Volete udir vendetta smisurata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Volete udir vendetta smisurata Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Se non l’atate, fate villania Non riconoscereste voi l'Acerbo
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 4 modifica]

VI

Di due cognate, che non mandano troppo buon odore.

Volete udir vendetta smisurata,
c’ha fatta di sua donna l’Acerbuzzo?
La barba lunga un mese n’ha portata,
4orando che dovea far Giovannuzzo.
Dio, com’bene le stette a la sciaurata,
quand’ella sofferia cosí gran puzzo!
Per quella via ne vada la cognata,
8s’altra vendetta non è di Cambiuzzo.
Dunque, bene n’andrá per quella via:
ché ’nmantenente fue passato il duolo,
11ch’e’ la dissotterrò, per che putta.
Almen faccia vendetta del figliuolo!
Ma per quel, ch’io ne spero che ne sia,
14per un fiorin voglio esser cavigliuolo.