Novelle (Bandello, 1910)/Parte III/Novella XX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XX - Una solennissima beffa fatta da una donna al marito, con molti accidenti per via d’incantagioni

../Novella XIX ../Novella XXI IncludiIntestazione 29 settembre 2017 25% Da definire

Novella XX - Una solennissima beffa fatta da una donna al marito, con molti accidenti per via d’incantagioni
Parte III - Novella XIX Parte III - Novella XXI
[p. 257 modifica]

IL BANDELLO

al gentilissimo messer

domenico campana

detto Strascino


Ancora che quello instinto, che naturalmente è impresso negli animi del piú degli uomini, de l’orrore e téma che s’ha dei corpi morti e degli spiriti, massimamente nel tempo notturno, ove l’oscuritá de le tenebre ed il silenzio fanno la paura maggiore, sia appo le menti bene instituite non picciolo argomento de la immortalitá de l’anime nostre e che ci sia un’altra vita da essere per noi bramata, senza questa, ne la quale ora viviamo anzi pure di continovo a sciolta briglia a la morte corremo; io ora mosso non mi sono a scrivervi per entrar in questi ragionamenti, ma per aver materia di mandarvi questa mia novella, la quale avvenne subito dopo che voi partiste da Milano e ve ne ritornaste a Roma. La novella fu recitata a la presenza de la gentile e vertuosa signora Clara Pusterla, in casa de la quale voi, essendo qui in Milano, foste ben veduto ed accarezzato; perciò che nel vero essa signora Clara, tra le molte e rare sue doti che la fanno mirabile e singolare, ha questo: che festeggia meglio e raccoglie gli stranieri e massimamente i vertuosi, che altra che ci sia. La novella fu narrata dal molto gentile e prode messer Girolamo Screciato Guidone, de la banda del signor Galeazzo Sanseverino gran scudiero di Francia. E perché ne la novella intervengono coSe di spiriti e paure che per téma di quelli s’ebbero, ho io cominciato a dire degli spiriti, e tanto piú che si vede che talora l’imaginazione fa quello che farebbe il vero, come in questa novella intervenne. Ed anco M. Iíandeixo, .Vovelle. [p. 258 modifica]PARTE TERZA perciò che al carrattiero de la detta signora in quei di con maschere in forma di demòni fu fatta una beffa che molto fece rider la brigata, e fu cagione che messer Girolamo narrasse questa, che io ora vi mando a ciò non possiate dire che io di voi non abbia più memoria. Ma chi sarebbe quello si smemorato, che avendo avuta la pratica vostra, Strascino mio soavissimo, si potesse i fatti vostri smenticare? Io per me, fin che viverò, sempre di voi e de le vostre piacevolissime feste sarò ricorde¬ vole. Ora in questa novella riderete voi d’una nuova beffa che fece per via di spiriti una donna a suo marito. E certamente sono pure alcune donne, che trovano di strane invenzioni per mandar i mariti in Cornovaglia e fargli varcare il mare senza barca. Ma venendo a la novella, altro non vi dico. State sano. NOVELLA XX Una solennissima beffa falla da una donna al marito, con molli accidenti, per via d’incantagioni. Se la beffa, valorosa signora mia, fatta al vostro carrattiero ha fatto rider tutta la brigata, non è meraviglia, perché di rado avviene che come veggiamo cascare chi si sia, pur che non si faccia male, non si rida, cosi anco qualunque volta si fa qual¬ che beffa, pare che l’uomo tener non si possa che non ne rida. Ma io ora non vi vo’ parlar di queste beffe ridicole e da scherzo, avendo per le mani una novella accaduta non è molto in questa nostra città di Milano, per la quale si conoscerà ciò che alcune donne sanno fare quando vien lor voglia di cavarsi un appetito. Fu adunque, per non vi tener più a bada, mandato da un pren- cipe d’Italia in questa città uno ambasciatore molto nobile e ricco, che aveva per moglie una bellissima giovane, nasciuta ne le prime ed onorate famiglie di questi paesi, a ciò che egli stesse appresso al duca come si costuma. Questi conoscendo che aveva a star fuor di casa qualche tempo, condusse la bella moglie a Milano ed ebbe per alloggiamento il palazzo appo San Gio¬ vanni in Conca, che fu la corte antica del signor Bernabove Vesconte, che, come sapete, è molto grande e capace d’ogni [p. 259 modifica]NOVELLA XX 259 gran famiglia. Quivi condutto e del tutto proveduto, se ne dimo¬ rava l'ambasciatore con la moglie; la quale, essendo molto bella e olirà questo assai aggraziata e vertuosa di sonare e cantare, era tutto il di visitata e, come si dice, corteggiata da tutta la nobiltà di Milano. Né v’era uomo nessuno d’ingegno o di qualche vertù dotato che non vi si trovasse, ed ella a tutti faceva buon viso e secondo il grado loro li raccoglieva ed ora questi ed ora quelli teneva seco a mangiare. Il marito, che era liberale e ma¬ gnanimo, mostrava aver piacere che la moglie di questa maniera fosse onorata. Fu in quei di mandato 1111 altro ambasciatore a Milano da un altro prencipe, che era giovine ed uomo molto dedito a le servitù de le donne, e per conseguir l'amore e la grazia di quella che piacciuta gli fosse, non lasciava cosa a fare, ma spendeva e donava largamente. Questi per ora sarà da noi chia¬ mato, non senza ragione, Vittore, non volendo io per convenienti rispetti metter i propri nomi di qual si sia de le persone che io nomerò in questa mia novella; e l’altro ambasciatore da me si dirà Ferrando, e la moglie Filippa nominaremo. Vittore adunque, cominciando a prender domestichezza in casa di Ferrando, vi si fece molto domestico; e piacendogli incomparabilmente la pra¬ tica de la Filippa e a lei quella di Vittore, in modo insieme si domesticarono che questa domestichezza si converti in un fer¬ ventissimo amore. Onde avendo ogni di e ogn'ora la commodità di parlare insieme, si discopersero i loro amori e seppero cosi ben condurre la lor trama che amorosamente insieme talora si trastullarono. Ma meno che discretamente questa loro pratica usando, fecero cosi che tutto Milano non che i domestici loro se n’accorsero. Ferrando, che che se ne fosse cagione, non mo¬ strò mai di cosa alcuna avvedersi; onde era generai openione, perciò che in tutte l’altre sue azioni aveva del saggio e de lo scaltrito e negoziava molto prudentemente gli affari del suo prence, che la moglie l’avesse con qualche malia guastato. Pia¬ cendo poi a lei molto più la pratica di Vittore che quella del marito, entrò in questo umore di voler che ogni notte egli si giacesse con lei. E per quanto apparteneva ai servidori de l’uno e de l’altro padrone, la cosa era facile, perciò che in casa di [p. 260 modifica]26o PARTE TERZA Vittore non v’era uomo che non sapesse il padrone loro esser de la moglie di Ferrando innamorato e goder i suoi amori. Gli uomini poi e donne di Filippa lo conoscevano chiaramente, e nessuno perciò ardiva farne motto a Ferrando, conoscendolo che ne Taltre cose essendo avveduto e saggio, in questo era poco avvisto, ché dava troppo fede a la moglie, come in molte città d’Italia fanno ordinariamente quasi tutti i mariti. Era del mese di maggio, che il caldo suole molte fiate stranamente cre¬ scere; e nel vero quell'anno cominciò l’aria ad esser molto calda, e se altrove il caldo è fervente, in Milano è egli a simile sta¬ gione ferventissimo. Ora cominciò madonna Filippa tutta la notte a dimenarsi per il letto e mormorare del gran caldo che faceva, che non la lasciava né dormire né riposare. Il marito, veggendo questi rammarichi de la moglie, disse: — lo non sento già cosi gran caldo come dici che senti, ma per acco¬ modarti io farò porre in un lato de la camera il mio letto da campo e ti lascerò dormir sola. — Veggendo ella che il suo di¬ segno cominciava a riuscire: — E’ si può — disse — fare ciò che voi volete. — Conosceva la donna il suo marito esser il più pauroso uomo del mondo e che d’ogni minimo strepito che sen¬ tisse la notte moriva di paura, né averebbe avuto ardire la notte andar per casa se non era ben accompagnato e col lume; ed oltra questo, come si parlava di morti o che in qualche luogo si fossero sentiti spiriti, stava dui o tre di che non era, d’estrema paura che aveva, su la sua. Onde la donna, avendo corrotti tre dei più arditi servidori di casa e medesimamente alcune de le donne, e l’animo suo communicato con l’amante, si dispose di far un’alta beffa al marito. L’amante, intesa la volontà de la sua innamorata e parendogli che di leggero poteva venir fatto che comodissimamente ogni notte egli con lei si giacerebbe, mandò per un buon compagno che di lungo tempo conosceva, il quale sapeva meglio contrafar la voce di molti augelli e di molti altri animali che altro che si sapesse, e lo fece venire in casa sua. E perché in Milano non era conosciuto, gli impose che in modo alcuno non facesse verso d’augello né di bestia. Aveva la buona moglie fatto contrafare tutte le chiavi che le parvero esser di [p. 261 modifica]NOVELLA XX bisogno a la sua impresa, e quelle date a Vittore. Ora essendo il tutto messo ad ordine, Vittore con quattro suoi servidori e col giovine che nuovamente aveva fatto venire, che Gabbadio si chiamava, si vesti la notte con costoro di maniera che pare¬ vano diavoli. Ed avevano in capo certe gran corna piene di fuoco artificiato, che rendeva fuoco e fumo come essi volevano, e da le spav entose mascare che al volto avevano gittavano talora fiam¬ melle a modo di raggi. Questi, cosi bestialmente mascherati, entrati in casa di Ferrando, se n’andarono vicini a la camera ove egli e la moglie dormivano, e quivi in sala e sovra una loggia facevano un trescare proprio da demòni; e Gabbadio, ora contrafacendo l'asino, ora il bue ed ora qualche augello, faceva proprio parere che quei vgri animali fossero quivi presenti. II perché il mastro di casa di Ferrando, uomo attempato, cd altri servidori di casa saltarono fuor di camera. Ma come videro, al parer loro, i demòni, ad alta voce gridando, si ritirarono ben tosto ne le camere loro. Il medesimo fecero quelli che la donna aveva corrotti, i quali, de la favola consapevoli, gridavano: — Iesus! Ave Maria! questi sono diavoli de l’inferno! — E re¬ plicato questo due e tre volte, si chiusero in camera. Ferrando come senti il romore e udi dire « Iesus » e « diavoli » tremando come una foglia al vento, saltò fuor del suo letto e corse in quello de la moglie, gridando: — Oimè, Filippa! non senti tu ciò che sento io? — La donna, fingendo altamente esser addormentata, si lasciò dar più di dui punzicchioni prima che facesse vista d’essersi destata: poi, tutta scotendosi, paurosamente disse:—Oimè! chi mi tocca? chi è qui? — E finse voler saltar fuor del letto. Fer¬ rando, abbracciatala: — O anima mia — disse, — io sono il tuo marito. — Deh, vi perdoni Dio! — rispose ella un poco sde- gnosetta. — Io dormiva troppo bene. Che volete voi? — Oimè! — soggiunse Ferrando — non senti tu lo strepito e il romore che in casa si fa? ché certamente la casa è piena di demòni. Eccoli che picchiano per la sala ed urlano. Iesus, aiutami! —• E mille segni di croce si faceva. La donna ridendo : — Io credo — disse — che voi sognate. Io non sento nulla. Queste sono de le vostre, che non potete sofferire di lasciarmi dormire. — Era 2Ó2 [p. 262 modifica]PARTE TERZA in effetto il romore grandissimo, con certi urli e spaventose voci che i più sicuri uomini del mondo in quell’ora averebbero spa¬ ventati. La donna, che fingeva non sentire, uscita di letto, se n’andò ad un materazzo ove dormivano due de le sue donne pur in camera, le quali, seguendo il comandamento de la padrona, facevano vista di dormire. Era acceso il lume in camera. 11 per¬ ché elle, come se da la madonna fossero state destate, in modo di sonnacchiose le dissero: — Che commandate voi, signora? — Ella alora quasi sorridendo disse: — Non vedete voi il mio consorte, il quale dice che ode e sente grandissimi romori e s’è fuggito nel mio letto? — Le damigelle, fingendo le vergo¬ gnose, come se avessero voluto dire che il padrone colà s’era corcato per trastullarsi, fecero cotali atti e dissero: — Andate, andate, signora, e sarete la sposa. — Ferrando, sentendo questo e veggendo che anco le donne dicevano che non sentivano romore alcuno, voleva arrabbiare, sentendo tuttavia gridi, urli e strepiti fuor di modo. La donna alora disse: — Io dubito, marito mio, che ier sera voi non bevessi troppo e che il cer¬ vello vi vada a sparaviero. Egli è pure gran cosa che di noi tre nessuna senta cosa alcuna e che voi sentiate le meraviglie. Io non so che mi dire. Ma se vi dà l’animo di uscire di ca¬ mera, io verrò con voi, e vederemo che diavoli sono cotesti, e trovarete che pigliate lucciole per lanterne. — Non fu mai possibile che Ferrando volesse accordarsi di lasciar aprir l’uscio, volendo anco le due damigelle uscire con la padrona. Durò questa berta più di tre ore. A la fine i mascarati si partirono e se n’andarono a casa. La donna si levò a buon’ora. Cosi anco Ferrando, il quale tutto di paura tremava né ardiva quasi andar per casa, massimamente avendo dal suo maestro di casa udito la strana forma e l’abito di quei demòni. Quelli poi che con la donna erano accordati dicevano le maggiori filostocche e più meravigliose e stupende cose del mondo, aggiungendo tuttavia a ciò che veduto avevano. Si cominciò di questi spiriti a buccinare qualche cosa per Milano, perciò che tutta la fami¬ glia di Ferrando non sapeva parlar d’altro che del gran romore ed urlare che quella notte s’era sentito. Ora dopo desinare, [p. 263 modifica]NOVELLA XX essendo molti signori e gentiluomini in casa di Ferrando, e Vit¬ tore essendovi di compagnia, variamente di questo fatto si ragio¬ nava, parendo a tutti gran miracolo che ciascuno avesse sentiti quegli spiriti, eccetto la donna e le.sue damigelle. E chi diceva una cosa e chi un’altra. Erano alcuni che affermavano questo poter avvenire perciò che quelli che avevano veduto e sentito le meraviglie non devevano esser cresimati. La donna se ne rideva, dicendo che tutti quelli, che si pensavano aver veduto e sentito questi miracoli, avevano la sera innanzi preso carta sovra tren¬ tuno e fatto sdraizza assai più del devere. Vittore affermava sé non credere queste visioni e che in vita sua mai non aveva veduto né sentito cosa alcuna. Alcuni altri dicevano che non deveva esser meraviglia se in quel palazzo si sentiva cosa alcuna, perché infiniti uomini colà dentro, nel tempo del signor Barnabò Vesconte, che fu crudelissimo signore, furono strangolati e con fierissimi tormenti fatti morire. Cosi ciascuno ne diceva il suo parere. Insomma tutt’era niente a par del timore che Ferrando aveva, il quale disse a la donna: — Moglie mia, egli sarà ben fatto che facciamo porre dentro la nostra camera quattro o cinque letti, e che vi dormano tutte le tue donne e in due degli altri letti il maestro di casa con tre dei miei uomini per sicurezza mia. — Cotesto non voglio io — disse la donna, — che altri uomini che tu dannino ove io ho il mio letto, perciò che prima non mi piace questo mescuglio d’uomini e donne; dapoi, avvenendo che voi altri sentiate romore alcuno che io non intendo come si sia, voi non mi lasciarete dormire. Ed anco, marito mio, io ti dico che se queste baie durassero, io vorrei che tu facessi una de le due: o che non ti movessi fuor del tuo letto per venirmi a destare, o vero che tu metta il tuo letto in un'altra camera. — Ora su queste tenzioni s’accordorono che per la se¬ guente notte attenderebbero per vedere ciò che seguisse, non facendo altra mutazione di Ietti. Nonostante questo, manda¬ rono a pigliare il padre frate Vincenzo Spanzotto al convento de le Grazie, degli osservanti di san Domenico; e fecero che egli con l’acqua santa visitò tutta la casa e la benedi con salmi e altre orazioni, spruzzando il tutto con l'acqua benedetta. Era [p. 264 modifica]264 PARTE TERZA presente Vittore a tutte queste cerimonie; il quale la seguente notte, mascherato al solito, entrò nel palazzo e mandò dui dei suoi sovra il solaro de la camera ove Ferrando e la donna dor¬ mivano. Chi volesse contar il romore e lo schiamazzo che quella notte di sopra e di sotto si fece, averebbe troppo che fare. Ferrando poi che ebbe un poco sostenuto, vinto da la paura, co^se al letto de la moglie, la quale con le sue donne faceva vista di dormire; e quella, al suo parere, destata, si voleva disperare che ella non sentisse il battere che sopra il solaro si grande si faceva, che pareva che la casa tutta devesse abis¬ sare. La donna, facendo l'adirata, disse: — Marito mio, egli sarà necessario che tu stia in una camera la notte ed io in un’altra, e di giorno poi potremo stare insieme, ché io conosco chiara¬ mente che ad essermi di questo modo rotto il sonno, che impaz¬ zirei o caderei in qualche grave infermità. — Perseverarono le maschere a fare le loro pazzie fin quasi al nascer de l’aurora. Il perché, venuto il giorno, vi fu da dire assai, non essendo stato uomo in quella famiglia a cui fusse bastato l'animo d'uscir di camera, perciò che di modo tutti erano impauriti che nes¬ suno ardiva di scuotersi. Ed assai il di se ne ragionò. Ferrando fece porre il suo letto in una camera in capo d'una loggia e volle che circa sette dei suoi in quella camera dormissero. II perché conoscendo la donna il suo avviso riuscirle e di già avendo del tutto avvisato l'amante, quella notte egli galante- mente vestito andò a trovarla e menò seco le sue mascare, le quali altro romore non fecero vicino a la camera de la donna, che con Vittore rifaceva i danni passati, se non che Gabbadio tutta la notte contrafece ora il rosignolo, ora la calandra, ora il lugarino, ora il fanello ed ora qualche altro augello di quelli che cantano più melodiosamente. Ma gli altri compagni face¬ vano ne l’altre parti il maggior strepito che fosse possibile, e massimamente vicino a la camera di Ferrando. Dormivano dentro la camera del padrone quei servidori che Filippa aveva corrotti, i quali al cominciamento del romore, veggendo che il loro padrone s’era levato e messosi in ginocchione a dir sue orazioni innanzi ad un crocifisso, avendo sempre il lume [p. 265 modifica]NOVELLA XX 265 in camera acceso, gli dissero bravando: — Padrone, a noi pare che sia una gran vergogna la nostra e disonor vostro, che non abbiate servidore in casa a cui basti l’animo di voler vedere che cosa sia questa di tanti romori che ogni notte si fanno. Io credo che sia ben fatto che quattro o cinque di noi usciamo e veggiamo ciò che questi spiriti sanno fare. — Il maestro di casa, che era buon vecchio e gli pareva la prima volta non aver ben veduto, desiderava veder meglio che cosa questa fosse; onde essortò il padrone che si contentasse che egli con coloro uscisse. Ma Ferrando non la voleva intendere. Tuttavia tanto fecero e dissero che si contentò. Apersero adunque l’uscio e saltarono fuora con loro arme in mano. Ma a pena erano usciti che i mascherati, che troppo mai non s’allontanavano da quel luogo ma quivi d’intorno trescavano, gli vennero incontra urlando e facendo i più strani atti del mondo, di modo che quelli che s’erano mostrati si arditi ad uscire, fingendo morir di paura, corsero in camera e si lasciarono a posta cader su l’uscio, come gli era stato commesso. In questo le mascare, gettati suoi fuochi artificiali, mandarono la fiamma fin in camera e passa¬ rono via di lungo, tirando dopo loro per terra alcune catene di ferro, che facevano tanto romore che pareva che il mondo vo¬ lesse finire. Furono per forza tirati dentro quei servidori e chiuso l’uscio, avendo già veduto quelli che in camera erano passar quelle mascare, che proprio parevano diavoli d’inferno. Fer¬ rando, più morto che vivo, diceva sue orazioni con più segni di croce che non ha fiori primavera. Cessarono di far strepito gli spiriti mascherati e solamente s'udiva il canto di Gabbadio. Ma chi potria dire il piacere di Vittore e de la Filippa, i quali, per non aver paura, cacciavano più che potevano il diavolo in inferno e del pauroso Ferrando si ridevano? Ora questi romori andarono tanto innanzi che Ferrando, non si ricordando di mai essere stato cresimato ne la sua fanciullezza, si fece cresimare dal suffraganeo de l’arcivescovo e pigliò Vittore per suo padrino, con speranza di non sentir più romori. Ma il tutto fu indarno, non cessando le maschere di far l'ufficio loro. Il povero maestro di casa, che aveva voluto far il bravo ed uscir di camera del [p. 266 modifica]266 PARTE TERZA padrone con quelli che sapevano la rasa, ebbe tanto spavento che gravemente infermò, e non solo si pelò, lasciandovi la barba e i capelli, ma, come fanno le bisce, vi lasciò anco a poco a poco la pelle e quasi se ne mori. Ebbe in quei di Vittore da sua moglie un figliuolo e per commare prese Filippa, non cessando perciò, sempre che poteva, di giacersi con lei, credendo forse die fosse vero ciò che Tingoccio disse a Meuccio quando in sogno gli apparve. Ora andando la pratica di questa maniera e per Milano non si ragionando d’altro che degli spiriti che in casa di Ferrando si sentivano, vi fu qualche gentiluomo che, sentendo questa baia e sapendo che per innanzi nulla mai s’era sentito dentro quel palagio, cominciò pensare ciò che era in effetto. Onde communicato questo suo pensiero ad un altro gen¬ tiluomo suo carissimo compagno, deliberarono mettersi in aguato a quelle parti de la casa ove pareva loro che vi si potesse en¬ trar dentro. Onde una notte, veduto chiaramente venire Vittore con i compagni, che senza maschera ed abito erano, perché in casa si mascheravano, attesero l’uscita loro e gli diedero a dosso a colpi di buone cortellate. E andò cosi la bisogna che Vittore ebbe due ferite, e a uno degli suoi cadde l’abito da mascherarsi, che fu da li gentiluomini assalitori preso. Fu anco stranamente ferito Gabbadio, dandosi fine a la mischia senza che Vittore conoscesse chi l’aveva assalito, né che anco quegli altri cono¬ scessero Vittore. Ma il di seguente, sapendosi come il signore ambasciatore era ferito, vennero i gentiluomini in cognizione de la cosa e la tennero molto segreta. Da l’altra banda, sapendo Vittore che l’abito era perduto, non volle più tenere quella via, non sapendo da chi guardarsi e dubitando di molti. Onde cessò quello romore che gli spiriti facevano, di modo che il buon Ferrando attribuì la cessazione di cosi malvagia tribulazione a le orazioni che ai monasteri di frati e monache faceva fare, che per questo avevano guadagnato di buone pietanze.