Novelle (Bandello, 1910)/Parte III/Novella XXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XXXV - Un dottore cambia vestimenti col marito della sua innamorata, e si giace con lei da mezzogiorno

../Novella XXXIV ../Novella XXXVI IncludiIntestazione 1 ottobre 2017 25% Da definire

Novella XXXV - Un dottore cambia vestimenti col marito della sua innamorata, e si giace con lei da mezzogiorno
Parte III - Novella XXXIV Parte III - Novella XXXVI
[p. 341 modifica]

IL BANDELLO

a la vertuosa signora

la signora

ginevra bentivoglia

e marchesa Pallavicina

salute


Da che io partii dal vostro ameno e fruttifero castello di Bargone in Parmegiana e me ne ritornai a Milano, ad altro mai non ho atteso che ad ¡spedire quanto voi degnaste di comandarmi. Ed emmi la fortuna stata si favorevole, che il tutto è successo si compitamente che voi meglio non sapereste desiderare. Non vorrei perciò che voi credeste che io volessi, come fece il corbo, vestirmi de le penne del pavone e difraudare gli altri de le lor fatiche. Io mi ci sono nel vero molto affaticato; ma se non era l’autoritá del gentilissimo signor Alessandro Benti- voglio, vostro zio e mio singolarissimo padrone, e se non v’intra- veniva il conseglio del mio splendidissimo e saggio Lucio Scipione Attellano, io dubito che ancora sarei a cominciare. Ma sia Iodato Iddio, che ogni cosa s'è ridotta a tranquillo fine e al tutto imposto perpetuo silenzio. E perché ne le lettere vostre ultimamente ricevute, dopo l’avermi essortato a dar fine al sovradetto negozio, mi ricercate che io vi mandi per ogni modo qualcuna de le mie rime, io vi dico che non saprei che cosa mandarvi che voi non abbiate vista e letta, perciò che, dapoi che vi lasciai, le mie muse sono state meco in tanta còlerá che io non ho mai né saputo né potuto comporre un verso. E nondimeno non ho perciò del tutto perduto il tempo, ché ho scritto alcune novelle di vari accidenti che a la giornata occorrono. Onde avendone scritta una nuovamente in Milano avvenuta, quella a voi ho voluto mandare, che è de le beffe che tutto il di le donne [p. 342 modifica]342 PARTE TERZA fanno a’ mariti ; e fummi narrata dal mio vertuosissimo messer Martino Agrippa. Il quale suol dire che non produce di nuovo ogni anno la primavera tante frondi e fiori quante sono le frodi che le mogli fanno ai mariti, le quali, se si sapessero tutte e fossero scritte, farebbero assai più volumi che non sono quelli de le lunghe e verbose leggi. Restami pregarvi che talora degnate ricordarvi quanto il Bandello desidera di farvi sevizio. State sana. NOVELLA XXXV Un dottore cambia vestimenti col marito de la sua innamorata e si giace con lei da mezzogiorno. Egli non è molto che in Milano si ritrovò un dottore di leggi assai giovine, che non meno era dedito a le donne che ai lesti di Giustiniano; il quale, amando una giovane nobilmente mari¬ tata, spesse fiate con lei a prender amorosamente l’uno de l’altro piacere si ritrovava. Il marito di lei, quantunque nobile e ricco, era uomo assai ambrosiano e cui di leggero la moglie, che era scaltrita, dava ad intendere ciò che voleva. Ed avendo certa lite di confini di casa con un suo vicino, teneva domestica e stretta pratica col dottore; di maniera che gli amanti potevano senza sospetto insieme ragionare e dar ordine, senza il mezzo di messaggieri, a’ casi loro. Né in casa era persona che questo loro amore sapesse, se non una donzella de la donna. Ora avvenne un giorno che il dottore, montato su la mula, si parti di casa per andar a ritrovare la sua amica, e andando incontrò il marito di lei, che era a cavallo e andava a diporto; il quale, come vide il dottore, se gli accostò e cominciò seco a ragio¬ nare de la sua lite. Messer lo dottore che aveva voglia d’altro che di lite, poi che gli ebbe alcune cose circa la lite risposto, gli disse: — Io non poteva incontrare persona più a mio proposito che voi, perciò che io vorrei andar a parlare con una mia inna¬ morata, e andava ora pensando ove potrei accomodarmi d’una cappa; e la vostra sarà al proposito, se me la volete prestare. Noi entraremo qui ne la chiesa di San Nazaro, ed io vi darò la [p. 343 modifica]NOVELLA XXXV 343 mia ioga e voi darete a me la cappa, e mi aspetterete fin che io torni, che sarà fra mezz'ora. Voi potrete in questo mezzo passeg¬ giare per la chiesa, che è, come sapete, buia, ed aspettarmi. Comandate pure — disse il buon, uomo, — ché io sono para¬ tissimo di maggior cosa servirvi che non è di accomodarvi di una cappa. — Smontarono adunque e insieme entrarono in San Nazaro, che è, come sapete, su il corso di Porta romana. Quivi inesser lo dottore si cavò la lunga toga del damasco e la diede al buon uomo, dal quale ebbe la spada e la cappa a la spa- gnuola. Come il dottore vide il suo amico togato, che menava più d’un palmo de la veste per terra, gli disse ridendo: — Voi potete sicuramente passeggiare per la chiesa fin che io torni, ché vi assicuro che non sarà persona che vi conosca. — Il dottore è uno dei grandi uomini di Milano e il marito de la donna è qualche cosetta minore di me: pensate ciò che devea parere con quella veste lunga. Cangiati adunque i panni, rimase ne la chiesa il marito; e il dottore, vestito a la corta, chiamò seco uno dei suoi servidori, comandando a l’altro che con la mula l’aspet¬ tasse. E messasi la via fra i piedi, a la moglie del lasciato in chiesa si condusse e le narrò come aveva mutate le vesti ; del che ella se ne rise assai. Andati poi in camera, cominciarono amorosamente a godersi e cacciar il diavolo ne l’inferno; e non s’accorgendo del passar de l’ore, perciò che il piacere faceva lor parer il tempo breve, stettero circa due ore insieme. Il ma¬ rito de la donna, che era restato in chiesa togato, veggendo di gran lunga passar l’ora e il dottore non ritornare, deliberò par¬ tirsi e andar a casa, la quale non era molto lontana da la chiesa ove egli passeggiava. Il perché venuto fuor di chiesa, disse a colui che teneva la mula del dottore: — Tu dirai a tuo padrone quando egli tornerà, che io me ne vado a casa, ove l’attenderò che venga a pigliarsi la veste. — Poi montato su il suo cavallo, s’inviò verso casa, tuttavia temendo d’incontrare qualche persona che lo conoscesse in quell’abito. Stava per commissione de la donna la donzella consapevole de la cosa ad una finestra, la quale, come vide venire il messere, agli amanti lo disse; onde eglino, dando fine ai lor amorosi abbracciamenti, discesero a [p. 344 modifica]344 PARTE TERZA basso ed entrarono in un giardino e sotto un pergolato si mi¬ sero a passeggiare. Come il marito fu smontato e vide ne l'orto la moglie col dottore, altro male non pensando, disse: — Io po¬ teva ben aspettarvi ! — A cui subito rispose il dottore: — Io venni in chiesa e, non vi trovando, senza pigliar la mula, venni qui per la via del traverso, e trovai madonna qui nel giardino, che fortemente si meravigliò di vedermi con questa cappa. E quando voi entraste, io cominciava a dirle la cagione di questa muta¬ zione de le veste. — Adunque — soggiunse il buon uomo — noi ci siamo falliti per la via, perché io venni per mezzo il corso. — E più oltre non pensò. La donna alora disse al marito: — Io so, marito mio, che noi abbiamo uno studioso avvocato che, quando deveria studiare, va ingannando le povere donne. — E sapendo il bisogno del dottore, mandò a pigliar de le confe¬ zioni e portar vini preziosi, da far collezione, a ciò che messer lo dottore alquanto si ristorasse. Ma più riso che confetto in quella collezione si mangiò, ben che diversamente ridessero. Manda¬ rono poi a pigliar la mula del dottore, il quale a casa se ne ritornò, e più e più volte con la donna de la mutazione degli abiti rise. Non m’è paruto per buoni rispetti porre i nomi propri e massimamente quello de la donna, a ciò che messer lo dottore non perdesse il suo godimento e meco s’adirasse, avendomi più volte di questa beffa ragionato. Ma come siate ritornata a Mi¬ lano, io vi prometto farvela narrare da 1’¡stesso dottore, il quale sono certissimo che vi dirà il nome del marito e de la moglie, pure che voi gli promettiate di tenerlo segreto.