Poesie campestri/Alla luna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alla luna

../Al Signor Parsons ../Alla Salute IncludiIntestazione 14 febbraio 2011 100% Poesie}}{{Nota disambigua|Alla luna

Al Signor Parsons Alla Salute
[p. 139 modifica]

ALLA LUNA.


I.


     Grato al piacer, che move
Da te, vergine Diva, e in sen mi piove,
Te canterò: m’insegna
Deh tu quell’armonía,
5Che del pudico indegna
Orecchio tuo non sia,
Che parte stillar possa in cor del Saggio
Di quel dolce, ond’è pieno il tuo bel raggio.

[p. 140 modifica]
II.


     Oh quante volte il giorno
10Insultai col desío del tuo ritorno!
L’Ore in oscuro ammanto,
E con vïole ai crini,
T’imbrigliavano intanto
I destrieri divini,
15E su l’apparecchiata argentea biga
Il Silenzio salía, tuo fido auriga.

III.


     Perchè sola ti vede,
Sola l’ignaro vulgo in ciel ti crede:
Ma il Riposo, la Calma,
20Del meditar Vaghezza,
Ogni Piacer dell’alma,
La gioconda Tristezza,
E la Pietà, con dolce stilla all’occhio,
Ti stanno taciturne intorno al cocchio.

[p. 141 modifica]
IV.


     25Cieco io divenga, s’io
Di levare a te lascio il guardo mio;
O che in cammin notturno
Per fosca ombrata sponda
Vegga il tuo viso eburno
30Splender tra fronda e fronda,
O sieda in riva di tranquillo fiume,
Che l’onde sue rincrespi entro il tuo lume.

V.


     Meglio, se in riva a un lago,
Custode più fedel della tua imago.
35Talor quell’onda blanda,
Tuo specchio, ti consiglia,
Quando la tua ghirlanda
Di ligustro e giunchiglia,
Se turbolla per via rabido vento,
40Tu ricomponi con la man d’argento.

[p. 142 modifica]
VI.


     Steso sul verde margo
D’obblío soave ogn’altro loco io spargo.
Quai care ivi memorie
Trovo de’ miei prim’anni,
45Quai trovo antiche storie
De’ miei giocondi affanni!
Ah no, che Amor, d’ogni dolcezza avaro,
Sempre non mesce i nappi suoi d’amaro.

VII.


     E ancor che a quella unita
50Di Zelinda or non più sia la mia vita,
Con bel piacer ritorna
Spesso a quel giorno il core,
Che pria la vide, adorna
Di grazia e di pudore,
55Cortese e grave il guardo e la favella,
Luna, quale sei tu, modesta e bella.

[p. 143 modifica]
VIII.


     Ma se la faccia pura
Talora involvi d’una nube oscura,
E ripercuoton l’onde
60Luce più scarsa e mesta,
E annerasi ogni fronde
Della muta foresta,
Più l’alma è trista, e sotto nube anch’essa
D’atri pensier si riconcentra oppressa.

IX.


     65Allor, come dubbiosa,
Ed instabile qui giri ogni cosa;
Come, Dea sorda e forte,
Necessità qui regni,
E sieno al fin di morte
70Preda i più bei disegni,
L’alma volgendo va gelida e bruna.
Esci, ah tosto esci di tua nube, o Luna.

[p. 144 modifica]
X.


     Te ricomparsa appena,
Torna teco a brillar l’alma serena:
75Qual d’Orïente vaga
Sposa, che il vel rimova,
Onde ogni volta piaga
Nel suo Signor fa nova,
Tal esci dalla tua veste superba
80Per quelle tue lucenti orme, che serba.

XI.


     Mutasi allor la negra
Scena in un punto, e terra, e ciel s’allegra:
E con piacer l’erbette,
Pria tutte a brun dipinte,
85Mirano le caprette
In pallid’or ritinte;
Gli occhi sovra le cose errar già ponno,
Ed è più bello di natura il sonno.

[p. 145 modifica]
XII.


     Volge stagion talora
90Che in ciel t’incontri con l’altera Aurora.
Placida dea, tu poco
A pugnar seco aspiri,
Ma cedi pronta il loco
E il raggio tuo ritiri,
95Paga che tanto a lei dell’emisfero
Men lungo sia, che non a te, l’impero.

XIII.


     Però che alquanto albeggia
Pria quella Diva e alquanto indi rosseggia;
Ma tosto il sol l’ha colta,
100Tosto per lui dell’aria
La signorìa l’è tolta:
Trapassa solitaria,
Sconosciuta trapassa entro il suo velo
Nel color tinto, in cui si tinge il cielo.

[p. 146 modifica]
XIV.


     105O al lume tuo sereno
Sieda l’Estate, discoperta il seno,
O il Verno assiderato
Vada i tuoi rai cercando,
Alcun tepor bramato
110Quasi trovar sognando,
Così tu mi sia destra, inno canoro
Batterà sino a te le penne d’oro.

XV.


     E allor che infermo e stanco
Trarrò nelle giornate ultime il fianco,
115Che al tuo silenzio opaco
Mi fia l’errar fatica,
Mi fia la selva, e il laco
Solo delizia antica,
Nel mio ritiro un de’ tuoi rai discenda,
120E sul bianco mio crin dolce risplenda.