napoli tra Castellammare e Torre Annunziata), prima della bonifica, si soleva mettere in molle il canape (cfr. Vincenzo degli Uberti, Sul fiune Sarno, Discorso storico idraulico, Nap., 1844).
  82. Sulla canna e le sue qualità dannose, cfr. Pitrè, Bibl., XVI, 226-7.
  83. sterco di rondine. Cfr. IV, 5. Lo sterco di rondine è reputato molto scottante: colui, al quale casca negli occhi, diventa cieco. Cfr. Liebr., Anm. I, 403. È noto che Tobia, dormendo, fu accecato dallo sterco caldo, che gli cadde sugli occhi da un nido di rondini (Libro di Tobia, II, 11).
  84. D’un subito.
  85. Ceneracciolo, panno che sostiene la cenere pel bucato.
  86. Lisciva.
  87. Indulto.
  88. Tra i giuochi fanciulleschi, menzionati dal N. nella lettera all’Uneco Shiammeggiante, c’è anche: a viata te co la catena: giuoco disusato ed ignoto.
  89. Il Cortese, tra le cose che sanno fare le vajasse, enumera: «Agliata,' e sauze, e mille auto sapure, Cose da cannarute e da segnure» (Vajass., I, 15).
  90. Specie di dolce, fatto con zucchero, mandorle, ecc. V. n., 45, p. 85.
  91. Atto contro il mal’occhio, o jettatura, Cfr. Pitrè, Bibl., XVII, 244-5.
  92. Il Del Tufo: «Ma di quell’altra cosa rotondetta, Chiamata pastidella, Fatta con uova, zucchero e cannella, Che ne dirò? Dirò che son lontano Dal più dolce boccon napolitano» (ms. c., f. 23)
  93. Cialde. In lat. mediev., nebulae. Cfr. E. Rocco nel GBB, IV, 9.
  94. Così una specie di crema, esaltata dai nostri scrittori come cosa eccellente; il Celano parla di un gran giardino, che avevano nel secolo XVI i Pignatelli di Monteleone dal lato, dove poi si formò via Toledo, il qual giardino «per la sua amenità detto veniva lo Bianco mangiare, che è una dilicatissima e regalata vivanda, che si fa in Napoli, e particolarmente nei monasteri» (o. c., IV, 804).
  95. Zuccherino: piccolo pezzo di pasta di giulebbe e miele. G. Bruno: «masticava come avesse in bocca il panferlich» (Candel., Argom.)
  96. Invidiosa.
  97. Come pazza, che sei.
  98. Corteccia; pelle dura.
  99. Umbilico.
  100. Trad. napoletana del v.: «L’invidia, figliuol mio, se stessa macera» (Sann., Arcadia, Egl. VI, v. 13).