Tant'è lo core meo pien di dolore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Tant'è lo core meo pien di dolore Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
L'affanno e 'l gran dolor, ch'io meco porto Similmente la notte come 'l giorno
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 20 modifica]

XXXIX

Se il suo cuor dolente parlasse, per la pietá farebbe piangere Amore.

Tant’è lo core meo pien di dolore
e tant’è forte la doglia, ch’eo sento,
ca, se de la mia pena mi lamento,
4la lingua il dice si, che par dolzore.
A me fora mistier che lo mio core
parlass’e che mostrasse il suo tormento:
eo credo certo, sanza fallimento,
8ca di pietá ne piangerebbe Amore.
Oi core meo e occhi, che farete?
Cor, come sofferrai dolor cotanto,
11ed occhi, voi, che si spesso piangete?
Amor, merzé, ch’alleni lo mio pianto;
e voi per Dio, madonna, provvedete,
14ché lo dolor del cor ritorni in canto.