Peccavi, Deus, miserere mei

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Peccavi, Deus, miserere mei Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Niccolò, io vero amico te conseglio Io veggio scolorir gli aurate sasse
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXII. Ser Cecco Nuccoli
[p. 11 modifica]

XIX

Chiede a Dio perdono dei suoi peccati.

Peccavi, Deus, miserere mei;
deh, dolce signor mio, or mi perdona,
e pensa che, se ogne opra fusse bona,
4luoco a misericordia non serei.
Se non mi receve, e io te vegno ai piei,
molto sera crudel la tua persona;
però che pietá mai non abbandona
8chi dice: —Mercé chèggio, ch’io mal fei! —
Ma, per che meglio perdonar mi posse,
dove e quando tu vói’, tutto m’allide,
11flagella la mia carne e i nerbe e gli osse.
E, se di questo saciar non ti vide,
e non t’appaghe de cotal percosse,
14perdonaraime prima, e puoi m’ancide.