Rime diverse in lingua genovese/D'incerto (Cristoforo Zabata)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
D'incerto (Cristoforo Zabata)

../V. D. (Vicenzo Dartona) ../Lorenzo Questa a Cristoffa Zabata IncludiIntestazione 29 dicembre 2013 75% Da definire

V. D. (Vicenzo Dartona) Lorenzo Questa a Cristoffa Zabata
[p. 116 modifica]


D'INCERTO.



DOnna chi sei de l'etè nostra honò
     Tà che de gentilezza, e cortesia
     3Tra quente a Zena sen porte ra sciò.
Vui con ra vostra chiera sauoria
     Poressi a un desperou da refrigerio
     6E un'homo rallegrà quando s'astria.
Saressi a parei me degna d'imperio
     Se come bella sei fuissi pietosa
     9Verso chi de seruiue hà desiderio.
Ro mondo non harè chiù bella cosa
     De vui certo ve zuro in veritè
     12Se fuissi a chi ve serue gratiosa.
Mi so ben che tra quenti inamorè
     Sen steti d'un gran pezzo in fina chie
     15Chiù fidè, chiù costanti, e chiù lee.
No son da mette a parangon con mie
     Perche anchuo di ri pari me son tenti
     18Che puoeran numerasse in sù re die.
No me vuoegio auantà como ri foenti
     Fan spesso, ni men fà l'achouentou
     21Che à vui digo ro vero ingenuamenti.
Sò ben che vui direi che m'hei prouou
     Un tempo, e che no son quello che digo
     24E che v'ho dro parei vostro inganou

[p. 117 modifica]

Di piu che mi no ue sarò inemigo
     Per questo e dinne chiù se ue sauei
     27Che no vestimo unna petacha, o un figo.
Son homo chi m'attacho a ro deuei
     Ni m'astizzo se ben m'è dito in chiera
     30Cosa c'haggie za dito e che a sea uei.
Confesso e vei che za fò tempo ch'era
     Seruitò vostro, e si de cuoe u'amaua
     33Che per vui ogn'atra Donna in odio m'era.
E so che quanto chiù mi m'inzegnaua
     De daue in ogni cosa compimento
     36Massime in zò che chiù ve delettaua.
Tanto vui chiù de dame ogn'hò tormento
     Goeiui, onde mi quasi desperou
     39L'anthò fei de lassaue pensamento.
Ma (si dighe) che cosa m'e zouou
     Se trei meisi no l'hò possua indurà
     42Cosi vui m'hauei guasto e affueiturou.
Donca haggie compasson dro me gran mà
     Che cosi come v'amo e ben rason
     45Che con tant'atro amò m'haggie a pagà.
No vuoeggie Donna ingrata esse caxon
     Che viue in chiento mi chi sempre vuoegio
     48Seruiue in vita, e dapoè mortè ancon.
Chiù no me pentirò, ma ben vuoeggio
     Pregà che tusto v' desmenteghe
     51Ni moe zò ch'è passaou me butte in oggio,

[p. 118 modifica]

Ve prego donca che me comande
     Zò che ve chiaxe che strauorentera
     54Mi ve compiaxerò se me proue.
Ma vui mostreue un pco men crudera
     Azò che come bella haggie ancon vanto
     57In iouere pietose esse primera,
Questo è madonna tutto quello, e quanto
     Mi ue requero, e se ro fè ve zuro
     60Che no ve metterò zà moe da canto
Perche a diuero voi l'ha troppo duro
     Osso da rosiggià, ben badamenti
     63Chi serue a donna crua con cuoe non puro.
Attendemo noi donca a sta contenti
     Sempre allegri, e in sorazzo, che'l è honesto
     66Ch'ogn'un fuzze a sò poei trauagi, e stenti.
E però fazo chi ra fin de questo
     Me di, per no tegniue chiù a desaxo,
     69Sarueme in gratia vostra che son lesto,
Per obediue in qua se vuoggie caxo.

[p. 119 modifica]

ALL'HONORATO SIGNOR

Gio. Pietro Crollalanza.


CRISTOFFORO ZABATA.



EGNO’ Gian Pero, come sei corteixe,
(E che sei da caschun speixo per tà)
Ve prego che ve chiaxe d’acettà
Questo don, che ve fazzo a ra Zeneixe.

5Perzò che ne distanza de paeixe
Ni longhezza de tempo strappassà,
N’han possuo come vei moe deschiantà
Dra gratia vostra, entr’o me cuoe re reixe.

Sò ben che fossa haora direi che son
10Odacioso, e che prezumo assè
Chiu de quello che a mi no se conuen,

Però ve prego che me perdonè
Se merito de questo reprenson
Puoe c’hò fetto ogni cossa, a fin de ben.


[p. 120 modifica]

AL SIG. STEFANO

Carmagnuola.

CRISTOFFA ZABATA


SEgno STEVA, sauei quanti agni son
Che ve cognosso, e vui cognossei mi,
E dei sauei mesimamente, assi,
Che sempre v'hò tegnuo per me patron,

5E se ben, no m'ei deto occaxion
Moe de seruiue, no è mancaou da mi
Ma ben da vui, chi m'ei tegnuo fin chi
Che no sea fossa per seruiue bon

Ma sea como se vuoeggia, hora ve prego
10Che ve chiaxe de famme esto fauò
(Se Dè ve daghe zò che dexirè,)

Che in bonna gratia de vostro Cugnò
Crollalanza gentì, me conseruè,
In seruixo dro quà moe sarò pego.

15Che de vui megio Mego
No posso a fà quest'vuouera trouà
Ni chi chiu vorrentè rà deggie fà.

Procurè che accettà
Ghe chiaxe inseme questo me presente
20A ro solito sò cortesemente

Che Dè tegne a vui rente
Sanna prosperitè d'ogn'hora, e in bando
Ro so reuerso, e a vui m'areccomando.

[p. 121 modifica]


AL MEDESIMO



TANDEM, feto hò ro libero stampà
Con gran speisa, e trauagio (Segnò mè)
(E con quenti desgusti ro sà Dè)
Pe ri que m'hò hauuo quasi a desperà.

5Sacchiè che tosto, che fuinto zà,
Vn trouei d'esti chi stampan papè,
E che in restreito m'accordei con lè
Perche o me hauesse subito a spacchià,

Si ghe lassei caparra ancon perche
10O me servissi e ben, fittaraman,
Ma puo da varent'homo ò m'hà mancaou.

E cosi d'hoggi anchuoe, drento a Miran
Fin a disette giorni o m'hà menaou,
Che chiu in derrè, che in prima era de pè.

15Pensè vui un poco sè;
D'esse si mà trattaou senza cazon,
Ra stizza hauei deueiua, e con raxon,

Onde per concruxon;
De no vorrei chiu tempo buttà via
20Me ressorsi vegnimene a Pauia,

Dond'è unna Stamparia
Bonna, e perfetta, come ve farò
Vei, quando a Zena come vui sarò.

Atro da di no v'hò,

[p. 122 modifica]

25Per hora, saruo che me prego assè,
Che a trei me amixi me recomandè,

No sò se vui sacchiè:
Chi questi sen, mà ve ri vuoegio di
Azò che in questo no posse falli.

30Steme donca a senti;
Messe Bernardo Castelletto, è l'un
Quà de seruì l'amigo è moe zazun.

E l'atro, che à caschun;
Vorentè serue, e moe de nò, no dixe
35E messe Marcantogno dri Pernixe.

Che Dè si ro benixe;
E ro mantegne ogn'hò san, e gagiardo
Ro terso, è dri Ferrè messe Bernardo.

Quà de bon'oggio guardo;
40E che dexiro chi, perche sò ben
Ch'esse con lè m'incressereiua men.

E a vui baxo re moen.
Pregandoue allegrezza, e sanitè
Che Dè ve daghe zò che dexirè.


45Da ra Citte chi ha dentro sò confin,
Ra Torre de Boetio Seuerin.
A ei cinque d'Arui, dro mille cento
Ottantatrei, con soura quattro cento.
Christoffa (chi dexira de seruiue)
Zabata, questo de sò man ve scriue.