Retrocessione del Veneto 19 ottobre 1866

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Anonimo

1866 Indice:Retrocessione del Veneto 19 ottobre 1866.djvu Retrocessione del Veneto 19 ottobre 1866 Intestazione 22 giugno 2017 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 2 modifica]

L’anno 1866, il 19 ottobre
alle ore 8 ant.


Si sono riuniti da una parte il signor generale di divisione Lebœuf, aiutante di campo dell’imperatore dei Francesi, grand’ufficiale dell’ordine imperiale della legion d’onore, ecc., Commissario di S. M. nella Venezia; e d’altra parte i signori conte Luigi Michiel, il cav. Edordo De Betta podestà di Verona, ed il dottor Achille Emi-Kelder, costituiti in commissione: ed il signor generale Lebœuf pronunciò la seguente allocuzione:

«Signori,

Incaricato dall’imperatore Napoleone III a ricevere dalle Autorità austriache le fortezze e i territorii della Venezia, mi rimane a consegnare nelle vostre mani i diritti che furono ceduti a S. M.

È per compiere questa ultima parte del mio incarico che vi ho qui riuniti.

Voi già sapete con quale scopo l’Imperatore abbia accettata la cessione della Venezia. S. M si è su di ciò spiegata in una lettera dell’11 agosto indirizzata al Re d’Italia, e per istruzione delle intenzioni del mio augusto sovrano, io non so far di meglio che di leggervi questo documento:

Mio signor fratello,

«Ho saputo con piacere che V. M. ha aderito all’armistizio ed ai preliminari della pace sottoscritti fra il re di Prussia e l’imperatore d’Austria. È quindi probabile che sia per ischiudersi all’Europa una nuova era di tranquillità. V. M. non ignora che io non accettai l’offerta della Venezia che pel solo scopo di preservarla da ogni devastazione prevenire un’inutile effusione di sangue. Mio intendimento fu sempre di restituirla a sè stessa, perchè l’Italia potesse esser libera dalle Alpi all’Adriatico. Arbitra dei proprii destini, la Venezia potrà bentosto mediante il suffragio universale manifestare la propria volontà! V. M. riconoscerà che in siffatta circostanza l’azione della Francia si è anche [p. 3 modifica]questa volta adoprata a pro della umanità e della indipendenza dei popoli.

Io vi rinnovo l’assicurazione dei sentimenti dell’alta stima e della sincera amicizia con cui sono

Di V. M.

Il buon fratello
Napoleone.»


Signori,

L’imperatore conosce da molto tempo le aspirazioni del vostro paese. Sua Maestà, non ignora che esso desidera essere ricongiunto agli Stati del re Vittorio Emanuele, con cui, non ha guari, combattè per l’indipendenza dell’Italia. Ma per rispetto verso i diritti delle nazionalità e per la dignità dei popoli, l’imperatore ha voluto lasciare ai Veneti la cura di manifestare il loro voto. Essi sono degni di comprendere questo omaggio reso alla sovranità popolare sulla quale hanno base i governi della Francia e dell’Italia.

L’Imperatore rende testimonianza con ciò un altra volta del suo rispetto verso i principii che egli si fece sempre un vanto di difendere e verso i sentimenti d’amicizia dei quali egli diede reiterate prove a tutta la Penisola.

Sua Maestà è ben contento d’avere secondato cogli sforzi della sua politica il patriottismo ed il coraggio della Nazione Italiana.

Il signor conte Michiel, a nome dei membri della Commissione, rispose con queste parole, (in italiano).

«Quando nel 1859 le armi alleate abbatterono sui campi Lombardi i nostri oppressori, credemmo al grido «dall’Alpi all’Adriatico», compiuto il nostro riscatto; quella certezza ce la strappò la gelida mano della diplomazia. Ma quella mano non valse a comprimere i battiti del cuore di questo popolo, che raddoppiò i sacrificii fidente nel suo avvenire che era l’avvenire d’Italia, nè sviò il suo potente alleato dal cooperare alla redenzione di coloro che seppero mostrarsene degni.

Noi, e con noi i Veneti tutti veneriamo, l’opera della Provvidenza e ringraziammo ad un tempo il magnanimo alleato del nostro amatissimo Re, che, mentre si versava un sangue generoso sui campi di battaglia, colla sua potente mediazione affrettò il momento dell’indipendenza nostra e dell’unione al Regno d’Italia.»

In seguito il signor generale Lebœuf prese nuovamente la parola, dichiarando quanto segue:

«A nome di S. M. l’Imperatore dei Francesi ed in virtù dei pieni poteri e del mandato che si è degnato di affidarmi;

Noi generale di divisione Lebœf, aiutante di campo di S. M. l’Imperatore dei Francesi, grand’ufficiale dell’ordine imperiale della Legione d’onore ecc. ecc., Commissario di S. M. nella Venezia;

Veduto il trattato sottoscritto a Vienna il 21 agosto 1866 fra S. M. l’Imperatore de’ Francesi e S. M. l’Imperatore d’Austria, Re d’Ungheria, ecc. ecc, per ciò che riguarda la Venezia;

Veduta la consegna che ci è stata fatta della detta Venezia il 29 ottobre 1866 dal sig. generale Möering, comm. dell’ordine della Corona di Ferro, ecc., ecc., Commissario di S. M. l’Imperatore d’Austria nella Venezia;

Dichiariamo consegnare la Venezia a sé stessa, perchè le popolazioni arbitre del loro destino possano manifestare liberamente mediante il suffraggio universale i loro voti circa l’annessione della Venezia al Regno d’Italia.

Per sua parte il sig. Michiel, a nome della Commissione ha dichiarato di dar atto al signor gen. Lebœuf della consegna fatta della Venezia a sè stessa in nome di S. M. l’Imperatore dei Francesi nei termini ed alle condizioni più sopra esposte.

In fede di che il presente processo verbale, che sarà depositato negli archivi nazionali, fu sottoscritto dal Commissario di S. M. l’Imperatore dei Francesi e dai signori membri della Commissione.

Fatto in doppio originale a Venezia, il 19 ottobre 1866.

Il Commissario di S. M. l’Imperatore dei Francesi.

G. Leboeuf.

Il cap. di fregata

Vicary.

I membri della Commissione

Luigi conte MichielEdoardo cav. De BettaEmi-Kelder Achille

Il capo di vascello –

S. De Guiville.