Storia della geografia e delle scoperte geografiche (parte seconda)/Capitolo II/Scoperta dei paesi orientali dell'America del Nord

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Navigazione dei Normanni ad occidente della Groenlandia

../Viaggi di Other IncludiIntestazione 17 novembre 2019 100% Da definire

Capitolo II - Navigazione dei Normanni ad occidente della Groenlandia Capitolo II - Viaggi di Other


[p. 34 modifica]12. Scoperta dei paesi orientali dell’America del Nord. — Quindici anni dopo il viaggio di Bjarn (V. il n° 10), e così nell’anno 1000, Leif, secondogenito di Erik Rauda, nello [p. 35 modifica]intento di esplorare più da vicino i paesi veduti da quel navigatore nella direzione del sud-ovest, partì dalla Groenlandia a bordo di una piccola nave e con trentacinque uomini d’equipaggio, e, dirigendosi verso il sud, giunse ad una terra, nella quale si innalzavano grandi montagne nevose, ed occupata, tra la spiaggia del mare ed i piedi di quelle montagne, da campi di ghiaccio. Questo paese, al quale venne dato il nome di Helluland (Terra rocciosa), era assai probabilmente il Labrador. Più avanti la spedizione toccò una terra piana, bassa verso il mare e coperta di boschi, per cui fu chiamata Markland o Terra boschiva: i geografi moderni sono concordi nel riconoscere in essa l’Acadia o Nuova Scozia. Due giornate di navigazione, a partire dal Markland, condussero Leif ed i suoi compagni alla foce di un fiume, ove sbarcarono e costrussero una casa per passarvi l’inverno. Il giorno e la notte erano, in questo luogo, più eguali che nella Groenlandia e nell’Islanda, e più particolarmente è detto nella relazione del viaggio, che il giorno più breve vi era di ore nove, la qual durata corrisponde alla latitudine di circa 41° 30’. Durante il soggiorno colà, furono fatte molte escursioni nell’interno del paese, in una delle quali venne dato ad un tedesco, per nome Tyrker, di trovare molte viti cariche di grappoli, per cui quella regione venne detta Vinland it goda, o Paese del buon vino. Tenendo conto della latitudine del luogo di approdo e della circostanza, che realmente gli Stati della Nuova Inghilterra producono in abbondanza uve selvatiche, si è condotti a porre il Paese del buon vino in alcuno degli Stati odierni del Massachussetts, di Rhode Island o del Connecticut.

Ma i Groenlandesi non furono, a quanto pare, i primi coloni di queste contrade dell’America del Nord. Are Frode, scrittore della prima metà del secolo XII, dopo fatta menzione del Paese del buon vino, parla anche di un’altra terra vicina dal lato di mezzodì, conosciuta col nome di Terra degli uomini bianchi, o con quello di Grande Irlanda1, e riferisce che [p. 36 modifica]nell’anno 983 un islandese, per nome Ari Marson, gettato da una tempesta di mare sulle coste di quel paese, vi era stato battezzato, e che gli abitanti, compresi per lui del più alto rispetto, si opposero alla sua partenza, ed anzi lo innalzarono al grado di capo di tribù. Questa circostanza di un’antica popolazione cristiana nella Terra degli uomini bianchi, e la tradizione, comune presso le tribù originarie della Florida, che questo paese fosse già abitato da un popolo bianco che faceva uso di strumenti di ferro, ci autorizzano a ritenere che gli abitanti della Grande Irlanda, presso i quali Ari Marson aveva trovato così favorevole accoglienza, fossero coloni Irlandesi colà stabiliti da molti anni.

Parecchi altri viaggi furono fatti dai Groenlandesi al Vinland nello intento di stabilirvi una colonia. Tra essi notiamo il viaggio di Thorwald, fratello di Leif (anni 1002-1004); quello di Thorstein, altro fratello di Leif, in compagnia di 25 persone (1004-1005); la spedizione di Thorfinn, che rimase al Vinland per tre anni (1007-1010), ma dovette far ritorno in Groenlandia per le ostilità degli Eschimali o Skrellings. E pare che dopo questa spedizione di Thorfinn le relazioni col Vinland si facessero sempre più rare: appena si sa che Erik, primo vescovo della Groenlandia, vi giunse nell’anno 1121; che nel 1285 e nel 1288 si scopersero nuovi paesi al di là dell’Atlantico; che infine nell’anno 1347 una nave groenlandese giunse al Vinland dopo aver toccato il Markland.

Note

  1. Secondo il Rafn la Grande Irlanda corrisponderebbe all'insieme della Carolina, della Georgia e della Florida.