Novelle (Bandello, 1910)/Parte IV/Novella XV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XV - Uno scolare, in un medesimo tempo, in un istesso letto, gode due sue innamorate; e l’una non si accorge dell’altra

../Novella XIV ../Novella XVI IncludiIntestazione 30 settembre 2017 25% Da definire

Novella XV - Uno scolare, in un medesimo tempo, in un istesso letto, gode due sue innamorate; e l’una non si accorge dell’altra
Parte IV - Novella XIV Parte IV - Novella XVI
[p. 205 modifica]

IL BANDELLO

al magnifico e dottissimo

filosofo e poeta soavissimo

messer

geronimo bandello

cugino carissimo

salute


Mi fu bisogno, come sapete, questo novembre passato per certi negozi di grandissima importanza passare in Francia e andare a la corte del re Lodovico di questo nome duodecimo, che si teneva a Bles, lungo il fiume Legeri, che da’ francesi volgaremente si chiama Loera. Il viaggio nel vero è stato assai lungo, e da l’Alpi sino a la corte, per essere il verno, molto faticoso per cagione de le continove e altissime nievi e degli indurati ghiacci, che, cavalcando, di continovo forza è calpestare. La medesima fatica si prova al ritorno. Questo bene ci è: che il camino è sicurissimo, e vi si può cavalcare di notte e di giorno con l’oro in mano senza sospetto di trovar fra via cosa ch’ai caminar fosse molesta. Gli alloggiamenti poi sovra ogni credenza per la Savoia e Francia tu trovi tanto agiati, e si commodamente sei di ogni cosa servito che meglio essere non si può. Il che è grandissimo alleggiamene a la fatica che si soffre in caminando, perché li tuoi cavalli sono abondevolmente proveduti di tutto ciò che a quelli conviene. Ora, essendo io in corte, ebbi grandissima dimestichezza col riverendo padre frate Guglielmo Parvi, maestro in sacra teologia e ordinariamente auditore de la sacramentale e auricolare confessione di esso re. Egli, uno giorno che si trovò scioperato da le molte faccende che gli occorreno molto sovente, mi narrò la mirabile conversione di uno grandissimo prencipe, che prima era stato [p. 206 modifica]206 PARTE QUARTA grande e publico peccatore e persecutore de la Chiesa católica. Me la fece poi leggere negli annali de l’Acquitania impressi in idioma francese. E perché mi parve molto degna e notabile, la tradussi in lingua italiana. Io mi credeva nel mio ritorno passar per la patria nostra; ma mi convenne con diligenzia prendere il dritto camino a Milano. Onde tra me ho deliberato di detta sacra istoria farvene uno dono e scriverla al nome vostro, sa¬ pendo quanto de le cose religiose vi dilettate. E già mi pare vedere qualche poetica descrizione da voi sovra essa istoria composta. Ne farete partecipe mio padre, se da Roma è tornato, ché ancora non ne ho nova veruna; e agli altri parenti e amici nostri, che le cose sacre gustano, vi piacerà anco di mostrarla. State sano. NOVELLA XV (XVI) Guglielmo duca di Acquitauia, persecutore de li calolici, a la fine pentito de li suoi peccati, abbandona il ducato e va incognitamente peregrinando e facendo peni- tenzia, c se ne more santo. Ha questo ampissimo reame, che pacificamente tiene il re nostro cristianissimo Lodovico di questo nome duodecimo, ha, dico, molti grandissimi prencipi, li quali da la Chiesa cató¬ lica per la santità de la vita loro sono stati ascritti al nu¬ mero de li santi. E ancora che di molti vi potesse tenere autenticamente proposito, mi piace parlarvi di uno solamente, per ora, che fu duca de l’Acquitania, che da noi si chiama in idioma volgare Ghienna. E questo ho io fra tanti altri scelto a narrarvi, perché la vita sua fu molto varia, e visse gran tempo discorretto e persecutore de la católica Chiesa acerrimo. Poi, allumato dal divino lume de lo Spirito Santo, cangiò di modo di male in bene la sua vita e fece tanta aspra penitenzia che, lasciando il suo paterno ed avito stato acquitanico, fu, morendo, ne lo numero de li santi del reame de lo cielo meritamente collocato. Il che meravigliosamente può giovare a li peccatori, acciò che veggiano, pur che l’uomo non si desperi, che sempre, volendo, può ritornare a penitenzia e salvarsi, stando di conti¬ novo il clementissimo Salvatore nostro, per ricevere tutti, con [p. 207 modifica]NOVELLA XV (XVlJ 207 le braccia su la croce aperte, pur che il peccatore, pentuto e confesso de li suoi peccati, a lui, come detto si è, se ne ritorni. Vi dico adunque che Guglielmo, di cotesto nome quinto duca di Acquitania e conte di Poitiers, ebbe uno fratello detto Raimondo, il quale per fare il passaggio di oltra- mare in soccorso di Terra Santa, con molti altri baroni francesi che a quella sacra guerra andarono, si mise a ordine. E per potersi più lungamente su la guerra mantenere, vendette il suo contato de la città di To¬ losa a Raimondo, li cui nipoti gran tempo tennero quella no¬ bilissima città. E veramente fu di vie maggior gloria erede in simile caso che non fu il compratore. Mentre i devoti cristiani in Levante contra turchi faceano la sacra guerra, papa Innocenzio, di cosi fatto nome papa secondo, fu da Guglielmo duca di Ca¬ labria con alquanti cardinali fatto prigione. Onde i romani vio¬ lentemente fecero papa uno de la casa nobilissima de li Perleoni, che era in Roma potentissima, e lo chiamarono Anacleto. Per questo la cristianità si divise, perché alcune provincie obedivano a Innocenzio come a vero vicario di Cristo, e altre seguivano il pseudopontefice Anacleto. Guglielmo duca di Acquitania, del quale si è cominciato a parlare, si accostò a l’intruso e scisma¬ tico Anacleto, e violentemente cacciò via de li loro vescovati Guglielmo vescovo di Poitiers e Eustorgio vescovo di Limoges, perché mantenevano senza rispetto veruno la parte del vero papa Innocenzio, e predicavano che Anacleto non era vero pon¬ tefice, e che non se li devea in modo alcuno prestar obedienza. Guglielmo duca, sprezzando le vere e sante ammonizioni di questi dui buoni e catolici vescovi, col mezzo di uno legato scismatico che Anacleto mandato gli avea, fece fare alcuni ve¬ scovi a suo modo e li intronizzò in luoco de li profanamente discacciati. Viveva in quel tempo san Bernardo abbate di Chia- ravalle, uomo, per santità di vita e dottrina sana, di molta au¬ torità e riguardevole pur assai. Egli andò a parlare al duca Guglielmo e si sforzò con efficacissime ragioni ridurlo a l’unione de la Chiesa catolica. Era esso duca a Poitiers, ove san Ber¬ nardo, celebrata la messa, se ne andò col preziosissimo corpo del signor nostro Giesu Cristo in mano, che consacrato avea, dinanzi [p. 208 modifica]20S PARTE QUARTA al duca; e quivi tutto quello che lo Spirito Santo li suggeriva, al duca disse, dimostrandogli il grave errore ove era involto. Maveg- gendo che indarno si affaticava e che il duca era ostinato e non voleva aprir gli occhi a riconoscere l’errore ove era invilup¬ pato, allora il buono san Bernardo si parti e lasciò per autorità del vero papa esso duca scommunicato. Quello medesimo giorno il decano di Poitiers fece gittare per terra l’altare sovra il quale san Bernardo celebrato aveva. Fece il duca uno editto con gra¬ vissime pene, che tutti li sudditi suoi ubcdissero a Anacleto. L’arciprete che quello in chiesa publicó, come ebbe finito di leggerlo, in quello istante cascò in terra morto. Medesima¬ mente messer lo decano, che roinato avea l’altare, quello giorno istesso infermò, e divenuto rabbioso come uno cane, con uno coltello svenandosi la gola, si ammazzò. Colui che era stato intronizzato vescovo di Limoges cascò giù da la mula e si ruppe di tal modo l’osso del collo, che ne la sua perfidia repentina¬ mente egli se ne mori, uscendoli del capo, che rotto se gli era, il palpitante cervello. Il vescovo che in Poitiers era stato in¬ truso, veduti codesti evidenti segni che nostro signore Dio al mondo dimostrava, riconoscendo il peccato suo, rinonziò al male preso vescovato, cercando l’assoluzione dal vero papa. Onde il duca Guglielmo, intesi questi tanto strani e tremendi accidenti, aperti gli occhi de l’intelletto e ben considerato ciò che il devoto Bernardo predicato gli avea, si senti uno grandissimo rimorso de la giusta sinteresi, che il core li rodeva e agramente lo sgri¬ dava de la iniqua persecuzione fatta da lui a la Chiesa contra ogni ragione. Il perché la sua malvagia passata vita diligente¬ mente considerata e tócco nel core di vera contrizione, tra sé senza fine detestava, odiava e fieramente aborriva gli enormi suoi peccati, e a Dio si confessava essere meritevole di ogni supplicio e divotamente li chiedeva perdono, tra sé deliberato di cangiare vita e confessarsi. Indi, non dando indugio a la santa inspirazione, andò a trovar san Bernardo e intieramente con quello si confessò e con gran pianto dimandava misericordia e assoluzione. San Bernardo, lieto oltra modo de la conver¬ sione di tanto duca, per l’autorità papale l’assolse. Esso duca [p. 209 modifica]NOVELLA XV (XVl) 209 volontieri averebbe lasciato il mondo e fattosi monaco ne la re¬ ligione cisterciense; ma temeva che la prattica degli amici e pa¬ renti li devesse recare grande nocumento a la vita santa, che intendeva fare per ammenda degli errori da lui per lo passato fatti. Conferito questo suo pensiero in segreto con san Ber¬ nardo, fu consigliato da quello di ritirarsi in luogo ove da nes¬ suno fosse conosciuto ; il che al duca molto piacendo, si deliberò di essequirlo. Pertanto fatta questa deliberazione, acciò lasciasse le cose degli stati suoi con miglior ordine che si potesse, fece il suo testamento per mano di notaro in autentica forma. Egli aveva due figliuole legittime senza più, Leonora e Fiordeligi: lasciava Leonora, sua primogenita, erede universale del ducato de l’Acquitania e del contado di Poitiers, facendo instanzia gran¬ dissima in esso testamento al re Lodovico il grosso, di que¬ sto nome sesto re di Francia, che volesse dare per moglie a Lodovico suo figliuolo la detta Leonora. Questo Lodovico fu poi re, dopo il padre, di cotale nome settimo, e fu cognomi¬ nato da alcuni il « mansueto »; ma per lo più si appella « Lodo- vico il più giovane ». Pregava anco il duca Guglielmo il re che la seconda figliuola Fiordeligi maritasse in alcuno onorato barone, e quella lasciò erede di tutte quelle castella, luoghi e beni immobili, che egli possedeva ne la Borgogna e ne la Pic- cardia. Tenne segreto il duca questo suo testamento, né volle che publicato fosse fin che egli non morisse. Non dopo molto, avendo il duca dato ordine a quanto intendeva provedere, cor¬ rendo gli anni de la nostra salute mille cento trentasette, diede voce, per uno voto fatto, che voleva andare al peregrinaggio del santo apostolo di Galizia; onde nel sacro tempo de la qua¬ resima si mise in camino con cerca venticinque gentiluomini de li suoi. Pervenuto che fu a la venerabile chiesa de l’apo¬ stolo, visitate divotamente le sante reliquie, fece al luoco una grossa elemosina e attese a fare il « novendiale », come per nove giorni intieri costumano fare li peregrini che colà vanno. Mentre che il novendiale si facea, il duca uno di chiamò a sé in camera e segretamente parlò col suo segretario, col mae¬ stro di casa e con uno cameriere; e si, con le lagrime su gli M. Bandello, Novelle. 14 [p. 210 modifica]210 PARTE QUARTA occhi, dolcemente a dir loro cominciò: — Figliuoli miei, io mi persuado che voi ottimamente debbiate sapere come nostro si¬ gnore benedetto, messer Giesù Cristo, ha preparato il paradiso per li buoni che serbano li suoi commandamenti e fanno penitenzia de li peccati che talora commetteno, e l’inferno ha ordinato per quelli malvagi peccatori, che non si vogliono con¬ vertire, ma stanno ostinati nel male, perseverando di male in peggio. Mentre che in questa vita siamo, potemo, mediante la grazia del nostro Salvatore, ammendare li nostri peccati e vivere santamente, perseverando di bene in meglio per acqui¬ stare il paradiso. Voi vedete che quelli che sprezzano il vivere da cristiano, per le sceleraggini loro si rendeno odiosi a Dio e al mondo, e come ribaldi a dito da tutti si mostrano. E che credete voi che di me si dica? pensate voi, perché io sia duca, che a me si perdoni, o che grandi e piccioli non mi tengano per rubello di Iddio? Ora, figliuoli miei, io considero li peri¬ gliosi casi che in questa caduca e frale vita umana tutto il di avengono, e gli impedimenti che si hanno in tutte le sorti degli uomini, siano di qual grado si voglia, che desiderano se¬ guire la vera religione cristiana. Io per me so molto bene come il fatto mio sta, e conosco e liberamente confesso essere assai lungo tempo non già da vero cristiano ma da uno ribaldissimo uomo vivuto, caminando per la spaziosa e patente via de li peccati : de li quali molti enormissimi ho commesso, e lunga¬ mente perseverato in quelli ; ché se non fosse la misericordia del nostro signore Iddio, ne la quale ho tutta la speranza mia, io porto ferma openione che oggimai in anima e corpo dannato sarei. E tra gli altri gravissimi e publici peccati miei che tutti sapete, io sono stato acerrimo persecutore contra il nostro santo padre sommo pontefice, vero vicario di Cristo in terra, papa Innocenzio. Troppo evidente fu la mia ingiusta persecuzione contra li santi vescovi di Poitiers e Limoges, cacciandoli da li vescovati loro perché essi mi dicevano la verità. E avendo senza autorità apostolica criati altri vescovi, ho causato, per la mia falsa openione, che preti assai sono da’ scismatici stati ordinati. Ora, avendomi il Salvatore nostro per misericordia e bontà sua [p. 211 modifica]NOVELLA XV (XVl) 211 infinita fatto grazia di riconoscere il gravissimo mio errore, ove tanto tempo con enorme offesa di quello sono stato immerso, ho preso consiglio da sagge e sante persone che mi esortano, mentre che ho tempo, di fare, in quanto per me si potrà, una austera e gravissima penitenza, acciò che nostro signor Dio mi perdoni. Onde dopo molti e vari discorsi tra me fatti, e il tutto con diligenzia bene considerato, mi sono resoluto non ci essere via più profittevole per salvazione de l'anima mia, re¬ conciliandomi con la divina misericordia, che abbandonare mie figliuole, lasciando loro tutti gli stati e le mie giurisdizioni, e in luogo soletario e deserto ridurmi ove nessuno mi conosca, e in qualche grotta fare la vita mia, fin che piacerà al Salva¬ tore nostro per sua misericordia chiamarmi a sé. E ben che trovi il modo di far questo, che li miei parenti e amici nulla ne saperanno, ché da loro non vorrei per tutto l’oro del mondo essere impedito, nondimeno per più sicurezza mia mi è ne l’ani- mopcaduta una via, la quale penso con l'aiuto vostro debbia facilmente succedermi a fare che io ottenga l'intento mio. Ma perché sappiate come, io il vi dirò. Udite adunque. Io fingerò essere gravamente infermo, e punto non mentirò perché non potrei essere più infermo de l’anima di quello che sono. Mo¬ strerò poi d'ora in ora aggravarmi ed essere fora di speranza di potere di questa infermità sanare. Voi una notte darete la voce che io sia morto. E acciò che la cosa meglio reusisca, io oggi a la presenza di tutti li nostri dirò che sentendomi fiera¬ mente mancare, a voi tre ho commesso la cura de le cose mie e del corpo, insieme con la sepoltura di quello. Voi accommoderete una bara funebre, piena di qualche cosa pesante a par del corpo mio. Io nascosamente mi partirò, vestito di quelle vestimenta che feci fare da peregrino, e me ne anderò in tale luogo, ove voi, fatti li funerali senza pompa ma con grosse elemosine a’ poveri, ve ne verrete, nulla agli altri dicendo. Indi poi pren¬ derò congedo da voi e me ne anderò in luoco ove possa servir a Dio incognitamente. — Quando li tre fedeli servitori udirono cotale volontà del loro signore, non fu in poter di nessuno di loro, da tenerezza di amorevole core vinti, ritenere le pietose [p. 212 modifica]212 PARTE QUARTA lagrime; e stettero buona pezza impediti da li singhiozzi, che mai non potèro formar parola. A la fine Alberto segretario, a la meglio che puoté, in sé raccolto, disse: — Aimè, signor no¬ stro, che cosa è quella che voi ci dite? Voi volete porre la vita di noi altri in grandissimo periglio, perché impossibile parmi che indi a pochi di questo fatto non si diceli e venga a le orec¬ chie del re di Francia, il quale ci potrebbe dare uno acerbissimo gastigo. Oltre di ciò, signor mio, considerate alcune cose che io, come vostro fedele servitore, sono ubligato a ricordarvi. Primieramente pensate che voi già séte forte attempato, e che la vostra delicata natura, arrivata a la vecchiezza e dal corso degli anni e tante altre fatiche assai debilitata, manca grande¬ mente del suo nativo vigore e più non potrà mantenersi né sopportare li disagi, che tra li deserti e inabitati luoghi patire il più de le volte si sogliono. Non so poi come là farete, conve¬ nendovi dormire su la nuda terra, mangiare le radici de l’erbe e bere acqua in vece di vino, liquore certamente soavissimo e vero sostenimento de la vita nostra, quando moderatamente si beve. Egli è, signor mio, rigeneratore degli spiriti vitali, ral¬ legratore del core, restauratore potentissimo di tutte le facoltà e operazioni corporali, e non senza cagione chiamiamo « vite » la pianta che lo produce, perché invero egli dà la vita a’ mor¬ tali. E ancora che voi siate moderato bevitore, tuttavia in questo viaggio, perché non vi sono di quelli generosi e dilicati vini che avemo ne le contrade del vostro ducato, io vi ho sovente veduto attristarvi e desiderare di quei nostri vini. Sapete bene come séte uso a vivere, e che volete i miglior cibi che si pos- sino trovare, con tante varietati di manicaretti, conditi con odo¬ rate e preziose speziarie; cose tutte che ne le soletudini non si trovano. Voi stare solo non volete, anzi di continovo amate la compagnia di compagni allegri e che vi tengano gioioso; né sapete vivere senza la fiessianima melodia de la musica. Onde avete nel dominio vostro tanti e tali cantori, che in tutta Franza non si troveriano già mai li migliori musici. In vece di questi sarete astretto udire urlare lupi e gli strani romori de le spaventose voci di selvaggi e fieri animali. Taccio mille e [p. 213 modifica]NOVELLA XV (XVI) 213 mille altri incommodi che vi converrà patire. Però, signor mio, io vorrei che voi pensassi che ne lo stato ove séte, e in casa vostra, averete meglio il modo di poter fare molto migliori e più sante opere e vie più grate a Dio, che andarvi a perdere in uno eremitaggio. Voi in quelli 'luoghi solitari a nullo gio- varete se non a voi stesso, ove remanendo ne lo ducato vostro, con li vostri beni temporali che nostro signor Dio abonde- volmente con larga mano vi ha donati, potrete nodrire poveri assai, governare in pace li vostri popoli, difendere le vedove e pupilli, maritare assai povere giovanette che non hanno il modo di mettersi a l’onor del mondo, riparare i luoghi sacri, fondare altri monisteri per religiosi e donne, e molte altre opere di carità che meglio di me voi sapete. Questo voglio, signor mio, con ogni debita riverenza avervi detto per sodisfare in parte a l’obligo de la mia verso voi fedelissima servitù. — Qui tacque egli, e gli altri dui compagni furono pure del medesimo parere di Alberto. 11 duca, udito che ebbe il suo segretario, e vide gli altri dui essere de la openione, unitamente, di quello, in questa guisa loro rispose: — Figliuoli miei carissimi, a que¬ sto animo che verso me dimostrate, io conosco apertamente l’amore che mi portate non essere armato di vera carità ma tutto carnale, perché avete molto più riguardo a la sanità del mio corpo che a la salvazione de l’anima mia, la quale in- comparabilemente merita vie più di deversi procurare e apprez¬ zare. Voi mi dite che sono vecchio, come in effetto sono; e perciò, per le follie commesse ne la mia giovanezza, voglio ma¬ cerare questa mia fastidiosa vecchiezza e ammendare, quanto per me sarà possibile, le sconcie cose per me perpetrate, acciò che nostro signore Iddio in grado prenda la mia buona volontà e meco usi de la sua infinita misericordia. Si che, se per lo passato ho sempre avuti tutti gli agi e tutte le commodità che ho saputo desiderare, vuole la ragione che, in quanto per me si può, con la sofferenza de li disagi venga a sodisfare al pec¬ cato de le superflue e morbide delicatezze inutilmente passate con offesa del prossimo e di Dio. Devete poi sapere che, quanto più mancherò de la compagnia degli uomini e non udirò suoni [p. 214 modifica]PARTE QUARTA e canti de’ musici, che io porto fermissima openione e salda speranza che tanto più mi accosterò a messere Domenedio, che potrà la sua mercé farmi sentire l’armonia de li santi angeli. A quello poi che voi dite, che, retirandomi in luogo ove cono¬ sciuto non sia, io non farò bene se non a me stesso, ove di¬ morando nel mio ducato potrei giovare a molti e far opere pie e lodevoli assai, vi dico che io non sono più valevole che possa molto giovare al publico. A mie figliuole ho fatto buona pro¬ visione, e cosi a molte chiese e ospitali ho fatto vari provedi- menti di grasse elemosine, come voi vederete per questo mio testamento autenticamente fatto. E perciò non sia più nessuno di voi che mi dica parola contra questa mia santa deliberazione. Quanto a voi tre, la provisione vostra è ne li miei forzeri, in tanti sacchetti signati di mia mano e del solito mio picciolo suggello. — Non fu persona de li tre servitori che osasse più dirli motto, ma si offersero largamente di fare quanto egli ordinarebbe. Finse dunque il buono duca essere gravemente infermo e, non volendo cura nessuna di medico corporale, si confessò molto divotamente e si communicò a la presenza di tutti li suoi, a li quali, dopo, con voce languidissima disse come egli si sentiva essere giunto al fine de la vita, e che di quanto intendeva che de le cose sue si facesse, avea pienamente in¬ formato Alberto suo segretario col maestro di casa e il carne- riero, e che nessuno altro il curasse se non li tre sovradetti. A mezzanotte il duca in abito di peregrino nascosamente si parti. E perché Alberto avea detto volere andare col duca, esso duca, prima che partisse, ordinò che dopo la finta sepol¬ tura il mastro di casa col camerieri andasse di lungo a trovare il re. Ora prepararono li tre la cassa, e acconcio uno lenzuolo con non so che dentro, che parea uno corpo d’uomo nel len¬ zuolo involto, diedero voce il duca a mezzanotte essere morto. Avea il maestro di casa la cassa bene inchiodata e turata, ne le fissure, di pece. 11 mattino, sparsa la nuova de la morte del duca, tutto il popolo correva per vederlo; ma ritrovarono la cassa coperta di uno ricco drappo, e il maestro de la casa che facea vestire di nero tutta la famiglia. Le esequie si fecero tali, [p. 215 modifica]NOVELLA XV (XVl) quali a si gran prencipe si convenia, e la cassa fu interrata in¬ nanzi l’altare maggiore in la chiesa di San Giacomo. Poi rime¬ nando la compagnia verso Guascogna, egli con il camerieri a buone giornate se ne andò a trovare il re Lodovico Crasso, cui diede la nuova come il duca Guglielmo era morto in Gal- lizia, e li presentò il testamento che esso duca fatto avea. 11 re, condolutosi de la morte del duca, ebbe molto cara la dispo¬ sizione che il duca fatto avea de li mariaggi de le figliuole. Alberto segretario pigliò congedo da li compagni, dicendo che, poi che il duca suo signore era morto, egli voleva rendersi religioso; e secondo che al duca avea promesso, Io andò a trovare, e vestito con lui da romito attese ancora egli a fare penitenza. Il duca, in luoco di uno mordente cilicio, si avea vestita una corazza di ferro sopra la carne nuda, e sotto il cap¬ puccio avea concio una pure di ferro celata, per più aspramente macerare la sua carne. Sarebbe troppo lungo parlamento a nar¬ rare e discorrere di uno in uno tutti quei peregrinaggi che il duca, con Alberto in compagnia, sempre caminando a piede, sofferendo mille disagi, pazientissimamente fece. Andò a Roma, cd ebbe il modo di baciar il piede al sommo pontefice Inno- cenzio, cui era stato lungo tempo si aspro rubello; e a lui si ma¬ nifestò chi fosse e con grandissima umilità e abondanti lagrime li dimandò perdonanza. II papa lo accarezzò molto caritativa¬ mente e, mille volte benedicendolo, quello esortò a perseverare nel suo santo proponimento. Partito da Roma, se ne andò a visitare il santo sepolcro in Gierusalem. Colà visitò tutti quei divoti luoghi di Terra Santa, e assai vicino a Gierusalem edi¬ ficò uno monastero di religiosi, ove egli dimorò cerca nove anni, facendo di continovo una vita molto austera. Alberto me¬ desimamente seguiva in tutto le vestigie del duca. Ritornò poi in Italia il duca, e in Toscana nel territorio di Pisa in una selvaggia contrada, negli anni di nostra salute mille cento cin- quantasei, fece uno eremitorio, ove si congregarono molti romiti, vivendo santissimamente insieme. Dopoi il duca ebbe rivelazione come il fine de la vita sua si appropinquava; onde uno giorno, chiamato a sé Alberto, amorevolmente in questa guisa li disse: [p. 216 modifica]2l6 PARTE QUARTA — Figliuolo e compagno mio carissimo, per quanto è piaciuto al nostro Salvatore messere Giesù Cristo rivelarmi, l’ora de la morte mia si appropinqua, volendo esso Signore metter fine a li miei travagli e per sua infinita bontà e clemenzia darmi eterno riposo. Il perché ti prego che tu voglia andare al castello qui vicino e menare uno sacerdote, per confessarmi a quello e da lui ricevere li santi sagramenti de la Chiesa. — A questo an- nonzio il buono Alberto, teneramente piagnendo, al suo signore rispose: — Aimè, signor mio, egli conviene adunque che io resti solo in questo solitario luogo? che potrò io più fare? chi mi darà più consolazione alcuna? — Figliuolo e amico mio — soggiunse il duca, — non temere e non piangere, perciò che prima che io mora, nostro signore Iddio manderà qui uno uomo di molto maggiore consolazione e giovamento per te, che io non sono stato. — Si erano partiti il duca e Alberto pochi giorni innanzi da l’eremitorio, che era nel contado di Pisa, e ridutti in uno luoco selvaggio del vescovato de la città di Grosseto. Andò Alberto a ritrovare il sacerdote e lo condusse al romitorio, ove trovarono il santo duca disteso su la ignuda terra, con le mani innanzi al petto giunte e gli occhi elevati e indirizzati verso il cielo. Ed ecco in quello istesso punto arrivare uno, nominato maestro Rainaldo, dottore di medicina, che in quelle contrade era molto famoso e di grandissima stima, il quale, abbandonando quanto possedeva, veniva a quello romitorio per ¡starsi con li dui romiti e fare de li suoi peccati penitenza. Questi era di cui predetto ad Alberto avea il duca poco avanti. Ora, veggendo che il duca era in termine di passar a miglior vita, non restò di aprirli l’intenzione sua. Il duca li rispose che fosse il ben ve¬ nuto e che nostro signore Iddio il mandava, perché insieme con Alberto, suo carissimo compagno, vivesse in quello romi¬ torio. — Io — diceva il santo duca — non posso lungamente dimorare con voi, essendo venuta l’ora de la fine de li giorni miei, per andare a rendere conto de le mie operazioni innanzi a l’eterno giudice. Pertanto vi prego che dopoi che sarete al¬ quanto dimorato col mio buono amico Alberto in questo luogo, che vogliate tutti dui andare visitando quelli pochi romitori, che [p. 217 modifica]NOVELLA XV (XVt) 217 10 con la grazia di Dio in Toscana ho fondati, ove troverete alcuni buoni romiti. Non mancherete confortarli e esortarli a perseverare di bene in meglio e non rallentare in modo alcuno 11 santo proposito di servire al nostro signore Iddio. Voi dopo ritornerete qui, ove attenderete con diligenza adunare degli altri romiti e ogni di aumentare il loco e li servi di Dio. — Dati alcuni altri ordini, il santo duca con grandissima divozione si confessò e prese tutti li santi sagramenti de là Chiesa, e il di seguente rese l’anima al suo Criatore. Concorse miracolosamente tutta la contrada a li funerali del santo uomo e le esequie solen¬ nissimamente si fecero. Fu poi da la Chiesa, provati li miracoli, canonizzato. Medesimamente Alberto visse cosi santamente che a la fine meritò ancora egli ascendere in cielo. Il testamento di esso duca Guglielmo fu eseguito, perciò che Lodovico giovane, figliuolo di Lodovico sesto, cognominato Crasso, prese per mo¬ glie Leonora, primiera figliuola del duca; ma poi, che sarebbe troppo lungo a dire, la repudiò. Non fu mai da nessuno re di Francia fatto più felice matrimonio di questo, né per lo con¬ trario fu già mai divorzio alcuno più dannoso di questo com¬ messo, perciò che, rimaritandosi Leonora nel re d’Inghilterra, fu cagione de le crudelissime guerre che tanti e tanti anni la Francia afflissero. [p. 218 modifica]O 1 •