L'amore materno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Zanella

1868 L Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie letteratura L'amore maternο Intestazione 21 dicembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 96 modifica]

L'AMORE MATERNO

___


alla contessa olimpia colleoni-lampertico

di vicenza.

__


     Volgon due soli ch’io sciogliea fidente
A te l’augurio di miglior fortuna.
Ecco nel dolce nido, ove piangente
4Sedesti appiè d’una deserta cuna,

     Ecco due biondi pargoli vezzosi,
Che ambo i padri han nell’atto e nella faccia,
Che vispi ti sorridono e festosi
8Al materno tuo sen stendon le braccia.

     Avventurati pargoli! Né sanno,
Ancor non sanno di che immenso affetto
Tu palpiti per essi; e quanto affanno
12A un lor vagito ti conturbi il petto!

[p. 97 modifica]

     Nell’aurea luce di notturne stanze
Veglian le tue compagne in lieti crocchi;
O di protratte musiche e di danze
16Fanno agli orecchi allettamento e agli occhi.

     Tu di una muta lampade al barlume
Presso i pargoli tuoi siedi le notti;
E t’è dolce per lor lasciar le piume,
20Dolci i lievi per lor sonni interrotti.

     Nel tuo talamo appar della Divina
Madre un’immago benedetta e pia;
E lì con ansio cor sera e mattina
24Sollevi i verecondi occhi a Maria,

     Pregando Lei che del virgineo velo
Covrir si piaccia i piccioli tuoi figli;
E sulla cuna che li accoglie, il Cielo
28Mandi gli angeli suoi, piova i suoi gigli.

     Crescete, o fanciulletti! Il mar v’attende,
Dubbio mar della vita. In pace è l’onda;
Limpido sull’aurora il ciel risplende,
32E le vele vi gonfia aura seconda.

     Da lungi alzasi un canto e lo ripete
Di lido in lido l’aura innamorata:
«O voi, che l’onda a navigar prendete,
36Che senza pianto non fu mai varcata,

[p. 98 modifica]


     Seguitate il mio suon che vi conduce
Di mezzo a scogli e insidïose arene,
Ove un ciel ride di purpurea luce,
40Ove si stringe, non si sogna, il bene.»

     O cara voce del materno amore,
A lievi giovanili anni conforto!
Che ognor t’intenda, ognor ti segua il core,
44Fin che le vele sian raccolte in porto.