Novelle (Bandello, 1910)/Parte II/Novella LII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella LII - Maomet africano signore di Dubdù vuol rubare a Saich re di Fez una città, e il re l’assedia in Dubdù, e gli usa una grandissima liberalità

../Novella LI ../Novella LIII IncludiIntestazione 28 settembre 2017 25% Da definire

Novella LII - Maomet africano signore di Dubdù vuol rubare a Saich re di Fez una città, e il re l’assedia in Dubdù, e gli usa una grandissima liberalità
Parte II - Novella LI Parte II - Novella LIII
[p. 51 modifica]

IL BANDELLO

al gentilissimo signore

il signor

angelo dal bufalo


Essendo noi, come sapete, questi di passati a Casalmaggiore, la valorosa eroina, la signora Antonia Bauzia marchesa di Gonzaga, avendo dal re cristianissimo comprato con danari de la sua dote quel castello, quivi fece le suntuose nozze de la molto gentile sua figliuola la signora Camilla Gonzaga nel marchese de la Tripalda, de l’onorata e reai famiglia dei Castrioti che molti secoli ha l’Epiro signoreggiato. Erano quivi i tre fratelli de la sposa, tre veramente magnanimi eroi, il signor Lodovico di Sabioneda, il signor Federico di Bozolo e la bontá ed amorevolezza del mondo, il signor Pirro di Gazuolo, con una onorevole compagnia di molti signori e gentiluomini. E per esser il caldo grandissimo, dopo che si fu desinato, essendo tutti in una gran sala terrena assai, secondo la stagione, fresca, o almeno de l’altre stanze assai men calda, s’entrò in un bellissimo ragionamento de la liberalitá e magnificenjfh d’alcuni grandissimi prencipi, e massimamente di quelli che, avuti i propri nemici ne le mani, non solamente loro avevano perdonato e donatogli la vita, ma gli avevano rimessi nei regni e domini giá perduti o datogli aiuto a ricuperargli. Dagli antichi si venne ai moderni e fu con generai lode da tutti sommamente lodato Filippo Maria Vesconte terzo duca di Milano, il quale avendo ne le mani per prigioni Alfonso di Ragona con altri re e tanti prencipi, baroni e signori, non solamente non fece lor pagare riscatto alcuno, ma onoratamente fece albergar ciascuno secondo il grado che aveva e con lauti e luculliani conviti molti di festeggiò, dando [p. 52 modifica]PARTE SECONDA loro di feste e giuochi ogni trastullo che fosse possibile. Poi liberamente tutti lasciò ritornar a casa ed aiutò Alfonso a ricu¬ perar il regno di Napoli. Fu anco meravigliosamente celebrato il magno Lorenzo Medici, padre di Lione decimo sommo pon¬ tefice, il quale fu moderatore e capo sapientissimo de la repú¬ blica fiorentina e quella con tanta riputazione sempre resse. Aveva Ferrando vecchio di Ragona re di Napoli con papa Sisto quarto fatta collegazione per levar in ogni modo Lorenzo de’ Me¬ dici dal governo di Firenze. E messosi un grosso essercito in¬ sieme col quale fu -assalita la Toscana, ed avendo già occupate molte terre e castella del dominio dei fiorentini, Alfonso duca di Calabria con astuzia e favore d’alcuni cittadini era con parte de l’essercito entrato in Siena, tuttavia guerreggiando i fiorentini. Lorenzo, che si vedeva abbandonato da' veneziani e da Milano non ¡sperava poter esser soccorso per la morte del duca Ga¬ leazzo Sforza e discordia dei governatori del pupillo, poi che molti pensieri ebbe fatto per liberar la patria, deliberò, poi che i nemici dicevano non ricercar altro se non che Lorenzo non governasse, andar egli in persona a Napoli a ritrovar Ferrando. E messo in Firenze quell’ordine che gli parve il meglio, andò giù per l'Arno a Pisa, ove, preso un bregantino, navigò a Napoli Giunto quivi con prospera navigazione e smontato in terra, se n’andò di lungo, senza dar indugio al fatto, a trovar nel castello il re Ferrando, al quale, trovatolo in sala con i suoi baroni, fece la convenevol riverenza e gli disse: — Sacro re, io son Lorenzo de’ Medici, venuto al tuo cospetto come a tribunale giustissimo, e ti supplico che degni prestarmi grata udienza. — Ferrando si riempi d’estremo stupore al nome di Lorenzo Me¬ dici e non poteva imaginarsi come egli fosse stato oso venirgli a 1’improviso, senza salvocondutto né sicurezza veruna, ne le mani. Tuttavia, mosso da non so che, lo ricevette umanamente e, ritiratosi ad una finestra, li disse che parlasse quanto voleva, ché pazientemente l’ascolterebbe. Era il magno Lorenzo non solamente di varie scienze dotato, ma era bel parlatore ed elo¬ quentissimo. Di tale adunque maniera propose il caso suo al re e si bene gli seppe le ragioni sue dimostrare, che avendo [p. 53 modifica]NOVELLA LII 53 poi più volte insieme le cose de T Italia discorse e disputato Lorenzo degli umori dei prencipi italiani e dei popoli, e quanto si poteva sperar ne la pace e temer ne la guerra, Ferrando si meravigliò mollo più che prima de la grandezza de l’animo e de la destrezza de l’ingegno e de la gravità e saldezza del buon giudizio d’esso Lorenzo, e quello stimò essere de le se¬ gnalate persone d’Italia. Il perché conchiuse tra sé esser più tosto da lasciar andar Lorenzo per amico che da ritenerlo per nemico. Cosi, tenutolo alcun tempo appo sé, con ogni genera¬ zione di beneficio e dimostrazione d’amore se lo guadagnò, che fra loro nacquero accordi perpetui a commune conservazione degli stati loro. E cosi Lorenzo se da Firenze s'era partito grande, vi tornò grandissimo. In questi ragionamenti siccome il duca Filippo e Ferrando furono lodati, fu per lo contrario notato di poca liberalità Ludovico decimosecondo che usò contra Lodovico Sforza, che egli in prigione lasciò morire. Era a questi ragionamenti presente messer Bartolomeo Bozzo, uomo genovese, il quale a proposito di ciò che si parlava narrò una bella istoria a’ giorni nostri avvenuta. E perché mi parve degna di memoria e poco tra i latini divolgata, io la scrissi. Pensando poi a cui donar la devessi, voi subito a la mente mi occorreste, come uno dei cortesi e liberali gentiluomini che io mi conosca a questi tempi. E perché vi conosco, per la lunga pratica che insieme abbiamo avuto, uomo nemico de le cerimonie, non vi dirò altro. L’istoria adunque al nome vostro dedico e con¬ sacro, cominciando con effetto a riconoscer le molte cortesie e piaceri da voi ricevuti. NOVELLA LII Maomc-l aflricano signore di Dubdt’t vuol rubare a Snidi re di Fez una città, e il re l’assedia in Dubdii e gli usa una grandissima liberalità. M’hanno mosso, signori miei, i vostri ragionamenti a rac¬ contarvi, al proposito de le cortesie del duca e del re, una istoria avvenuta in Affrica nel tempo che io in quelle bande trafficava. Io per tutte quelle provincie affricane e regni ho praticato venti [p. 54 modifica]54 PARTE SECONDA anni almeno, e credo che ci siano poche città che vedute non abbia, ed annotati molti lor costumi. E tra l’altre cose che ci ho trovate, con isperienza ho conosciuta una grandissima cortesia e lealtà in quei mercadanti affricani. Medesimamente è sicuris¬ simo il praticare con i gentiluomini del paese, con ciò sia cosa che per l’ordinario sono buone persone, costumate, e vivono molto civilmente e vestono, a la foggia loro, politamente. Io confessar vi posso d’aver trovato in luoghi assai de l'Affrica vie più d’amo¬ revolezza e carità che — e mi vergogno a dirlo — non ho trovato tra’ cristiani. Essi servano la legge loro maomettana molto meglio che non facciamo noi cristiani la nostra, e sono per lo più gran¬ dissimi elemosinieri e reali osservatori di tutti i contratti che con loro si fanno. E quello che parlo, lo dico per la più parte, perché anco tra loro se ne trovano di giuntatori e tristi, e massimamente chi s’avviene con gli arabi, che per tutto sono dispersi. Ora venendo a quello che narrarvi ho deliberato, vi dico che non molto lunge dal gran regno di Fez è una città che gli affricani chiamano Dubdù, città antica e posta sopra un alto monte che molto è abondevole di freschissimi fonti, clic per la città a commodo e utile degli abitanti discorrono. Di questa città è lungo tempo che ne furono signori alcuni gentiluomini de la casa dei Beni Guertaggien, che fin adesso la possedono. Quando la casa di Marino, che perdette il regno di Fez, fu quasi distrutta, gli arabi fecero ogni sforzo per occupar Dubdù; ma Musè Ibnù Camnù, che ne era signore, valorosamente si diffese, di modo che costrinse gli arabi a far alcune convenzioni e più non offender quella città né altri suoi luoghi. Lasciò Musè dopo la morte signore di Dubdù un suo figliuolo chiamato Acmed, di costumi e di valore al padre assai simile, che in grandissima pace conservò il suo stato insino a la morte. A Acmed successe nel dominio, per non aver figliuoli, un suo cugino nomato Mao- met, giovine invero d'alto core, il quale ne la milizia fu molto eccellente e prode de la sua persona. Acquistò costui molte città e castella ai piè del monte Atlante, verso mezzogiorno, nei con¬ fini di Numidia. Egli adornò pur assai Dubdù di bellissimi edi¬ fici e la ridusse a più civilità di quello che era. Dimostrò tanta [p. 55 modifica]NOVELLA LII 55 liberalità e cortesia agli stranieri e a quelli che passavano per la sua città, onorando tutti secondo quello che valevano e facendo le spese ad infiniti, che la fama de le sue cortesie volava per tutti quei contorni, lo in compagnia d'alouni gentiluomini di Fez una volta ci capitai e fui alloggiato nel suo palazzo con i compagni, dove fummo tanto onoratamente trattati quanto dir si possa. E perché intese che io era cristiano e genovese, parlò buona pezza meco de le cose d'Italia e del modo nostro di vivere, usando sempre tanta umanità verso tutti che era cosa mirabile. A me in particolare fece molte offerte. Ora perché l'uomo assai spesso non sa vedere né conoscer il suo bene e ne la prospera fortuna da sé s’acceca, e nessuna maggior peste è ne le corti dei signori come è l'adulazione, venne voglia a Maomet d’occupare Tezà, città vicina al monte Atlante circa cinque miglia, che era del re di Fez. Communicò questo suo pensiero con alcuni dei suoi, i quali, non considerata la potenzia e grandissimo dominio del re di Fez, al quale in modo veruno Maomet non era da esser agguagliato, con sue vane adulazioni il persuasero a far l'im¬ presa. E perché ogni settimana a Tezà si costuma di far un solenne mercato di frumento, ove concorrono assai popoli e massimamente montanari, indussero Maomet che si disponesse in abito da montanaro d'andar al mercato e che essi, con gente che meneriano seco, assalirebbero il capitano di Tezà, e che senza dubio prenderiano la città, perché di dentro egli aveva una gran parte del popolo che in suo favore, udito il nome di Maomet e vedutolo presente, si lèvaria. Ma che che si fosse, questo trat¬ tato pervenne a le orecchie a Saich, de la famiglia di Quattas, re di Fez e padre del re che oggidì regna. Saich, inteso il peri¬ colo, di subito fece metter soldati a la guardia di Tezà e, congre¬ gato un grosso essercito, andò ai danni di Maomet. Ed ancora che egli fosse còlto a l’improviso, sostenne nondimeno animo¬ samente l’assedio ed assalto dei soldati del re. Come v'ho già detto, Dubdù è posta sul monte e molto forte per il sito; onde fu una e due volte la gente del re da quelli de la città, con la morte di molti di quei di fuori, ributtata. Ma il re rinforzò il suo campo di molti balestrieri ed archibugeri, e molto danno dava a la [p. 56 modifica]56 PARTE SECONDA città, deliberato di non partirsi da quell’assedio se prima non se ne impadroniva e pigliava Maomet prigionero. Si facevano assai sovente de le scaramucce, e per l’ordinario quelli di dentro ave¬ vano il peggio. Il che veggendo Maomet e meglio considerando i casi suoi, s'avvide d’aver commesso un grandissimo errore a voler mover guerra a Saich re di Fez, al quale in conto veruno non si poteva parangonare. E pensando e ripensando mille e mille modi per mezzo dei quali si potesse da la presente guerra disbri¬ garsi ed in buona amicizia restare col detto re, a la fine non gli parendo trovarne nessuno che profitto a’ casi suoi potesse recare, restava molto discontento. A la fine, dopo infiniti discorsi, gli cadde in animo un mezzo, sperando con quello aver ritrovata la via de la sua salute; e questo era che egli si mettesse in mano di Saich ed ¡sperimentasse la cortesia e misericordia di quello. Fatta cotale tra sé deliberazione, scrisse una lettera al re Saich di propria mano e, vestitosi in abito di messaggiero, andò egli medesimo come messo del signor di Dubdù, sapendo che il re non lo conosceva. E passando per l'oste del nemico, s'appresentò al padiglione reale e a la presenza del re fu introdutto. Quivi, fatta la debita riverenza al re, gli appresentò la sua lettera, la quale era credenziale. Il re, presa la lettera, quella ad un suo segretario porse, commettendogli che la leggesse. Letta che quella fu a la presenza di quelli che presenti erano, il re rivolto a Mao¬ met, pensando che fosse messaggiero, gli disse: — Dimmi, che ti pare del tuo signore, che tanto s'è insuperbito che ha preso ardire di volermi far guerra? — A questo rispose Maomet: — Invero, o re, che il mio signore m’è paruto un gran pazzo a cercar d’offenderti, devendo sempre tenerti per amico. Ma il diavolo ha potere d'ingannare cosi i grandi come i piccioli, ed ha levato il cervello al mio signore e sforzato a far questa si gran pazzia. — Per Dio — soggiunse il re, — se io lo posso aver ne le mani, come senza dubio l'averò, perché non mi può scappare, io gli darò si fatto castigo che a tutti sarà in essempio di non prender l’armi contra il vicino senza giustizia. Io ti prometto che a brano a brano gli farò spiccare le carni di dosso e lo terrò più vivo che potrò, per maggior suo tormento. — Oh ! — replicò Maomet, — se egli [p. 57 modifica]NOVELLA L1I 57 umilmente venisse ai tuoi piedi e prostrato in terra ti chiedesse perdono de le sue pazzie e ti supplicasse che gli avessi pietà, come lo trattaresti tu? — A questo disse il re: — Io giuro per questa mia testa che se egli in cotal maniera dimostrasse rico¬ noscimento del suo folle errore, non solamente gli perdonerei l’ingiurie a me fatte, ma oltra il perdono farei seco parentado, dando due mie figliuole per mogli ai dui suoi figliuoli che in¬ tendo che ha, e lo confermarei nel suo stato, dandogli anco quella dote che al grado mio convenisse. Ma non mi posso persuadere che egli mai sofferisca d’umiliarsi, cosi è superbo ed impazzito. — Non tardò Maomet a rispondere e disse: — Egli farà il tutto, se tu l'assicuri di mantenergli la tua parola in pre¬ senza dei maggiori de la tua corte. — Io penso — seguitò il re — che gli possano bastare questi quattro che tra gli altri sono qui, cioè il mio maggior segretario, l'altro il mio generai capitano de la cavalleria, il terzo che è mio suocero ed il quarto il gran giudice e sacerdote di Fez. — Udito questo, Maomet si gettò ai piedi del re e con Iagrimante voce disse: — Re, ecco che io sono il peccatore che a la tua clemenza ricorro. — Il re alora lo sollevò ed amorevolmente, con accomodate parole, abbracciò e basciò. Poi, fatte venir le.due sue figliuole e Maomet i figliuoli, si fecero le nozze con grandissima solennità. Ebbe dapoi Saich sempre per parente ed amico Maomet, e oggidì fa il medesimo il figliuolo d’esso Saich, che è successo al padre suo nel reame di Fez. ■ . [p. 58 modifica].