Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/473

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


L’empio nega Iddio. SALMI, 14-17. Il vero cittadino dei cieli.
2 Infino a quando non farò altro tuttodì che consigliar nell’animo, ed affannarmi nel cuore? Infino a quando s’innalzerà il mio nemico sopra me?

3 Riguarda, rispondimi, Signore Iddio mio; illumina gli occhi miei, che talora io non dorma il sonno della morte;

4 Che il mio nemico non dica: Io l’ho vinto; e che i miei nemici non festeggino, se io caggio.

5 Ora, quant’è a me, io mi confido nella tua benignità; il mio cuore giubilerà nella tua liberazione;

6 Io canterò al Signore, perciocchè egli mi avrà fatta la mia retribuzione.

SALMO 14.

Estrema ribellione dei peccatori.

Salmo di Davide, dato al Capo de’ Musici.

1 LO stolto ha detto nel suo cuore1: Non vi è Dio. Si son corrotti, son divenuti abbominevoli nelle loro opere; non vi è alcuno che faccia bene2.

2 Il Signore ha riguardato dal cielo in su i figliuoli degli uomini, per veder se vi fosse alcuno che avesse intelletto, che cercasse Iddio.

3 Tutti son guasti, tutti quanti son divenuti puzzolenti; non vi è alcuno che faccia bene, non pur uno.

4 Tutti questi operatori d’iniquità che mangiano il mio popolo, come se mangiassero del pane, e non invocano il Signore, non hanno essi alcuno intendimento?

5 Là saranno spaventati di grande spavento; perciocchè Iddio è colla gente giusta.

6 Fate voi onta al consiglio del povero afflitto, perciocchè il Signore è la sua confidanza?

7 Oh! venga pur da Sion la salute d’Israele! Quando il Signore ritrarrà di cattività il suo popolo, Giacobbe festeggerà, Israele si rallegrerà.

SALMO 15.

Il vero cittadino dei cieli,

Salmo di Davide.

1 O SIGNORE, chi dimorerà nel tuo tabernacolo? Chi abiterà nel monte della tua santità3?

2 Colui che cammina in integrità, e fa ciò che è giusto, e parla il vero di cuore4;

3 Che non dice male colla sua lingua, e non fa male alcuno al suo compagno, e non leva alcun vituperio contro al suo prossimo;

4 Appo cui è sprezzato chi deve esser riprovato, e che onora quelli che temono il Signore; e il quale, se ha giurato alcuna
cosa, benchè sia a suo danno, non però la ritratta;

Il quale non dà i suoi danari ad usura5. E non prende presenti contro all’innocente6. Chi fa queste cose non sarà giammai smosso.

SALMO 16.

Confidanza e felicità del credente. Certezza della vita eterna.

Mictam di Davide.

1 GUARDAMI, o Dio; perciocchè io mi confido in te7.

O anima mia tu hai detto al Signore: Tu sei il Signore; il mio bene non è nulla fuorchè te.

3 Tutta la mia affezione è inverso i santi che sono in terra, e inverso gli uomini onorati.

4 I tormenti di coloro che corrono dietro ad altri dii, saran moltiplicati; io non farò le loro offerte da spandere, che son di sangue; e non mi recherò nelle labbra i nomi loro8.

5 Il Signore è la porzione della mia parte9, e il mio calice; tu, Signore, mantieni quello che mi è scaduto in sorte.

6 La sorte mi è scaduta in luoghi dilettevoli; una bella eredità mi è pur toccata.

7 Io benedirò il Signore, il qual mi consiglia; eziandío le notti le mie reni mi ammaestrano.

8 Io ho sempre posto il Signore davanti agli occhi miei10; perciocchè egli è alla mia destra, io non sarò giammai smosso.

9 Perciò il mio cuore si rallegra, e la mia lingua festeggia; anzi pur la mia carne abiterà in sicurtà.

10 Perciocchè tu non lascerai l’anima mia nel sepolcro11, e non permetterai che il tuo Santo senta la corruzione della fossa.

11 Tu mi mostrerai il sentier della vita12; sazietà d’ogni gioia è col tuo volto13; ogni diletto è nella tua destra in sempiterno.

SALMO 17.

Davide domanda di esser liberato dai suoi nemici, fidando nella propria innocenza e nella giustizia di Dio,

Orazione di Davide.

1 O SIGNORE, ascolta la giustizia, attendi al mio grido, porgi l’orecchio alla mia orazione, che io ti fo senza labbra di frode.

2 Proceda il mio giudicio dalla tua presenza; gli occhi tuoi veggano le diritture.

3 Tu hai provato il mio cuore, tu l’hai visitato di notte; tu mi hai messo al cimento, e non hai trovato nulla14; la mia bocca non trapassa il mio pensiero.


  1. Sal. 10. 4; 53. 1, ecc.
  2. Gen. 6. 11, 12. Rom. 3. 10, ecc.
  3. Sal. 24. 3, ecc.
  4. Ef. 4. 25.
  5. Es. 22. 25. Deut. 23. 19.
  6. Es. 23. 8. Deut. 16. 19.
  7. Sal. 25. 20.
  8. Es. 23. 13. Os. 2. 16, 17.
  9. Deut. 32. 9.
  10. Fat. 2. 25, ecc.
  11. Fat. 2. 27, 31; 13. 35, ecc.
  12. Mat. 7. 14.
  13. Mat. 5. 8. 1 Cor. 13. 12. 1 Giov. 3. 2.
  14. 1 Piet. 1. 7.

465