Rime diverse in lingua genovese/Demande d'adavinà

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Demande d'adavinà

../Lorenzo Questa a Cristoffa Zabata ../Il primo canto d'Orlando Furioso ridotto in lingua genovese da Vicenzo Dartona IncludiIntestazione 31 dicembre 2013 75% Da definire

Lorenzo Questa a Cristoffa Zabata Il primo canto d'Orlando Furioso ridotto in lingua genovese da Vicenzo Dartona
[p. 127 modifica]

DEMANDE D'ADAVINA.


i.


L'è pu certo, unna gran dezauentura
Ra mea, de zonze a cosi tristo porto,
Che de maschio che son, cangio natura
E de femena puoe ro nome porto,
De pugni, e sponchionè fuoe de mezura
Me dà quarch'un ma pezo ancon soporto
Perche tar ho soffrisso, a tempo, e luoego
D'esse per nutri lò, misso intro fuoego.

2.


Che no me sauei di tra tutte quente
Belle madonne mee, che cosa è quella
Chi se ue chiù da lonzi, che da rente?

3.


Una cosa va pinna pe ra chà
Chi hà in le quaranta die, e quattro pe,
Ben è sotti chi adauinà ra sà.

4.


Mi d'ogn'hora camino, e moe me muoeuo
E i atri fazzo rossi, e neigro son
Porto ra cappa, e freiddo moe no pruoeuo.

5.


Vnna cosa hauei vui, che no l'hò mi
E mi l'vueuero chiu che no fe vui
Se vuì l'adauine sei chiu che mi.

[p. 128 modifica]

6.


Che no sauei (Donne) incertà
Che cosa quella sea, che vuoeggio di
Quà non ha i vuoeggi, chi no ghe ri trà.

7.


L'è un animà chi è mezo pesso, e mezo
Donna, chi canta cossi docemente
Che o fà cantando adormentà ra giente,
E puo ghe fà, zo che o ghe puoe fa pezo.

8.


Son chiu sorelle a un parto generè
Re que pe ra sò gran dezauentura,
N'han si tosto de fuoe ra sò figura
Che son tutte in un subito apicchè.

9.


Adauinè che cosa è quella, quà
Ro morto ra fà fà, si come ro viuo
Che caschun ra puoe vei, ma no tocchà.

10.


L'è unna cosa che crua, no se truoeua
Cuoeta no se mangia, e dirò ben
S'hora l'adauine, che sei de pruoeua.

11.


No ghe m me craou tra vui (Donne) nissunna
Chi sachie quella cosa adauinà
Chi chiu semeggia a ra meite dra Lunna.

[p. 129 modifica]


12


Chi è quello chi nassè prima dro Poere
Che ro terzo de i homi, o l'ammazà
Puoessa tornà intrò corpo de so Moere?

13


Guarde se vuui sauessi adauinà
Quà sea quell'Animà chi è chi tra nui
Chi va con quatrto pè, puoessa con dui,
E puoe con trei l'è solito d'andà.

14


Nasso de neigro Poere, e giancha son,
E a re Donne son cara, a ogni sazon.

15


Se De ve daghe zò che ve bezogna
Dimme madonne mee che cosa e quella
Ra qua spesso se gratta, e no hà rogna.

16


Puoessa che da mi mesimo uo posso
Adauinà, Madonna diro vui
Qua sea quell'Animà chi stà tra nui
Chi hà ra barba de carne, e bocca d'osso?

17


Sotta ra pria chiatta
Ghe stà ra muta matta
Ra qua no sente, e si chiama ra gente.

[p. 130 modifica]


18


Che no me sauei di chi e quella cosa
Che giorno, e notte moe no se reposa.

19


Dui luxenti, e dui ponzenti
Quattro stanghe, e pochi denti

20


Chi è quello chi no è figio, e manco Poere,
E generou, puoe genera so moere?

21


Madonne adauinè chi è quella cosa
Chi è maschio Crua, e cuoeta puoe deuen
Femena, cosa in vei marauegiosa.

22


Di chi è quello Animà, per cortexia
Che chiamaou per so nome fuze via.

23


D'unna sfera pigiene ra meitè
E un'intregha meteighene da puoe,
Con ro principio ancon de Roma puoe,
Atro da nui no vuoe l'Ata Bontè.

24


Mi son figia dro Sò, nassua con lè
Che un cinquanta, e puoe un cinque con un dexe
Mostran chiero a cascun ro nome me.

[p. 131 modifica]


25


Mi stago giorno, e nuette sempre in chà
E se ben son couerta moe no son
Dro tutto sutta, ma sempre bagnà.

26


Quattro sorelle d'unna etè nui semo
Re que ben spesso se corremo apruoeuo
Ni moe pigiasse l'unna, e l'atra poemo.

27


Direiua ben che fuissi un Dottò secco
Se me sauessi di chi è l'animà
Ro quà solo s'ingrauia pe ro becco.

28


Guardè se vui sauessi adauinà
Chi è quella cosa che dà no se puoe
Haggiandora, e puoe dara chi no l'hà.

29


Questo ben tocca à vui, bella fantinna
D'adauinà quello chi sea unna cosa
Ra quà spesso in moen vostre se reposa,
E re beele d'approeuo se strassinna.

30


Libero nasso, e da puoe son ligaou
E chascun da mi imprende a viue ben,
E son da ì homi dotti accarezzaou.

[p. 132 modifica]


31


Vn, che quando menazza sempre taxe
Ni moe s'astizza, che elo diro vui
Donne mee, se de diro hora ve chiaxe.

32


Vn Poere hà doze figij
N'hà ogni figioue trent'atri,
Se vui l'adauinè, sei chiu de i atri.

33


Andareiua de chi, fin in cocchagna
Per vostro amò, se me sauessi dì
Che cosa quella sea qua no sò mi
Che stando soura l'egua no se bagna.

34


Se vui no sauei di chi dro capon
Se taggie prima, e dirò ben che sei
(Per diro a ra Zeneize) un'arbicon.

35


A diue una mea cosa me confondo
Quà fui quell'Aze chi ragnò si forte
Che caschun ro sentì ch'era a ro mondo?

36


Unna cosa è chi se ve, si se toccha
Che a marelede si tosto è toccà
Che no è chiu, ni se ve, ni se toccha.

[p. 133 modifica]


37


Fazo vei i atri, e mi no posso veime
E son caro a re Donne, e a re donzelle
Què senza mi, no se farean si belle.
E zò che digho è vei, però vui creime.

38


Voi, ch'andè si con l'intelletto in sù,
Sauerei quella cosa adauinà
(Qua strannia veramente a caschun pà)
Che quanto se n'amerma, a cresse chiù.

39


Vui che fè si dro sauio, e de l'acorto,
Come faressi de dui morti un viuo,
E puoe dro viuo; dà ra vitta a un morto?

40


E vorreiua che ti Segnò me dessi
Quello che ti non è, per hauei moe,
Se de Matusalem i agni viuessi
O d'atro, che vissuo sea tempo assè.
No pensà moe d'hauero, che saressi
In grande errò per di ra veritè.
Ma se pu tanto mi te son a cuoe
Damero, e no tardà, perche ti puoe.

[p. 134 modifica]



DESCHIARATION DRI

Adavinelli.


1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
Il formento.
La nebbia.
La Donna grauida.
Il camino da fuoco.
Il nome.
La maschera.
La Sirena.
Le candele.
L'ombra
La cenere.
L'altra metà.
Caino,
l'Huomo.
La biacca.
Il formaggio.
Il gallo.
La campana.
L'Acqua.
Il Bue.
Il ghiaccio.
La calcina.
Il Gatto.
23.
24.
25.
26.
27.
28.
29.
30.
31.
32.
33,
34.
35.
36.
37.
38.
39.
40.




Il cuore.
La luce.
La lingua.
Le rote del carro.
La Capra.
La Morte.
l'Ago col filo
Il Libro.
Il dito.
L'Anno.
il Sole.
La pelle
Quello dell'Arca si Noe.
L'ampolla dell'acqua.
Lo specchio.
La Fossa.
Il focile, & la pietra focaia.
Dar marito alla Donna.