Il Cantico di Debora

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Zanella

1868 I Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie letteratura Intestazione 26 dicembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 199 modifica]

IL CANTICO DI DEBORA.


___


Giudici, Capo V.


      O prodi che al folgore
   De’ brandi, dell’aste
   Il petto magnanimo
   In campo snudaste,
   5Ne’ rischi con giubilo
   Poneste le vite,
   A Dio benedite.

      Porgete l’orecchio,
   O prenci e regnanti:
   10Io son che glorifico
   Il Santo de’ Santi;
   Al Dio degli eserciti
   Io Debora, io sono
   Che il cantico intuono.

[p. 200 modifica]

  15O Signore, quel dì che alle spalle
Di Seìr ti lasciasti la valle,
  E d’Edòme per l’ampia contrada
A’ tuoi servi segnasti la strada.
  Spaventata diè un balzo la terra
20Che ti vide discendere in guerra;
  Cieli e nubi si sciolsero in fonti;
Come cera si strussero i monti;
  Tocche al vampo dell’ira divina
Dileguaro le balze del Sina.


      25Ma nell’età di Sangaro,
   Ne’ giorni di Iaele
   Le vie maestre tacquero
   Deserte in Israele:
   Tremando i passeggeri
   30Battean torti sentieri,
   Finché terribil sorse
   Debora in guerra, e madre
   Impavida soccorse
   All’invilite squadre.

      35Dio nove pugne elesse,
   Dio gli orgogliosi oppresse.
   Quarantamila in campo
   Trasse Israel: ma nudi
   D’aste venian, nè scampo
   40Avean d’usberghi e scudi.

[p. 201 modifica]

   Voi, voi, gran duci, appello,
   Salute d’Israello!
   Voi, voi, che del nemico
   L’ire sfidaste, al Santo,
   45Al Dio di Abramo antico
   Lieto intonate il canto.

        Cantate le sue glorie,
   Dite le sue vittorie
   Voi che premete in corso
   50Di bianche asine il dorso;
   Voi che sedete al fôro
   Maestri della legge,
   Magnificate in coro
   Colui che ne protegge.

        55Dove allo scontro orribile
   Giacquero i carri infranti;
   Dove il torrente esanimi
   Volve cavalli e fanti,
   Cantiam, cantiam le glorie,
   60Del Dio delle vittorie,
   Terribile a’ protervi,
   Benigno co’ suoi servi.
   Spezzate le ritorte
   La gente allor convenne
   65Festosa in sulle porte
   E ’l principato ottenne.

[p. 202 modifica]


     Sorgi, Debora, sorgi, il canto intuona;
Sorgi, Debora, all’inno impenna il vol;
     Sorgi, Barac fedel; sorgi, imprigiona
70I vinti tuoi, d’Abinoàm figliuol.

     In salvo d’Israel sono gli avanzi;
Co’ servi suoi l’Altissimo pugnò;
     Ei che col braccio d’Efraìm pur dianzi
D’Amalecco le file esterminò.

     75Uscì da Beniamino altro leone,
Pur terror di Amalèc: mandò Machir
     I suoi prenci alla pugna; e Zabulone
I duci ad Israel scese ad offrir.

     Venne Issacàr: nè scolorossi in viso
80Barac, il forte, delle trombe al suon.
     In contrari voler Ruben diviso
Fra’ suoi prodi agitò vane tenzon.

     Che stai, che stai fra due confini assiso,
Mandrïan delle gregge intento al suon?
     85In contrari voler Ruben diviso
Fra’ suoi prodi agitò vane tenzon.

     Oltre il Giordan guardò vilmente il nido
Galad, nel Dan le navi sue lasciò;
     Del mare si ritenne Àser sul lido
90E ne’ porti al terror schermo cercò.

[p. 203 modifica]


     Ma Zabulone e Neftali di prandi
Vil desìo non trattenne, e dal Tabor
     Sulle pianure di Meròme a’ brandi
Nemici il petto scesero ad oppor.

     95Vennero i re; con noi pugnaro; accanto
All’acque di Megiddo alto pugnâr;
     Ma de’ re Cananei fu stolto il vanto,
Chè nè un’oncia d’argento indi portâr.


              Dal ciel per noi pugnarono
         100Amiche le procelle;
         Schierate incontro a Sisara
         Pugnarono le stelle.
         I monti de’ cadaveri
         Nell’onda sua repente
         105Trasse il Cison torrente,
         Trasse il Cisonne, all’imo
         Travolse il Cadumimo.
         Anima mia, calpesta,
         Calpesta i glorïosi
         110Che contro Dio la testa
         D’inalberar fur osi.
         Ove son essi? L’ugna
         Tritossi de’ cavalli,
         Fuggendo dalla pugna

[p. 204 modifica]

         115Per dirupati calli
         I più valenti! ansanti
         Van pe’ burroni erranti.

              Ma di Mezor maledetta,
         Disse l’Angiol, sia la terra;
         120Sia la gente maledetta
         Che non surse al suon di guerra;
         Co’ guerrier non si son misti
         Ne’ conflitti del valor;
         Co’ fratelli non fur visti
         125Alle pugne del Signor.

              Fra le donne benedetta
         In eterno sia Iaele,
         La pudica, la diletta
         Del Cineo sposa fedele;
         130Benedetta la tremenda
         Che Israele francheggiò;
         Benedetta nella tenda
         Ove Sisara prostrò.

              Venne e d’acqua ei la richiese.
         135Fior di latte in regal vase
         Ella incontro offrì cortese,
         Come il ciel le persuase.
         Colla manca strinse un chiodo,
         Colla destra un maglio alzò,

[p. 205 modifica]

         140E, spiato al ferir modo,
         Nelle tempie gliel cacciò.

              Traforolle. Al suo cospetto
         Si scotea divincolando;
         Trambasciando, sanguinando
         145Si torceva il maledetto,
         Finché giacque in abbandon
         Fiero ingombro al padiglion.

     Dalla finestra protendea lo sguardo
La madre intanto e lo chiamava a nome.
150Perchè non giunge? come
Il vol di sue quadrighe oggi è sì tardo,
Di sue quadrighe il vol che il vento avanza?
Ululando dicea nella sua stanza.

     La maggior delle ancelle a confortarla
155Allor così le parla:
Or dividon le prede: immense prede
Essi forse non fero? Una donzella,
Due donzelle a ciascun; ma la più bella
A Sisara si dà. Di ostro superba
160E di rubini screzïata e di oro
Per Sisara una veste si riserba;
Ei già vi passa la cervice, e riede
Grave le terga di regal tesoro.

[p. 206 modifica]


              Peran così, Signore,
         165Perano i rei! Ma quanti
         Ti aman di saldo amore,
         Fulgor di gloria ammanti,
         Pari al fulgor che splende
         In volto al sol che in orïente ascende.