Le massere/Atto II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto II

../Atto I ../Atto III IncludiIntestazione 23 agosto 2019 75% Da definire

Atto I Atto III
[p. 141 modifica]

ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

Camera in casa di Dorotea.

Dorotea e Zanetta.

Dorotea. Oe, Zanetta.

Zanetta.  Lustrissima.
Dorotea.  Vien qua.
Zanetta.  Son a servirla.
Dorotea. Chi ghe giera de là?
Zanetta.  Uno per reverirla.
Dorotea. Gierelo sior Raimondo?
Zanetta.  Giusto elo da bon.
Dorotea. Se el vien un’altra volta, dighe che no ghe son.
Zanetta. No la lo vol in casa?

[p. 142 modifica]

Dorotea.  No lo vôi praticar.

No vôi che so muggier s’abbia da lamentar.
Ma cosa t’alo dito?
Zanetta.  El m’ha dito cussì,
Che el tornerà da ela avanti mezzodì.
Dorotea. Che noi staga a vegnir; no lo vôi praticar.
Zanetta. Se sa cossa che el voggia?
Dorotea.  La se lo poi pensar.
Zanetta. El la vede al balcon, do volte el gh’ha parlà.
Gramazzo! se el podesse, el vorria vegnir qua.
No la lo vol?
Dorotea.  Bisogna, quando la xe cussì,
Che ghe daga in tel genio.
Zanetta.  L’ho pensada anca mi.
Dorotea. E sì, per quel che so, l’è un omo che ha cervello.
Zanetta. (Me par che saria tempo de parlar dell’anello). (da sè)
Dorotea. De mi coss’alo dito?
Zanetta.  L’ha dito tanto ben;
L’ha parlà veramente, come che se convien.
Se vede che per ella el gh’ha tutto el respetto.
Lustrissima, la varda mo sto bell’aneletto.
Dorotea. Un anello? Pettegola, cossa voressi dir?
De mandarmelo fursi alo avudo l’ardir?
Regali a una par mia? vorave véder questa!
Senti, desgraziadela, te romperò la testa.
Zanetta. Pian pian, no la se scalda, che la m’ha tiolto in falo.
Sto anello el xe da vender. Nol xe miga un regalo,
Xe vegnù stamattina da mi donna Verigola,
Quella vecchia sì fatta, che fa la revendigola;
La gh’haveva sto anello, e la me l’ha lassà
Acciò che ghe lo mostra: i lo dà a bon marcà.
El val diese zecchini, dise chi se n’intende;
E adesso per bisogno a bon marcà i lo vende.
Per cinque o sie zecchini...
Dorotea.  Lo compreria per tre.

[p. 143 modifica]

Zanetta. I bezzi la me daga; presto, so mi perchè.

Dorotea. Sì ben, za che giersera ho vadagnà a Redutto1...
Zanetta. Se la tornerà a perder, no la perderà tutto.
Dorotea. Daghe sti tre zecchini... E po se no la i vol?
Zanetta. La me li daga pur. Sora de mi la i tol.
Dorotea. Se la i tol, me contento; i xe ben impiegai.
Zanetta. (Anca per la mia parte i xe ben vadagnai). (da sè)
Dorotea. Tolè. I xe un poco scarsi, ma tanto i li torrà.
Zanetta. Eh lustrissima sì, senza difficoltà.
Dorotea. Ma me par impussibile, che i lo venda cussì.
Zanetta. La lo tegna, e la staga quieta sora de mi.
Dorotea. Dov’è donna Verigola?
Zanetta.  La sarà in sto contomo.
Vago, per contentarla, a darghe i bezzi, e torno.
(Ho fatto, posso dir, un viazo e tre servizi.)
Saremo tre contenti, e resteremo amici.
Mi goderò i zecchini, la parona l’anello;
Contento è per adesso sior Raimondo anca ello.
E se sarà scoverto un zorno i pettoloni2,
A nualtre massere no ne manca paroni). (da sè, e parte)

SCENA li.

Dorotea, poi Zanetta.

Dorotea. Finalmente giersera qualcossa ho vadagnà.

Diese volte segondo el cavallo ho trovà.
E se gh’aveva cuor, e se saveva far,
De tutte le mie perdite me podeva refar.
Averò vadagnà cento e diese ducati,
Averò chiappà in oro sedese zecchinati;
Ma tutti sti gran bezzi no i me basta, m’impegno,
Per scuoder la mità della roba che ho in pegno.

[p. 144 modifica]

Se torna mio mario, cossa diralo mai,

Che tutte le mie zoggie e i abiti ho impegnai?
Avanti che fenissa sti dì de carneval.
Remetter vôi, se posso, tutto el mio capital.
Adesso son in ditta3, ho anca impara a zogar;
Adesso in poco tempo me poderia refar.
Zanetta. Lustrissima, l’anello la se lo goda in pase.
El paron ghe lo lassa.
Dorotea.  Xelo contento?
Zanetta.  El tase.
Dorotea. In caso de bisogno anca questo xe bon.
Zanetta. In verità, lustrissima, el xe bello, el par bon.
Oh, se la se contenta, me vago a parecchiar.
Dorotea. Prima de andar in maschera, fè quel che avè da far.
Zanetta. Ho scoà, ho fatto i letti; el pan xe anca levà.
Dorotea. Quanti panetti xeli?
Zanetta.  Mi no l’ho mo conta.
Dorotea. Contèli; vôi saver quanti pani che i xe.
Zanetta. Malignazo! xe tardi.
Dorotea.  Presto ve destrighè.
Zanetta. No se fenisse mai. (parte)
Dorotea.  Povera casa mia,
Se no gh’avesse in testa un po d’economia.
Le donne no gh’ha cuor. No le se tol affanno.
So mi quel che sparagno, quel che avanzo in t’un anno.
Oh, se no fusse el zogo!
Zanetta.  I ho contai.
Dorotea.  Quanti xei?
Zanetta. I xe disdotto bianchi, e sie de semolei4.
Dorotea. Cossa? disdotto bianchi? Cussi pochi? perchè?
Savè che l’altra volta i xe stai vintitrè..
Zanetta. Mi no so cossa dir; no ghe ne vôi robar.
La pasta xe sul concolo5, la la fazza pesar.

[p. 145 modifica]

Dorotea. No ti averà robà, ma la sarà cussì:

I te pareva piccoli i to tre pani al dì;
Ti i averà fatti grandi, e la rason la so:
Uno se ghe ne vende, e se ne magna do.
Zanetta. Vardè cossa la dise; in verità mi resto.
Dorotea. Cinque pani de manco?
Zanetta.  Ho fatto per far presto.
Dorotea. Donca, ben, a to danno; ti ghe starà de più.
Torna a desfar i pani, e torneli a far su.
Zanetta. Che li torna a desfar?
Dorotea.  Le so manine care
Le se torrà st’incomodo.
Zanetta. No, la fia6 de mia mare.
Dorotea. Senti sa, frasconazza, mi te farò pentir.
Ti anderà via, e a Venezia no ti anderà a servir.
Cussi de no se dise, in fazza a una par mia?
Vôi esser respettada, vôi esser obbedia.
Zanetta. (Ghe mancherave poco... No me vôi far nasar7...)
(da sè)
Vago a desfar el pan. (Ghe lo vôi strapazzar).
(da sè, e parte)
Dorotea. Oh, che bel umoretto! za co mi no la voggio;
La m’ha fruà8) in t’un mese una lira de oggio.
Bisogneria, a far ben, muarghene una al dì.
Malignaze le meggio, le xe tutte cussì.

SCENA III.

Meneghina e Dorotea.

Meneghina. O de casa? (di dentro)

Dorotea.  Chi è là?
Meneghina.  Se poi vegnir?
Dorotea.  Vegnì.
Meneghina. Gh’è Zanetta?

[p. 146 modifica]

Dorotea.  Chi seu?

Meneghina.  Lustrissima, son mi.
Dorotea. Cossa gh’è, Meneghina? Cossa voleu?
Meneghina.  Son qua
Perchè la mia parona in scondon9 m’ha mandà.
Dorotea. La v’ha mandà in scondon?
Meneghina.  Zanetta dove xela?
Dorotea. Podè parlar con mi, se no la ghe xe ela.
Meneghina. Mi ghel diria, ma pò, se la parona el sa?
Dorotea. Dimelo, Meneghina, no la lo saverà.
Meneghina. M’ha dito la parona, che veda con bel modo
Parme dar da Zanetta sta pignatta de brodo.
Dorotea. (Brava, la vo^i scavar), (da sè) Diseme, Meneghina,
Da vu no se fa brodo? da vu no se cusina?
Meneghina. Ze otto dì che al paron no manda gnente a casa;
Ze otto dì che se zuna10: ma i m’ha dito che tasa.
Dorotea. Cossa voi dir? conteme. Za mi no digo gnente.
Meneghina. Mi dormo in t’un armer11 dei mi paroni arente;
Dal freddo e dalla fame me stento a indromensar.
Tutta la notte i sento tra de lori a criar.
No so, ma la parona me par che la ghe diga:
Dove estu stà, baron? xestu stà dall’amiga?
Ti sarà andà con ela a spasso a tripudiar;
E a mi, povera grama, me tocca a suspirar.
Dorotea. E lu cossa respondelo?
Meneghina.  Un pezzo el lassa dir,
El tase, nol responde, el finze de dormir;
Ma quando che el xe stufo, sala cossa che el fa?
El salta co è una bestia, el strapazza, el ghe dà.
Tasi, el ghe dise, tasi; e ela per despetto
La vol parlar, e elo buttela zo del letto.
La pianze, poveretta, ghe vien i occhi sgionfi,
La lo tormenta sempre, e lu ghe dà dei tonfi.

[p. 147 modifica]

Dorotea. Povera desgraziada! la xe in t’un brutto intrigo.

Ma no la gh’ha nissun?
Meneghina.  La gh’aveva un amigo.
Fina che el xe vegnù, le cosse andava ben.
I s’ha po desgustà; xe un pezzo che nol vien.
Dorotea. Mo per cossa no vienlo?
Meneghina.  Per amor della zente.
Ma adesso che ghe penso: no i vol che diga gnente.

SCENA IV.

Zanetta e dette.

Zanetta. Vintitrè pani bianchi. Otto de semolei. (sdegnosa)

Dorotea. Poverazza! la diga, s’ala mo struppià i dei?
Zanetta. La me burla.
Dorotea.  Ste cosse soffrir no le se pol. (ironica)
Vardè là quella putta da vu cossa la vol.
Zanetta. Cossa gh’è, Meneghina, voleu gnente da mi?
Dorotea. Cara siora Zanetta, la dispone cussì?
Ela fa i so regali? ela dispensa el brodo?
Ela xe la parona. In verità la godo.
Zanetta. Parlela con mi, adesso?
Dorotea.  Parlo giusto con ela.
Meneghina xe qua colla so pignatela.
Zanetta. Eh, no la varda el brodo, cara siora parona,
Ma la varda piuttosto el fante e la corona12.
Dorotea. Tocco de desgraziada, con mi cussì ti parli?
Son parona i mi bezzi de spenderli e zogarli.
Zanetta. Diseva...
Dorotea.  Tasi là.
Zanetta.  Ma se..
Dorotea.  Va via de qua.
Zanetta. Perchè...
Dorotea.  Tasi.

[p. 148 modifica]

Zanetta.  Se parlo...

Dorotea.  Tasi per carità.
Zanetta. (Ih ih, furia franzese). (da sè)
Dorotea.  (No la vôi sopportar). (da sè)
Zanetta. (Mi lasso che la cria: me vago a inmascherar).
(da sè, e parte)

SCENA V.

Dorotea e Meneghina.

Dorotea. (Anca rimproverarme? Perdiana, la xe vaga!

No la tegno custìa gnanca se la me paga). (da sè)
Meneghina.  Lustrissima...
Dorotea. (Ste serve le xe all’ultima moda). (da sè)
Meneghina. Oi da tornar13 a casa colla pignatta voda?
Dorotea. Diseme, Meneghina, sten ben dove che se?
Meneghina. Se sta ben co se magna; ma adesso no ghe n’è.
Dorotea. Almanco in casa mia le gh’ha quel che le vol.
Quando le vol magnar, le va, le se ne tol.
Bon pan, bon vin, de tutto ghe xe per ordenario.
Quanto la to parona te dala de salario?
Meneghina. Otto ducati all’anno14.
Dorotea. Otto? e da mi culia
Dodese la ghe n’ha, e sì li butto via.
Vustu vegnir con mi? diese te ne darò;
E ti magnerà ben.
Meneghina.  Mi sì che vegnirò.
Dorotea. Mi no te darò parte de pan, de vin, de gnente.
Acciò no te la magna l’amiga o la parente.
Magna fin che ti vol; disna, cena, marenda.
Ma no vôi che se dona, ma no vôi che se venda.
Meneghina. Per mi no gh’ho nissun; no ghe xe sto pericolo,
Magno poco, e me piase de bever el vin piccolo.

[p. 149 modifica]

De farme voler ben procuro dai paroni,

E no me piase star tutto el dì sui balconi.
Dorotea. Cussi fa chi ha giudizio. Cossa mo saveu far?
Meneghina. So filar, so far calze, so un poco laorar.
Fazzo un poco de tutto.
Dorotea.  Seu bona da cusina?
Meneghina. So far un lesso, un rosto, giustar15 una gallina;
So cusinar i risi, e anca me comprometto
Saver far, se bisogna, qualche bon potacchietto16.
Dorotea. Mi no fazzo cosazze. La so carne ogni dì.
Le feste un altro piatto, e me basta cussì.
Basta magnar per viver; perchè saveu, fia mia?
Presto va in precipizio chi no gh’ha economia.
Meneghina. Anca la mia parona sol dir, co la xe al fuogo,
Sia maledetto i vizi, sia maledetto el zogo.
Dorotea. Anca el zogo, xe vero, ne manda in precepizio,
Ma un dì se poi remetter chi ha un poco de giudizio.
Basta, lassemo andar ste cosse che xe qua.
Voleu vegnir da mi?
Meneghina.  Vegnirò in verità.
Anderò a licenziarme.
Dorotea.  E se i dise de no?
Meneghina. Torrò su le mie strazze, e via ghe vegnirò.
Dorotea. (Le fa cussì custìe. Basta, la vôi provar.
Se no la riuscirà, no manca a barattar). (da sè)
Meneghina. El brodo me lo dala?
Dorotea.  Aspettè un pochettin.
Se ghe ne xe da gieri, ve ne darò un tantin.
Ma vardè ben, savè, vardè ben quel che fe.
Quando sè in casa mia, no vo^i che ghe ne dè.
Se ve porterè ben, con vu sarò cortese.
(Cussì averò scambià tre massere in t’un mese).
(da sè, e parte)

[p. 150 modifica]

SCENA VI.

Meneghina, poi Zanetta.

Meneghina. Me despiase un pochetto lassar la mia parona,

Ma a far sempre sta vita sarave una minchiona.
Do ducati de più all’anno i me darà,
E almanco poderò magnar quel che me fa.
Delle mettimassere me recordo el conseggio:
Anca qua ghe starò, fin che troverò meggio.
Zanetta. Xestu qua, Meneghina?
Meneghina.  El brodo me lo dastu?
L’ha dito la lustrissima.
Zanetta.  No ghe ne xe. No sastu?
Le fa le generose, quando no ghe n’è più;
E po le trà la colpa tutta sora de nu.
Meneghina. Me despiase dasseno per quella poverazza.
Che ancuo17 no la gh’ha gnente, e anca per mi, gramazza.
Zanetta. Vustu vegnir con mi?
Meneghina.  Dove?
Zanetta.  In maschera, a spasso.
Ho abuo la mia zornada, e faremo del chiasso.
Meneghina. Vegnirave mi...
Zanetta.  Via; se ti vuol, mi te aspetto.
Meneghina. Come oggio da vegnir?
Zanetta.  Mettite un ninzioletto18.
No, faremo cussì, mi te inmaschererò.
Della parona un abito, se ti vien, te darò,
E ti parerà bon19.
Meneghina.  Ma no gh’ho la moretta20.
Zanetta. Comprete un volto.
Meneghina. Come, se no gh’ho una gazetta?21

[p. 151 modifica]

Ch’aveva trenta soldi, che mi i aveva sunai22,

L’altro dì la parona la me li ha domandai.
Zanetta. E ti ghe sta?
Meneghina.  Son stufa. Vôi vegnir via de là.
Zanetta. Anca mi, te lo zuro, voggio andar via de qua.
Ho fatto in pochi zorni una vita da can;
Più tossego se magna, che bocconi de pan.
Gnente xe fatto ben, la cria, la me manazza.
E co la perde al zogo, allora la strapazza.
Meneghina. Distu dasseno?
Zanetta.  Credime. Za semo tra de nu.
No se ghe poi più viver.
Meneghina.  (No la me cucca più).
(da sè)
Zanetta. E cussì, cossa distu? Vustu vegnir co mi?
Femo una mascherada. Ti vegnirà anca ti.
Meneghina. E po se la parona me cria?
Zanetta.  Cossa te importa?
Quand’una se ne serra, se averze un’altra porta.
Case a nu no ne manca: se semo forestiere,
El letto lo gh’avemo dalla mettimassere.
Se staremo de bando23, qualcossa se farà.
Vien via, vien via con mi, che ancuo ti riderà.
Meneghina. Xe un pezzo che gh’ho voggia da rider un pochetto.
Zanetta. Ti riderà dasseno, se vien sior Anzoletto.
Meneghina. Chi xelo?
Zanetta.  Un certo putto. Ma senti, sta in cervello.
Varda ben che el xe mio. No me star...
Meneghina.  Xelo bello?
Zanetta. O bello, o brutto, siora, nol gh’ha da far con vu.
Meneghina. No digo...
Zanetta.  Adessadesso mi no te meno più.
Meneghina. Cossa gh’aveu paura? No son miga...

[p. 152 modifica]

Zanetta. Che soi mi?24

Che no se femo in vissere.25
Meneghina.  Te vorlo ben a ti?
Zanetta. Certo che el me vol ben. El fa sta mascherada
Solamente per mi.
Meneghina.  Ti ti xe fortunada.
Zanetta. Tasi, tasi, mattazza, che un dì ti ’l troverà. (parte)
Meneghina. Sarave squasi tempo, che l’avesse trovà. (parte)

SCENA VII.

Camera in casa della signora Costanza.

Costanza, e Raimondo in maschera.

Costanza. Bon viazo, sior consorte.

Raimondo.  Padrona riverita.
Costanza. In maschera a bonora! la xe una bella vita!
Raimondo. È inutile, signora, che mi secchiate adesso.
Se in maschera io vado, fate anche voi lo stesso.
Costanza. Che caro sior Raimondo! In maschera? a che far?
Voleu che vaga sola in Piazza a baucar26?
Raimondo. Ma pur tutte le donne han qualche compagnia.
Che abbiano i loro amici tutte fuor che la mia?
Costanza. Anca mi, se volesse, me troverave el mio,
Ma no voggio nissun, fora de mio mario.
Raimondo. Sempre non può il marito, siatene persuasa.
Costanza. Ben; se el mario no pol, e mi resterò a casa.
Raimondo. Sola in casa vedervi, cara consorte mia...
Costanza. Donca, se ve despiase, steme a far compagnia.
Raimondo. Convien ch’io me ne vada, non ci posso star più.
Costanza. AndÈ dove ve piase, mi vegnirò con vu.
Raimondo. Per or non vado a spasso; vado per un affar.
Costanza. La muggier col mario per tutto poi andar.

[p. 153 modifica]

Raimondo. Dove che andar io deggio, non mi par convenienza.

Costanza. Se andè in maschera, el logo sarà de confidenza.
Raimondo. Vado con degli amici.
Costanza.  Amighe ghe ne xe?
Raimondo. Orsù, non principiate.
Costanza.  Via, via, no ve scaldè.
Andeve a divertir.
Raimondo.  Voi, che pensate far?
Costanza. A mi no ghe pensè. Mi resto a sospirar.
Raimondo. Ecco. Sia maladetto! soffrir non posso più.
Costanza. Se pianzo e se sospiro, cossa v’importa a vu?
Raimondo. Se a me non importasse, non proverei tal duolo.
Costanza. Certo staressi meggio assae, se fussi solo.
Ma cossa voleu far? El cielo vol cussì;
Sto mio temperamento me despiase anca a mi.
Se fusse una de quelle che ama el devertimento.
Me lasseressi far, saressi più contento.
Ma cossa voleu far? Sopportè, caro fio.
Mi no gh’ho altri spassi, che star con mio mario.
Raimondo. L’affetto maritale è una perfetta cosa;
Ma sempre, sempre in casa, è una vita noiosa.
Costanza. No, sempre sempre in casa. Andemo, se volè.
Raimondo. E non potete in maschera andar senza di me?
Costanza. No posso; no gh’ho cuor, e mai no gh’anderò.
Raimondo. Fate quel che volete; adesso me ne vo.
Costanza. (Mo che can!) (piangendo)
Raimondo.  Cosa dite?
Costanza.  Gnente. (come sopra)
Raimondo.  Eccola lì.
Non fa altro che piangere. Tutto il giorno così.
Costanza. Mo via, lasseme star, andè dove volè.
Se son matta, mio danno, e vu no me badè.
Raimondo. Parerà presso il mondo, ch’io sia un uomo tiranno.
Costanza. Lassè che el mondo diga. No ve tolè sto affanno.
Raimondo. Costanza.

[p. 154 modifica]

Costanza.  Cossa gh’è?

Raimondo.  Via, se ben mi volete,
Sollevatevi un poco; vi prego, non piangete.
Costanza. No, caro vu, no pianzo.
Raimondo.  Diman con voi verrò.
Costanza. Se vedemio a disnar?
Raimondo.  Ho paura di no.
Costanza. Mo za; me la pensava.
Raimondo.  Voi non restate sola;
Invitate qualcuno.
Costanza.  Mi no parecchio tola.
Raimondo.  Perchè?
Costanza. Perchè in sta casa, co no ghe xe el paron,
La mia vita xe questa: sentada in t’un canton.
Raimondo. Cospetto!
Costanza.  Via, stè zitto. Andè; bon pro ve fazza.
Raimondo. Donna senza giudizio.
Costanza.  Ancora el me strapazza.
(piangendo)
Raimondo. Non andrò in nessun loco. (si cava la lauta)
Costanza.  Eh via, no stè per mi.
Raimondo. Or sarete contenta.
Costanza. No ve scaldò cussì.
Raimondo. Io mi scaldo, m’arrabbio, son fuor di me, lo veggio;
E voi con questa flemma mi fate ancora peggio.
Costanza. Mo via, voleu che tasa? No parlerò.
Raimondo.  Parlate.
Costanza. Caro mario, siè bon.
Raimondo.  Basta, non mi seccate.

SCENA VIII.

Donna Rosega e detti.

Rosega. Cara siora parona, mi la vorria pregar

D’una grazia, e la prego de no me la negar.
Costanza. Disè, cossa voleu?

[p. 155 modifica]

Rosega.  Se fa una mascherada;

Vorria che la me dasse ancuo la mia zornada.
Costanza. Vardè che vecchia matta!
Rosega.  Vecchia matta, per cossa?
Fazzio gnente de mal?
Costanza.  Sè col piè in te la fossa.
Rosega. Cara siora parona, mi no so cossa dir;
Se la me dà licenza, me voggio divertir.
Raimondo. Chiede la sua giornata; negarla non si può.
Costanza. Ste cosse a mi me tocca... Mi ghe digo de no.
Rosega. Ben ben, co no la vol... co no la vol, pazienza.
Donca che la me daga la mia bona licenza.
Costanza. Donna senza giudizio. Cussi le so parone
Se impianta in sta maniera?
Raimondo.  Questa volta ha ragione.
Costanza. Donca no parlo più. La serva gh’ha rason.
Fe pur quel che volè: sentìu? lu xe el paron.
Per mi no conto gnente. Per mi no parlerò.
Pezo de una massera mi son stimada, el so.
Raimondo. Troppo rigor, signora...
Costanza.  Sì sì, troppo rigor!
Lo so che de custìa vu sè el so protettor.
So qualcossa, credèlo, e aspetto de parlar
Quando con fondamento me possa assicurar.
Rosega. Se el paron me vol ben, el sa el merito mio.
Xela fursi zelosa de mi e de so mario?
Costanza. Che mancheria anca questa. No fia, no son zelosa;
De vu no gh’ho paura, siora vecchia baosa.
Ma so... me xe sta dito... Basta, no vôi parlar.
Rosega. Ghe fazzio la mezzana?
Costanza.  Se poderave dar.
Rosega. Certo! me maraveggio che la parla cussì.
Se tendesse a ste cosse, la farave per mi.
E se ghe ne volesse, oh ghe ne troverave.
Son un poco in ti anni; ma no fazzo le bave.

[p. 156 modifica]

Raimondo. Non avete motivo di sospettar di lei.

Costanza. No, caro sior mano, no ve la fè sui dei.27
So qualcossetta, e taso.
Raimondo.  Eh via, siete una pazza.
Costanza. Sarà de mi più savia quella che ne sta in fazza.
Raimondo. Chi?
Rosega.  Siora Dorotea?
Costanza.  Vardè, la l’ha trovada.
Co presto, co pulito che la l’ha indivinada.
Raimondo. Io non so che vi dite.
Rosega.  Gnanca mi no so gnente.
Costanza. Che povero pupillo! che povera innocente!
Donna Rosega cara xe amiga de Zanetta;
Spesso le vedo insieme la vecchia e la fraschetta:
Anca sior Raimondo, da qualche zorno in qua,
Lo vedo più del solito al balcon del mezzà.
Vedo anca mi che questi i xe sospetti in aria;
Ma le povere donne le pensa e le zavaria28.
M’ave fatto parlar, parlar mi no voleva.
Se no me fevi dir, in verità taseva.
Ma za che l’occasion m’ha fatto dir cussì,
Caro mario, disemelo, se sè stuffo de mi.
V’anderò via dai pie; morirò, creperò.
Ma ve vôi troppo ben, cussì no soffrirò.
Compatì, se ve dago sto despiaser al cuor:
Parlo perchè son tocca; parlo per troppo amor.
(parte piangendo)

SCENA IX.

Raimondo e donna Rosega.

Raimondo. Che dite? tutto il giorno mi tormenta così..

Rosega. Poverazza! me vien da pianzer anca a mi.
(piangendo)

[p. 157 modifica]

Raimondo. Ora che d’un tal fatto la moglie mia sospetta,

Non vi fate vedere a parlar con Zanetta.
Rosega. Certo che a una muggier ste cosse no par bon.
Da qua avanti a Zanetta ghe parlerò in scondon.
(piangendo)
Raimondo. Ora perchè piangete?
Rosega.  Son tenera de cuor.
De lu e anca de ela compatisso l’amor.
La diga, sior paron, in maschera che vaga?
Raimondo. Or, con questi sospetti, la cosa non mi appaga.
Rosega. La senta, vien con mi Zanetta, e alla barona29
Pol esser che s’inmaschera anca la so parona.
Ancuo mo la sarave apponto l’occasion
Co siora Dorotea de far conversazion.
Raimondo. Non dite mal davvero. Se creder lo potessi...
Rosega. Vegnì, so quel che digo.
Raimondo.  Se timor non avessi...
Rosega. Timor? za la parona no la saverà gnente.
Raimondo. Voglio provar.
Rosega.  Ma zitto. Fe da omo prudente.
Raimondo. Ci troveremo in Piazza, o sul tardi a Ridotto.
Rosega. Se la sarà con nu, mi ve farò de motto.
Raimondo. Se potessi condurla a pranzo in qualche sito.
Rosega. Lasse operar a mi, che mi farò pulito.
Raimondo. Io pagherò per tutti.
Rosega.  No ve faressi mal,
A darme da comprar un volto naturai.
Raimondo. Eccovi trenta soldi.
Rosega.  Grasso quel dindio!30
Raimondo.  E poi,
Già sapete chi sono. Farò di più per voi.
Torno ad immascherarmi, e vado fuor di casa.
Ma che dirà mia moglie?

[p. 158 modifica]

Rosega.  Bisogna che la tasa.

Me despiase dasseno; ma a dirla tra de nu,
Fara ve anca per ela quel che fazzo per vu.
Raimondo. Ehi, non fate la pazza.
Rosega.  Oh, no v’indubitè,
Che no ghe xe pericolo; za savè chi la xe.
Raimondo. È ver, mia moglie è saggia a confusione mia.
Sol mi tormenta un poco con troppa gelosia.
Ma penso qualche volta... Basta, per or vogl’io
Pensare a divertirmi; ci siamo intesi, addio. (parte)
Rosega. Oh, la sarave bella, se se podesse far
Che el mio paron a tutti ne pagasse el disnar.
Za m’ha contà Zanetta la cossa dell’anello,
Anderemo d’accordo pelandolo bel bello.
Za l’è el nostro mistier far zo i nostri paroni,
E gòder el bon tempo a spese dei minchioni.
Son un poco vecchietta, ma ghe ne so assae più
De quel che mi podeva saver in zoventù.
Certo che posso dir d’averme devertio,
E circa el far l’amor, no ho gnancora fenio.

Fine dell’Atto Secondo.

  1. Il famoso Ridotto di Venezia: vol. II. 212 e VIII, 150 ecc.
  2. Magagne: vol. II, 270 e 562.
  3. Ho la fortuna seconda; vol. VIII, 163. n. a ecc.
  4. Cruschello: II, 440.
  5. Anche panariol: tavola piana e liscia «su cui si fa o si porta il pane» al forno: Boerio.
  6. Figlia
  7. «Farsi scorgere, farsi burlare»: Boario. Nasar, fiutare, odorare.
  8. Consumato
  9. Di nascosto.
  10. Si digiuna: II, 492 ecc.
  11. «Armadio a letto»: Cameroni, l. c. }}
  12. «Cioè le divise del gioco»: Cameroni, l. c.
  13. Ho io da ritornare; mi tocca tornare ecc.?
  14. Intendesi il ducato d’argento veneziano, corrispondente nell’ultimo secolo della Repubblica a lire otto venete (cioè a lire italiane 4,368).
  15. Assettare, cucinare: v. Boerio.
  16. Piccolo manicaretto, intingolo.
  17. Oggi.
  18. Lenzuoletto da maschera.
  19. Starai bene, farai bella figura.
  20. Maschera. «Propriamente quella coperta di velluto nero che sta attaccata alla faccia mediante il tener in bocca un bottoncino ecc.: Boerio.
  21. Antica moneta veneziana, di due soldi. In Toscana crazia. V. Boerio.
  22. Raggruzzolati.
  23. In ozio, disoccupate.
  24. Così è il verso in tutte le edizioni.
  25. Abbiamo giudizio, non facciamo pazzie, meno confidenze ecc. «Locuzione bassa e familiare di rimprovero»: Boerio.
  26. «Andar senza saper dove»: Boerio.
  27. Sulle dita. «Farsi facili le cose.»: Cameroni, l. c.
  28. Vaneggiano, impazziscono: V. Boerio.
  29. «Alla buona, alla fuggiasca ecc.»: Boerio.
  30. «Maniera ch’esprime scarsezza in chi riceve e da uno che pretende di dar molto»: vol. VIII, 185 n. c.