Le massere/Atto I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 22 agosto 2019 75% Da definire

Personaggi Atto II

[p. 121 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Strada con due case, una della signora Costanza, l’altra della signora Dorotea.

Momolo forner, poi Zanetta, poi donna Rosega.

Momolo. (Dopo avere alcuna volta fischiato.)

Ste massere le dorme, e le me fa subiar;1
Vôi batter alla porta, voi farle desmissiar.2
(batte da Zanetta)
Zanetta. Oe, forner, aspettè. (di dentro)
Momolo.  Cossa voleu da mi?
No xelo un quartariol3, come el solito?
Zanetta.  Sì.

[p. 122 modifica]

Momolo. Felo subito.

Zanetta.  Adesso; v’ho da parlar, ve digo.
Momolo. Gh’ho pressa. Tardi xe.
Zanetta.  Presto, presto ve sbrigo.
Momolo. Col vento e colla brosa4 no gh’ho gnente de gusto.
Zanetta. Aspettè, caro fio, fin che m’impiro5 el busto.
Momolo. Intanto batterò da st’altra vecchiarella.
Oe suso, donna Rosega. La xe in letto anca ella.
Gh’ho pazienza co queste, co le ha da far el pan,
Perchè sempre qualcossa ghe cavo dalle man.
Da resto colle altre son rustego anca mi;
Quando ho subià una volta, no le me sente pi.
Zanetta. Momolo. (alla finestra)
Momolo.  Ben levada.
Zanetta.  Oh, che freddo che xe.
Momolo. Aveu impizzà6 el fogo?
Zanetta.  No, gnancora. Disè,
Me faressi un servizio?
Momolo.  Se posso, perchè no?
Zanetta. Caro forner, ve prego, no me disè de no.
Momolo. Mo via, cossa voleu?
Zanetta.  Mi me bisognerà ve...
Oe, la patrona chiama. Me fazzo dar le chiave.
La le tien sul scabello7, no posso far un passo:
Dirò che xe el facchin, e vegnirò da basso. (entra)
Momolo. Cossa mai voi custìa? Vôi aspettarla qua.
Spero che da marenda fursi la me darà.
Ma de qua no se vede averzer i balconi.
(osservando le finestre dell’altra casa)
Le usa ste massere dormir più dei paroni.
Tasè, tasè; me par... sÌ ben, la se cognosse.
La vecchia xe levada; la cognosso alla tosse.

[p. 123 modifica]

Donna Rosega, presto. Tre volte ho comandà,8

E po dirè, co vegno, el pan no xe leva.
Rosega. Chi me chiama?
Momolo.  El forner.
Rosega.  Seu vu, forner?
Momolo.  Son mi.
Rosega. L’avemio da far subito?
Momolo.  Subito, siora sì.
Rosega. Che ora xe?
Momolo.  No vedeu? l’alba che spenta fuora.
Rosega. Oh malignazonazzo!9 perchè vegniu a st’ora?
Me pareva caligo, vedendoghe pochetto.
Co xe cussì a bonora, voggio tornar in letto.
Momolo. Via, za che se levada, da brava, destrigheve10.
Rosega. Cossa voleu che fazza? sola me vien la freve.11
Se vegnissi anca vu a agiutarme a domar...12
Vegnì, caro forner.
Momolo.  Cossa me voleu dar?
Rosega. Tutto quel che volè. Faremo una fugazza;
Gh’avemo del vin bon, ve ne darò una tazza.
Ne xe avanzà da gieri un cappon tanto fatto13;
Ghe dirò alla parona che l’ha porta via el gatto.
La crierà un pochetto, e po no sarà gnente.
Caro forner, vien suso. Staremo allegramente.
Che te averza la porta?
Momolo.  (Squasi, squasi anderia).
Rosega. Vustu che vegna?
Momolo.  Sì.
Rosega.  Vegno zo, vita mia. (entra)
Momolo. Intanto magneremo, e po cossa sarà?
Se no torno a bottega, el paron crierà.

[p. 124 modifica]

Che el cria; cossa m’importa? sta mattina ho fenio.

Ho comandà per tutto.
Zanetta.  Vegnì qua, caro fio.
(esce dalla porta)
Dalla porta de casa no me vôi slontanar.
Momolo. Son qua, siora Zanetta.
Zanetta.  Vu m’avè da agiutar.
Momolo. Comande in quel che posso; oe, m’aveu porta gnente?
Zanetta. Tolè sto buzzolà14, che ve curarè un dente.15
Momolo. Grazie tanto.
Zanetta.  Sentì. Mia zermana gier sera
M’ha domandà del pan, e pan no ghe ne giera.
La gh’aveva con ella el fantolin. La dise:
Oe, no ti ghe dà gnente, zermana, a ste raise?16
Mi che son de bon cuor, no ghe giera i paroni,
Vago all’albuol17 de posta18, e fazzo i maccaroni19.
Oe, ghe n’ho fatto tanti, che ha calà la farina;
Nol sarà gnanca mezzo el pan de sta mattina.
Savè che la parona la par una de quelle,
Che scortega el peocchio per avanzar la pelle.
E se la se ne accorze, sì per diana de dia,
Che la me dà dei schiaffi, e la me cazza via.
Momolo. Cossa v’oggio da far?
Zanetta.  Vu solo, se volè,
In sto caso che son, agiutarme podè.
Vu podè presto presto trovarme sta mattina
Per metter in albuol sto poco de farina.
Momolo. Dove l’oi da trovar?
Zanetta.  Qualcun ve la darà.
Troverè qualche serva, che ve la impresterà.

[p. 125 modifica]

Oe, fè cussì: andè al forno; dove ghe n’è, tolela;

Tolè sto tovaggiol; se ghe ne xe, portela.
Za vualtri forneri fè el pan per le casae20;
Podè slongarghe el collo con della broda assae;
El cusinè pochette, perchè el pesa de più:
Podè robar per mi, za che robe per vu.
Momolo. Ma mi, siora Zanetta, no fazzo miga el pan.
Mi comando.
Zanetta.  E per questo? vu no gh’avè le man?
Tior no podè in scondon21 un poco de farina?
Momolo. Per le casae l’è fatto el pan de stamattina.
Zanetta. E per questo? se varda. Co ghe n’è, se ne catta:22
Se averze qualche sacco, se averze la buratta;
Co se vol far servizio, se fa quel che se vol.
Momolo. Cossa me donereu?
Zanetta.  Ve dono el tovaggiol.
Momolo. E la parona?
Zanetta.  Oh bella! dirò che nol ghe giera;
Ghe dirò che l’ha perso un dì la lavandera.
Sta farina me preme.
Rosega. (Apre la porta.)
Momolo.  Mi no so come far.
Zanetta. Donna Rosega, ella ve la poderia dar.
(osservando che donna Rosega è sulla porta)
Rosega. Momolo, dove seu?
Momolo.  Son qua.
Rosega.  Bon prò ve fazza.
Cossa fevi, sior sporco, là con quella pettazza?23
Momolo. Ve dirò; poveretta, la vorria sta mattina.
Che ghe trovasse in préstio un poco de farina.
Rosega. L’ala magnada?
Momolo.  Sì, far el pan no la pol.
Rosega. Gh’ala bezzi?

[p. 126 modifica]

Momolo.  In baratto la dà sto tovaggiol.

Rosega. Lassè véder.
Momolo.  Tolè.
Zanetta.  (Debotto me vergogno). (da sè)
Momolo. Deghela vu.
Rosega.  Sì ben, ghe darò el so bisogno.
Oe! tegniremo intanto el tovaggiol in pegno.
Ma sentì, sto servizio la ’l gh’ha per vu, m’impegno.
Momolo. Ve ringrazio.
Rosega.  Zanetta.
Zanetta.  Cossa voleu?
Rosega.  Sentì.
Se volè la farina, mandè de su da mi.
Momolo, vegnì via, che ghe la porterè.
Zanetta. A tormela de suso vegnirò, se volè.
Rosega. No, no, no femo strepito. Za ve la mando.
Zanetta.  Aspetto.
Rosega. Voggio che andemo soli; vien con mi, Momoletto.
(entra con Momolo)

SCENA II.

Zanetta, poi Gnese.

Zanetta. Donna Rosega almanco, quel che la vol la fa;

La pol far sporco in letto, e dir che l’ha suà24.
La pol far alto e basso, nissun ghe varda in becco;25
Ma mi la mia parona la me fa star a stecco.
Gnanca un boccon de pan no gh’è, co ghe ne voggio;
Sotto el letto la tien fina el pavéro26 e l’oggio.
E po quando la zoga, la va zo col brenton,27
Za chi tien per la spina28, spande per el coccon29.

[p. 127 modifica]

Gnese. Oe, Zanetta.

Zanetta.  A bonora.
Gnese.  Cossa diseu? son qua.
Cara fia, un secchio d’acqua.
Zanetta.  No ghe n’è gnanca un fià.30
Xe tre dì che se pena; no ghe n’avemo un giozzo:
Mi, per far el levà, giersera ho sugà el pozzo.
E la parona cria co i vien con el bigolo31;
Gieri de quattro secchi la gh’ha dà un soldo solo.
Gnese. Quando che ghe n’avemo nu, ghe ne demo a tutti;
E per darghene ai altri, adesso semo sutti.
Zanetta. Andè da donna Rosega. Ella che la ghe n’ha,
Che i ghe n’ha messo in pozzo, ella ve ne darà.
Gnese. Me proverò. O de casa. (batte)

SCENA III.

Donna Rosega alla finestra, e dette.

Rosega.  Chi batte?

Gnese.  Cara siora,
Deme un secchio de acqua.
Rosega.  Le scomenza a bonora.
No ghe ne xe.
Gnese.  Ve prego.
Rosega.  No ghe n’avemo più.
Gnese. No ghe n’aveu compra?
Rosega.  Compreghene anca vu. (entra)
Gnese. Co ghe ne compreremo... vardè là che bel sesto!
No la me voi dar acqua, e la me volta el cesto32.
Zanetta. Bisogna compatirla. Perchè avè da saver
Che la gh’ha zente in casa.
Gnese.  Chi mai gh’ala?
Zanetta.  El forner.

[p. 128 modifica]

Gnese. Contela el pan?

Zanetta.  Oibò. La xe con quel putello...
Gnese. Con Momolo forner?
Zanetta. 7Sì ben, giusto con quello.
Gnese. Ca de diana! una vecchia da metter in aseo33
La sta con quel putello che no xe longo un deo?
Cossa diseu? sta vecchia la fa la fantolina...

SCENA IV.

Momolo e dette.

Momolo. Son qua, siora Zanetta V’ho porta la farina.

Zanetta. Bravo, vegnì con mi.
Gnese.  Zanetta, dove andeu?
Zanetta. Vago a far un servizio.
Gnese.  Sto secchio me lo deu?
Zanetta. No ghe n’ho, cara vecchiaì34. Presto, andemo de suso.
(entra con Momolo, e chiude la porta)
Gnese. Frasconazza! la porta la me serra in tel muso?
Chi credistu che sia? se no ti sa chi son.
Te lo farò saver, ghe lo dirò al paron:
El paron che me tien come una so sorella,
Che in casa el m’ha arlevà, se poi dir da putella,
Che mai nol me rimprovera, che mai nol me strapazza.
Vôi che el sappia l’affronto che ho abuo da sta pettazza.
Oh, vien sior Anzoletto. L’è un putto che me piase;
Ma che el me trova qua col secchio, me despiase.

SCENA V.

Anzoletto e Gnese.

Anzoletto. Cossa feu, siora Gnese?

Gnese.  Son qua, no me vede?
Anzoletto. Comande, cara fia.

[p. 129 modifica]

Gnese.  Grazie che gnanca che.35

Anzoletto. V’offendio a domandar? Cossa gh’aveu con mi?
Aveu bisogno de acqua? ghe ne voleu?
Gnese.  Sior sì.
Anzoletto. Battemo a qualche porta. Son qua, ve agiuterò.
Cara Gnese, siè bona. Me voleu ben?
Gnese.  Sior no.
Anzoletto. Sto sior no, troppo presto l’ave lassa scampar;
Vedo che l’ave dito cussì senza pensar.
Ma se me varderè, se ghe pensè un pochetto,
No parlerè cussì.
Gnese.  Oh che caro Anzoletto!
Qualche volta dasseno me fe rider de cuor.
Anzoletto. Oe, cossa fa el paron? Dormelo sior dottor?
Gnese. L’ho lassà che el dormiva; credo che el dorma ancora.
Anzoletto. Voleu vegnir con mi?
Gnese.  Dove?
Anzoletto.  Za xe a bonora.
A bever un caffè.
Gnese.  Son cussì, me vergogno.
Anzoletto. Eh, andemo.
Gnese.  Ma! dell’acqua ghe n’ho tanto bisogno.
Se...
Anzoletto.  Da quel dalle acque i ve impenirà el secchio.
Gnese. Vegnirave, ma po, se se desmissia el vecchio?
Anzoletto. Presto se destrighemo.
Gnese.  Fè cussì, aspettè qua.
Più tosto anderò a casa a metterme el zendà.
Se sior Biasio36 dorme, chiappo su e vegno via.
Se el sente, se el me chiama, dirò qualche busia.
Anzoletto. Brava; andè, che v’aspetto.
Gnese.  Ma el secchio chi lo porta?
Anzoletto. Aspettè, cara fia, battemo a quella porta.

[p. 130 modifica]

Gnese. No, no, con donna Rosega no parlo, e no ghe batto.

La m’ha dito za un poco un de no tanto fatto.
Anzoletto. Lassè che prova mi.
Gnese.  Ben, se volè, provè.
Anzoletto. Deme quel secchio.
Gnese.  El secchio?
Anzoletto.  De mi no ve fide?
Gnese. Per fidarme me fido, ma un putto co se diè37
Andar col secchio in man...
Anzoletto.  Qua nissun no ghe xe.
Deme quel secchio a mi, no gh’ho certi catarri.
Oh quanti contrabandi se sconde coi tabarri!
Se savessi! se porta, quando se gh’ha el morbin.
Sportele, tovaggioli, canevette38 de vin.
Vedeu ste macchie? un zorno sotto el tabarro ho sconto
Una polenta conza39.
Gnese.  Sè ben onto e bisonto!
Anzoletto. Lassè veder sto secchio. Tireve da una banda.
Vardè co facilmente se batte e se domanda.
O de casa. (batte)

SCENA VI.

Donna Rosega e dette.

Rosega.  Chi è?

Anzoletto.  Amici.
Rosega.  Amici boni? (viene alla finestra)
Anzoletto. Bonissimi.
Rosega.  I xe in letto.
Anzoletto.  No domando i paroni.
Ho bisogno de vu.
Rosega.  De mi, sior Anzoletto? "
Vegno da basso subito. (entra)

[p. 131 modifica]

Anzoletto.  Fe presto, che v’aspetto.

Gnese. Oe sentì, colla vecchia no stessi a far el matto;
Savè che donna Rosega se taccherave a un gatto.
Anzoletto. Lasse pur che la fazza, a mi no la se tacca,
E po son tutto vostro.
Gnese.  No credo una patacca.
Anzoletto. Vela qua che la vien.
Gnese.  Me scondo, me retiro.
No vôi che la me veda. Fazzo in sto mentre un ziro.
(parte)

SCENA VII.

Anzoletto e donna Rosega.

Rosega. Son qua, cossa voleu?

Anzoletto.  Me faressi un piaser?
Rosega. Basta che comande, ve ne farò anca un per.40
Anzoletto. Vorave un secchio d’acqua.
Rosega.  Sè paron, caro vecchio,
Del pozzo, della casa, dell’acqua, e anca del secchio.
Anzoletto. El secchio lo gh’ho qua.
Rosega.  Oh, siestu malignazo!
Sotto el tabarro el secchio? Cossa voi dir sto lazo?
Bisogna ben, sior sporco, che la ve prema assae.
Anzoletto. Son stà pregà.
Rosega.  Se vede chi xe le fortunae.
Per mi no lo faressi; e sì... no digo gnente.
Anzoletto. Qua no ghe xe nissun; parlè liberamente.
Rosega. De mi, sior Anzoletto, se fessi capital,
Fursi che el vostro tempo no tranessi de mal.
Anzoletto. Comandeme, provè.
Rosega.  Cossa voleu che prova?
Disè, quella dell’acqua xela amicizia nova?

[p. 132 modifica]

Anzoletto. Dasseno, donna Rosega, la xe una mia parente.

Rosega. Tocco de baroncello, mi no te credo gnente.
Anzoletto. La xe cussì, da putto.
Rosega.  Basta, lo vederò.
Anzoletto. Me deu sto secchio de acqua?
Rosega.  Sì ben, ve lo darò.
Anzoletto. Via, da brava.
Rosega.  Vel dago: ma con el cuor strazza.
(prende il secchio)
Anzoletto. Per cossa?
Rosega.  Gh’ho paura... No sarà ve un pecca.
Che un putto come vu se perdesse cussì?
Quanto faressi meggio, se me tendessi a mi.
Sentì, son una donna che gh’ha i so boni annetti;
Ma gh’ho, ve lo confido, da banda dei bezzetti.
M’ho sempre sparagnà, no gh’ho certi malanni.
Basta... no ghe la cedo a una de vint’anni.

SCENA VIII.

Anzoletto, poi Zanetta e Momolo.

Anzoletto. La xe ridicolosa. Oh che cara vecchietta!

Ancora la gh’ha voggia de far la morosetta.
La xe là spiritosa, franca, bizzarra, ardita.
Mi mo, co ste massere, mi ghe vago de vita41.
No ghe ne spendo uno, e stago allegramente;
E pò, che belle cosse che da custìe se sente!
Se sa i pettegolezzi de tutti i so paroni.
De questa e de quell’altra le dise i pettoloni42.
Chi al zogo, chi al teatro spende le notte intiere;
El mio divertimento xe a star colle massere.
Zanetta. Momolo, la xe dita.
Momolo.  Farò quel che volè.

[p. 133 modifica]

Anzoletto. Xe qua un'altra massera. (vedendo venir Zanetta)

Zanetta.  A parecchiarve andè.
(a Momolo)
Momolo. Cossa dirà el paron, se stago tutto un zorno?
Zanetta. Se el ve licenzierà, troverà un altro forno.
Andeve a inmascherar; ma presto, se se pol.
Momolo. Vago un abito a nolo a tor dal strazzariol43. (parte)
Anzoletto. Putta, bondì sioria.
Zanetta.  Patron, sior Anzoletto.
Anzoletto.  Steu ben?
Zanetta. Cussi e cussì.
Anzoletto.  Ve divertiu?
Zanetta. Un pochetto.
Anzoletto. Chi xelo quel puttazzo che parlava con vu?
Zanetta. El putto del forner. No l’ave cognossù?
Anzoletto. El se va a inmascherar?
Zanetta.  Sì ben. L’aveu sentio?
Anzoletto. L’ho sentio, ghe dirave de quei che l’ha nanio.44
Zanetta. Perchè?
Anzoletto.  Perchè ne tocca a nualtri Veneziani,
Véder el meggio e el bon in man de sti Furlani45.
Un tocco de forner de vu sarà paron:
Se un Venezian vegnisse, diressi el xe un baron.
Basta, ghe vol fortuna.
Zanetta.  Caro sior Anzoletto,
Se disessi dasseno, el forner me lo petto.
Ancuo gh’ho la zornada, e per non andar sola,
Xe capità el forner, gh’ho dito una parola.
Ma se vu ve degnessi vegnirme a compagnar,
Momolo lo licenzio, lo mando a far squartar.
Anzoletto. Sì ben, ma descorremola un poco tra de nu.
Cossa dirà i paroni, se mi vegno con vu?

[p. 134 modifica]

Se va fora de casa, e dopo se se catta46.

Ghe sarà una mia amiga; za nissun ne vien drio47.
Eia troverà al soo, e mi troverò el mio.
Anzoletto. Brava; se troveremo...
Zanetta.  In dove che volè.
Anzoletto. Zo del ponte del lovo48; da quello del caffè.
Zanetta. La xe dita.
Anzoletto.  A che ora?
Zanetta.  Avanti mezzodì.
Anzoletto. In maschera, nevvero?
Zanetta.  In maschera, sior sì.
Anzoletto. Vardè ben.
Zanetta.  La xe dita. Me vago a destrigar.
Anzoletto. Gh’aveu delle fazzende?
Zanetta.  Oh, gh’ho tanto da far.
Ma quando ho fatto el pan, m’ho destrigà del più.
Anzoletto. Vôi che se la godemo.
Zanetta.  Oe, ghe penserà vu.
(entra in casa)

SCENA IX.

Anzoletto, poi donna Rosega.

Anzoletto. Voggio gòder, per diana. Me voggio sbabazar49.

Oh se podesse in maschera sta vecchia strassinar!
E Gnese? No la puol vegnir con nu? Perchè?
Son bon anca per diese, se no basta per tre.
Rosega. Presto, tolè sto secchio.
Anzoletto.  Coss’è, che sè instizzada?
Rosega. Sì ben, ho visto tutto: no vôi esser burlada.
Anzoletto. Con mi? Cossa v’oi fatto?

[p. 135 modifica]

Rosega.  V’ho visto a chiaccolar.

Anzoletto. Oh, ve conterò tutto.
Rosega.  Andeve a far squartar.
Anzoletto. Sentì, gh’intrè anca vu in quel che s’ha parlà.
Rosega. De mi cossa aveu dito?
Anzoletto.  Aspettè, vegnì qua.
Far una mascherada s’ha dito tra de nu:
Zanetta con un altro; mi in compagnia con vu.
Voleu vegnir con mi?
Rosega.  Mi sì, che vegnirò.
Anzoletto. Ve darali licenzia?
Rosega.  Ghe la domanderò.
E se de no i me dise, ca de diana de dia,
Impianto i mi paroni, chiappo su e vegno via.
Anzoletto. Ve vegnirò a levar.
Rosega.  Vardè ben, che ve aspetto.
Za el pan l’ho fatto, e presto scoo, e fazzo suso el letto.
Anzoletto. Ve inmaschereu?
Rosega.  Seguro, che me inmaschererò.
Fin che i paroni dorme, l’armer averzirò.
Me torrò una carpetta50, torrò un abito bon,
E anderò a inmascherarme da mia nezza in scondon.
I abiti che gh’ho, da maschera, i xe brutti:
La roba de sto mondo la gh’ha da far a tutti.
Anzoletto. Via da brava, fe presto. Me inmaschero e ve aspetto.
Rosega. Vôi che se la godemo. Oh che caro Anzoletto! (parte)

SCENA X.

Anzoletto, poi Trottolo.

Anzoletto. E do. Voggio trovarghene qualchedun’altra ancora;

Vôi unir ste massere; vôi devertirme un’ora.
Ma Gnese no se vede. La m’ha impiantà cussì?

[p. 136 modifica]

Coss’oi da far del secchio? ghe l’oi da portar mi?

Se passasse qualcun. Oe putto, vegnì a nu.
Trottolo. Son qua, cossa comandala?
Anzoletto.  Gh’ho bisogno de vu.
Porteressi sto secchio?
Trottolo.  Sior sì, lo porterò.
Anzoletto. Andè zo per de là, che drio ve vegnirò. (Trottolo parte)
Se i mi amici me vede andar col secchio arente,
I me vegnirà drio; no vôi che i sappia gnente.
Tutti se devertisse chi in questo e chi in quel modo,
E mi colle massere gh’ho spasso e me la godo.
El star in suggizion me par cossa da alochi.
Mi me deverto assae, ma ghe ne spendo pochi.

SCENA XI.

Camera in casa di Dorotea.

Raimondo e Zanetta.

Zanetta. Sior sì, la xe levada. Ma no l’ha averto ancora;

Prima che la sia all’ordene, ghe vorrà più de un’ora.
Raimondo. Ho un interesse in Piazza, che m’obbliga d’andar.
Zanetta. La vaga, se la voi, la poderà tornar.
Raimondo. Ditemi il ver, Zanetta, la vostra padroncina
Ha per me qualche stima?
Zanetta.  La xe una testolina.
Che... no saveria dir; segondo che s’imbatte.
Ora la xe da uovi51, ora la xe da latte.
Raimondo. Per me le parlereste?
Zanetta.  No vorla? Gh’ho parla.
(No me l’insogno gnanca, gnanca no gh’ho pensà).

Raimondo. Delle parole vostre fate che senta il frutto.
Dite, che cosa ha detto?
Zanetta.  No ghe voggio dir tutto.

[p. 137 modifica]

Raimondo. Ma pur come gradisce l’idea che ho di servirla?

Zanetta. No ghe xe so mario, bisogna compatirla.
Raimondo. Non vi capisco bene. Vuole o non vuol per questo?
M’intendo di servirla da galantuomo onesto.
Zanetta. La senta, sior Raimondo, parlo col cuor in man,
La parona mi spero disponerla pian pian.
Ma... capissela, sior?
Raimondo.  Via, parlatemi schietto.
Zanetta. A tempo qualche volta fa colpo un regaietto.
Raimondo. Se troppo ardir non fosse...
Zanetta.  Eh, che quando se dona,
El xe un ardir che tutte le femene perdona.
Raimondo. Se il suo genio sapessi, lo farei volentieri.
Zanetta. La senta una desgrazia che xe successa gieri.
La parona al balcon giera sora canal,
L’ha ponta un vero52 rotto, e la s’ha fatto mal.
Scolando el sangue in acqua con el deo menuelo,53
Per diana che in canal ghe xe casca l’anelo.
Vôi mo dir... compatime se disesse un sproposito:
Un anello in sto caso saravelo a proposito?
Raimondo. Di qual prezzo era quello che Dorotea ha perduto?
Zanetta. Mi credo che el valesse diese zecchini in tutto.
Raimondo. Questo mi costa sedici.
Zanetta.  Doneghelo a drettura.
Cussi col cavedal54 la gh’averà l’usura.
Raimondo. Ma com’è mai possibile ch’ella da me l’accetti?
Zanetta. Oh, se la lo torrà!
Raimondo.  Voi fate che io sospetti.
S’ella da me il riceve, s’ella i regali apprezza,
A prenderne dagli altri questa signora è avvezza.
Zanetta. Questo po no, ghe zuro certo su l’onor mio;
Xe debotto sie mesi, che manca so mario.
Regali no l’ha abuo, nissun l’ha praticà;
E gnanca la tiorave sto anello che xe qua.

[p. 138 modifica]

Ma avendo perso quello... no so se la m’intenda;

Poi esser, se ghe parlo...
Raimondo.  Puol esser che lo prenda.
Zanetta. Mi po so el con e el ron55, e so dove ghe diol.
Basta, sior Raimondo, intenderme la pol.
Raimondo. Non so che dir: poss’io far questa prova ancora.
Io vi darò l’anello per darlo alla signora.
Ma sentite, Zanetta, di voi mi fido, è vero;
Mediante l’opra vostra, che l’aggradisca io spero;
Ma sapendo ch’io sono di tanta grazia indegno,
Del gradimento suo vorrei un certo segno.
Zanetta. Credelo che lo toga per metterlo in aseo?
Ve basta, sior Raimondo, de vederghelo in deo?
Raimondo. Questo mi basterebbe.
Zanetta.  Donca cussì sarà.
La gradirà l’anello, e la lo porterà.
Raimondo. Eccolo...; ma badate.
Zanetta.  Ih, ih, tanto ghe vol?
In sta sorte de cosse, no occorre dir me diol.
Raimondo. Mi raccomando a voi. Oprate da valente.
Zanetta. La lassa far a mi; per mi za no vôi gnente.
Raimondo. Il mio dover lo so.
Zanetta.  Ho sentio a dir cussì.
Una man lava l’altra, e tutte do el sior sì.
Raimondo. Siete una gran ragazza! Eccovi un ducatello.
Zanetta. Grazie, grazie (za el resto caverò da l’anello).
Raimondo. Verrò per la risposta.
Zanetta.  La vegna a mezzodì.
Raimondo. Ci verrò senza fallo.
Zanetta.  (Ma no ghe sarò mi). (da sè)
Raimondo. Ehi, nol dite alla Rosica. Nol sappia mi consorte,
Ch’io feci un passo tale, ch’io venni in queste "porte,
Zanetta. Mi no parlo seguro. La gh’ha sta brutta usanza?
Donca la xe zelosa de lu siora Costanza?

[p. 139 modifica]

Raimondo. Una donna buonissima fu ognor la moglie mia,

Ma sempre ebbe il difetto di pazza gelosia.
Zanetta. E lu xelo zeloso?
Raimondo.  Io no, anzi vorrei
Ch’ella si divertisse.
Zanetta.  No la gh’ha cicisbei?
Raimondo. Non pratica nessuno. Procuro qualche amico
Condurre a divertirla; faccio per essa, e dico;
Servirla onestamente alcuno anche ha provato:
Ma al terzo o al quarto giorno ciascuno si è stancato.
Zanetta. Cossa voi dir? Perchè?
Raimondo.  Tutto l’è indifferente;
Non gusta alcun piacere, non ha voglia di niente.
Zanetta. Come sarave a dir... Oh, chiama la parona.
Raimondo. Posso restar...
Zanetta.  Sior no; la vaga, la perdona;
La torna co gh’ho dito; la lassa far a mi.
Raimondo. Innanzi mezzogiorno ci rivedrem.
Zanetta.  Sior sì.
Raimondo. Chi sa ch’io non la spunti? talor son le massere
Provvide mediatrici, provvide consigliere. (parte)
Zanetta. Che caro sior Raimondo! In verità el xe bello!
Ghe piase la parona; el ghe dona un anello!
El vol che mi ghe parla, che l’azzalin56 ghe bata.
Zanetta Pappasugoli xe una putta onorata.
Sto mistier no so farlo. Nol voggio far per ello.
Ma me despiaseria se perdesse sto anello.
Qualche bella maniera trovar bisognerà
De vadagnar l’anello co un poco de onestà.
Ghe penseremo suso; co se vol, se se inzegna;
S’impara dalle altre, e la natura insegna. (parte)

Fine dell’Atto Primo

[p. 140 modifica]

  1. «Fischiare: segnale mediante il quale i garzoni fornai sogliono annunziare in Venezia la loro comparsa a chi ha pane da cuocere»: Fr. Cameroni, Capolavori di C. G., Trieste, Coen, 1757 (dalle annotazioni alle Massere).
  2. Destare
  3. Metadella, misura che è «la quarta parte d’una quarta, o sia la sedicesima del nostro staio»: Boerio, Dizion.
  4. Brina.
  5. Impirar, infilare.
  6. Acceso
  7. Comodino
  8. «Cioè ha tre volte invitato col suo fischio chi ha pane da fare a porsi all’opera» Cameroni, l. c.
  9. Malignazo, maledetto (non come imprecazione, ma per impazienza) V. vol. VIII, 115 n. g.
  10. Spicciatevi, sbrigatevi.
  11. Febbre
  12. Rimenare la pasta V. Boerio.
  13. Grasso: vedasi vol. III. 331 ecc.
  14. Pasta, ciambella: vol. II, 427 ecc.
  15. «Come dicesse: non intendo darvi da mangiare, ma solo occasione di passar tempo»: Cameroni, l. c.
  16. A queste radici. «Come a dire; a questo fanciullo ch’è il mio cuore, la mia vita»: Cameroni, l. c. Vedasi vol. II della presente ed., p. 200, e V, 438.
  17. Madia: v. Boerio.
  18. Appunto, propriamente: V. Boerio.
  19. Gnocchi
  20. Case grandi.
  21. Di nascosto.
  22. Si trova.
  23. Gran pettegola, sguaiata: vol. VIII, 121.
  24. Sudato
  25. «Guardare in becco vale qui sindacare i fatti altrui»: Cameroni, l. c. Il detto veneziano significa cedere con gran facilità, lasciarsi cadere: v. vol. IV, 374.
  26. Stoppino, lucignolo: v. Boerio.
  27. «Perde a rotta di collo»: Cameroni, l. c.
  28. Cannella della botte.
  29. Cocchiume
  30. Nemmeno un pocolino.
  31. Legno ricurvo «che bilicato sulla spalla serve per portai secchie»: Boerio.
  32. Deretano: vol. VIII, 125 n. a ecc.
  33. Aceto
  34. «Caro vecchio, si dice anche ad un giovane per amicizia»: vol. III, 456.
  35. «Obbligatissima, che degnazione!»: Cameroni, l. c.
  36. Zatta: Se mai sior Biasio.
  37. Come si deve: vol. II, p. 301.
  38. «Portafiaschi di legno, in forma quadra»: Boerio.
  39. Condita
  40. Paio.
  41. Ci trovo sommo gusto.
  42. «Magagne non sapute»: vol. II, 270, 562, 596.
  43. Rigattiere: vol. II, 417 e VIII, 140.
  44. «Maniera che comprende ogni sorte di villania»: vol. VIII, 156, n. a.
  45. Garzoni e serve erano spesso nativi del Friuli.
  46. Ci si trova.
  47. Dietro
  48. Lovo, lupo. Il ponte del lovo, in parrocchia S. Salvatore, ha il nome dalla famiglia Lovo. V. Tassini, Curiosità veneziane, Ven., 1886, p. 394; e altri.
  49. Tripudiare, sfogarsi, cavarsi la voglia: v. Boerio.
  50. Gonnella: vol. VIII. 141 ecc.
  51. Guibert-Orgeas, Zatta ecc.: vovi.
  52. Vetro
  53. Dito mignolo.
  54. Capitale.
  55. Saper la cosa per ogni verso: v. Boerio.
  56. Acciarino.