Guida al Lago d'Iseo ed alle Valli Camonica e di Scalve/Da Brescia ad Iseo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Introduzione

../Il lago d’Iseo IncludiIntestazione 30 agosto 2011 100% Da definire

Introduzione Il lago d’Iseo
[p. 1 modifica]

Da Brescia ad Iseo.


La via che da Brescia mette ad Iseo, seconda, alla distanza da tre ad un chilometro a destra, i colli vitiferi di Cobiato, Cellatica, Gussago, Rodengo, Saiano, Ome, Corneto, Monticello Brusati e Provezze, che danno dei migliori vini della Provincia, vini atti a migliorare assai. Ivi la terra argillosa e marnosa intorno le viti, per costume antico, nel verno è lavorata profondamente a solchi, utilissimi alla fruttificazione. Quelle vigne esclusive, e le grandiose cantine di Cellatica, di Cobiato e di Monticello meritano visita dagli enologi ed enofili.

Questi colli col tratto, parte piano, parte ondulato, e colla collina isolata detta Monte Orfano sino a Palazzolo sull’Oglio a modo di triangolo, formano la parte della provincia detta Francia Corta, denominazione che si prese ad usare solo verso il 1300, e che pare derivata dal breve soggiorno fattovi dalle bande rapaci di Carlo d’Angiò, passanti nel 1265 [p. 2 modifica]al conquisto del regno di Napoli, bande contro le quali dalle castella insorsero i Ghibellini.

Verso la mezza via, a dieci chilometri da Brescia, fra vasti prati, pompeggia il chiostro ch’era de’ Cluniacensi, e del 1445 fu dato agli Olivetani a Rodengo, di stile sansoviniano, il massimo e più grazioso chiostro bresciano. Soppresso quel convento alla fine del secolo scorso, ora quegli edifici servono all’agricoltura. Nella chiesa era uno squisito leggìo, lavoro del frate Raffaele da Marone del principio del secolo XVI. Quel leggìo ora è nella galleria Tosi a Brescia. Ivi ora s’ammira la porta della chiesa d’arenaria rossa camuna, con lunetta dipinta squisitamente da Foppa il vecchio nel 1491, il refettorio con grandiosi a fresco del principio del secolo XVII di Cossali e di Zugno, ed altre sale ove dipinsero Gambara, Romanino ed i loro scolari.


Monticello Brusati. — Chi per ammirare le vigne deviasse a questo paesuccio, vi vedrebbe al Castel Veder ancora le reliquie del castello che diede il nome alla famosa famiglia guelfa de’ Brusati, e vi ammirerebbe la cantina grotta Rossetti capace di cinquemila ettolitri. — Abitanti 1198.


Provaglio. — A tre chilometri da Iseo, ed a 18 da Brescia, scendesi a Provaglio, dove sulle pendici [p. 3 modifica]meridiane prosperano gli ulivi. Ivi sul ciglio della lama, tra querceti, spicca gruppo pittoresco di case, fiancheggiate da chiesetta, che al lato esterno orientale appare ampliata almeno tre volte. Sino al 1440 era d’un piccolo monastero di cenobiti di Cluny, indi del 1536 fu de’ canonici di S. Salvatore di Brescia. Dalla fine del secolo scorso è della famiglia Bergomi d’Iseo. Vi sono serbati capitelli romani ed una figura mitriaca, onde s’argomenta che quivi i benedettini, intorno ai ruderi di tempio del sole, facessero costruire piccolo oratorio. — Abitanti 1418.


Iseo. — I romani chiamavano Iseum il sacrario d’Iside, nume venerato anche nella valle del Po nel secolo secondo, culto del quale rimase tradizione ad Iseo. Sito di confine e di mercato di scambio fra Reti e Camuni e Cenomani prima, indi di commerci tra pianigiani e montanari, come Desenzano, Peschiera, Lecco, Arona, Sesto Calende. Una lapide romana trovatavi porta il nome di un merkator una carta del mille parla del pubblico mercato d’Isex1, ed una del 1107 dice di contesa pel porto fatta coi Loveresi. Sino dal V secolo ebbe chiesa plebana, e la di lui rocca venne restaurata nel 909 per timore degli Ungheri. Iseo diventato propugnacolo di confine della repubblica di Brescia contro quella di Bergamo, già [p. 4 modifica]nel secolo XIII avea sul lago gazarie e sirene armate. Dominato dagli Oldofredi ghibellini, Brescia democratica nel 1281 ordinò che non se ne riedificassero il girone e le fortificazioni (fortilitia) che essa vi avea fatto distruggere. Nelle cui reliquie i ghibellini Federici e Celeri nel 1288 fecero strage de’ guelfi bresciani. Ma poi Giacomo Oldofredo del 1300 vi fece costruire la cerchia, della quale si veggono ancora reliquie. Quell’Oldofredo morto nel 1325 è sepolto nel bel sarcofago che sta sulla facciata della pieve d’Iseo, a piè del campanile, fatto pure innalzare da lui. Ci stettero a diporto Matteo Visconti nel 1350 circa, la Cornara regina di Cipro nel 1497. e Venezia serbò a questo Comune i dazi alle porte, il banco pubblico ed il Notariato, e nel 1460 gli concesse un piccolo ghetto di ebrei, che ci dimorarono più d’un secolo pei traffici.

La chiesa plebana d’Iseo sorse su tempio romano, e fu ampliata e restaurata varie volte, e finalmente ridotta alla forma attuale per Vantini nel 1826. Di antico serba solo il campanile, che le lapidi romane furono poste nel museo di Brescia. Gli a fresco di questa chiesa nella callotta e nella cupola sono di Teosa, decoratore teatrale che fece le migliori sue opere nella graziosa parrocchiale di Provezze a sette chilometri da Iseo, gli altri a fresco sono di Angelo Inganni d’Iseo. Vi sono notevoli due quadri negli [p. 5 modifica]altari nuovi laterali: l’uno a sinistra di Ayez, l’Arcangelo Michele, di lui capo d’opera, l’altro il S. Pietro di Diotti. Il 24 aprile 1874 vi si rizzò la statua di S. Vigilio dello scultore Giacomo Sozzi da Castione, e per legato 14 marzo 1868 di Paola Bonini. Sulla piazza del di lui mercato l’11 novembre del 1883 s’inaugurò la statua di Garibaldi dello scultore Bordini da Verona, la prima erettasi a lui in Italia, e nel 21 giugno 188o vi si inaugurò la ferrovia per Brescia. Presso Iseo, ai Frati sotto il portichetto della chiesa era da vedere una Madonna a fresco arieggiante Gentile da Fabiano, ed una stigmate del 1508 in terretta verde. Al Miario conservasi su faciata di casa colonica una Madonna di Giovanni Marone del 1487.

Da Iseo con cammino di mezz’ora voglionsi visitare la caverna ossifera quai2 e le rovine della rocca e della chiesa del Crocefisso già detta i pagà che le stanno sopra, e dove Marin Sanudo nel 1482 trovò molte antigità. Ed il piccolo pittoresco promontorio Manticli villa Barboglio.

Presso Iseo a mezzodì ed occidente stendesi la palude detta Lama, nella quale si compose torba d’uno spessore medio di tre metri, e per l’estensione di due chilometri quadrati. Cuspidi di silice trovati a [p. 6 modifica]quattro metri di profondità in questa torba, mostrano che essa è molto antica, ma che venne formata massimamente in tempi storici, come lo fu quella di Torbiato3 a sei chilometri a mezzodì di questa, e nella quale sul fondo si trovarono pure molte cuspidi simili. La torbiera di Torbiato ora è esaurita, quella d’Iseo si prese a cavare regolarmente nel 1862, ed ha macchina di ferro galeggiante spappolatrice, varatavi il 7 luglio 1867. Ora vi si cavano dalli 50 alli 80 mila quintali di torba all’anno, e d’estate vi lavorano 180 persone.

Per Iseo passano annualmente duecento mila ettolitri di grano che il bacino del lago, dell’Oglio e del Serio superiore attirano dal piano bresciano, dal mantovano e dal cremonese. Ci passano anche medianamente ottantamila ettolitri di vino, e pei bacini medesimi, dai quali scendono in cambio centomila quintali di ghise, acciai e ferri, quarantamila quintali di castagne, ventimila di legnami, tremila di vimini, sessantamila di gessi e quaranta mila capi di bestiami di varie qualità. per dirigersene una quarta parte verso la Bergamasca allo sbocco del lago di Sarnico. In Iseo si tengono due mercati settimanali, il martedì ed il venerdì, pei quali nel 1855 costrusse un maestoso locale sociale, che serve anche quale [p. 7 modifica]dok pelle biade. Nel 1841 aprì un Ospitale nel chiostro che fu di zoccolanti, Ospitale rinnovato nel 1884-85. Nel 1870 vi si costrusse la filanda a vapore Bonomelli, ora Negrinelli, con 65 bacinelle, e l’anno dopo vi sorse l’elegante filanda, pure a vapore, Guerini, con 62 bacinelle, e nel 1882 quella pure a vapore Formenti con 50 bacinelle. — Abitanti 2562.

Sul monte d’Iseo presso la Torre in fondo Prestini-Nulli è un castagno gigante, che ad un metro dal suolo misura metri 10,50 di circonferenza, e gli sta vicino altro castagno di metri 6,60. Presso la fonte alla pendice Colomber un gambo di vite rossera misura 74 centimetri di circonferenza.

L’albergo del Leone sul lago al porto del piroscafo, con terrazza, peschiera, vetture e battello, può confortare i viaggiatori.


Clusane. — Seguendo la sponda meridiana del lago a cinque chilometri da Iseo verso Sarnico, vedesi specchiarsi nelle acque Clusane con castello, ora palazzotto fortificato dal Carmagnola nel 1429, e dipinto esternamente un secolo dopo quando era dei Sala. Vi si vogliono vedere alla riva avanzi di costruzioni romane che sembrano bagni. Merita nota una Salutazione dipinta a fresco sulla porta d’ingresso della casa già Barboglio, ora Capuani al Zuccone nel principio del secolo XVI, ad imitazione del quadro del [p. 8 modifica]Beato Angelico che sta a Brescia nella chiesa di S. Alessandro. Era a Clusane una lapide romana a Giove, ora al museo di Verona.

Fra Clusane e Colombaro il 6 ottobre 1874 si accese primamente una fornace circolare per latterizi, fatta costruire dallo svizzero Biasca, a sistema Stella, con 12 camere, e capace del prodotto annuale di cinque milioni di pezzi, e con camino alto 30 metri. Vi è largo deposito d’argilla, onde se ne fanno annualmente quattro milioni di pezzi laterizi4. Ai tempi romani le fabbriche d’embrici e laterizi erano ad Iseo. Abitanti 815.

Note

  1. Il nome Ises compare già in un documento dell’anno 882.
  2. Quai viene da radice greca significante caverna come la Frazione Cuel che vi sta sotto. Quai sul lago di Como, vale abisso, ed una via Quai è accennata in pergamena di Storie del sec. XI.
  3. Torbiat, Torbole col nome denotano la natura del suolo torboso con acque torbide.
  4. Chiese antiche per pesche devono aver originato il nome Clusane, la cui desinenza si ripete ne’ luoghi vicini Cremi-gnane, Zur-ane. Serragli simili diedero i nomi di Cius, presso Lecco e di Chioggia.