Secondo libro di Samuele (Diodati 1821)/capitolo 22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../capitolo 21

../capitolo 23 IncludiIntestazione 2 marzo 2012 75% Da definire

capitolo 21 capitolo 23

[p. 287 modifica]

Cantico di azioni di grazie di Davide.

22  E DAVIDE proferì al Signore le parole di questo Cantico1, al giorno che il Signore l’ebbe riscosso dalla mano di tutti i suoi nemici, e dalla mano di Saulle2;

2  E disse: Il Signore è la mia rocca3, e la mia fortezza, e il mio liberatore;

Egli è l’Iddio della mia rupe, io spererò in lui; Egli è il mio scudo4, e il corno della mia salute; il mio alto ricetto, il mio rifugio; il mio Salvatore, che mi salva di violenza.

4  Io invocai il Signore, al quale appartiene ogni lode, e fui salvato da’ miei nemici.

5  Perciocchè onde di morte mi aveano intorniato, torrenti di scellerati mi aveano spaventato.

6  Legami di sepolcro, mi aveano circondato, lacci di morte mi aveano incontrato5.

7  Mentre io era distretto, io invocai il Signore, e gridai all’Iddio mio; ed egli udì la mia voce dal suo Tempio, e il mio grido pervenne a’ suoi orecchi6.

8  Allora la terra fu smossa, e tremò; i fondamenti de’ cieli furono crollati e scossi; perciocchè egli era acceso nell’ira.

9  Fumo gli saliva per le nari, E fuoco consumante per la bocca7; da lui procedevano brace accese.

10  Ed egli abbassò i cieli, e discese, avendo una caligine sotto a’ suoi piedi.

11  E cavalcava sopra Cherubini, e volava, ed appariva sopra le ale del vento.

12  Ed avea poste d’intorno a sè, per tabernacoli, tenebre, Viluppi d’acque, e nubi dell’aria,

13  Dallo splendore che scoppiava davanti a lui, procedevano brace accese.

14  Il Signore tonò dal cielo8, e l’Altissimo mandò fuori la sua voce;

15  Ed avventò saette, e disperse coloro; folgore, e li mise in rotta.

16  E, per lo sgridare del Signore, e per lo soffiar dell’alito delle sue nari, i canali del mare furon veduti9, i fondamenti del mondo furono scoperti.

17  Egli da alto distese la mano, mi prese, mi trasse fuori di grandi acque.

18  Egli mi riscosse dal mio potente nemico, da quelli che mi odiavano; perciocchè erano più forti di me.

19  Essi mi erano venuti incontro al giorno della mia calamità; ma il Signore fu il mio sostegno.

20  E mi trasse fuori in luogo largo; egli mi liberò; perciocchè egli mi gradisce10.

21  Il Signore mi ha fatta la retribuzione secondo la mia giustizia; egli mi ha renduto secondo la purità delle mie mani11.

22  Perciocchè io ho osservate le vie del Signore, E non mi sono empiamente rivolto dall’Iddio mio.

23  Perciocchè io ho tenute davanti agli [p. 288 modifica]occhi tutte le sue leggi, e non mi son rivolto da’ suoi statuti.

24  E sono stato intiero inverso lui, e mi son guardato dalla mia iniquità.

25  E il Signore mi ha fatta la retribuzione secondo la mia giustizia, secondo la purità che io ho guardata davanti agli occhi suoi.

26  Tu ti mostri pietoso inverso il pio12, intiero inverso l’uomo intiero.

27  Puro inverso il puro, e ritroso inverso il perverso13;

28  E salvi la gente afflitta, e bassi gli occhi in su gli altieri14.

29  Perciocchè tu sei la mia lampana, o Signore; e il Signore allumina le mie tenebre.

30  Perciocchè per te io rompo tutta una schiera; per l’Iddio mio io salgo sopra il muro.

31  La via di Dio è intiera; La parola del Signore è purgata col fuoco15; egli è scudo a tutti coloro che sperano in lui.

32  Perciocchè, chi è Dio, fuor che il Signore16? E chi è Rocca, fuor che l’Iddio nostro?

33  Iddio è la mia forza17; e il mio valore; ed ha renduta spedita e appianata la mia via18.

34  Egli rende i miei piedi simili a quelli delle cerve, e mi fa star ritto in su i miei alti luoghi.

35  Egli ammaestra le mie mani alla battaglia19, e con le mie braccia un arco di rame è spezzato.

36  Tu mi hai ancora dato lo scudo della tua salvezza, e la tua benignità mi ha accresciuto.

37  Tu hai allargati i miei passi sotto me, e le mie calcagna non son vacillate.

38  Io ho perseguiti i miei nemici, e li ho sterminati; e non me ne son tornato indietro, finchè non li avessi distrutti.

39  Io li ho distrutti, e li ho trafitti, e non son potuti risorgere; e mi son caduti sotto a’ piedi.

40  E tu mi hai cinto di prodezza per la guerra; tu hai abbassati sotto me quelli che si levavano contro a me.

41  Ed hai fatte voltar le spalle a’ miei nemici, Ed a coloro che mi odiavano, davanti a me; Ed io li ho sterminati.

42  Essi riguardavano in qua ed in là, ma non vi fu chi li salvasse; Riguardarono al Signore, ma egli non rispose loro20.

43  Ed io li ho stritolati minuto come polvere della terra; Io li ho calpestati, schiacciati, come il fango delle strade.

44  Tu mi hai ancora scampato dalle brighe del mio popolo; tu mi hai guardato per esser capo di genti21; il popolo che io non conosceva, mi è divenuto servo.

45  Gli stranieri si sono infinti inverso me; al solo udire degli orecchi, si son renduti ubbidienti a me.

46  Gli stranieri son divenuti fiacchi, ed hanno tremato di paura fin dentro i lor ricetti chiusi.

47  Viva il Signore, e benedetta sia la mia Rocca; e sia esaltato Iddio, ch’è la Rocca della mia salvezza.

48  Iddio è quel che mi dà modo di far le mie vendette, E che abbassa i popoli sotto me.

49  Ed è quel che mi trae fuori da’ miei nemici; tu mi levi ad alto d’infra coloro che mi assaltano, e mi riscuoti dagli uomini violenti.

50  Perciò, o Signore, io ti celebrerò fra le nazioni, e salmeggerò al tuo Nome22;

51  Il quale rende magnifiche le vittorie del suo re, ed usa benignità inverso Davide, suo Unto, e inverso la sua progenie, in sempiterno23.