Ne la stia mi par esser col leone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Ne la stia mi par esser col leone Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Se tu sia lieto di madonna Tana Dovunque vai, con teco porti il cesso
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 11 modifica]

XX

I vari odori di un uomo lercio e schifoso.

Ne la stia mi par esser col leone,
quando a Luttieri son presso a un migliaio,
ché pute piú, che ’nfermo uom di pressione
4o che nessun carname o che carnaio.
Li suo’ cavegli farian fin buglione,
e la cuffia faria ricco un oliaio;
e li drappi del lin bene a rasgione
8sarian per far panel di quel massaio.
E’ sente tanto di vivarra fiato,
e di leonza e d’altro assai fragore:
11mai nessun ne trovai si smisurato!
Ed escegli di sopra un tal sudore,
che par veleno ed olio mescolato;
14la rogna compie, s’ha mancanza fiore.