Novelle (Bandello, 1910)/Parte II/Novella LI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella LI - Isabella da Luna spagnuola fa una solenne burla a chi pensava di burlare lei

../Novella L ../Novella LII IncludiIntestazione 28 settembre 2017 25% Da definire

Novella LI - Isabella da Luna spagnuola fa una solenne burla a chi pensava di burlare lei
Parte II - Novella L Parte II - Novella LII
[p. 45 modifica]

IL BANDELLO

al magnifico suo nipote

messer

gian michele bandello


Sogliono ordinariamente le donne, còlte a 1’improviso, aver secondo i casi le risposte pronte e in un subito proveder a quanto bisogna; e dando loro questo la natura, non deve esser dubio che piú provide e piú accorte saranno quelle che piú averanno praticato. Ma qual donne praticano piú diversitá di cervelli de le cortegiane de la corte di Roma? Quivi communemente concorrono tutti i belli e i piú elevati ingegni del mondo, essendo Roma commune patria di tutti; quivi d’ogni sorte le buone lettere fioriscono, cosí latine come greche e volgari; quivi sono iureconsulti eccellenti, filosofi e naturali e morali consumatissimi; quivi pittori si veggiono miracolosi. Ci sono scultori che nel marmo cavano i volti vivi, e i confiatori col metallo gittano ciò che vogliono. Ma per non raccontare d’una in una l’arti, elle in perfezione tutte ci sono, di maniera che in ogni specie di vertú chi vuole farsi eccellente vada ad imparar a Roma. E perciò che, come dice l’ingegnoso sulmonese, avviene assai spesso ch’un medesimo terreno produce la rosa e l’ortica, cosí anco a Roma ci sono uomini buoni e tristi. Ma lasciando il resto, parlerò de le cortegiane che, per dar qualche titolo d’onestá a l’essercizio loro, s’hanno usurpato questo nome di « cortegiane ». Sono per l’ordinario tutte piú avide del danaro che non sono le mosche del mèle, e se casca loro ne le mani alcun giovine di prima piuma, che non sia piú che avveduto e scaltrito, vi so dire che senza oprar rasoio lo radono fin sul vivo e ne fanno anotomia. [p. 46 modifica]46 PARTE SECONDA Ora ragionandosi in Milano in una onorata compagnia di molti gentiluomini d'alcune cortegiane e dei loro modi che assai sovente usano, il capitano Gian Battista Olivo, uomo molto faceto e gen¬ tile, narrò una novelletta a Roma accaduta, la quale avendo io scritta secondo la narrazione da lui fatta, ho voluto che sia vostra. E cosi ve la mando e dono, essendo tutte le cose mie vostre. State sano. NOVELLA LI Isabella da Luna spagnuola fa una solenne burla a chi pensava di burlar lei. Chi volesse far il catalogo de le cose che fanno le cortegiane in tutti i luoghi ove si trovano, averebbe per mio giudizio troppo che fare, e quando si crederia d’aver finito, pur alora resteria più a dire che quanto detto si fosse. Ma vegnamo a qualche atto particolare e narriamo alcuna facezia di quelle che queste barbiere fanno. Tra l'altre che a Roma sono, ce n’è una detta Isabella da Luna, spagnuola, la quale ha cercato mezzo il mondo. Ella andò a la Goletta e a Tunisi per dar soccorso ai bisognosi soldati e non gli lasciar morir di fame; ha anco un tempo se¬ guitata la corte de l'imperadore per la Lamagna e la Fiandra e in diversi altri luoghi, non si trovando mai sazia di prestar il suo cavallo a vettura, pure che fosse richiesta. Se n’è ultima¬ mente ritornata a Roma, ove è tenuta da chi la conosce per la più avveduta e scaltrita femina che stata ci sia già mai. Ella è di grandissimo intertenimento in una compagnia, siano gli uomini di che grado si vogliano, perciò che con tutti si sa accommodare a dar la sua a ciascuno. È piacevolissima, affabile, arguta e in dare a’ tempi suoi le risposte a ciò che si ragiona, pron¬ tissima. Parla molto bene italiano, e se è punta, non crediate che si sgomenti e che le manchino parole a punger chi la tocca, perché è mordace di lingua e non guarda in viso a nessuno, ma dà con le sue pungenti parole mazzate da orbo. È poi tanto sfacciata e presuntuosa che fa professione di far arrossire tutti quelli che vuole, senza che ella si cangi di colore. [p. 47 modifica]NOVELLA LI 47 Erano in Roma alcuni nostri gentiluomini mantovani molto ver- tuosi e gentili, tra i quali v'erano messer Roberto Strozzi, messer Lelio e messer Ippolito Capilupi fratelli. Messer Roberto è in Roma per suo piacere e messer Ippolito v’è tenuto per gli affari del nostro illustrissimo e reverendissimo cardinale di Mantova. Stanno tutti in una casa, ma ciascuno appartatamente vive del suo. È ben vero che il più de le volte mangiano di compagnia, portando ciascuno la parte sua, e cosi menano una vita allegra e gioiosa. Con loro si trovano assai spesso alcuni altri, perché sono buon compagni, e nel loro albergo di continovo si suona e canta e si ragiona de le lettere cosi latine come volgari e d’altre cose vertuose, di modo che mai non si lasciano rincre¬ scere. Praticava con questi signori molto domesticamente e spesso anco ci mangiava un Rocco Biancalana, il quale aveva nome d’agente d'un illustrissimo e reverendissimo cardinale, il quale, per essere stato lungo tempo in Roma ed esser piacevole e non meno mordace d’Isabella, ogni di era a romore di parole con lei. D’essa Isabella, la quale anco spesso si trovava con i suddetti signori, era messer Roberto un poco, come si dice, guasto e volentieri la vedeva. Ma tra Rocco e lei era una perpetua gara, e contendevano tra loro chi fosse tra lor dui più maledico, più calcagno e più presuntuoso, di maniera che sempre erano a le mani. Del che quei signori, veggendo la prontezza del dire di tutti dui e le scommunicate ingiurie che si dicevano, ne pi¬ gliavano meraviglioso piacere e spesso, per più accendergli a dirsi villania, gli aizzavano come si fanno i cani. E insomma tra la Luna e la Lana era crudel nemistà, non potendo Rocco sopportare che una si publica e sfacciata meretrice, che aveva avute più ferite ne la vita che non sono fiori a primavera, pra¬ ticasse con quei gentilissimi spiriti, ed assai sovente ne garrì messer Roberto. Ora l'illustrissimo e reverendissimo cardinale che in Roma teneva Rocco, avendo forse da trattar negozi di grandissimo momento, mandò a Roma messer Antonio Romeo, uomo di grandissimo maneggio e atto a trattar ogni diffidi ed intricato affare, quantunque intralacciato fosse. Ed in effetto era il Romeo un compito uomo, se non avesse avuto una taccherella [p. 48 modifica]48 PARTE SECONDA che tutto lo guastava, perché era fuor di misura misero ed avaro. Come egli fu venuto a Roma, Rocco mancò alquanto del suo grado, perciò che stava sotto al Romeo e tanto e non più negoziava quanto gli era da Romeo imposto, di modo che pareva negoziatore del Romeo, non del cardinale, e in casa con lui viveva non come compagno ma quasi come servidore. Ma non era cosa che a Rocco più premesse che la miseria del Romeo, di maniera che ogni picciolo avantaggio che trovato avesse, averia piantato, come si suol dire, il suo cardinale e si sarebbe accordato con altri, ancor che fossero stati privati e senza grado veruno, perciò che esso Rocco teneva forte del parasito e averebbe sempre voluto la tavola piena. In questa sua mala contentezza egli spesso si ritrovava a desinare e a cena con i suddetti signori, e quivi, dicendo male de la estrema ava¬ rizia di messer Antonio, si disfogava; ed ancora che ci fosse Isabella, non se ne curava. Cominciava egli a dire che il pane si comprava tanto duro che non si poteva con i denti masti¬ care né tagliar con coltello, e che aveva la muffa e che ben ispesso lo faceva biscottare, allegando che asciugava il catarro; che inacquava il vino, prima che venisse a tavola, tanto forte che ne averia potuto bere uno ch’avesse mille ferite in capo; che altra carne non si vedeva che di bue, la quale prima che si finisse aveva fatto tre o quattro brodi ; che ci era un gambetto che più di venti volte era stato in tavola né mai fu da persona tócco, perché era un osso ignudo senza carne, e che come la tavola era messa, da se stesso saltava in tavola. Diceva che 'l formaggio era tutto roso da le tarme e guasto e che le frutte si compravano mal mature e venivano in tavola cinque e sei volte. Queste cose diceva egli senza rispetto veruno, né si curava che da tutti fosse udito. Avvenne un di che tra lui ed Isabella furono di male parole e vennero sui criminali, di modo che Rocco gli disse che se non fosse stato il rispetto di messer Roberto, le averia detto cose che l’averebbero fatta arrossire. — E che mi puoi tu dire — soggiunse Isabella — se non eh’ io sono una puttana? Questo già si sa, né io per questo arros¬ sirò. — Riscaldato Rocco da la còlerà, s'offerse di pagar una [p. 49 modifica]NOVKI.I.A 1-1 49 cena lauta e magnifica, e che oltra l’altre vivande ci fossero duo para di fagiani, ed ella si contentasse che a la presenza sua dicesse tutte quante le poltronerie che di lei sapeva; al che s’accordarono per il giovedì seguente. In quel tempo, ancora che Rocco sapesse assai ribalderie di'lei, nondimeno da molti che la conoscevano intese cose assai più che non sapeva e, a ciò che di memoria non gli uscissero, ne scrisse un lungo me¬ moriale di tre fogli di carta. Egli era bello scrittore e tutte le cose aveva con bellissimo ordine scritte. Or giunta la sera che la cena era messa ad ordine, messer Antonio Romeo, che aveva inteso la cosa e si trovava mezzo ammalato, si condusse a casa dei signori mantovani, per prender alquanto di ricreazione de la disputa che si deveva fare. Erano tutti con Isabella in una sala a torno al fuoco. Cacciò mano Rocco al suo libretto e ad Isabella disse: — Puttana sfacciataccia, questa è la volta che non solamente io ti farò arrossire, ma ti farò crepare. — Ella se ne stava alquanto malinconica e diceva: — Ì£ egli possibile, Rocco, che tu mi voglia morta? Ceniamo in pace, e dopo cena tu leggerai il tuo processo criminale. — No, no — rispondeva Rocco, — io ti vo’ far parer la cena più amara che fele. — E veggendo Isabella che egli era pur disposto di legger prima che si cenasse, pregò molto quei gentiluomini che le facessero far grazia che ella fosse quella che leggesse almeno la prima carta di ciò che Rocco aveva scritto, promettendo non partirsi né straziare o abbrusciare la scrittura, ma letta la prima carta, renderla ad esso Rocco. Parve la domanda non incivile, onde tutti astrinsero Rocco che le compiacesse; il che egli fece. Come ella ebbe in mano la scrittura, ne lesse piano otto o diece linee; poi disse: — Ascoltate, signori, e udirete se mai fu al mondo la più mala lingua di quella di Rocco. — E secondo che deveva leggere il male di se stessa, mostrando non sapere che quivi fosse il Romeo, disse ordinatamente tutte le cose che Rocco aveva in tante volte in vituperio d'esso Romeo dette, biasimando con agre parole la miseria di quello. Pareva proprio che ella ciò che diceva lo leggesse su la scrittura. E quando ebbe detto assai, serrata la scrittura, disse: — Che vi pare, signori, di M. Bandello, Novelle. A [p. 50 modifica]5° PARTE SECONDA questo ribaldo? non vi pare egli che meriti mille forche? lo non conosco questo Romeo, ma io intendo che è gentilissima per¬ sona e che in casa sua si vive molto civilmente. E questo ribaldo non si vergogna dir male d'un uomo da bene e d’uno ne la cui casa egli ha il vivere. Pensate se è tristo. — Era Rocco tutto fuor di sé, mezzo stordito, né sapeva che dirsi. Medesi¬ mamente il Romeo, che sapeva esser vere le cose che de la sua miseria s’erano dette, senza prender congedo se n’andò, e il simile fece Rocco; di sorte che né l’uno né l’altro assaggiò boccone de la preparata cena, dove si disse che Rocco aveva fatta la zuppa, come si dice, per le gatte. Cenarono quelli che rimasero e con Isabella istessa risero pur assai, che si bene avesse saputo beffar Rocco e salvar se stessa.