Niccolò, io vero amico te conseglio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Niccolò, io vero amico te conseglio Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

O tu, che pigni in due parete azzuro Peccavi, Deus, miserere mei
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXII. Ser Cecco Nuccoli
[p. 10 modifica]

XVIII

Consiglia un amico di non parlare senza riflettere.

Niccolò, io vero amico te conseglio
che tu ti guardi innanti, che ti attacche,
per che l’onor de toi vertute affiacche
4e cange Tordo nero e ’l bel vermeglio.

[p. 11 modifica]

Empara di tacer, e farai meglio:
e guarda che chi t’ode non te fiacche;
cieco se se’, non vede quante bracche
8cercante de pigliar: però ti sveglio.
Parlano molti, che tacer non sanno,
dannando si colle lor sceme bocche,
11che spesse fiade receono ’l malanno.
Or fa’ che quisto vizio non ti tocche;
molte receono di lor parlar danno:
14ora pensa oggema’ innanti, che scocche.