S'è d'Eva e d'Adam tutto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bindo Bonichi

XIV secolo S Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura Intestazione 6 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Bindo Bonichi


[p. 155 modifica]

COME L'UOMO DEE CONSERVARE IN SÈ LA LIBERTÀ


     S’è d’Eva e d’Adam tutto
Genere uman venuto;
Questo ond’è proceduto
Che l’un uom sie signor, l’altro suggetto?
5Poi son d’un arbor frutto,
Perchè l’un vil tenuto,
L’altro è gentile avuto?
Mostrasi che dal vil nacque il difetto.
Seguendo i vizi, fe l’uom sè minore
10E degno di sua perder libertate;
Chè in seguir voluntate
S’acquista quell’ond’uom è dispettato:
Divenne chi ragion seguì, signore,
E fu principio di nobilitate.

[p. 156 modifica]

Dir altro è vanitate,
Ch’uom per lignaggio sia nobilitato.
Chi di nobil discende,
Se sia uom d’esser vile,
Avrem tal per gentile?
Non già; ma per villan di servir degno.
Se di villan discende
E tien nobile stile,
Direm grosso il sottile?
Non tragga arcier in van, se vede ’1 segno,
S’è con virtù saver, fa gentilezza:
Dal senno acquista l’uom discrezione;
E bona operazione
Move dalle virtù che l’uom possedè:
Perch’uom sia saggio, se virtù disprezza,
È, di suo esser non gentil, cagione.
Non fa servo ragione,
Ma vizio che dal cor villan procede.
Non seguisse altro bene
Del viver con virtute
Qie fuggir servitute,
Dovrìesi far, per tal non portar soma.
Qual uom servo diviene,
Sua perduta ha salute;
E sono a nulla avute
L’opere sue, se raddoppiasse Roma.
Chi perde libertà, perde tesoro
La cui valuta non si può stimare,
Perch’è di tale affare
Ch’ogni altra è, comparando a se, niente.
Per quante ha ’1 mondo gemme pietre et oro
Non si porrla d’uom libertà comprare;
Puossi ben racquistare
In alcun caso, quando ’1 cor 1 assente.
In tre modi è l’uom senza
Libertà possedere:
L’uno è, quando volere
Vince ragion, la qual, se vuol, racquista:
L’altro è maggior potenza
Che trapassa ’1 dovere;

[p. 157 modifica]

E ’n ciò si vuol tenere,
Seguendo tempo, modo opera e vista:
E 'l terzo è donna avere in compagnia;
Ma questo è da voler, poi Dio comanda
Che l’uom suo seme spanda,
Acciò che, l’uom morendo, l’altro vaglia.
Vero è che un giocolar cantar solìa
— Tal uom presenta che non sa che manda; —
Ma chi mangia vivanda
Ne sente il ver, se non sajxjr l’abbaglia.
Chi con virtute è saggio.
Non da ragion si parte;
Ma suo voler diparte
Da ogni disiar fuor di misura;
Altrui non fa oltraggio;
Mostra di sé dar parte.
Ma non s’obbliga in carte;
Passa col tempo, mentre vita dura.
S’obbliga se compagno sino a morte,
Poichè sua vede libertà perita.
In tal dimostra vita
Quanto suo senno trapassando vale;
Se nel combatter più si trova forte,
Rabbraccia e tien la gioi’ ch’avea fallita.
Ben sia state fornita,
Non pasce petrosello ogni animale.