Dovunque eo vado o vegno o volgo o giro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Dovunque eo vado o vegno o volgo o giro Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Madonna, quando eo voi non veggio in viso Merzé, madonna, non mi abbandonate
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 18 modifica]

XXXV

Piangendo chiede pietá alla sua donna.

Dovunque eo vado o vegno o volgo o giro
a voi son, donna mia, tuttor davanti;
e, s’eo con gli occhi altrove guardo o miro,
4lo cor non v e*, poi ch’io faccio i sembianti.
E spesse volte si forte sospiro,
che par che ’l cor dal corpo mi si schianti;
allor piango e lamento, e non m’adiro,
8ma li ilici occhi bagno tutti quanti.
E dolzemente faccio mio cordoglio,
tuttor, mia donna, a voi merzé chiamando,
11umile-mente piú, quant’eo piú doglio.
Durar non posso piú disiderando;
non aggio ili voi quello, eh aver soglio;
14morrò per voi piangendo e sospirando.