Novelle (Bandello, 1910)/Parte III/Novella XIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XIX - Paolina romana sotto specie di religione è dall’amante suo ingannata, ed i sacrifìcii d’Iside disfatti

../Novella XVIII ../Novella XX IncludiIntestazione 29 settembre 2017 25% Da definire

Novella XIX - Paolina romana sotto specie di religione è dall’amante suo ingannata, ed i sacrifìcii d’Iside disfatti
Parte III - Novella XVIII Parte III - Novella XX
[p. 245 modifica]

IL BANDELLO

al reverendo protonotario apostolico

messer

giacomo antiquario


Erano la settimana passata nel venerabile monistero di Nostra Donna de le grazie in Milano alcuni gentiluomini con voi, e sotto il lungo pergolato de l’orto con alcuni religiosi d’esso monistero tutti vi andavate onestamente diportando. Ed essendosi detto che una volta frate Michele da Carcano, avendo uno dei suoi frati ingravidata una giovane a Cremona e il popolo entrato in furia, montò in pergamo e fece una bella predicazione, e nel fine, rivolto al popolo, disse: — Cremonesi miei, io sempre v’ho stimati uomini sagaci e di perfetto e saldo giudicio, ma io mi trovo molto ingannato de la mia openione. E che miracolo è questo o cosa insolita, che un uomo ingravidi una donna? non vedete voi che tutto il di questa cosa avviene? e per simil cosa fate tanti romori? Miracolo sarebbe e cosa da far tumulto se la giovane avesse ingravidato il frate, — e con queste chiacchiere pacificò i cremonesi; — su questo si dissero cose assai de la dissoluta vita di molti religiosi e de la poca cura che vi si mette a corregger i loro pessimi costumi, cosí pei preti secolari come regolari od almeno che deverebbero esser regolari. Onde il nostro costumato e dotto messer Gian Giacomo Ghillino, modestissimamente di questa materia ragionando e dicendo che sarebbe ben fatto talora di far come fece a Roma Tiberio imperadore ai sacerdoti de la dea Iside, narrò l’istoria che a quei tempi avvenne ad una gentildonna romana. Ed avendola io secondo la narrazione sua scritta, di quella un picciolo dono ve ne faccio, non avendo io ora altro che donarvi. Ma se forse ad alcuno paresse disdicevole che a la gravitá degli studi, nei quali tutto ’l di [p. 246 modifica]246 1>A RTIC TERZA voi filosofate, queste ciancie non convenissero, e meno a l’inte¬ grità de la santissima vostra vita, deve pensare, chi a la ragione ubidisce, essere alcuna volta di bisogno rallentar il rigore del vivere ed in cose oneste e piacevoli ricrearsi, per esser poi più forte e gagliardo a le fatiche degli studi. Cosi il padre de l'Aca- demia, Socrate, dopo le continove disputazioni de le questioni difficillime e altissime, dopo la disciplina di tanti eccellenti di¬ scepoli che l'udivano, quando era a casa non riputava cosa de la vita sua integerrima indegna, con i piacevoli figliuoli trastul¬ landosi, pigliare di quegli stessi piaceri che la fanciullesca età si piglia. E quello lodatissimo Scipione Affricano il maggiore, dopo i gravissimi pensieri del governo degli stati, non ¡schifava col suo Acate Lelio andarsi su per il lito del mare diportando e cogliendo i sassolini minuti e le cocchiglie marine. State sano. NOVELLA XIX Paolina romana sotto specie di religione è da l'amante suo ingannata ed i sacrifìci d’Iside disfatti. Noi siamo, signori miei, trascorsi per un ampio e cupo pelago de la corrotta vita de le persone dicate al servigio di Dio, avendo più di bisogno i cattivi costumi loro di emenda che di ripren¬ sione. Perciò bisognarebbe por le mani, come si suol dire, in pasta e venire a la riformazione de la vita loro, essendo eglino quelli dai quali noi altri deveremmo prender l’essempio del ben vivere e non vedere le disconcie cose e le perverse opere che tutto il di veggiamo. Io per me, dopo le cure domestiche, fa¬ miliari e degli amici, non ritrovo assai spesso altro conforto che venir qui e star buona pezza con questi venerabili religiosi o con quelli di Santo Angelo, di San Pietro in Gessate o con simili monaci o frati osservanti, nei quali non si ponno vedere se non buoni costumi, e da loro ricever ottimi consegli per passar il corso di questa nostra perigliosa vita. Ed ancor che si reg¬ giano degli altri che hanno il nome di religiosi e la vita tutta contraria a la professione che fanno, come molti ne sono in questa nostra città di Milano, non debbiamo perciò noi altri [p. 247 modifica]NOVELLA XIX 247 esser loro imitatori, né anco porre la bocca in cielo, ma fug¬ gendo i tristi costumi loro lasciar la cura a chi appartiene di castigargli e dargli la debita punizione. Facciamo noi il debito nostro ed avvengane ciò che si voglia. Egli è ben perciò vero che i mali essempi sono cagione di grandissimi e strabocchevoli mali. Per questo, come benissimo sa messer Giacomo Antiquario che è qui, se il duca Lodovico Sforza non perdeva questo du¬ cato, aveva già messo ordine di voler riformare tutto il clero ed ogn’altra sorte de le persone religiose di questo dominio, supplicando il papa che astringesse i capi de le religioni, e i vescovi i loro preti, che ciascuno vivesse secondo gli ordini loro. Ma Tesser egli cacciato e fatto miseramente prigione ha vietato questa cosi santa, necessaria e lodevole opera. E forse che Dio un giorno spirerà la grazia sua al re nostro cristianis¬ simo, che secondo che ha cominciato a far riformare il convento e frati di Santo Eustorgio, farà il medesimo nel resto. Ora sovvenendomi ciò che Tiberio imperadore fece a Roma a certi sacerdoti, dico che non ¡starebbe forse in tutto male che talora si facesse ad uno o dui di questi malviventi preti o frati, perché saria metter terrore agli altri a ciò che quello che operar non vogliono per amor de la vertù, facessero per téma de la pena. Volendo adunque narrarvi l'istoria, devete sapere che, signoreg¬ giando in Roma Tiberio imperadore, fu un gentiluomo romano molto ricco, chiamato Saturnino, il quale prese per moglie una nobilissima giovine, che era de l'eredità dei suoi parenti e pa¬ trimoni loro rimasa oitra modo ricca, di modo che a la casa del marito portò oro, argento e possessioni grandissime. Era poi tenuta una de le belle giovani che in Roma a quei tempi si trovasse. Ma quello che più famosa e a tutti riguardevole la rendeva era la sua vera e pudicissima onestà, non pieghe¬ vole a qualunque persona si fosse, per argento od oro od altra cosa che sia. E tanto più alora era in lei meravigliosa e lode- volissima la pudicizia quanto che di già le donne romane, grandi e picciole e d'ogni grado e qualità, avevano cominciato allargar il freno senza riguardo alcuno a le lascivie e senza téma di vergo¬ gna diventavano adultere, e facevano le cose cosi sfacciatament [p. 248 modifica]e / 248 PARTE TERZA come le meretrici publiche. Ed in tanto s’erano lasciate trasportare agli appetiti mal regolati, che se gli avi loro fossero ritornati in vita e avessero veduta la pompa de le vestimenta con tanto oro e si preziose gemme e perle orientali, e udite le parole non convenevoli a donne e madonne oneste, e considerata la vita lasciva e poco pudica con quei modi ed atti meretrici]', avereb- bero, pieni di meraviglia e insiemeinente di sdegno, detto quello non esser l’abito, non i costumi, non i modi, non le maniere, non la moderata vita, non la lodevole conversazione che a le figliuole loro avevano per eredità lasciato. Né crediate che il viver degli uomini fosse in parte alcuna meno lascivo che quello de le donne. Quella creanza romana, quella avita vertii, quello antico valore, quella temperata vita e quei santissimi modi, che gli avevano l’imperio del mondo acquistato e con tanta gloria mantenuto, più non si trovavano; di modo che l’uno e l’altro sesso era caduto ne la spurcizia d’ogni abominevol vizio. E quelli che romanamente vivessero e imitassero gli antiqui e buoni costumi erano molto rari, travarcando tuttavia il perfetto vivere romano di male in peggio. Di questi rari adunque personaggi, in cui l'antico valore ancora non era estinto, si poteva tra le oneste donne senza dubbio annoverare la bella ed onestissima Paolina, la quale, sinceramente amando il suo marito, attendeva a le cose de la casa che a le femine appartengono, in nessuna parte inferiore a l'antica Lucrezia né a Cornelia madre de’ Grac¬ chi od a Porzia di Bruto. Avvenne che un giovine romano di famiglia equestre, che Mondo si chiamava, vedute le bellezze e sagge maniere di Paolina, di lei fieramente a poco a poco, veggendola spesso, cosi acceso rimase che come non la vedeva gli pareva, vinto da estrema passione amorosa, di morire. Era l’ordine equestre mezzo tra i patrizi e i plebei, e in questo ordine Mondo di ricchezze era dei primi e splendidissimamente viveva. Come egli si vide esser di Paolina invaghito e che senza la vista di lei la sua vita era peggio che morte, cominciò tutto il di ove ella andava, o ai publici giuochi e spettacoli o ai tempii o in qualunque luoco ella andasse, a seguitarla, sperando con l’assiduo corteggiare e con doni d’acquistar l’amore e la [p. 249 modifica]NOVELLA XIX 249 grazia di lei. Ma ella, che di cosa che egli si facesse punto non si curava, faceva vista di non vederlo, né più né meno a lui mettendo mente come ad ogni altro, che veduto avesse o. che seco domesticamente si fosse messo a parlare, fatto averebbe. Del che Mondo menava la vita in pessima contentezza, non li giovando cosa alcuna. Tuttavia, ancora che rigidissima la co¬ noscesse ed aver un core adamantino e pieno di freddissimo ghiaccio, ove fiamma d’amore penetrar non poteva, deliberò con messi ed ambasciate tentare di conquistarla. Onde le scrisse una amorosa lettera e mandolle per messaggera una scaltrita femina avvezza ad essercitare simili mestieri. Andò la donna e, trovata in casa Paolina che con le sue damigelle faceva suoi lavori, entrò con lei in ragionamento, fingendo certe sue favole. A la fine, dopo diversi parlari, le scoperse l’amore di Mondo, sforzandosi mostrare quanto il misero amante per lei ardesse, offerendole non solamente che egli era prontissimo a fare tutto ciò che ella gli comandasse, ma che di lui e d’ogni suo avere la farebbe padrona. Non sofferi Paolina di lasciar finire la rea femina quanto era per ragionare, ma, di giusto sdegno infiam¬ mata, fieramente si turbò e con villane parole da sé la messag- giera discacciò, e a Mondo mandò dicendo che mai più non fosse cotanto ardito di mandarle né messi né lettere, se non voleva che male gliene avvenisse. E la lettera di Mondo, elic¬ la donna voleva darle, non volle né prendere né leggere, né più udire da lei parole, anzi le comandò che per quanto aveva cara la vita non le venisse mai più dinanzi. Ché se cosi audace e temeraria fosse che innanzi le ritornasse, che le farebbe fare si fatto scherzo che ella perpetuamente di Paolina si ricorda- rebbe. Parti la disonesta messaggera tutta di mala voglia, e con le trombe nel sacco a Mondo se ne ritornò. Al quale, dopo che ebbe riferita la risposta di Paolina e tutto ciò che detto e fatto aveva, con molte parole il persuase a distorsi da questa impresa, perciò che, avendo ella infinite madrone romane tentate, combat¬ tute e vinte, non aveva già mai trovata donna, di qual condizione si fosse, più salda né più aliena da cose lascive come era Paolina, e che le donava il vanto de la più pudica e vertuosa giovane [p. 250 modifica]250 PARTE TERZA che in Roma fosse già mai. Onde giudicava esser il tutto but¬ tato via che per indurla ad amare meno che onestamente se le fosse fatto. Mondo, che era, come si dice, de l’amore di Paolina cotto e che altro diletto od alleggiamento a le sue passioni non conosceva che la vista di lei, con molte parole assai si sforzò indurre la messaggera che con nuove ambasciate ritornar un’altra volta ci volesse e si facilmente per una repulsa avuta non si smarrisse, e che vederebbe l’utile che da lui de le sue fatiche ne conseguirebbe. La donna, che in simili imprese era pratica e più e più volte stata a la prova e cimentata, ed in effetto aveva compreso l’animo di Paolina esser alieno in tutto da cotali maneggi, in questa guisa al giovine rispose: — Mondo, io credo che i miei passi e le mie parole, quanto a te appar¬ tiene, mai non sarebbero gittati via, né io indarno per farti alcuno servigio m’affaticherei già mai, perché conosco che sei cortese e liberale, e sei si abbondevolmente di beni di fortuna dotato che sempre a chi ti farà piacere potrai largamente do¬ nare, ed io di già n’ho la caparra in mano. Ma io t’affermo, e punto non m’inganno, che certamente io con costei non verrò mai a capo di cosa che ti possa giovamento alcuno recare. Io debbo sapere ciò che mi dico, per le lunghe e continove ispe- rienze che ho di questo mestiero. Si che fa' quello ch’io ti conseglio, e levati fuor del capo questa fantasia. In Roma ci ci sono de l'altre donne non meno nobili e belle che si sia questa Paolina, ed io non ne conosco nessuna, di qual grado si voglia, che se io me le metto con le mie arti dietro, non la rechi a fare ogni mio volere. Guarda pure qual più ti va per lo gusto, e poi lascia fare a me. Che io più ritorni a par¬ lare a Paolina levati di core, perché i fatti tuoi in parte alcuna non acconciarci né ti recarei profitto alcuno, e il caso mio an- derebbe di mal in peggio e forse saria l’ultima impresa che io facessi. — Intendendo Mondo la deliberazione de la donna, che dopo il ragionamento da lui si parti, restò cosi stordito e tanto di mala voglia che pareva che la machina de la terra gli fosse mancata di sotto i piedi, e in si fatto modo invili e tanto cor¬ doglio ne prese che non solamente quel di e la seguente notte [p. 251 modifica]NOVELLA XIX 251 piangendo e sospirando consumò, ma più altri ancora, contino- valido ne la sua malinconia e nel dirotto lacrimare, perseverò senza ricever consolazione alcuna, che il cibo e il sonno per¬ dutone, per debolezza fu costrettp a mettersi a letto. Vennero chiamati i medici a visitarlo, i quali per cosa che si facessero, perché egli la cagione del suo male non voleva scoprire, già mai non s’apposero al vero de la infermità di quello. Solamente, trovando la vertù naturale molto deietta e prostrata, attesero con loro argomenti e rimedi a ristorare le perdute forze. Ma quanto a fortificare il corpo attendevano, tanto l’animo s’avvi¬ liva, e il povero amante tuttavia peggiorava. Aveva Mondo una serva nata in Alessandria d'Egitto, che egli altre volte per ¡schiava comperata aveva, e poco avanti, trovandosi da lei ben servito, era da lui stata fatta libera e tuttavia se ne dimorava in casa. Ella, che il padrone sommamente amava e lo vedeva si gravemente infermo, prendeva del male di lui affanno grandis¬ simo e molto se ne doleva, standogli a torno di giorno e di notte, servendolo con tanto amore come se le fosse stato figliuolo. E non si partendo quasi mai da lui e tuttavia veggendelo pian¬ gere e sospirare, s’ingegnava a la meglio che poteva e sapeva di confortarlo con ogni sollecitudine e cura, pregandolo che la cagione de la sua infermità e malinconia le volesse discoprire. Pareva pure a la donna che il male del suo padrone procedesse da passione d'animo e da mala contentezza di core, e che il miglior rimedio che dare se gli potesse era allegrarlo, ma che questa era cosa difficile a fare, se la cagione de la malinconia non si sapeva. Per questo ella non cessava, con tutti quei modi che più a proposito le parevano, di pregarlo e supplicarlo che di lei si volesse fidare, come di serva fedelissima che gli era, e discoprirle l'affanno suo, perché in tutto quello che per lei fare si potesse, ella non mancherebbe già mai d’usar tutto l’in¬ gegno suo e le sue forze per aiutarlo e dargli alcuno rimedio. E più e più volte di questo lo pregò ed astrinse molto afiet- tuosamente. A le preghiere de la donna il giovine innamorato e infermo, che quella sempre aveva ¡sperimentata leale, amore¬ vole e fedele, si prepose l’amore e la sua passione manifestarle, [p. 252 modifica]252 PARTE TERZA ancora che in questo caso poco soccorso da lei sperasse. Fat¬ tosi adunque da capo, con lagrime e pietosa voce tutta l’istoria del suo amore con Paolina le discoperse, assicurandola che aven¬ dola ritrovata si ritrosa e superba, deliberato s’era di morire, parendogli esser assai minor pena sofferir la morte che restar in vita con si fiere ed acerbe passioni e con la disgrazia di colei che tanto amava. Pertanto la pregava che a nessuno questo suo amore manifestasse. La donna, udendo che la moglie di Saturnino era potissima cagione de la morte del suo signore, s’ingegnò a la meglio che puoté di confortarlo ed essortarlo a far buon animo e attendere a sanarsi, mettendo ogni altra cosa da canto, dicendogli che al tutto si trovava rimedio, pure che si conservasse la vita. Soggiunse poi ella che vederebbe pure di ritrovar alcuno compenso a ciò che egli conseguisse l’intento suo, e che molto non tarderebbe a recargli alcuna buona no¬ vella. Di questa speranza che gli dava la donna mostrò Mondo molto d'appagarsi, e le disse che farebbe ogni cosa per guarire, ma che ella non mancasse di servargli la promessa. Era la donna, come s’è detto, d’Egitto ed aveva grandissima consue¬ tudine con alcuni sacerdoti egizi clic in Roma servivano al tempio de la dea Iside, fatta condurre da le parti de l’Egitto a Roma. Quando io penso a le faccende e a le gloriose opere fatte da’ ro¬ mani prima che quella loro república fosse occupata da la tiran¬ nide di Giulio Cesare perpetuo dittatore, e agli atti particolari di molti cittadini, io resto pieno di meravigliosa ammirazione e non posso se non giudicare che fossero savi e prudentissimi. Ma quando poi rivolgo il mio pensiero a le cose de la religione e a la moltitudine dei dèi che adoravano e ai dèi nuovi che tutto il di portavano di questa e quella città, che non erano perciò altro che un pezzo di legno o di pietra in alcuna effigie fabricato, io rimango stupido né so che mi dire, parendomi pure che fossero di poco giudicio a credere che uomini mortali e femine impudiche acquistassero alcuna divinità. È ben vero che non si può se non sommamente lodare la religione e la rive¬ renza ed osservanza di quella, che era per l’ordinario in tutti i romani, come chiaramente si vede negli annali ed istorie [p. 253 modifica]NOVELLA XIX 253 romane, ove si ritroverà in più luoghi che quegli uomini avevano molto più paura a rompere i giuramenti da loro giurati che a rompere le loro leggi ed ordini del senato. E questo non si causava da altro se non che stimavano molto più l'offendere Iddio e la potenza divina che disprezzare gli uomini, avendo in loro tuttavia posta la riverenza de la religione. E di quanto peso fosse la religione appo romani nel tempo che quasi tutti i buoni costumi erano guasti, a mano a mano nel mio dire udi¬ rete, perché io non voglio per ora dir altro de le sciocchezze di tanti loro dèi, convenendomi ne la narrazione de la mia istoria raccontarne una di non picciolo momento. Era dunque, tornando a parlare de l’ancilla di Mondo, ella familiare di quei sacer¬ doti egiziani, e massimamente era domestica molto del capo d’essi sacerdoti. Onde andò a parlargli e narrargli il male di Mondo e la cagione che la infermità gli aveva generata, e con efficacia grandissima il supplicò a voler fare ciò che ora inten¬ derete. Al che il buon sacerdote, mosso da le preghiere, e da l’oro che la donna gli diede accecato, in tutto ubidire si dispose. Onoravano i romani in quei tempi mirabilmente la dea Iside e con grandissima solennità e meravigliose ceremonie i sacrifici d'essa dea celebravano, i cui sacerdoti erano tenuti in gran prezzo. Andò il capo d'essi sacerdoti un giorno a casa di Pao¬ lina e, mostrando nel venerabile aspetto ed atti umili e mode¬ stissimi grandissima santimonia, disse di voler parlar seco. Venne la donna e, riverentemente ricevuto l'ippocritone sacerdote, gli fece portare da sedere ed appo lui ella altresì tutta riverente s’as- sise, aspettando ciò che egli dire le volesse. Cominciò il padre santo, col collo torlo e parole gravi sputando, a dir una sua lunga intemerata de la divinità del dio Anubi, che appo gli egizi era in venerazione grandissima; e che sapendo esso dio come ella molto bramava d’aver un figliuolo, che per esser una de le più oneste donne di Roma, che esso dio Anubi, innamorato de la sua pudicizia e di tante altre sue virtù, voleva esser il padre e giacersi seco dentro il tempio de la dea Iside, ove verrebbe a trovarla in forma d’un giovine, perché se fosse comparso in forma divina ella non averebbe potuto sofferire lo splendore [p. 254 modifica]254 PARTE TERZA de la divinità. Facile cosa fu ingannale la semplice e buona madrona, e tanto più facile quanto che appo i romani era ferma credenza i dèi e le dèe aver figliuoli tra loro ed ancora assai sovente mischiarsi con gli uomini e donne mortali. Cose nel vero piene d'ignoranza e di sciocchezza e di sacrilegio, a fare i dèi amatori di donne, di maschi, adulteri ed incestuosi; ma la cosa stava pure cosi. Portavano i romani ferma openione il lor padre Enea essere stato figliuolo di Venere e d’Anchise, e i fondatori Romulo e Remo esser stati generali da Marte e no- driti da una lupa. Era poi fama Alessandro Magno esser figliuolo di Giove Ammone, e di mille altri eroi s’affermava l’origine esser venuta dai dèi. Si teneva anco per fermo che il maggior Scipione Affricano era stato generato da uno dio che in effigie di serpente si trasformava, ed ingravidò la madre d’esso Sci¬ pione. Egli ne sono pieni gli antichi libri di queste pappolate, onde non fu gran meraviglia se Paolina al falso sacerdote in¬ dubitata fede prestò. Ella il tutto al marito disse. Saturnino, che de la onestà de la moglie punto non dubitava e che anco egli era immerso in cotal superstizione che i dèi ingravidassero le donne, stimando questa cosa esser lodevole ed onorata, e che mai creduto non averebbe che sotto specie di religione tanta sceleratezza si fosse nascosa, fu contento che la moglie il di or¬ dinato andasse a giacersi col dio Anubi. Venuta la notte a le divine nozze statuita, essendo di già Mondo per opera del sa¬ cerdote nel tempio ascoso, andò Paolina e da le sue damigelle fu messa in un letto che in un canto del tempio era preparato. Le lampade, che ardevano, tutte furono ammorzate; ed il sacer¬ dote, uscito con le donzelle di Paolina fuori, serrò le porte del tempio e con la chiave le fermò. Mondo, uscito del luogo ove era ascoso, a canto a Paolina si corcò. Ed avendo tanto bra¬ mata quella notte, per mostrarsi cavaliero divino e non umano, fece prove grandissime de la persona; di modo che Paolina af¬ fermò il dio Anubi aver seco fatta altra giacitura che non faceva il suo marito. E cosi tutta la notte amoi osamente Mondo con Pao¬ lina si trastullò e di lei fece ogni sua voglia, come più li aggradi. Poco, poi, dinanzi l’alba, Mondo, uscito di letto, nel solito luogo [p. 255 modifica]NOVELLA XIX 255 si nascose; e nel levar del sole vennero le donne di Paolina, ed aperto il tempio dal sacerdote, accompagnarono quella a casa. Ella disse al marito come tutta la notte era stata in braccio al dio Anubi. Mondo, a cui non pareva il silo piacere esser compito se Paolina l’inganno non sapeva, mosso da giovenile leggerezza, indi a pochi di incontrandola, le disse: — Paolina, voi non mi voleste del vostro amore a modo nessuno compiacere, e il dio Anubi m’ha fatto grazia che in vece sua io mi sono vosco tutta una notte preso amorosamente piacere. — E datole alcuni con¬ trasegni, le narrò la cosa come era seguita. Di cosi vituperoso accidente fuor di modo Paolina turbata, con amarissime lagrime il tradimento al marito fece manifesto. Egli, tanto di mala voglia quanto mai fosse, andò a Tiberio imperadore e di Mondo e dei sa¬ cerdoti dimandò giustizia. L’imperadore, udita tanta sceleratezza e con tormenti cavata la verità e trovato che di simili adultèri molti se n’erano nel tempio per opera dei sacerdoti fatti, essi sacerdoti tutti e la donna serva di Mondo fece porre in croce e miseramente morire. Il tempio, sentina di vizi, fu sino ai fon¬ damènti rovinato a terra e la statua di Iside gittata a bere nel Tevere. A Mondo s’ebbe più compassione: fu nondimeno a perpetuo esilio condannato. E ritornando al nostro principio del parlare, se ai tempi nostri fossero le persone religiose se¬ condo i demeriti castigate, noi averemmo le cose de la religione più monde, immaculate e sante; e chi si dedicasse al cólto di¬ vino, lasciate tutte l’altre cure, attenderebbe a servire a Dio e pregarlo per la pace e quiete dei cristiani [p. 256 modifica]. \