Meo fero stato - nato - é sí forte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Geri Giannini

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Meo fero stato — nato — é sí forte Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 205 modifica]

I

A Natuccio Cinquino
Si duole della sua dolorosa vita e chiede pietà a Dio.

Meo fero stato — nato — è si forte,
non credo morte — sia con più dolore,
che d’ogni lato — dato — sommi sorte,
e non già corte, — piene di malore.
5Viv’affannato, — pato — male storte;
oimè! che porte — tienmi d’amarore
non ben agiato — fiato, — di che tort’è!
Cotale scorte — son date ai meo core!
Che gran fallire — dire — posi ’ntero
10è del nochero — e’ ha està balanza,
se più tardanza — fa, tanto ’l desiede.
Al sommo Vero — chero — sua mercede
con pura fede, — ne lo quale spero,
me partagerò — d’està malenanza.
15Conforto — porto — alcuno non par Deo,
ch’eo tegno ’n feo — la mia vita scura
ed ho paura — non mai viver meo.