Versi editi ed inediti di Giuseppe Giusti/A Girolamo Tommasi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Girolamo Tommasi. — Origine degli Scherzi

../Gli Umanitari ../All'Amico, nella primavera del 1841 IncludiIntestazione 11 novembre 2020 100% Da definire

A Girolamo Tommasi. — Origine degli Scherzi
Gli Umanitari All'Amico, nella primavera del 1841
[p. 90 modifica]

A GIROLAMO TOMMASI.


ORIGINE DEGLI SCHERZI.



Girolamo, il mestier facile e piano
     Che gl’insegnò natura ognun rinnega,
     E vuol nei ferri dell’altrui bottega
                                                  Spellar la mano.

Ognuno in gergo a scrivacchiar s’è messo
     Sogni accattati, affetti che non sente,
     Settario adulator della corrente,
                                                  O di sè stesso.

In due scuole vaneggia il popol dotto:
     La vecchia, al vero il torbo occhio rifiuta;
     La nuova, il letterario abito muta
                                                  Come il panciotto.

Di qua, cervel digiuno in una testa
     Di stoppa enciclopedica imbottita,
     D’uscir del guscio e d’ingollar la vita
                                                  Furia indigesta;

Calvo Apollo di là trotta alla zuffa
     Sul Pegaso arrembato e co’ frasconi:
     Copre liuti e cetre e colascioni
                                                  Vernice o muffa.

Aggiungi a questo un tirar giù di lerci
     Sonniferi che il torchio transalpino
     Vomita addosso a noi, del Figurino
                                                  Bastardi guerci;

[p. 91 modifica]


E tosto intenderai come dal verme
     Di bavose letture allumacato,
     Del genio paesano appena nato
                                                  Raggrinza il germe.

Non tutti il vento forestiero intasa;
     V’ha chi bee le native aure vitali:
     Ma non è già chi spolvera scaffali
                                                  Tappato in casa;

E sol perchè di Cronache e Leggende
     E di scene cucite un sudiciume,
     Per carestia, per noia e per costume
                                                  Si compra e vende,

Pensa e s’allenta in pueril conato
     Di Storia o d’Epopea, tisico a tanto,
     O sotto il peso di tragico manto
                                                  Casca sfilato;

O briaco di sè scansa la gente,
     E per il lago del cervello oscuro
     Pescando nel passato e nel futuro
                                                  Perde il presente:

Ma quei cui non fann’ombra all’intelletto
     La paga, il boia e gli altri spauracchi;
     Che si misura senz’alzare i tacchi
                                                  Col suo subietto;

Che benedice alla nativa zolla,
     Nè baratta sapore o si tien basso,
     Se, Dio volendo, invece d’ananasso
                                                  Nacque cipolla.

Varian le braccia in noi, varia l’ingegno
     A diversi bisogni accomodato:
     E trono e forca e seggiola e steccato
                                                  Non fai d’un legno.

[p. 92 modifica]


Tommasi, l’umor mio tra mesto e lieto
     Sgorga in versi balzani e semiseri;
     Nè so piallar la crosta ai miei pensieri,
                                                  Nè so star cheto.

Anch’io sbagliai me stesso, e nel bollore
     Degli anni feci il bravo e l'ispirato,
     E pagando al Petrarca il noviziato
                                                  Belai d’amore;

Ma una voce segreta ogni momento,
     Giù dai fondacci della coscîenza,
     Mi brontolava in tutta confidenza:
                                                  «Muta strumento.

» Perché temi mostrar la tua figura,
     » Se nella giubba altrui non l’hai contratta?
     » Dell’ombra propria, come bestia matta,
                                                  » Ti fai paura.

» I tuoi concetti, per tradur te stesso,
     » Rendi svisati nel prisma dell’arte,
     » E di secondo lume in sulle carte
                                                  » Torbo reflesso.

» L’indole tua così falsificando,
     » Se fai d’alchimia intonaco alla pelle,
     » Del tempo passerai dalle gabelle
                                                  » Di contrabbando?

» Scimmia, se gabberai le genti grosse,
     » Temi l’orecchio spalancato al vero
     » Che ne’ tuoi sforzi dell’inno guerriero
                                                  » Sente la tosse.

» Chi nacque al passo, e chi nacque alla fuga:
     » Invano invano a volgere il molino
     » Sforzi la zebra, o a farti il procaccino
                                                  » La tartaruga.

[p. 93 modifica]


» Lascia la tromba e il flauto al polmone
     » Di chi c’è nato, o se l’è fitto in testa;
     » Tu de’ pagliacci all’odierna festa
                                                  » Fischia il trescone.»

Ed ecco a rompicollo e di sghimbescio
     Svanir le larve della fantasia,
     E il medaglione dell’ipocrisia
                                                  Vôlto a rovescio.

Come preso all’amor d’una devota,
     Se casca il velo rabescato in coro,
     Vedi l’idolo tuo creduto d’oro
                                                  Farsi di mota,

Veggo un Michel di Lando, un Masaniello
     Bere al fiasco di Giuda e perder l’erre;
     Bruto Commendatore, e Robespierre
                                                  Frate e Bargello:

Mirare a tutto e non avere un segno;
     Superbia in riga d’Angelo Custode;
     Con convulsa agonia d’oro e di lode
                                                  Spennato ingegno;

Un palleggiar di lodi inverecondo;
     Atei-Salmisti, Tirtei coll’affanno,
     E le grinze nel core a ventunanno,
                                                  Lordare il mondo.

Restai di sasso; barattare il viso
     Volli e celare i tratti di famiglia:
     Ma poi l’ira, il dolor, la maraviglia
                                                  Si sciolse in riso;

Ah, in riso che non passa alla midolla!
     E mi sento simíle al saltambanco,
     Che muor di fame, e in vista ilare e franco
                                                  Trattien la folla.

[p. 94 modifica]


Beato me, se mai potrò la mente
     Posar quïeta in più sereni obietti,
     E sparger fiori e ricambiare affetti
                                                  Soavemente.

Cessi il mercato reo, cessi la frode,
     Sola cagion di spregio e di rampogna;
     E il cor rifiuta di comun vergogna
                                                  Misera lode.

Ma fino a tanto che ci sta sul collo,
     Sorga all’infamia dalla nostra voce,
     Di scherno armata e libero e feroce,
                                                  Protesta e bollo.

Come se corri per le gallerie
     Vedi in confuso un barbaglio di quadri,
     Così falsi profeti e balì ladri,
                                                  Martiri spie,

Mercanti e birri in barba liberale,
     Mi frullan per la testa a schiera a schiera:
     Tommasi, mi ci par l’ultima sera
                                                  Di Carnevale.

Ecco i miei personaggi, ecco le scene,
     E degli scherzi la sorgente prima:
     Se poi m’è dato d’infilar la rima
                                                  O male, o bene,

Scrivo per me, scemandomi la noia
     Di questa vita grulla e inconcludente,
     Torpido per natura, e impazïente
                                                  D’ogni pastoia.

Chi mira al fumo, o a quello che si conia,
     Dalle gazzette insegnamenti attinga,
     E là si stroppi il cranio, o nella stringa
                                                  Del De Colonia.

[p. 95 modifica]


Centoni, Fantasie scriva a giornata;
     Venda la bile, il Credo e la parola,
     Mentre gli pianta il cómpito alla gola
                                                  Libraio Pirata,

Che avaro e buono a nulla, esige mondi
     Da te che mostri un’oncia di valore;
     E co’ romanzi galvanizza il core
                                                  De’ vagabondi.

Io no: non porterò di Tizio o Caio
     Oltramontane o arcadiche livree,
     Nè per lisciarle affogherò l’idee
                                                  Nel calamaio.

Non sarò visto volontario eunuco
     Recidermi il cervel, perch’io disperi
     La firma d’un Real Castrapensieri
                                                  Birbone e ciuco.

Se posso, al foglio non darò rimate
     Frasi di spugna, o copie o ipocrisie;
     Nè per censura pubblica le mie
                                                  Stizze private.

Ma scrivendo là là quando mi pare
     Sulle farse vedute a tempo mio,
     Qualcosa annasperò, se piace a Dio,
                                                  Nel mio volgare.

Laudato sempre sia chi nella bara
     Dal mondo se ne va col suo vestito:
     Muoia pur bestia; se non ha mentito,
                                                  Che bestia rara!