Antinoo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

XIX secolo A Indice:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu Poesie Letteratura Antinoo Intestazione 13 febbraio 2019 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta L'Empedocle ed altri versi


[p. 237 modifica]

ANTINOO


[p. 238 modifica] [p. 239 modifica]


Opere di Mario Rapisardi 5 (page 239 crop).jpg



Appoggiò l’arco alla parete, e lento
     Volse, intorno guardando all’ampia sala,
     Il vendicato Laerzíade il dorso.
     Tutti giaceano i Proci, e il pavimento
     5Lagheggiava di sangue. Atre ei le mani
     E maculati i fausti cenci avea;
     Ma come terso cielo entro il suo core
     Splendea l’animo suo, poichè diritta
     E lungamente da una dea voluta
     10Di quel branco lascivo era la strage.
     Al cenno dell’eroe corsero i fidi
     Famigli a trarre i morti corpi; venne
     Euriclea con le fanti; e poi che in copia
     Ebber dalle ritonde idrie versato

[p. 240 modifica]


     15La schietta onda, che fuor dell’inclinate
     Bocche sonando prorompea, sollecite
     Nel sanguinoso guazzo altre si diedero
     Le scope irsute ad agitar, non senza
     Serrar fra l’anche le ondeggianti vesti;
     20Altre, menando le assetate spugne
     Con volubile braccio, ebbero in breve
     Nitida fatta la marmorea sala.
     Dal mucchio degli uccisi ultimo venne
     Antinoo tratto, il più giocondo fiore
     25Dell’itacense gioventù: vincea
     Tutti in bellezza ed in burbanza, e prima
     L’avea d’ogn’altro il fatal arco vinto.
     Fuori il trasser nell’atrio, e solo in parte
     L'adagiarono contro ad un pilastro
     30Presso la porta, su d’un bronzeo scanno,
     Sì che spirar parea: volean con questo
     Maligno gioco saettar la mente
     De le ancelle, però che le proterve
     Della specie di lui tutte eran prese.
     35Ed a’ bei dì sel disputavan. Bianco,
     Non deformato dalla morte ancora,
     Come di tuberosa, era il suo volto;
     E quai grappi di nera uva, alla prona
     Fronte e alle gravi palpebre un’azzurra
     40Ombra irrigavan le scomposte ciocche.

[p. 241 modifica]


     Lo videro le donne, ed i singulti
     Soffocavan ne’ petti ansj, ma calde
     Le lagrime piovean fuor de’ loro occhi.
     Essa Euriclea, benchè già vecchia e troppo
     45Delle vendette del padron contenta,
     Sentì serrarsi il cor: poi che all’aspetto
     Di quel corpo venusto entro alla fredda
     Ombra di morte acerbamente immerso,
     D’un suo figliuol si risovvenne, pari
     50D’anni e non meno agli occhi suoi leggiadro,
     Cui non avverso acciar, ma un improvviso
     Malor le aveva in un sol dì mietuto.
     Si fe’ da presso al giovinetto esangue
     La saggia vecchia, e lentamente il bianco
     55Capo crollando tra le curve spalle,
     E carezzando con trepida mano
     Quella gelida guancia: Oh, non avessi,
     Non avessi tu mai qui posto il piede,
     Ripetea sospirosa; a te di ameni
     60Sollazzi i campi, a te di laute mense
     Scarsa non era la magion paterna;
     Ma ambizion ti vinse, e forte solo
     Del tuo piacer qui ne venisti i censi
     A disertare, a soqquadrar le case
     65Del miglior degli eroi; folle, e ti parve,
     Poi che in beltà gli emuli tuoi vincevi,

[p. 242 modifica]


     La consorte di lui facil conquisto.
     Misero! e qual di senno opra o di braccio
     Far ti poteva a quella donna accetto,
     70Che l'inconcusso talamo al ramingo
     Marito custodía vigile, e sempre,
     S’anco morto il sapea, pianto l’avrebbe,
     Caste frodi tramando a cui voglioso
     Era e pur tanto del suo core indegno?
     75A te, fuor che di balli e di furtivi
     Mescolamenti, non accese mai
     Nobile ardor questo femmineo petto
     Ch’or non palpita più; fuor che d’alterno
     Mutar di gozzoviglie, a te più saldo
     80Pensier mai non picchiò qui dentro a questa
     Breve fronte di marmo, a cui sì pura
     Forma, certo per gioco, un dio concesse.
     Bello non era il figlio mio? Ma forte
     Era del pari e alle fatiche avvezzo;
     85In poc’ora ei perì, ma su l’onesto
     Lavoro la ferrigna Ate il percosse.
     Te in ozj turpi un dio prostrò; cadesti
     A par d’infruttuoso arbore, in cui
     Vibra fischiando il contadin la scure:
     90Poco esso dura a’ colpi aspri, chè vuoto,
     Ancor che liscia ha la corteccia, è tutto,
     E con vano fragor cade, allietando

[p. 243 modifica]


     Il provvidente agricoltor, che sgombro
     Respirar vede il campo e liberati
     95Dall’uggia grave i sottostanti arbusti.
     Tu cadesti così; così deh possa
     Giove sempre colpir chi, di benigni
     Sensi sdegnoso e ad alte imprese inetto,
     Nelle sostanze altrui, nelle altrui donne
     100L’iniqua mano insidioso avventa!