Congedo (Zanella)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
latino

Gaio Valerio Catullo I secolo a.C. C 1868 Giacomo Zanella Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie letteratura Congedo Intestazione 28 dicembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 263 modifica]

CONGEDO.

___


Carme XI dello Stesso.

__


 
     Furio ed Aurelio, di Catullo amanti
Indivisi compagni, o ch’ei del Gange
Tenda ai lidi, ove il mar indico frange
                                   4L’onde sonanti;

     O che agl’Ircani e dove molle odora
Arabia, ai Parti onusti di saette,
A’ Saci e dove il Nilo il mar con sette
                                   8Foci colora;

     O ch’oltre le sublimi Alpi vïaggi
Del gran Giulio mirando i monumenti,
Vegga il gallico Reno, i truculenti
                                   12Angli selvaggi;

     Pronti meco a tentar questo o se prova
Altra più perigliosa il ciel m’appresta,
Alla mia donna nunzî ite di questa
                                   16Infausta nuova;

[p. 264 modifica]


     Viva pur ella avventurosa e rida
Co’ trecento suoi drudi, che congiunti
Tiene ad un laccio e tutti manda emunti
                                   20A tutti infida;

     Nè più riguardi all’amor mio, caduto
Per colpa sua, come sull’orlo cade
D’un prato il fior che oltrepassando rade
                                   24Vomere acuto.