Sul mare delle perle/Capitolo I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I. I banchi perliferi di Manaar

../ ../Capitolo II IncludiIntestazione 1 febbraio 2019 100% Da definire

Sul mare delle perle Capitolo II

[p. 1 modifica]

CAPITOLO I.

I banchi perliferi di Manaar.

La cannonata dello stazionario inglese aveva rimbombato lungamente sulle acque azzurre cupe, che allora cominciavano a tingersi de’ primi riflessi dell’alba, dando il segnale dell’apertura della pesca.

Centinaia e centinaia di barche montate da numerosi equipaggi, quasi completamente nudi, accorrevano a gran forza di remi dalle coste dell’Indie e da quelle della grande isola di Ceylan.

Tutte si dirigevano verso i famosi banchi di Manaar, sulle cui sabbie, ogni anno, s’annidano milioni e milioni di ostriche perlifere e dove accorrono pure battaglioni di ferocissimi squali per banchettare allegramente colle carni dei disgraziati pescatori.

V’erano barche di tutte le specie e di tutte le forme: alcune lunghe e strette come canotti, altre rotonde e larghe di fianchi; altre ancora coi bordi [p. 2 modifica]alti, le prore rialzate a punta come usano gl’indiani delle regioni meridionali e le vele sciolte al vento.

Una, soprattutto, si faceva notare per la sua ampiezza e per la ricchezza delle sue bordature. Era, più che una barca, un piccolo bastimento, colla prora molto aguzza e adorna d’una testa d’elefante dorata, coi fianchi scolpiti, la poppa pure assai alta ed abbellita da pitture e colle vele rosse invece che bianche.

Una grande bandiera di seta azzurra, sulla quale si vedevano campeggiare tre perle in campo d’oro, sventolava sulla cima del secondo albero, contorcendosi sotto i soffi della brezza mattutina.

Era montata da venti uomini, quasi tutti di statura alta quantunque magri, colla pelle bruno-rossastra, i capelli lunghi e nerissimi, gli orecchi ornati da grossi pendenti, e vestiti come i Cingalesi, ossia con lunghi sottanini di tela bianca a fiorami, che si prolungavano fino alle caviglie dei piedi e che salivano fino a mezzo petto, stretti da larghe fasce.

I piedi e le braccia avevano nudi, le spalle invece coperte da una sorta di scialli triangolari, che cadevano in punta dai lati.

Sulla poppa, seduto sopra uno sgabello coperto di velluto a frange d’oro, i cui lembi cadevano fuori dal bordo sfiorando l’acqua, stava il capitano del piccolo e bellissimo veliero.

Era un’indiano d’aspetto maestoso, vestito con tanto sfarzo da gareggiare con uno dei più potenti rajah della opulenta isola cingalese. [p. 3 modifica]

Sarebbe stato impossibile precisare la sua età. Non doveva però aver meno di trent’anni nè più di quaranta.

Comunque fosse, era un uomo di bell’aspetto, coi lineamenti regolarissimi, con una corta barba nerissima, i capelli inanellati e la pelle un po’ fosca che aveva riflessi di bronzo antico.

Occhi splendidi, nerissimi, saettanti, d’una mobilità straordinaria, labbra sottilissime e rosse, denti superbi, membra bene sviluppate.

Aveva il capo nudo, adorno solo di un diadema di perle e di pietre come usano i cingalesi; ricche collane d’oro gli pendevano sul petto; una lunga camicia di seta bianca gli scendeva fino alle ginocchia; babbuccie di marocchino rosso ai piedi, ed ai fianchi una fascia di seta azzurra, come la bandiera, sotto la quale era passata una sciabola assai ricurva e corta, colla guardia d’oro.

Il piccolo veliero passò fra le innumerevoli barche dei pescatori di perle, le quali si affrettavano a lasciargli il passo, e andò a fermarsi nel centro del banco di Manaar, affondando le sue ancore di poppa e di prora. Intorno a lui si era fatto un largo vuoto.

Tutte le scialuppe che poco prima pescavano in quel luogo si erano sollecitamente ritirate mentre gli equipaggi mormoravano con un misto di rispetto e di terrore:

— Largo al re dei pescatori di perle!...

Il cingalese dalla camicia di seta bianca, appena veduto il veliero ancorato, aveva acceso un ricco narghilè coll’acqua profumata di rosa, s’era [p. 4 modifica]appoggiato comodamente alla testata del timone, poi aveva fatto un segno ad uno dei suoi uomini, il quale portava in capo un piccolo turbante verde a nastri svolazzanti.

— È qui che verrà? — gli chiese sottovoce, quantunque, come abbiamo detto, tutte le barche dei pescatori si fossero allontanate.

— Sì, Amali — rispose l’uomo dal turbante.

— Quando?

— Entro oggi.

— Ne sei certo?

— Me lo ha detto Mambrì e tu sai, padrone, che egli è sempre bene informato di quanto succede alla corte del marajah di Jafnapatam.

— Sì, perchè lo paghiamo bene — disse il re dei pescatori di perle, con accento sprezzante.

— Rischia la vita, padrone, e tutti i giorni. Se il marajah sapesse che egli si è venduto a te, non vedrebbe il sole di domani.

Amali, il re dei pescatori di perle, rimase alcuni minuti in silenzio, guardando distrattamente il sole che s’alzava maestoso sull’orizzonte, facendo scintillare le acque dello stretto e illuminando le cime delle montagne di Ceylan e della vicina India, poi riprese con voce cupa:

— Dovessi sfidare la morte cento volte in un giorno, io manterrò il mio giuramento, Durga. Sai che anche la scorsa notte in sogno m’apparve mio fratello? Aveva ancora la sua bianca camicia di seta, lorda di sangue fino alla cintura e la testa orrendamente schiacciata dalla zampa dell’elefante carnefice. [p. 5 modifica]

— E ti ha parlato, signore? — chiese Durga, mentre un brivido gli scuoteva le membra, facendogli tintinnare i braccialetti d’oro che portava ai polsi.

— Sì — disse Amali, mentre i suoi occhi s’accendevano d’una fiamma sinistra. — Fratello, mi gridava, rammentati del giuramento. Un anno è quasi trascorso, sta per finire e tu non hai ancora vendicato la distruzione della mia famiglia.

— Sì — disse Durga, con voce commossa. — Sono undici mesi che il marajah ha spento il fratello del re dei pescatori di perle e tu non hai ancora nulla fatto.

— È un rimprovero che vuoi farmi, Durga?

— No, signore, perchè finora non si è mai presentata l’occasione di poter intraprendere qualche cosa contro il marajah; oggi però....

— Tu vedrai che cosa saprà fare il re dei pescatori — disse Amali con voce risoluta.

— Quì?

— E perchè no?

— Sotto gli sguardi dell’equipaggio inglese? Hai dimenticato lo stazionario?

— Che m’importa? Lascia che ella venga e non tornerà più mai a Jafnapatam — disse il re dei pescatori di perle, con voce cupa.

— E cosa farai di lei, signore? La ucciderai?

— Ucciderla! La bella Mysora! Ah! Se potessi farlo.... Non ne avrò mai il cuore. Sia maledetto il giorno che l’ho guardata negli occhi! Sono bene armati i nostri uomini?

— Sono pronti a tutto. E poi, tu sai che, se tu ne [p. 6 modifica]avessi bisogno, tutti i pescatori di perle accorrerebbero ad un tuo cenno. Non sei il loro re? Parla, e migliaia d’uomini saranno pronti a vendicare la morte di tuo fratello ed a rovesciare il tiranno.

— No, per ora, agiremo noi soli. Siamo abbastanza forti e Mysora non avrà un equipaggio molto numeroso.

Amali si appoggiò nuovamente alla testata del timone, si lisciò due o tre volte la barba, riaccese il narghilè, e non parlò più. Pareva che meditasse profondamente senza che nulla vedesse di quanto succedeva intorno al piccolo veliero.

I pescatori, visto che la navicella del re non accennava a lasciare quelle acque, a poco a poco erano tornati sul banco, riprendendo il loro lavoro.

Montavano tutti grosse scialuppe coi fianchi molto larghi per poter meglio resistere alle ondate dello stretto, le quali qualche volta si fanno sentire violentissime, mettendo in grave pericolo le imbarcazioni minori.

Ognuna era equipaggiata con venti uomini al comando d’un capo esperimentato: dieci remiganti e dieci palombari.

Mentre i primi sorvegliavano le acque per allontanare i pesci-cani ed i pesci-martelli, gli altri s’inabissavano per andare a raccogliere le conchiglie perlifere.

La pesca sui banchi di Manaar, che si esercita una sola volta all’anno, in un’epoca fissata dal governo del Bengala, onde non distruggere completamente i vivai, richiede uomini d’un coraggio straordinario e d’una abilità poco comune. [p. 7 modifica]

Non si tratta già, come si può da taluni credere, d’una vera pesca fatta colle reti, quantunque le ostriche perlifere di quei celebri banchi non si trovino mai ad una profondità superiore ai dieci metri.

Sono i palombari che devono andare a raccoglierle, perchè le reti si strapperebbero subito senza portarne a galla una sola, essendo solidamente attaccate alle rocce.

Quando il palombaro è giunto là dove sa di trovarne in abbondanza, si stringe i fianchi con una semplice cintura, vi passa un coltellaccio per difendersi dai pesci-cani, si appende una piccola rete e si tuffa audacemente, dopo essersi legata ai piedi una pietra per scendere più rapidamente e più facilmente.

Toccato il banco, strappa quante ostriche può, ne riempie la rete, poi, con un colpo di tallone o coll’aiuto d’una corda, rimonta alla superficie.

L’immersione del palombaro ordinariamente non dura più di un minuto ed egli risale sovente in cattivissime condizioni, tali anzi che alla fine della giornata perde sangue dal naso, dagli occhi e dalle orecchie.

Ve ne sono però taluni che possono rimanere sott’acqua anche due minuti, ma invecchiano presto, la loro vista s’indebolisce, il loro corpo si copre di piaghe inguaribili e dopo pochi anni possono considerarsi completamente finiti.

Terminata la raccolta, alla sera le barche tornano alle rive di Ceylan o delle sue isolette e depongono le ostriche in buche, lasciandole ad imputridire. [p. 8 modifica]

Quando il sole ha sciolto la carne, si cercano le perle, si puliscono, si classificano secondo il loro valore e la loro grossezza e si mettono in commercio.

Non si creda che tutte le ostriche pescate ne contengano, tutt’altro. Molte non ne hanno affatto ed altre sono molto difettose e di poco prezzo.

Nondimeno nei soli banchi di Manaar se ne pescano tante da toccare i trenta ed anche i quaranta milioni di lire ogni anno.

Mentre i palombari continuavano a tuffarsi riportando a galla le loro reti gonfie d’ostriche, il cingalese Amali non cessava di fumare, conservando una immobilità quasi perfetta. Il suo sguardo, che era diventato malinconico, seguiva distrattamente alcune nuvolette rosse, che scorrevano pel cielo, spinte da una leggiera brezza di ponente.

Durga, il suo luogotenente, seduto ai suoi piedi, masticava con visibile soddisfazione una noce d’areca avvolta in una foglia di betel, però di quando in quando si alzava per interrogare attentamente le lontane spiaggie di Ceylan, che spiccavano nettamente sull’azzurro luccicante del cielo.

I suoi uomini invece, deposti i remi e abbassate le vele, si erano sdraiati sul ponte del piccolo veliero, guardando con viva curiosità i palombari scendere e salire.

Era trascorsa più di un’ora, quando un grido acuto, terribile, strappò il re dei pescatori di perle dalla sua immobilità.

— Che c’è Durga? — chiese, alzandosi lestamente. — Arriva? [p. 9 modifica]

— No, padrone.... è un pesce-cane che assalisce un palombaro.

— Oh! dove?

— Era già giunto alla superficie quando è scomparso di nuovo.

— Un disgraziato che corre pericolo?

— E che a quest’ora sarà già stato divorato od in procinto di esserlo.

Amali, con un gesto fulmineo, si era slacciata la sciarpa e si era sbottonata la camicia di seta, mostrando il suo atletico corpo, luccicante come bronzo, d’una perfezione degna delle antiche statue greche, non conservando che un piccolo perizoma di seta gialla che gli annodava i fianchi.

— Vediamo — disse poi, impugnando la sua corta scimitarra.

— Che vuoi fare, padrone? — chiese Durga, spaventato.

— Lo saprai subito.

Grida di terrore s’alzavano fra i pescatori di perle che si trovavano presso il piccolo veliero. Correvano da poppa a prora, a rischio di rovesciare le barche, strappandosi i capelli ed imprecando, però nessuno osava lanciarsi in acqua, anzi i palombari si erano precipitosamente rifugiati fra i compagni, per paura che il pesce-cane improvvisamente comparisse e tagliasse loro le gambe.

Attraverso l’acqua, in quel luogo assai trasparente, si vedeva una massa mostruosa descrivere dei giri fulminei.

Era uno squalo dei più grossi, lungo più di sette [p. 10 modifica]metri, con una bocca così enorme da poter contenere un uomo fra le mascelle.

Aveva perduto la preda e la cercava avidamente, ora abbassandosi verso il banco ed ora spingendosi quasi fino alla superficie del mare.

Di tratto in tratto la sua coda emergeva bruscamente, batteva l’acqua col fragore del tuono sollevando una larga ondata, poi si rituffava.

Il palombaro non era più ricomparso. Fuggiva al largo nuotando fra due acque, oppure giaceva svenuto fra le rocce del banco?

Amali salì sulla prora e fece atto di slanciarsi in acqua, nel momento in cui lo squalo passava a dieci braccia dal veliero.

— Non affrontarlo, padrone! — gridò Durga, afferrandolo per un braccio. — È quello che ieri ha divorato i due pescatori di Manambad.

Un sorriso sdegnoso contrasse le labbra di Amali.

— Largo al re dei pescatori di perle! — gridò, con una voce così tuonante da essere udito a mille passi all’ingiro. — Io vendicherò tutti!

Si mise la corta scimitarra fra i denti, stette un momento dritto sulla poppa, tenendo un piede sulla testata del timone, poi s’immerse colla testa abbasso, sollevando ben alto un fiotto spumeggiante.

Amali scendeva rapido attraverso le acque trasparenti nuotando con vigore da ercole. Gli abissi del mare non avevano segreti pel re dei pescatori di perle, come non dovevano averli i banchi di Manaar, che egli, per tanti anni, aveva frugato, sfidando intrepidamente gli squali e le piovre che succhiano il sangue. [p. 11 modifica]

Tutti i pescatori, stupiti da quell’atto, avevano cessato di gridare e di disperarsi, perchè erano ormai certi che lo scomparso palombaro sarebbe stato ricondotto a galla o per lo meno vendicato.

Durga, temendo che qualche disgrazia toccasse al padrone, si era a sua volta sbarazzato della sottana di tela fiorata che gli serrava troppo strettamente le anche ed aveva impugnato un coltellaccio a doppio taglio, colla lama diritta e scannellata.

Curvo sulla poppa, spiava ansiosamente l’acqua, scuotendo la testa e ripetendo:

— Quale pazzìa! D’altronde si sa che Amali è l’uomo più audace di Ceylan e che non conosce la paura.

Dietro di lui si affollavano i marinai del veliero, pallidi, commossi, silenziosi.

Passarono venti, poi trenta, poi cinquanta secondi senza che il re dei pescatori di perle ricomparisse. Il fondo del banco si era smosso e l’acqua, diventata torbida, non permetteva più di discernere ciò che accadeva sotto.

— Eccolo! — gridò una voce.

Quella esclamazione era stata lanciata da un compagno del palombaro scomparso.

Durga si era alzato vivamente, stringendo il coltello.

— Dove? — aveva chiesto.

— Nuota presso la vostra nave.

— Sì, eccolo! — confermarono parecchie voci.

Un momento dopo a fior d’acqua compariva la nera ed inanellata capigliatura di Amali. [p. 12 modifica]

La testa emerse di colpo, poi due braccia che sostenevano un corpo inanimato.

— Prendi Durga! — gridò Amali. — Ecco il palombaro. Presto! Sono inseguito!...

Sei braccia vigorose si sporsero dalla poppa e afferrarono il povero pescatore, il quale perdeva sangue dal naso, dagli occhi e dagli orecchi.

Quantunque non gli si scorgesse sul corpo alcuna ferita, il disgraziato pareva morto o per lo meno era svenuto.

Durga, aiutato dai compagni, lo trasse sulla nave, deponendolo sul tavolato.

Amali stava per aggrapparsi al timone e risalire quando cinquanta grida echeggiarono intorno a lui, cinquanta grida di terrore.

— Lo squalo!

Il re dei pescatori si era voltato rapidamente.

A cinque passi da lui era comparsa l’enorme testa del pesce-cane. Le mascelle immense, irte di lunghi denti triangolari disposti su parecchie file e che si muovevano dall’alto in basso, si aprirono.

— È perduto! — gridarono i pescatori, con disperazione.

No, ci voleva ben altro avversario pel prode Amali. Prima che il pesce-cane si fosse voltato sul dorso per afferrarlo, si era lasciato ricadere, immergendosi perpendicolarmente.

Passò sotto lo squalo senza che questi se ne fosse accorto, l’afferrò per la pinna dorsale, poi, levatasi dalla bocca la corta scimitarra, vibrò un colpo terribile.

La lama, guidata da quella mano poderosa, si [p. 13 modifica]piantò quasi tutta nelle carni del mostro, il quale fece un balzo fuori dall’acqua.

Il ventre era stato squarciato per una lunghezza d’oltre un metro e uscivano ad un tempo sangue e visceri.

Per alcuni istanti si vide l’acqua girare vorticosamente, allargando il cerchio di sangue, poi uno degli avversari ricomparve: era Amali.

Senza bisogno d’aiuto alcuno s’arrampicò sulla poppa del veliero, gettò via la piccola scimitarra ancora lorda di sangue, quindi disse con voce tranquilla:

— Quello squalo non divorerà più i pescatori: l’ho punito. Dov’è quell’uomo?

— È qui, signore — rispose Durga.

— Morto o vivo?

— Sta per riacquistare i sensi.

Amali si levò il diadema di perle e di diamanti che portava ancora infisso fra la folta capigliatura e gettandolo a Durga, con un gesto da sovrano, soggiunse:

— È di quell’uomo.

Poi, senza asciugarsi, rivestì la bianca camicia di seta, mentre su tutte le barche gridavano a squarciagola:

— Viva il munifico re dei pescatori di perle!...