Venezia a Daniele Manin, nel 1866

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Zanella

1866 V Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie/Risorgimento/Venezia letteratura Venezia a Daniele Manin
nel 1866 Intestazione 22 dicembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 177 modifica]

VENEZIA A DANIELE MANIN


nel 1866.

___


    Non dirmi infida, se allegra in dito
Porto l’anello d’altro marito:
Con altro giuro ti son fedele,
                        4O Danïele.

    Vedova piansi, piansi i miei figli,
Piansi i flagelli, piansi gli esigli;
Vuoti i miei porti, frante le vele,
                        8O Danïele.

    Voller da’ sassi rader la storia;
Pegni immortali della mia gloria,
Voller rapirmi volumi e tele,
                        12O Danïele.

    Sovra le tombe d’Emo e Pisani
A risvegliarli battei le mani;
E non udirò le mie querele,
                        16O Danïele.

[p. 178 modifica]

    Dall’occidente venne un Guerriero;
Era la Croce sul suo cimiero;
Era il suo nome l’Emmanuele,
                        20O Danïele.

    De’ nostri figli pietà lo prese;
L’elmo levossi, sposa mi chiese,
Cangiommi in festa l’ore di fiele,
                        24O Danïele.

    Del Canal grande libero è ’l varco;
Il mio leone veglia in San Marco;
Plaudono i morti da San Michele,
                        28O Danïele.

    Ancor de’ dogi siedo sul trono,
Come il mio mare libera io sono;
Sposa a Vittorio ti son fedele,
                        32O Danïele.