Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino/F

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
F

../E ../G IncludiIntestazione 17 novembre 2012 25% Da definire

E G

[p. 162 modifica]
F
Fabreto
Fabrica
Fabricar
Fabricator
Fabricazion
Fabricheta
Fabro
Fachin
Fachinada
Fachinar
Fachinazo
Facola
Facoltà
Fadiga
Fadigabile
Fadigar [p. 163 modifica]
Fadigaza
Fadigoso
Fadigheta
Faganel
Fagher
Fagoto
Falar
Falcheto
Faliar
Falido
Fàlio
Falir
Falisca
Falischeta
Falò
Falopa
Faloto
Falsificadòr
Falsificar
Falso
Falza
Falzada
Falzadura
Fàlzeta
Fame [p. 164 modifica]
Famèa
Fameaza
Famedo
Fametà
Familiarità
Familiarizar
Familias
Famoso
Fanela
Fànfano
Fanfaron
Fanfaronada
Fangazo
Fanghera
Fango
Fantasticar
Fante
Fanulon
Far [p. 165 modifica]
Farabuto
Farai
Faraleto
Fardel
Faraona
Farfala
Fargnocola
Farina
Fariner
Farinoso
Farmazfa
Farmazista
Farmigola [p. 166 modifica]
Farmigoleta
Farmigolon
Farsora
Fas
Fasan
Fasanera
Fasiol
Fasolada
Fasolazo
Fasoleto
Fasoler
Fassa
Fasseta
Fasseto
Fassicolo
Fassina
Fassiner
Fasso
Fastidio
Fastidiosazo
Fastidiosezo
Fastidioso
Fato [p. 167 modifica]
Fator
Fatorin
Fatura
Faturà
Faturar
Fava
Faveta
Favorir
Favoritismo
Faza
Fazada
Fazenda
Fazendin
Fazendina
Fazile
Fazilitar
Fazilitazion
Fazilmente
Fazoletada
Fe
Febraza
Febre [p. 168 modifica]
Fede
Fedel
Fedelini
Felize
Felizemente
Felizità
Felizitar
Felizitazion
Fenocio
Feral
Feramenta
Ferata
Feraza
Ferazo
Fereto
Fergola
Ferì
Feriada
Ferida
Ferir
Feritoia
Fermada
Fermadina
Fermar
Fermentada
Fermentar
Fermeza
Fero [p. 169 modifica]
Feroncolo
Fersora
Fertile
Fertilizar
Festa
Festegiador
Festegiar
Festisina
Feston
Festonzin
Feta
Fetisina
Feton
Feudo
Feza [p. 170 modifica]
Fezata
Fia
Fià
Fiaba
Fiaca
Fiàcher
Fiacheta
Fiacon
Fiama [p. 171 modifica]
Fiamante
Fiameta
Fiancada
Fianco
Fiapeza
Fiapir
Fiapo
Fiasca
Fiascheta
Fiasco
Fiascpn
Fiastro
Fiatin
Fibia
Fibiaza
Fibion
Ficada
Ficar
Ficheta
Ficon(de)
Fidar
Fidelini
Fiduzia
Fiduziario
Fiduzioso
Fiel
Fien
Fienil
Fiepa
Fifa
Fifada
Fifar
Fifon
Figa [p. 172 modifica]
Figà
Figada
Figadazo
Figadel
figadini
Figher
fighera
Figo
CaterinadiGiovannifar
Figura
Figurà
Figurar
Figuriti
Fil
Fila
Filada
Filadina
Filadura
Filagrana
Filaina
Filanda
Filar [p. 173 modifica]
Filastroca
Filetadura
Filetar
Fileto
Filoto
Filoso
Filosofar
Filosomia
Filosomista
Filperdente
Fin
Fina
Finalmente
Finanzier
Finestra
Finestraza
Finestrela
Finestrin
Finestron
Fineza
Finger
Finido
Finir [p. 174 modifica]
Finosomia
Finta
Fintanamai
Finto
Finton
Finzion
Fio
Fioco
Fiocheto
Fiol
Fiola
Fiolada
Fioluz
Fionda
Fior
Fiorà
Fiorazo
Fiorer
Fioreto
Fioridura
Fiorin
Fiorir
Fiozo
Firma [p. 175 modifica]
Firmar
Fisar
Fisazion
Fisciada
Fisciadina
Fisciador
Fisciar
Fiscio
Fiseza
Fiso
Fista
Fita
Fitacamere
Fitaleti
Fitanza
Fitar
Fitual
Fiuba
Fiumazo
Fiume
Fiumera
Fiumisel
Flagelo
Flatoso
Flich
Flocia
Florido
Flosamente
Flosar
Floseza
Floso
Flotilia
Flusion
Fodra
Fodradura
Fodrar
Fodro
Foto
Fogaron
Fogaza [p. 176 modifica]
Foghera
Fògheto
Foghista
Fogo
Fogosamente
Fogoseto
Fogoso
Fogoler
Fogon
Foia
Foiame
Foiaza
Foiazo
Foieta
Foiba
Foio
Foiona
Fola
Folar
Foliga
Folo
Folpo
Folteza
Folto
Fondac
Fondamento
Fondar
Fondaria
Fondeza
Fondi
Fondidor [p. 177 modifica]
Fondina
Fondo
Fongada
Fongar
Fongo
Fongoso
Fontana
Fontanela
Fontanon
Fora
Forbida
Forbir
Forca
Forcada
Forcheta
Forcola
Foresto
Forfada
Forfè [p. 178 modifica]
Forfeta
Forfona
Forigoto
Forma
Formado
Formaiela
Formaio
Formai
Formar
Formazion
Formento
Formenton
Formiga
Formigher
Formigolamento
Fornase
Fornel
Forneleto
Forner
Fornido
Fornidor
Fornidura
Fornir
Fornimento
Forno
Forsi
Fortepian
Forteza
Fortificado
Fortificar
Fortificazion
Fortin [p. 179 modifica]
Fortuna
Fortunà
Fortunal
Forza
Fosforegiar
Fosforesente
Fosforesenza
Fossa
Fossal
Fossaza
Fosseta
Fòssina
Fossinada
Fosso
Fosson
Fota
Fotografar
Fracamento
Fracanapa
Fracada
Fracassà
Fracassar [p. 180 modifica]
Fraco
Fradel
Fradelastro
Fradelazo
Fradeléto
Fragola
Fragolera
Fraia
Fraiada
Fraiar
Fraile
Fraion
Fraioto
Fràmezar
Francadura
Francar
Francolin
Frantumada
Frantumar
Frantumi
Franza
Franzele
Franzelin
Franzescan
Franzesco
Franzetà
Frapor
Frasca
Frascada
Frascai(i)
Frasco
Frasegiar
Frastornar
Fratacion
Fratazin
Fràtazo [p. 181 modifica]
Fratin
Fratina
Fratisel
Fraton
Fratume
Fraturada
Fraturar
Frazion
Frazioneta
Fredar
Fredeto
Fredeza
Fredo
Fregada
Fregadina
Fregadura
Fregagion
Fregar
Freghe
Fregola
Fregoleta
Fregolosò
Fren
Frequentar
Frescheto
Freschi
Freschin(saverde)
Fresco
Frescoto
Freza [p. 182 modifica]
Frezada
Fricar
Frigna
Fritaia
Fritaiada
Fritaiaza
Fritaieta
Fritaion
Fritola
Fritolada
Fritoler
Fritoleta
Fritolin
Fritura
Frituraza
Friul
Friza
Frizer
Frizion
Froladura
Frantal
Frontar
Fronte
Frontin
Frontina
Frontispizio
Frugada
Frugador
Frugar
Frugo
Frulin
Frustagno
Frustada
Frustin
Frutar
Frutariol
Fruter
Fruto [p. 183 modifica]
Fruzado
Fruzar
Fuc(andar
Futa
Fufignada
Fufignàdor
Fufignar
Fufignezo
Fufignon
Fuga
Fulminada
Fulminante
Fulminar
Fulmine
Fumada
Fumadina
Fumado
Fumador
Fumana
Fumar
Fumigar
Fumo
Funaral
Funzion
Funzionar
Funzioneta [p. 184 modifica]
Furbazo
Furbescamente
Furbeto
Furbità
Furbo
Furgon
Furia
Furiata
Furigoto
Furiosafnente
Furiosazo
Furioso
Furlan
Furor
Furto
Fusazo
Fuscar
Fusco
Fuseto
Fusil
Fusilada
Fusilar
Fusilazo
Fusileto
Fusina
Fusion
Fuso
Futer(saltarel)
Futizada
Futizar
Futizaria

[p. 162 modifica]

F



F smf. sesta lettera dell’alfabeto. Si pronuncia effe, e può usarsi così al maschile come al femminile. Quale sigla ora vale: figlio o fratello, ora: fece. Raddoppiato, FF, significa: fedeli, e nel linguaggio amministrativo: faciente funzione.

Fabreto, sm. zi. pettibruno — motacilla stapazina, l’uccello; castagnola — héliastes chromis, il pesce.

Fabrica, sf. edificio, edifizio, fabbrica ’, esser la fabrica de S. Giustina, met. non aver nè fin nè fondo.

Fabricar, va. costruire, edificare, fabbricare; met. gabbare, truffare.

Fabricator, sm. fabbricatore.

Fabricazion, sf. fabbricazione.

Fabricheta, sf. fabbrichetta; fabbrichina.

Fabro, sm. fabbro, fabbro ferraio; maniscalco; de fabro, che partien a fabro, fabbrile e fabrile; fabro de lavori minudi, magnano.

Fachin, sm. bastagio, bracciante, facchino; met. croio, incivile, rozzo.

Fachinada, sf. facchineria.


Fachinar, va. sfacchinare.

Fachinazo, sm: facchinaccio.

Facola, sf. fìacola; poet. face.

Facoltà, sf. asse, facoltà, patrimonio; poet. facultade, facultate.

Fadiga, sf. affanno, fatica, lavoro, pena, travaglio; poet. labóre; a fadiga, m. avo. a fatica, a gran fatica, a mala pena, con fatica; spuzar la fadiga, met. non ne voler sulla giubba, o sul groppone; no spuzar la fadiga, met. essere da barda e da sella, o da bosco e da riviera, — non crocchiare il ferro; bufar via la fadiga, o butar via el tempo e la fadiga-, dare l’incenso a’ grilli, o a’ morti; lisciare la coda al diavolo; chi che ghe lava la testa al mus perdi la fadiga e el savon, prov. chi lava la testa all’asino perde il ranno e la fatica.

Fadigabile, agg. che dura fatica, faticabile, faticante, fatichevole; faticoso, stanchevole.

Fadigar, va. faticare, — durare, o sostenere fatica; stentare. [p. 163 modifica] Fadigaza, sf. faticaccia.

Fadigoso, agg. faticoso, di fatica.

Fadigheta, sf. faticuccia.

Faganel, sm. zi. fanello — fringilla linota, o linaria.

Fagher, sm. hot. caone, faggio.

Fagoto, sm. fagotto, fardello, involto; t. mus. bassone, dolcino, fagotto; sonador de fagoto, fagottista; fagotto, o cosa simile, che si porta quasi nascostamente sotto il mantello: soffoggiata; rialto che si vede sopra le vesti a cagione di altra roba che sia sotto di esse: sobbaggiolo; fagoto de carne, met. fastello mal legato, — fastellaccio, fastellone; aver el fagoto, •met. aver la valigia; far fagoto — ha tre significati: morire, andare alle ballòdole, ripiegare le cuoia, tirar l’aiuolo, o il calcino; partire, far fagotto, levare le some, pigliar l’ambio; e far fagotto — detto di vestito“ che largheggi molto e mal si adatti alla, persona.

Falar, va. errare, fallare, sbagliare; falar la strada, errare, o smarrire la via, e met. prendere abbaglio, — .ingannarsi a partito; chi tropo farla spesso fola, frov. chi troppo parla, o chi assai ciarla spesso falla, — assai sa, chi non sa, se tacer sa; chi no fa no fala, falanclo se imfara, prov. chi non fa, non falla; fallando s’impara, — chi ne ferra ne inchioda, — chi fa, falla; e chi non fa, sfarfalla; fala anca 7 prete sid aitar, v. aitar.

Falcheto, nome generico di varie specie di piccoli falchi.

Faliar, sm. fagliare: — „Mi fagliano sempre i denari.“

Falido, sm. fallito, oberato.

Fàlio, sm. t. di giuoco: faglio. “

Falir, vn. fallire, — dare del culo sul pietrone, — infilar le pentole; chi fatisi va in caroza,. v. caroza.

Falisca, sf. favilla, scintilla )far falische, favillare, scintillare; scintille che si vedono scorrere talvolta sulla cenere della carta appena bruciata: monachine — e quello scorrere i fanciulli toscani lo chiamano: andare a letto le monachine; basta una falisca per hnpizar un fogo, prov. piccola favilla gran foco incende, o ampia fiamma feconda, — poco fiele fa amaro molto miele.


Falischeta, sf. favilletta, scintillerà, scintilluzza.

Falò, sm. abbàrbagliamento, errore, fallo, sbaglio; falò de pena, scorso di pena; meter un pie in falò, mettere, o porre piede in fallo, o in falso; cior in falò - una persona, o una cosa per un’altra: cogliere, o pigliare in scambio: — „Scusi, l’ho presa in scambio. Così al buiccio m’era sembrato mio fratello.“

Falopa, sf. t. de’seticultori: faloppa; filaticcio di palla; met. baggianata, corbelleria, scerpellone, scioccheria, sgorbio, svarione.

Faloto, sm. cìisutilaccio, malvivente, panperduto, scampaforca.

Falsificadòr, sm. adulteratore, falsificatore.

Falsificar, va. adulterare, alterare, contraffare, falsificare.

Falso, agg. fallace, falso, manchevole, sleale; falso de le scarpe, art. e mest. fiosso; ciave falsa, chiave adulterina; falso pezo del soldo, met. falsacelo spudorato.

Falza, sf. falce; che ga forma de falza, falciforme; falza fer sfalzar el fien, falce da fieno, falce fenaia, o fienaia, o fienale, — frullana; falza per podar le vide, falcino, pennato.

Falzada, sf. falciata.

Falzadura, sf. falciatura.

Fàlzeta, sf. falcetto; falcinola, falcinolo.

Fame, sf. fame; .aver fame, patir fame, affamire, allampanare, arrabbiare di fame, allupare; fame assai granda, picchierella; chi che ga granda fame, famelico; no veder dai oci de la fame, met. non vederci dalla fame, — essere scannato dalla fame, — cascare, o morir di fame; bruto come la fame, brutto come, o quanto la fame, — come, o quanto il peccato; la fame xe una gran maestra, prov. il bisognino fa trottar la vecchia; la fame no conossi lege, o no conossi ragion, prov. la fame non conosce legge, — fame affoga fama, — dalla fame la fama è sotter- [p. 164 modifica] rata; el mulo che ga fame magna de ogni qualità de paia, prov. lupo affamato mangia pan muffato, — a tempo di carestia pan vecciato; la fame no voi salsa, lo stesso che la fame xe ’V più bon cogo, v. cogo.

Famèa, sf. famiglia; de famea, famigliare; famea grossa, famiglia numerosa; fio de famea, figlino di famiglia; omo, dona de famea, uomo, donna da casa, o da famiglia; pare de famea, padre di famiglia; festa, luto, vita de famea, festa, lutto, vita famigliare, o di famiglia; no bisogna entrarghe ne la question de famea dei altri, loc. prv. fra carne e ugna nessun vi pugna.

Fameaza, sf. famigliacela.

Famedo, sm, famigliare, famiglio; un vero famedo, met. un rozzo, un zotticone.

Fametà, sf. famuccia.

Familiarità, sf. famigliarità, famigliaritade, famigliaritate, familiarità.

Familiarizar, va. famigliarizzare; abituare, assuefare.

Familias, smf. bidello.

Famoso, agg. chiaro, famoso, illustre, insigne; delicato, prelibato, squisito, succulento.

Fanela, sf. flanella.

Fànfano, sm. zi. pesce pilota — naucrates ductor.

Fanfaron, sm. fanfarone, millantatore, smargiasso, spezzacatenacci.

Fanfaronada, sf. burbanza, cantafavola, fanfaronata, iattanza, millanteria, smargiassata.

Fangazo, sm. fangaccio.

Fanghera, sf. fangaia, fanghiglia; loto.

Fango, sm. braco, brago, fango, loia, loto, pantano; met. lordura, sporcizia, sudiciume; fango molto liquido: mota; — che depositano i fiumi ed i torrenti nello scemare: belletta; — che è nel fondo delle paduli: limaccio; — che si fa nel segar le pietre: poltiglia; — che è in fondo dei fossati: melma; pi. terme; far i fanghi, fare le lutazioni: — „E’ per ordine medico che fa le lutazioni.“

Fantasticar, va. arzigogolare, fantasticare; ghiribizzare.

Fante, sm. fante; cursore, messo; scherza coi fanti e lassa star i santi, prov. scherza co’ fanti, e lascia star i santi.


Fanulon, sm. dondolone, fannullone, perdigiorni, scioperato, scioperone.

Far, va. facere, fare’; produrre; raccogliere; rubare; partorire; cacare; creare, eleggere; perpetrare: — „ / ga fato quel furto in quatro. = In quattro- hanno perpetrato quel furto;“ deporre: — „Le galline depongono uova nutrientissime;“ far fora, met. involare, rubare; mangiare; deflorare; far erba, far l’erba; far in modo, fare in .guisa, o in maniera, o in modo, — far sì che, — far che; far far, far fare; aver da far — con si sia: aver a fare, o aver che fare con alcuno; far veder, met. far vedere in ,barba; aver assai de far, affogare nelle faccende, — aver le faccende a gola, — aver più faccènde che un mercato; aver, o no aver cosa far, avere, o non aver che fare; aver un bel da far, met. aver un bel fare: — ,Con quel bimbo ha un bel fàre !“ se fa presto a far, si fa presto a fare; lassar far a un cos’che ’l vói, dare, o lasciare ad uno la briglia sul collo, — abbandonare uno a sè stesso: — „Se mi dai retta, bene; se no, t’abbandono a te stesso;“ a farla grossa, met. a fare assai; cossa ti voi che ghe, o che te fazo mi — frase conclusionale: che vuole ella, o che vuo’ tu che ci facc’io; xe ’l suo far, è un suo fare; far el terzo, el quarto, el quinto — t. di giuoco: accomodare ^una partita di giuoco; far sul aqua, sul brodo, sul late, ecc. cucinare nell’acqua, nel brodo, ecc.; darse un gran de far inutilmente, acciaccinare; farghe far a un quél che voi lusingandolo, adescare quel tale; farsela dosso, met. far- ~ sela addosso, o sotto; farghéla a qualchedun, accoccargliela a quel tale, — far danno e beffa a chi non l’aspetta, — far la; barba di stoppa a quel tale; cosa ’l fa? o che stilla? — „0 che stilla quel benedetto Camussiano ? E’ più d’un’ora ch’é andato dal tabaccaio e ancora non lo si vede di ritorno;“ no fa gnente no — si risponde ad altri [p. 165 modifica] quaìido e’ si scusa del non aver potuto far cosa ond’era stato pregato, e per significargli che ciò non ci premeva molto: non vuol dire; aver fato le sue, met. aver scorso la cavallina; andar far quel che altri no poi far per noi, andar dove nè papa nè imperatore può mandar ambasciatore; far un poco qua e un poco la, m. prov. dar un colpo al cerchio ed uno al tino, od alla botte: — „Che vuole, signora, con tanto lavoro che s’ha in questa stagióne convien dare un colpo al cerchio ed uno alla botte;“ ti ga, o la ga fato tanto, fa, o la fazi ancora questo, m. prov. fatta la cornice bisogna far la doratura; se fa quel che se poi, prov. il cane rode l’osso perchè non lo può inghiottire, — all’impossibile nessuno è tenuto,:— di là del potere non ci si va, — ognuno fa quel che può, — nessuno è più che uomo; ehi no ga cosa far che meni la porta, prov. se non hai da fare, mena l’uscio attorno, — chi non sa che fare, pettini i cani; far e disfar xe tuto .un lavorar, prov. fare e disfare è tutto un lavorare; chi la fa Vaspeta,prov. chi fa la l’aspetta, — bisogna aspettarsi da altri quello che si fa ad altri, — qual si fa tal si riceve; no aver .de far con Marco Paparela, prov. non aver a mangiare il cavo], co’ ciechi; un solo no poi far tuto, prov. una noce sola non fa romore in un sacco; come che ti farà cussi ti gavarà, prov. come farai, così avrai; chi che ga fato ’l più, poi far anca ’l meno, o che fazi anca ’? meno, prov. chi ha fato il più può fare il meno, — chi fa trenta può fare trent’uno, — chi ha bevuto al mare può bere alla pozza, — chi ha bevuto tutto il mare ne può bere una scodella; chi no sa far no sa comandar, v. comandar; dar de far, v. dar; altro xe el dir altro xe el far, v. dir; far come Dio comanda, v. Dio; chi no fa no fala, v. falar.

Farabuto, sm. barattiere, disutilaccio, canaglia, farabolone, farinello, mascalzone, panperduto, truffatore.

Farai, sm. fanale; farai per pescar, o per ciapar usei de note, botta, fornuolo, frugnolo; met. boccale, o fiasco di -vino; — testa calva, rapata, piazzata, e calvinista — dalla similitudine della voce; esser distudà ’l farai, met. averci veduto’ il fondo.


Faraleto, sm. lanternino.

Fardel, sm. v. scherz. - metatesi di fradel.

Faraona, sf. faraona, gallina di Faraone, o di Guinea, meleagrida, meleagride.

Farfala, sf. farfalla, lepidottero; farfale che svola de giorno, farfalle diurne; — che svola de note, farfalle notturne.

Fargnocola, sf. biscottino, buffetto; met. caramogio, mingherlino, scriato.

Farina, sf. farina, e per sim. grano pesto; farina ordinaria, codetta; fior de farina, giri; farina de Un, linosa; — de castagne, farina dolce; --zala, farina gialla; — che xe sui fruti, fiore; — andar in farina -— delle patate, e simili: sfarinare; no esser farina de far ostie, met.. non essere farina da cialde, o non essere farina netta; non esser farina del saco de un, met. non essere erbe, od erbaggi del-“ l’orto di quel tale, — non essere farina di quel tale; dove che xe andadala farina che vadi anca ’l saco, prov. dove è andata la nave può andare, o può ire anche il brigantino; la farina del diavolo la va tuta in semola, v. diavolo.

Fariner, farinoto, sm. farinaiolo, farinaiuolo.

Farinoso, agg. farinaceo — se è di farina, o della natura di farina; sfarinato — delle frutta; farinoso — che contiene farina, parlando di semi.

Farmazfa, sf. farmacia; attenente alla farmacia: farmaceutico.

Farmazista, smf. farmacista, farmacopula; farmazista praticante, tirone.

Farmigola, sf. formica, formicola; di formica, appartenente a formica: fòrmico: — „Acido formico.“ — „Larve formiche;“ ovi de farmigola, larve di formica; aver, o vignir le farmigóle, met. avere il formicolìo, o il formicolamento; come le formigóle, met. [p. 166 modifica] quanti le formicole; met. cazzabubbolo, piccino, scriatello.

Farmigoleta, sf. formicolina.

Farmigolon, sm. formicolone, formicone.

Farsora, fersora, sf. casseruola, padella; padellata: — „Una farsora de sardoni, = Una padellata d’alici;“ farsora de le castagne, padella da bruciate; trovar el manigo a la farsora, prov. aver più ritortole che fastella, — aver unguento per ogni piaga, — aver cimiero ad ogni elmetto; la calmiera ghe disi a la farsora, fate in la che ti me sporchi, lo stesso che la far-.sora parla mal del brustolin, o de la gradela, v. brustolin.

Fas, sm. apocope di fasso; ed è v. del modo latino: per fas o per nefas, in ogni modo, sia lecito o illecito.

Fasan, sm. zi. fagiano — phasianas colchicus; pi. met. fagiuoli.

Fasanera, sf. fagianaia^ fagianiera.

Fasiol, fasoi, sm. fagiolo, fagiuolo; met. cazzabubbolo, cazzatello, scriato.

Fasolada, sf. fagiolata.

Fasolazo, sm. fagiolaccio.

Fasoleto, sm. fagioletto: — ,,Fagioletti piccini più de’ piselli;“ fagiolini: — „Preferisco i fagiolini in tegghia a quelli in insalata.“

Fasoler, sm. soldato che serve volontariamente dopo compiuti gli anni di obbligo.

Fassa, sf. bandoliera, fascia; fassa de le braghe, stringa; — del sciopo, cigna, cinghia; bel in fassa bruto in piaza, v. bel.

Fasseta, sf. fasciuola; fasseta del colo e de le manighe de la camise, cinturino.

Fasseto, sm. fascetto, fascinolo, iastelluccio; fascetto, per lo più di felci, che s’appende al solaio, per prendervi le mosche: moscaiola, moscaiuola.

Fassicolo, sm. fascicolo.

Fassina, sf. fascina, fascino; vesti una fassina la par una regina, m. prov. vesti un legno pare un regno, — vesti una colonna la pare una bella donna, — vesti una fascina la pare una regina.


Fassiner, sm. fascinaio.

Fasso, sm. fascio, fastello; andar, o mandar in fassi, andare, o mandare in fascio, e met. essere ito, o rovinato; meter tuti in un fasso, met. gettare il giacchio tondo; fasso mal ligà, met. fastellaccio: — „E’ un fastellaccio sciammanato;“ bota che va in fassi, . v. bota; far de ogni erba un fasso, e fasso d’erba, v. erba.

Fastidio, sm. fastidio, malagio, tedio; sincope.

Fastidiosazo, sm. fastidiosaccio.

Fastidiosezo, sm. importunità, increscevolezza, molestia.

Fastidioso, agg. fastidioso, importuno, increscevole, molesto, noioso, sdegnoso, stizzoso, tedioso; Faterei“, sm. fatterello.

Fato, sm. azione; fatto; pi. affari, bisogne, faccende; in forza d’agg. eretto — ove parlisi di casa, monumento, e simili; maturo — delle frutta; fato sta, fatto si è, fatto sta; in fin dei fati, m. avo. a conto fatto, — al levar delle tende, — al fine, alla fine, in fine — e per più efficacia, e quasi mostrando noia, o sdegno, o partito preso: alla fin delle fini, — alla fin fine, — alla per fine \ far come che ’l fato no fussi suo, non parer suo fatto: — To, el fa come se ’l fato no fussi suo dopo tuto quel che xe nato. = Guà, va intrepido che non par suo fatto, dopo tutto quello eh’ è successo.“ dir el fato suo, met. dire il fatto suo, 0 i fatti suoi, — garrire altrui; tender 1 fati sui, badare a sè o a’ fatti suoi, — tenere il cervello a bottega; xe un fato, è un fatto; andar per i fati sui, andare pe’ fatti suoi; saver far i fati sui, sapere a quanti dì è S. Biagio; esser el fato, met. fare al fatto, — essere a proposito, essere il caso; sul fato, di botto, immantinenti, in sul fatto; ciapar sul fato, chiappare, o cogliere in flagranti; impazarse nei fati dei altri, entrare ne’ fatti altrui; no bisogna intrigarse nei fati dei altri, m. prov. dove non t’appartiene, nè male nè bene; quel che xe fato xe fato, m. prov. il [p. 167 modifica] fatto è fatto, — cosa fatta capo ha; dopo ’l ’fato tuti. sa dar consili, prov. del senno del poi son piene le fosse, — dopo il fatto ognuno è savio, — quando è caduta la scala, tutti san consigliare; a far i fati sui no xe vergogna, prov. a far i fatti suoi non ci s’imbratta le mani, — chi si vergogna di lavorare, abbia vergogna di mangiare, — vergogna è a far male, — ciò che è utile non è vergogna; vai più un fato che zento promesse, o che zento parole, prov. i fatti son maschi e le parole son femmine, — dove ci voglion fatti de parole non bastano, — chi davvero aiutar vuole, abbia più fatti che parole, — meglio un aiuto che cinquanta consigli, — il bel del gioco è a far de’ fatti e parlar poco, — lingua cheta e fatti parlanti; ognidun sa i fati sui, rn. prov. ognun sa dove gli stringe la scarpa, — dove stringe la scarpa non sa altri che chi l!ha in piede, — nessuno sa il sabato, se non chi lo digiuna, — ognuno sa sè, e Dio sa tutti; far i fati de casa, v. casa; volerghe fati e no ciacole, v. ciacola; dal dito al fato ghe xe un gran irato, v: dir.

Fator, sm. amministratore, castaido, facitore, fattore; fame fator un ano, se sarò povoro sarà mio dano, prov. fammi fattor un anno, se sarò povero, mio danno.

Fatorin, sm. fattorino.

Fatura, sf. fattura; far la fatura, met. far la buccia.

Faturà, faturado, agg. adulterato, artefatto, affatturato, falsificato, fatturato: — »Vino. adulterato “ — „ Carattere artefatto;“ affazzonato: — „ Facciaccia affazzonata di stolida zitellona.“

Faturar, va. e vn. adulterare, affatturare; affazzonare, lisciare.

Fava, sf. fava; fava fresca sgranada, bagiana; magnar la fava su la testa a un, met. mangiare la pappa, o la torta in capo a uno.

Faveta, sf. hot. lupino.

Favorir, va. favoreggiare, favorire, — essere favorevole, —far cosa grata.

Favoritismo, sm. parzialità.


Faza, v. usata nel m. avv. defaza, di faccia, di rimpetto.

Fazada, sf. facciata; de fazada, m. avv. lo stesso che de faza.

Fazenda, sf. affare, bisogna, faccenda, negozio; omo de fazende, faccendiere; fazende de casa, faccende di casa; andar a far una fazenda, o le sue fazende, met. andare a fare una faccenda.

Fazendin, agg. e sm. ardellione, faccendiere; servizievole.

Fazendina, sf faccendiuola.

Fazile, agg. facile, semplice; esser fazile una roba come bever un bicer de aqua, essere, quella tal cosa, come bere un uovo; esser una roba assai fazile, non esservi in quella cosa nè spina ne osso,

Fazilitar, va. agevolare, facilitare; fazilitarghe a uno qualcossa, lastricare a quel tale la via.

Fazilitazion, sf. agevolezza, facilitazione.

Fazilmente, avv. di leggiere, di leggieri, di leggiero, facilmente.

Fazoletada, sf. pezzuolata. -Fazoleto, sm. fazzoletto; pezzolata: — vPortime un fazoleto de foie. = Portami una pezzolata di foglie;“ bavaglio: — „Non potè gridare perchè gli assalitori furono pronti a mettergli il bavaglio;“ fazoleto de naso, fazzoletto da naso, pezzuola — -e quel dei fioi, moccichino; fazoleto de colo, fazzoletto da collo.

Fe, v. usata nel inter.: ma si la fe giammai — neanche a dirlo neanche in ischerzo — e simili. Febraro, sm. febbraio; febrarut piez de dut, m. prov. tolto a prestanza da’ friulani: ferraietto è corto e maledetto. — febbraio, o -ferraietto, o ferraiuzzo corto peggio di tutti.

Febraza, sf. febbrettaccia; febbricone; febbrona; febbrone.

Febre, sf. febbre; che ha febbre: febbricitante; di, o da febbre: febbrile; che produce febbre: febbrifero, febbricoso; che scaccia la febbre: febbrifugo; febbre che ritorna ogni giorno: febbre anfimerina; — [p. 168 modifica] che non ha intermissione nè remmissione: febbre intermittente; febre de pcdudo, febbre maremmana; — sala, febbre gialla, e met. giallume, — occhi di civetta; bater la febre, febbricitare, esser febbricitante; caldo de la febre, arsione febbrile; esser la febre — in luoghi di maremma: esserci le febbri; aver la. febre, o aver la febre dosso, met. aver la febbre addosso; se l’invidia fussi febre tuto ’l mondo la gavaria, prov. l’invidia regna fin nei cani, — se l’invidia fosse febbre tutto il mondo l’avrebbe, o tutto il mondo , sarebbe uno spedale; febre de cavai, v. cavai. /Febreta, sf. febbrerella, febbriciattola; febbretta.

Fede, sf. fè, fede; fede che è accompagnata dalle buone opere: fede viva; l’opposto: fede morta; chi rompe la fede e i patti giurati: fedìfrago; vn bona fede, m. avv. in buona fede; esser, o no esser una roba articolo de fede, met. essere, o non essere quella tal cosa articolo di fede.

Fedel, agg. fedele; tutti i fedeli sulla4 terra — con frase scritturale: la chiesa militante, preso dal Militia est vita hominis super terram; ogni fedel Cristian, v. Cristian.

Fedelini, smp. capellini — specie di pasta da minestra.

Felize, nome proprio di persona: Felice; agg. felice; arcicontento, beato.

Felizemente, avo. felicemente.

Felizità, sf. felicità, felicitade.; agg. congratulato, felicitato.

Felizitar, va. congratulare, felicitare.

Felizitazion, sf. congratulazione, felicitazione, -mirallegro.

Fenocio, sm. bot. finocchio — anethum foenicolum.

Feral, sm. lcr stesso che farai.

Feramenta, sf. ferramenti, ferratura.

Ferata, sf. via ferrata; traccia; esser su la ferata — m. de’ cacciatori: chiappar l’orma: — „Tl cane ha chiappato l’orma della lepre ferita.“

Feraza, sf. ferruche: — „Li chiama ordigni ? Io dico loro ferruche.“


Ferazo, sm. ferraccio.

Fereto, sm. ferraccio; ferrolino, ferruzzino; infilacappio.

Fergola, sm. spalmata, vergata.

Ferì, agg. ferito;. esser ferì fortemente, avere le intestina in un catino.

Feriada, sf. ferrata, ferriata, inferrata, inferriata.

Ferida, sf. ferita; poet. feruta; ferida seria, ferita grave; bruta ferida nel viso, berleffe; ferida che se ghe fa col dodo nel vivo a le bestie nel inferarle, chiovatura.

Ferir, va. ferire; poet. fiedere; ferir cól cortei, accoltellare; — co la spada, aggladiare; ferir sul vivo, met. toccare uno dove proprio gli duole.

Feritoia, sf. archiera, arciera, feritoia.

Fermada, sf. fermata.

Fermadina, sf. fermatina.

Fermar, va. arrestare; fermare; t. di giuoco: reggere: — „ El me gd ferma col fante in terza. = M’ha retto col fante terzo;“ calzare: .— „Quel tavolo bisogna calzarlo: ve’ come traballa intercettare: — ^Lettere dell’amante intercettate dalmarito;“ fermarsi oziosamente in un luogo senza saper uscirne: appillottare; fermarsi ad ogni tratto: fare come la mula del medico, o come l’asino del pentolaio; fermarsi de’ soldati in questo o quel luogo: porre l’accampamento, o gli accampamenti in un luogo, — porre gli alloggiamenti dove che sia.

Fermentada, sf. fermentazione.

Fermentar, vn. fermentare; lievitare.

Fermeza, sf. costanza, fermezza, perseveranza. “Fermo, agg. fermo; stagnante; sm. arresto; confisca.

Fero, sm. ferro; ordigno; de fero, fèrreo; che ga qualità e natura de fero, ferrigno; pi. met. catene, ceppi; fero del banco — de’ legnaiuoli; granchio; — de cavai, ferro da cavallo; — vedo de cavai, sferra; — de sorzi, tagliuola; — de calza, agucchia, ferro, ferro da calza; — de sopressar, ferro da stirare, liscia; ferro da spianare: [p. 169 modifica] — „I sarti spianano le costure e le stiratrici stirano le camicie;“ — de scolar, stiaccine; — de stizar, attizzatoio; — del brustolin, fattorino; — de cheba, gretola; — de rìzar, calamistro; — de spulir, ferro scempio; — de bona grazia, piegatello; — de dopio taio, ancipite; — curvo, che sera el locheto, arco; — impuntì, che xe ne le fibie, ardiglione; — nel quale entra il saliscendi, e l’accavalca, per chiudere le porte: monachetto; — bucato dall’un de’ lati, messo nel manico del chiavistello per ricevere la stanghetta dei serrami: boncinello; — fitto nel muro, terminato da un cerchio entro il quale si fa passare l’asta di una bandiera per tenerla ferma, eventualmente pendente all’infuori: stacca; — messo nel fuoco fino a che diventa rosso: ferro rovente; fino a bianco dopo il rosso: ferro candescente, o incandescente; fil de fero, filo di ferro; rodolo de fil de fero, bazza di fil di ferro; memoria de fero, memoria adamantina, o di ferro, o ferrea; stomigo de fero, met. stomaco di bronzo, — ventriglio da struzzo; esser de fero, met. essere d’acciaio; feri de botega, met. ferri di bottega; mustaci de fil de fero, met. baffi, di topo; scaldar i feri, met. eccitare, irritare; zogar toca fero, fare, o giuocare a tocca ferro; meter i feri a fondo, m. prov. gittare in terra il frumento, — prender posto alla predica; bisogna bater el fero fin che. xe caldo, prov. bisogna battere il ferro mentre è caldo, — batti il chiodo quando è caldo, — il ferro va battuto quando è caldo, -— chi non sollecita perde l’occasione, — bisogna macinare finché piove; el ruzine magna ’l fero, prov. la ruggine mangia il ferro; esser in una bota de fero, v. bota; a fero de cavai, v. cavai.

Feroncolo, sm. fìgnolo, furoncolo, foruncolo.

Fersora, sf. lo stesso che/arsora.

Fertile, agg. fecondo, ferace, fertile, fruttifero, ubertoso.

Fertilizar, va. fertilizzare.

Festa, sf. festa; solennità; tripudio; de festa, festereccio, festivo; che tien in festa, festevole, sollazzevole; feste fisse, feste immobili; feste che no~ xe fisse, feste mobili; vestito de festa, abito, o vestito da festa; esser la festa, esser il giorno onomastico; conzar per le feste, met.. conciare pel dì delle feste, — far cantare in tedesco; far la festa — ha tre significati: ripulire, o derubare: — „La fantesca gli ha ripulito a dovere la casa far la festa di una cosa, darle fondo, consumarla: — „Han dato fondo a un carratello di vino dolce;“ e uccidere, o far la buccia: — ,.I malandrini gli han fatto la buccia al prete;“ ’ no xe sempre festa, m. prov. ogni giorno non è festa, — non tutte le fuse vengono diritte, — non tutte le ciambelle riescono col buco, — quel che ciondola non cade, — tutte le palle non riescon, — tutte le botte non vanno giulive, — Tirare i colpi a filo ognor non lice, (Boiardo — Orlando innamorato); passada la festa gabato lo santo, prov. avuta la grazia gabbato lu santo, — fatta la festa non vi è chi spazzi la sala; parer un caligher vestì de festa, v. caligher; festa de famea, v. famea.


Festegiador, sm. festeggiatore.

Festegiar, va. festeggiare.

Festisina, sf. festicciuola, festiccina; festuccia.

Feston, sm. festone, pendone; ornado de festoni,. festonato.

Festonzin, sm. festoncino.

Feta, sf. fetta: — „Fette tanto fatte di polenda;“ lista: — ..Pallone a liste di più colori;“ spicchio: ---„Mele tagliate a spicchi;“ taiar in fete, affettare, e met. far braciuole: — „Se pigliavano il ladro que’ villanzoni facean braciuole di lui;“ farse taiar in fete per qualchedun, met. spararsi per quel tale.

Fetisina, sf. fettina, fettolina, fettuccia, fettuccina.

Feton, sm. fettona; fettone; vet. fettone.

Feudo, sm. v. met. donnaccia; meritrice, prostituta.

Feza, sf. feccia, fondigliuolo,-posatura, sedimento; fermento, lievito; met. astuto; gaglioffo, malvivente: [p. 170 modifica] fecciume:“—— „ Titta- la feza de rena veda. = Tutt’il fecciume di Cittaveccliia pieno di feccia, che ha della feccia: feccioso.

Fezata, sf. fecciaccia: — „A quelle riunioni ci corre tutta la fecciaccia.“ — „Di nuovo lui ? quella fecciaccia. “

Fia, sf. figlia, figliuola; chi voi la fia che basi la mare,’ prov. bisogna voler bene al bambino per amor della balia.

Fià, agg. e sm. bagatella, bazzecola, briccica, cencino, inezia, nonnulla,- poco, pocolino; sm. alito, aria, aura, fiato, respiro, soffio; met. straccio; strumenti de fià, strumenti, o suoni a, o da fiato; fià spuzolente, fiato cadaverico; in un fià — dire, o fare: in un fiato, — sotto un riaver d’alito; ciapar fià — vale tanto per riposarsi: raccorre, o riavere l’alito, quanto per vedersi campato da qualche sciagura: ripigliare, o riprender fiato; darel fià, alitare a bocca; tignir el fià, ritenere l’alito;- senza tirar el fià, ni-, avv. chéto com’olio, o come il cui“ quando si rade, — senza batter ciglio; urlar, o zigar con quanto fià che se. ga in gola, gridare quanto uno ne ha in gola, — urlare quanto se ne ha nella canna; cascar, o perder el fià, met. cascare il fiato, — cadere le braccia; no poder nanca tirar el fià, met. non poter fiatare; per mancanza de fià, met. per non avere cum quibus cior el fià —per puzzo, vento, ecc.: mozzare il fiato, o mozzare il respiro; no esserghe più nanca un fià — di che si sia: non esservi più briciola, o non esservi più respice di quella tal cosa; no spuzar el fià, met. aver ardire, coraggio, — aver fegato bastante, o aver fegato in corpo; esser fià butà via, esser fiato, gettato, o sprecato, .— far conto che ragli un asino; mercante de fià, met. marachella, spia; se tira ’l fià per no morir, m. popolare: fagliare a denari; fin che ghe xe fià glie xe speranza, m. prov. fin che c’è fiato c’è speranza, — basta che la pecora non muoia, la lana rimette, — la speranza è sempre verde, — l’infermo mentre spira, sempre spera, --la speranza sola accompagna l’uomo fino alla morte, — dice Foscolo nostro: Anche la speme ultima dea fugge i sepolcri; aver, o no aver fià in corpo, e no restar fià in corpo, v. corpo.


Fiaba, sf. fiaba, fabola, favola, cantafavola, ciancia; novella; mito; racconto; invenzione, trovato; parabola; bornia; favolata; contar fiabe, favoleggiare; la fiaba de sior Intento, met. la canzone dell’oca, o dell’uccellino, — la favola dell’uccellino, —la tela di Penelope —- Omero narra. nell’Odissea, che Penelope, moglie di Ulisse, per eludere i Proci, aspiranti alla sua mano, stesseva di notte ciò che aveva tessuto di giorno; la fiaba di sior Intento, che la dura molto tempo, che mai no la se distriga, volè che ve la diga ? strambotto fanciullesco: La novella dello Stento, che dura molto tempo, se volete che “ve la dica, ve la dirò.

Fiaca, sf. ignavia, indolenza, infingardaggine, lassezza; lentezza; pigrizia; fiacca, fiaccona; stanchezza, stracchezza; pigrizia nel disempegna dei propri“ doveri: accidia; co la fiaca, m. avv. ammodino; chóton chetone, pian piano, adagio, e con rn. prov, adagio a ma’ passi, — piano barbiere che il ranno è caldo, o scotta, — adagio Biagio; andar co la fiaca, met. andare a rilento, — andare col calzare di piombo: — «Nel giudicare le azioni altrui bisogna andare col calzare di piombo;“ fare a miccino: — „Fate a miccino nello spendere, se no, vi troverete sul più bello senza denari.“

Fiàcher, sm. fiaccherraio, fiaccherre. ~ ’

Fiacheta, sf. fuggifatica, scioperone; co la fiacheta, m. avv. alla chetichella, celatamente, .di nascosto: — „Le ha. spillato alla cheticella più di mille fiorini.“

Fiacon, agg. e sm. accidioso, fuggifatica, infingardo, ignavo, indolente, inerte, lento, marcido, pigro; diventar un fiacon, appigherarsi, impigrire.

Fiama, sf. fiamma; fiammata; far fogo e farne, met. far fuoco e fiamma. [p. 171 modifica] Fiamante, avo. di zecca, nuovissimo.

Fiameta, sf. fiammella, fìammolina.

Fiancada, sf. fiancata.

Fianco, sm. fianco; lato; star ai fianchi, met. stare alle costole

Fiapeza, sf. flaccidezza.

Fiapir, vn. afflosciare, affloscire, ammencire, ammucidire, appassire, avvizzare, avvizzire, invizzire.

Fiapo, agg. floscio, vizzo; med. flaccido; mei. avvilito, chioccio.

Fiasca, sf. fiasca, fiasco; fiasca dei caziadori, dei viandanti, ecc. boracela; fiasca impaiada, fiasco impagliato; fiasca che ga la paia rota, bassetta; far veder el diavolo tn fiasca, v. cliavolo.

Fiascheta, sf. fiaschetta; fiaschete de la carafina, ampolle; — del vin e del aqua, per el servizio de la santa messa, ampolline, ampolluzze.

Fiasco, sm. fiasco; far fiasco, far fiasco, fare una damigiana, e con modo intensivo: far un de quei fiaschi, fare un fiasco solenne, — far la zuppa nel paniere.

Fiascpn, sm. fiascone.

Fiastro, sm. figliastro.

Fiatin, agg. e sm. briccica, inezia, micolino, nonnulla, pochetto, pocolino.

Fibia, sf. bandella; fibbia; fibia de le scarpe, per ornamento, ansa.

Fibiaza, sf. fibbiaccia.

Fibion, sm. fibbiona; fibbione.

Ficada, sf. fiocamente, ficcatura;-beccheggiamento.

Ficar, va. ammollare, appettare, appioppare, ficcare; figgere; imbonare; immergere; introdurre, intrudere; mettere; imbrogliare; appiccare; beccheggiare; ficar dentro per forza — turaccioli, e simili: inzeppare; ficar in testa — nel senso di replicare e insistere con forza: inculcare; ficarghela a qualchedun, accoccargliela a chi si sia; zercar de ficarghela, ordire agguati; ficarse in qualche famea, ficcare, o insaccare in casa d’altri.

Ficheta, smf. ficcanaso, ficchino, appiccichino, cafaggiaio, fiutafatti, intruso; esser una ficheta, essere come il matto fra i tarocchi.


Ficon(de), ara- difilato, immantinenti, issofatto, prontamente, subito.

Fidar, vn. affidare; fidare; fidar se, vnp. arrischiarsi, cimentarsi, fidarsi; che no se se poi fidar, infido: — .Del tempo no se se poi fidar. = • Il tempo è infido;“ fidarse xe ben no fidar se xe meio, v. ben.

Fidelini, smp. lo stesso che fedelini.

Fiduzia, sf. fiducia.

Fiduziario, sm. fiduciario.

Fiduzioso, agg. fiducioso.

Fiel, sm. bile, fiele; poet. felle; met. amarezza, dolore; cruccio, ira; de fiel, amaro come ’l fiel, fèlleo; ’co, o orco, o porco fiel, esclamazione ed imprecazione che s’usa in sostituzione d’alcuna altra più sentita; spudar fiel, met. avere il fiele nella lingua; intingere la penna nel fiele; tuti ga el su fiel, tn. prov. anche le colombe hanno il fiele.

Fien, sm. fieno; de fieri, fienale; chi che vendi fien al minudo, fienaiuolo; taiar el fien, disfienare; polvere de fien, fiorume; o de paia a de fien basta che ’l saco sia pien, loc. prov. ognuno vede il mantello nessuno vede il budello, — 0 di paglia o di fieno, purché il corpo sia pieno.

Fienil, sm. fenile, fienile; buso del fienil per butar el fien in stala, abbattifieno.

Fiepa, sm. seme — della cucurbitacee in generale, e particolarmente quello delle zucche. A Firenze girano per le strade i venditori di semi — semai — come da noi quelli dei brustolini; a Venezia chiamano brustolini 1 semi abbrustoliti. Fiero, agg. ardito, audace, aspro, feroce, fiero, terribile; poet. fero.

Fifa, sf. belone, bietolone, pecorone, piagnolone, piagnoloso.

Fifada, sf. piagnisteo, pianto.

Fifar, va. fignolare, frignare, piagnucolare; piangere; sm. piagnisteo; pianto.

Fifon, fifoto, agg. e sm. lo stesso che fifa.

Figa, sf. zi. centrolofo pompilo — centrolophus pompilius. [p. 172 modifica] Figà, sf. epate, fegato; infiamazion del figà, epatite, epatitide; gropi del Jigà, tumori cistici, o carnosi del fegato; butar fora el figà, met. sfegatarsi; scaldarse ’l figà, met. adirarsi; infervorarsi; rosigarse ’l figà, met. mangiarsi, o rodersi l’anima; ala de figà, v ala.

Figada, sf. ficata.

Figadazo, sm. fegataccio.

Figadel, figadini, smp. fegatini.

Figher, fighera, smf. fico, ficaia — ficus carica; fighera selvadiga, caprifico.

Figo, sm. boi. fico; de figo, ficùlneo; zi. lampuga dorata — stromateus fiatola; poro figo, cìtir. condiloma; fior de figo, ficofiore; figo d’India, fico d’India, opunzia — cactus opuntia; figo no fato, tortone; corona de fighi, resta di fichi; fighi, o fighi freschi, o fighi de mus, met. Caterina di Giovanni: — „ Bezzi bezzi, fighi freschi. = Denaro denaro

CaterinadiGiovannifar, o mostrar i fighi,, met. far castrafica, — fare le fiche; salvar la panza per i fighi, met. serbar la pancia ai fichi; questo xe quel che me ga jmagnà i fighi — spietato modo di burlare chi è gobbo: ora che c’è i sedani, m’imbuschero de’ gobbi, — e dopo cena? un gobbo; al amigo spelighe ’l figo, v. amico.

Figura, sf. aspetto, esteriore, figura, immagine, sembianza; — detto di persona, ironicamente, o per dispregio: figurina; far figura, essere appariscente, — far bella mostra; far una zerta figura, o una de quele figure — nel senso di fare figura meschina, o vergognosa: fare una faccetta, — fare delle faccette; figura porca, fedifrago, figuraccia, figuro, malvivente.

Figurà, agg. atteggiato, figurato.

Figurar, va. comparire, figurare; la se figuri — specie d’inter. pensate voi — s’immagini. Figuraza, sf. figuraccia.

Figuriti, sm. figurino; met. figuretta, figurina.

Fil, sm. filo, refe; met. straccio: — „No ghe ne xe più un fil. = Non ce n’è più straccio;“ che ga forma de fil, filiforme; fil de la schena, colonna vertebrale, — fil delle reni, — spina dorsale; — de perle, monolino, — vezzo di perle; — de oro, de argento — ad uso di ricamare: canutiglia; — — de aqua che schiza naturalmente, pispino, zampillo; — dei feri de taio, affilatura; fili coi quai zerti moluschi se taca ai pali, a le pieret bisso; veta de HI, gugliata; fil a due, a tre cavi, filo a due, a tre capi; fil perdente, met. filo, ridotto a un filo“: — „E’ ridotto a un filo e parla di pigliar moglie; “ che fa fili — • detto p. e. del cacio — e simili: che fila, che fa le fila; fin come 7 fil, met. corbacchione di campanile, — formicone di sorbo, — furbo in cremisi; se cominzia con una, veta de fil e se finissi in galera, prov. il ladro dall’ago va all’uovo, dall’uovo al bue, dal bue alla forca; mustaci de fil de fero, e rodolo de fil de fero, v. fero.


Fila, sf. fila; filata; fila d’alberi, o d’altre cose inanimate: filare, filata: — „TJn bel filare di pioppi.^ — „Filate di palazzi a perdita d’occhio;“ fila di stanze: fuga, o riscontro di stanze; de fila, m. avv. di fila.

Filada, sf. rabbuffo, ramanzina, sgridata.

Filadina, sf. sgridatina.

Filadura, sf. filato, filatura,

Filagrana, sf. filigrana.

Filaina, sf.- t. degli uccellatori: spago della civetta.

Filanda, sf. filatoio.

Filar, va. filare; che se poi filar, nèttile: — „Il canape ed il lino sono materie nettili per eccellenza;“ met. andarsene, battersela, partire; arzigogolare — e nel senso di pensare e ripensare accuoratamente a cosa dispiacevole: digrumare; — dei bachi da seta: abbozzolarsi, — andare al bosco; — dei gati, met. fare le fusa; — caligo, met. almanaccare, biscazzare, fantasticare, — far de’ lunari; dover filar, o dover filar drito, o far filar, met. essere tenuti, o tenere a cavezza, — arar diritto, — filar stoppini,“ — cavar il ruzzo del capo a chi si sia, — far ballare uno su un quattrino; far filar — nel senso di far lavorare con prontezza: far frullare. [p. 173 modifica] Filastroca, sf. filastrocca, tiritera; — assai, molto.

Filetadura, sf. filettatura.

Filetar, va. filettare.

Fileto, sm. filetto; filolino; filello, filetto, frenello della lingua, scilinguagnolo; midolla spinale, — animelle, schienali; aver taià ’l fileto,“met. aver rotto, o sciolto lo scilinguagnolo, — parlare senza barbazzale; — l’operazione che consiste nel tagliare il frenello della lingua allorché esso la tiene obbligata in modo che impedisce il parlare spedito: ancilotomia. Filial, agg. filiale.

Filoto, sm. t. de’ giuocatori di biliardo: fila di mezzo, filone.

Filoso, agg. filamentoso.

Filosofar, va. e vn. filosofare; filosofeggiare.

Filosomia, sf. idiotismo popolare: fisonomia.

Filosomista, sf. fisonomista.

Filperdente, v. in fil. ^Filtrar, va. filtrare; vn. stillare, trapelare: — ,.Le tegole del coperto son rotte e l’acqua trapela nelle stanze.“

Fin, agg. fine, fino; delicato, gargo, prelibato, riservato, saporito; sottile; abbottonato, accivettato, accorto, avveduto, avvistato, scaltrito; cauto, circonspetto, circunspetto, circospetto; avv. fino a; esser fin, met. aver l’arco lungo; a la fin, o ai fin dei fini, m. avv. alla fine, alla per fine, finalmente, in fine; alla fin fine, — al fin delle fini; dal prinzipio al fin, m. avv. dall’a al ronne, — dall’a alla zita, — dal principio alla fine, — da capo a fondo, — dall’alfa all’omega; no aver fin, o no aver mai un fin, met. non avere, o non veder fine, — non avere nè fin nè fondo; meter un fin, met. fare argine, — meter un argine: — „Bisogna far argine con quell’amoraccio;“ far bon fin, far buona fine, — andarla a bene; far cativo fin, far mala fine, o far tristo fine; in fin dei fati, v. fato; fin come ’l fil, v. fil.

Fina, avv. fino à.

Finalmente, avv. alla perfine, finalmente.


Finanzier, sm. guardia di finanza.

Finestra, sf. fenestra, finestra; davanzale: — „ La bagna i fiori che la ga su la finestra e la buta l’aqua su quei che passa. = Inaffia i fiori che tiene sul davanzale e versa l’acqua su quelli che passano;“ finestra che guarda in strada, in corte, ecc. finestra che dà sulla strada, sulla corte, ecc.; — co la feriada, finestra ferrata; — co la feriada che fa panza in fora, finestra inginocchiata; — che inveze de lastre ga carta — o altro: impannata; andar a la finestra, affacciarsi alla finestra; sbater la finestra sul muso, met. dare, o fare una finestrata: — „E’ tanto innamorata dal professore che lo accoglie a finestrate.

Finestraza, sf. finestraccia.

Finestrela, sf. finestrella, finestretta, fìnestrina, finestruccia, finestruola.

Finestrin, sm. finestrino.

Finestron, sm. finestrona; finestrone.

Fineza, sf. finezza; accorgimento, scaltrezza; cortesia, urbanità^; morbidezza.

Finger, va. fingere, simulare.

Finido, agg. finito; che no xe ancora finido, vertente — ed è aggiunto di lite.

Finir, va. e vn. cessare, compiere, finire, terminare, ultimare, — dar compimento; disistere, tralasciare; aver la desinenza; che no finissi, incessabile, incessante; perenne, perpetuo; eterno; andar a finir, m. avv. andare a battere; — far, o metter capo; esser sul finir, essere agli sgoccioli; no finir — una persona, ecc.: non gabellare, o non rifinire: — f idanzato che non gabella alla nonna;“ no finir più — con cortesie, e simili: allagare di cortesia, ecc.; no finir altro, o no volerla finir, non farla finita: — „ Quando si mette a giuocare non la fa più finita.“ — „ Ancora questo benedetto scilocco non la vuol far finita;“ speta che la sia finida, m. prov. alla biacca ce n’avvedremo; la xe finida, no se ghe ne, parla più, m. prov. è finita la festa e corso il palio; tuto finissi, prov. tutti [p. 174 modifica] i fiumi vanno al mare; uno per cominziare zento per finir, v. cominziar.

Finosomia, sf. lo stesso che filosomia.

Finta, sf. fingimento, finta, finzione, lustra; far finta, rn. avv. accennare di, far finta, far sembiante, “— fìngere, far veduta, far vista; simulare.

Fintanamai, avv. già.

Finto, agg. cortigianesco,“ finto, scaltrito, simulato; posticcio.

Finton, fagg. fintacchiuolo, fintaccio.

Finzion, agg. finzione.

Fio, sm. figlio, figliuolo; pi. figli, prole, sobole; che fa assai fioi, prolifico; fio de un bianco con:una mora, mulatto; — de un moro con una bianca, creolo .; — solo, unigenito: — „Gesù Cristo figlio unigenito di Dio;“ -— de anima, figlio adottivo; — predileto, figliuolo .prediletto, o “di vezzi; — de late, figliuolo di latte; esser fio de su pare, met. essere figliuolo di suo padre; fio de tuti e de nìssun, met. nato di cento albumi; la prima xe dei fioi — lo dicono proverbiando i giuocatori, quasi a rifarsi della stizza d’aver perduto la prima partita: chi vince la prima perde da sezzo, o perde il sacco e; la “farina; fioi e colombi sporca la casa, prov. ragazzi e polli imbrattano la casa; tal pare tal fio, lo stesso che: el fruto no casca lontan del alboro, v. alboro; fio de’ famea, v. famea.

Fioco, sm. fettuccia, fiocco, nastro; vesti un zoco el par un fioco, prov. vesti un ciocco pare un fiocco.

Fiocheto, sm. fioccolino, fiochetto; aper elfiocheto, avere il cintolino rosso: — „Ora che ha il cintolino rosso non guarda più in faccia i suoi colleghi.“

Fiol, sm. figliuolo, fanciullo: — detto di persona, adulta che fa delle fanciullaggini: bacchillone; bon fioi, met. buon figliuolaccio, buon figliuolo; fidi de una negra, inter. e imprecazione: bricconaccio; nato d’un cane; esser, o far come i fioi, fare a’ fanciulli: — „Che? si fa a’ fanciulli? Me l’avete promessa è pretendo averla!“ costai• una roba più che zinque fioi, costare ad uno una cosa più che il Serchio a’ Lucchesi: „ Quela dona me costa più-che zinque fioi. = Quella donna mi costa più che il Serchio a’ Lucchesi;“ fioi de un can, v. can; fidi de una bona dona, v. dona.


Fiola, sf bambinona — nel senso di donna fatta e grossa che vuol far la bambina.

Fiolada, sf. fanciullaggine, ragazzata; atto bambolesco, infantile, puerile

Fioluz, sm. bambinello, fanciuiletto, pargolo, parvolo.

Fionda, sf. fionda, fromba, frombola.

Fior, sm. fiore; fico fiore, fico primaticcio; foie del fior, petali; manigo del fior, peduncolo, e se è lungo: stelo; in fior, fioriscente: — „Rosa fioriscente;“ fior de magio, sicomoro; — de pomo ingranò, citino; — de brocolo, de cavolo, tallo; — de la calzino, grassello; fiori bianchi, med. fiuore bianco; „ esser un fior, inet. essere latte e sangue, — parere un alleluia, e detto de’ vecchi: essere prospero, o essere rubizzo; esser rose e fiori, met. essere cent’ori, o essere zuccherini; essere fiori e baccelli; chi ga morosi ga fiori prov. chi ha il santo ha anche il miracolo; un fior no fa primavera, prov. un pruno non fa siepe, — un demonio non fa inferno, — un canestro d’uva non fa vendemmia, — una spiga non fa manna, — Tina rondine non fa primavera, — un fiore non fa ghirlanda.

Fiorà, agg. affiorato.

Fiorazo, sm. fìoraccio.

Fiorer, fiorista, sm. fioraio; floricultore; fiorista.

Fioreto, sm. fioretto; fioretto, fioricino.

Fioridura, sf. fioritura.

Fiorin, fiurin, sm. fiorino.

Fiorir, va, fiorire; tornar a fiorir, rifiorire; se sarà rose fiorirà, prov. se saranno rose fioriranno, e con modocompiuto: se saranno rose fioriranno, e se saranno spine pungeranno.

Fiozo, sm. figlioccio.

Firma, sf. firma, sottoscritta; [p. 175 modifica] biglietto del lotto; firma che el lotista zoga per proprio conto e che H vendi più cara de quél che xe nota, storno; firma che ga vìnto, beneficiata; per onor de firma, met. per onore di firma; far onor a la su firma, far onore alla propria firma.

Firmar, va. firmare, sottoscrivere.

Fisar, va. affissare, fisare, fissare; decidere, determinare, risolvere; fissarse in qualcossa, aver fermo, o fitto il chiodo in che si sia.

Fisazion, sf. affissazione, fissazione.

Fisciada, sf. (fisciada). fischiata; dar la fisciada, far la fischiata, o le fischiate: — «Agli „Elvezi“ fecero la fischiata di santa ragione.“

Fisciadina, sf. (fisciadina) fischiatina.

Fisciador, sm. (fisciador) fischiatore.

Fisciar, va. (fisciar) fischiare; sibillare; sm, fischiettio; fisciar del vento, dei sassi butai, frullare; farse fisciar, met. farsi fischiare.

Fiscio, sm. (fiscio) cioccolo; fischio; sibilio; fiscio de le recie, cornamento. . Fiseta, sf. cartuccia.

Fiseza, sf. densità, spessezza.

Fiso, agg. compatto; spesso; crasso, denso; fiso; ciaparla fissa — -un’infreddatura: beccare, o pigliare una marmotta; qua sta ’l fisso, qui batte il punto, — qui consiste, o sta la difficoltà, — qui è dove giace Nocco, — qui sta il busilli, o il busillis — modo quest’ultimo nato da ciò che un cherico, datogli a spiegare le parole: in diebus illis, spiegò tosto in die per le Indie; ma soggiunse che quel bus illis era un punto forte, e da lui non superabile; in fondo sta ’l fisso, prov. i pesci grossi stanno al fondo; la coda è la più cattiva a scorticare, — nella coda sta il veleno.

Fista, sf. zi mattolina, pispola -— alauda pratensis.

Fita, sf.- trafitta.

Fitacamere, smf. affittacamere.

Fitaleti, smf. affittaletti.

Fitanza, sf. lo stesso che afitanza.


Fitar, va. appigionare, dare a pigione; affittare, dare a fitto.

Fitual, sm. casigliano; inquilino, pigionale.

Fiuba, sf, fìbbia; bandella.

Fiumazo, sm fìumaccio.

Fiume, sm. fiume, rio; di fiume, appartenente a fiume: fluviale, fluviatile; in luogo dove comincia un fiume: . sorgente; quello dove finisce: foce, e se la foce si divide in più rami: delta; bever el fiume Giordano, v. bever.

Fiumera, sf. fiumana.

Fiumisel, sm. fiumicello, fiumicino; fiumiciattolo.

Flagelo, sm. flagello; met. macco: — „Sto ano ghe iera un flagelo de scombri. = Quest’anno c’era un macco di sgomberi.“ Flaida, sf. giubba lunga; met, giovane da caffè, — tavoleggiante.

Flatoso, agg. flatuoso.

Flich (mandar a far), m. avv. mandare a casa bollita.

Flocia, sf. boccia, bugia, carota, fandonia, pastocchia, sballonata; contar fioce appiccare, o piantar carote, — vendere le carote per raperonzoli. Floribus (esser in), m. avv. esser agiato; esser fiorente, florido.

Florido, agg. florido; met. arzillo, rubizzo, vigoroso.

Flosamente, avv flosciamente.

Flosar, vn. affloscire.

Floseza, sf. floscezza.

Floso, agg. flaccido, floscio, snervato.

Flotilia, sf. flottiglia.

Flusion, sf. flussione.

Fodra, sf. fodera; fodra dei vestiti, soppanno; — de pistole — e simili: fonda; — de bareta, de élmo — e simili: farsata.

Fodradura, sf. foderatura.

Fodrar, va. foderare, soppannare; met. zombare.

Fodro, sm. fodero; fodro de arma de taio, guaina; meter nel fodro, inguainare.

Foto, agg. floscio, lonzo, mencio; avvizzito; snervato.

Fogaron, sm. focone.

Fogaza, sf. focaccia, schiacciata, [p. 176 modifica] stiacciata; tornar pan per fogaza, prov. render agresta per uva acerba, o coltelli per guaine, o frasche per foglie, o malvagia per vin dolce, o pan per focaccia, — qual asiri dà in parete tal riceve.

Foghera, sf. braciere; met. misero, spiantato; gramaccio, tapino.

Fògheto, sm. focherello, focolino.

Foghista, sm. fochista, fuochista.

Fogo, sm. foco, fuoco; poet. igne; bruciamento, incendio; di fuoco: ìgneo; che vomita fuoco: ignivomo; fogo de paia, met. fuoco di paglia, — trotto d’asino; fogo selvadigo, met. fiamma salsa, — fuoco selvatico; dar fogo — a che si sia: appiccare, o appicciare il fuoco, — incendiare; ciapar fogo, pigliar ’ fuoco; chi che da fogo maliziosamente, incendiario; falar fogo, m. de’ cacciatori e modo met. far cecca: — „Proprio sul capriolo il fucile avea da farmi cecca.“ — „Se non fa cecca questa volta ho cappotto in mano;“ spudar fogo, met. sputar fuoco; darghe fogo al pezo, met. far la ’ festa d’una cosa; far fogo e fame, met. far fuoco efiamma; butar, o meter sul fogo, met. mandare al gas: — . Son poesie coteste ? Io le nomo rimaccie da mandarsi al gas;“ meter una man nel fogo — modo enfatico ed iperbolico: mettere la mano nel fuoco; no bisogna butar oio sul fogo, prov. non -bisogna aggiungere legna al fuoco; aqua e fogo da per tuto se fa logo, v. aqua; arma de fogo, v. arma; fogo artifizial., v. artifizial; boca de fogo, v. boca.

Fogosamente, avv. focosamente.

Fogoseto, agg. focosetto.

Fogoso, agg. focoso.

Fogoler, sm. focolaio; aver el gaio sul fogoler, met. covare, o esserci la gattanel camino, — apparecchiare alla crocetta, — fare delle crocette.

Fogon, sm. focone.

Foia, sf. foglia; de foia, fogliaceo; che ga assai foie, fogliuto, fronzuto; foie de paion, cartocci, foglie; far foia — per i bachi: brucare la foglia; darghe le foie ai cavalieri, affogliare; le foie cascade, dei alberi, foglie cascaticcie: — „ Si raccolgon le foglie cascaticcie e si usano per strame;“ magnar la foia, met, comprendere il gergo, — accorgersi, o avvedersi della ragia, o della- ragna, — mangiar la foglia; no mover foia, mel, non muover foglia; tremar come una foia, met. tremare a verga a verga, — tremare come una foglia; garofolo de zinque foie, met. sciacquadenti.


Foiame, sf. fogliame.

Foiaza, sf. fogliacela.

Foiazo, sm. fogliaccio.

Foieta, sf. foglina, fogliolina.

Foiba, sm. abisso, voragine; bufar in foiba, met. gettare sul mondezzaio.

Foio, sm. foglio.

Foiona, sf. fogliona.

Fola, sf. calca, folla, folta, moltitudine, pigia pigia, pressa; fola dei fabri. mantice; perderse ne la fola, perdersi, o smarrirsi tra la folla.

Folar, va. affollare; folarel vin, ammostare, o pigiare le uve.

Foliga, sf. zi., folaga — fulica atra. “ Folista, sm. tiramantici: — “ „I tiramantici per lo più son gobbi.“

Folo, sto. soffietto; folo de istrumenti de musica, de caroze, mantice; met. ombrello.

Folpo, sm. zi. polpo — eledone moscata; folpo todero, polpo del Mediterraneo — odo pus vulgaris; met. caramogio; laido.

Folteza, sf. foltezza, spessezza.

Folto, agg. fitto, folto, spesso.

Fondac, fondacio, sm. fondata, fondiglia, fondigliuolo, posatura, sedimento; fondacio de roba che se ga fato boier, bolliticcio; — de roba che se ga distila, capomorto.

Fondamento, sm. fondamento — pi. i fondamenti e le fondamenta; esserghe, o no esserghe fondamento, met. esserci, o non esserci fondamento, o fondo.

Fondar, va. affondare; fondare: erigere, istituire.

Fondaria, sf. fonderia.

Fondeza, sf. profondità.

Fondi, smp. lo stesso che fondaci.

Fondidor, sm. fonditore. [p. 177 modifica] Fondina, sm. fondino: - „Ha mangiato du’ fondini di minestra grossolana.“

Fondo, agg. fondo, profondo; sm. fondo, imo; profondità; fondo de articioco, girello; de zitna.a fondo, m. avv: da sommo a imo; conoser a fondo — una persona: conoscere intimamente, o conoscere a fondo; dar fondo, met far ambassi in fondo; nel fondo de, in un fondo di: — „Stette innocentemente per tre anni in un fondo di carcere.“ — nGeme in un fondo di letto;“ in fondo sta ’l fisso, v. fisso.

Fongada, sf. scorpacciata di funghi; ammaccatura; ingozzata: — „Facea il gradasso ed è finito che gli han ingozzato il cappello.“

Fongar, va. ammaccare.

Fongo, sm. chir. e bot. fungo; fongo che eressi sui alberi, agarico; — sid paver de le lume, de le candele, fungo, moccolaia, smoccolatura; met. cappello.

Fongoso, agg. fungoso.

Fontana, sm. fontana, fonte; de fontana, fóntàneo, fontanino, fontàno; chi che ga cura de le fontane, fontaniere; tratato, o discorso su le fontane, crenologia.

Fontanela, •“/. fonticella, fonticina, fontino; chir. cauterio, cantero, fonticolo, inceso.

Fontanon, sm. fontana grande, fontanone.

Fora, prep. fuora, fuore, fuori; eccetto infuori, salvo; al de fora, al di fuori; el de fora, il di fuori, l’esteriore; fora per fora, m. avv. fuor fuori: — .Era armato d’un coltellaccio che passerebbe un uomo fuor fuori;“ de fora via, m. avv. di fuori via; aver fora, aver fuori, — esser creditore, — aver esposto; andar fora, uscire; butar fora, recere: — ^Ingolla tanto che finisce col recere;“ sbocciare: — „Le mammole cominciano a sbocciare;“ butarse fora, met. scialare; sfoderarsi; uscir dal manico; uscire di gatto selvatico; vignir fora, ottenere, ricavare: — „La farina sala vien fora del formenton. = La farina gialla si ottiene dal grano turco.“ — „De questa tela vien fora tre camisè. = Da questa tela si ricavano tre camicie;“ uscire, e detto di fiumi — e simili: straripare; lassar fora, omettere: — „Hanno omesso il terzo atto dell’opera;“ ciamarse fora, m. de’ giuocatori: chiamarsi fuori; no trovarle fora, met. non raccapezzare, o non ricavare dal sacco le corde, o. le cordelle; fora de questo, o de quel — congiunzione eccettuativa: da questo, o da quello infuori; fora de man,, fora de strada — e simili: fuor di mano, fuor di strada, ecc.; vignir fora con ìmpeto, erompere; corpo e fora, v. corpo.


Forbida, sf. cenciata; forbita, spolverata.

Forbir, va; cancellare; forbire, spolverare; nettare, pulire; poderse forbir la baca, met. poter attaccare la voglia all’arpione, — poter nettarsi la bocca.

Forca, sf. patibolo, e scherz. paretaio di Nemi, — letto a tre colonne, — letto di baldacchino; met. furbaccio, gaglioffo, malvivente, scampaforca; met. ladra; forca del ìedame, forca, forcone — se ha tre rebbi, e: bidente — se ne ha due; esser una zima de forca, o esser roba de forca, met. essere un capestro, — essere una persona da capestro.

Forcada, sf. forcata — il colpo dato colla forca; broncone — il legno che serve di sostegno alle pergolate; forconata — tanta roba quanta si può prenderne in una volta col forcone, o col bidente; mar. barganelìa.

Forcheta, sf, forcina, e come v. d’uso anche: forchetta.

Forcola, sf. mar. forcella.

Foresto, agg. forestiere, forestiero, straniero; esotico: — „Chifelle è. voce esotica per eccellenza.“ — „Le piante esotiche si tengon per lo più nelle serre.“

Forfada, sf. forbiciata.

Forfè, sf. cesoie, cisoie, forbice, forbici, forbicia; poet. force; taia forfè, zi. forbicicchia, forfecchia — forficula auricolaria; forfè dei gamberi, deiscarpioni, chele; — per bruscar i alberi, bruscatoia; — per taiar le zime dei rami dove che xe i nidi de le rughe, E. Kosovitz. — Dizionario ecc. 12 [p. 178 modifica] levabruchi; aver in man pano e forfè, man. essere giudice e parte, — aver la palla in mano, — pagarsi in sull’aia, — chi ha la mestola in mano si fa la minestra a suo modo, o fa la minestra come a lui piace.

Forfeta, sf. forbicina.

Forfona, sf. forbicione.

Forigoto, sm. carpicelo, rifrusto, rovescio.

Forma, sf. forma, modula; forma de quei che fa figure de gesso, cavo; — dei stagneri, pretella; — de un libro, sesto; senza forma, informe: — „Scriatello informe che vuò fare il vagheggino de bele forme, formoso; chi che fa forme de scarpe, dè stivai — e simili: formaio.

Formado, agg. formato; formado avanti, preformato — v. fisiologica, p. e. „Nell’uovo c’è l’uomo già preformato.“

Formaiela, sf. caciuola.

Formaio, sm. cacio, formaggio; chi che fa, o che vendi formaio, formaggiaio; un formaio, o una peza de formaio, una forma, o una ruota di cacio, o di formaggio; chi che fa formaio, caciaio; chi che vendi formaio, caciaiuolo; formaio parmesan, formaggio parmigiano; formaio pegorin, formaggio pecorino; formaio strachin, stracchino formaio che piziga, formaggio sapiente; formaio coi vermi, formaggio bacato, o verminoso; formaio magro, formaggio sburrato; formaio grasso, formaggio burroso; trovar quel del formaio, met. trovare culo al suo naso, o trovare quello del formaggio, — trovar pan per il suo dente.

Formai, agg. formale.

Formar, va. formare.

Formazion, sf. formazione.

Formento, sm. frumento; formento patìdo-, frumento bufonato.

Formenton, sm. formentone, granone, grano turco, granturco, grano siciliano, maice, maiz — v. quest’ultima dell’idioma d’Haiti; grani de formenton. chicchi di granoturco.

Formiga, formigola, sf. e derivati, lo stesso che farmigola e derivati.

Formigher, sm. zi. formichiere; cova, formicaio, formicolaio.


Formigolamento, sm. formicolìo.

Fornase, sf. fornace; fornaciata: — „ Acquista la calce a fornaciate;“ fornace a vento, per liquefare i metalli a fuoco violento: anemìo.

Fornel, sm. fornello; fornello da fondere: affinatolo.

Forneleto, sm. fornellino, fornelluccio.

Forner, sm. fornaio, prestinaio.

Fornido, agg. adorno; fornito; munito, provveduto.

Fornidor, sm. fornitore.

Fornidura, sf. fornitura.

Fornir, va. fornire, provvedere, somministrare; guarnire, ornare, pulcrare.

Fornimento, sm. fornitura; pi. — dei cavai, bardamenti, finimenti.

Forno, sm. forno; fornata: — , Carbonizzò una fornata di pane’;“ met. affogatolo: — ,. C’era un affogatolo alla conferenza da rimaner asfissiati;“ stellone: — »Ne’ giorni della canicola c’è lo stellone anche alla campagna; •’ aver de magnar ancora sai forni de pan, met. dover mangiare un altro pò di sale: — ,Ha da mangiare un altro pò di sale prima di diventar dottore;“ parer de esser in un forno, sembrare d’essere in una fornace; boca come un forno, v. boca.

Forsi, avv. forse; forsi e senza forsì, fuori di forse, — senza forse: — „Dovete venirci senza forse.“ Forte, agg. aitante, forte, gagliardo, robusto; possente, potente; fortigno, infortito.

Fortepian, sm. cembalo, pianoforte.

Forteza, sf. forte, fortezza, fortilizio; forteza dei vestiti, controffodera, intelucciatura; t. de’ legnaiuoli: spranga.

Fortificado, agg. fortificato; trincerato.

Fortificar, va. attonare; fortificare; fortificar el stomigo, corroborare lo stomaco.

Fortificazion, sf. fortificazione, trinceramento.

Fortin, agg. fortetto, forticcio, fortigno: — „Vino che ha del fortetto, [p. 179 modifica] andrà in àoeto;“ sm. fortilizia, fortilizio.

Fortuna, sf. detta, fortuna; condizione, sorte, stato; vicenda; per fortuna, per buona ventura, — per fortuna; aver più fortuna che giudizio, uscire meglio a pane che a farina, — essere come la camicia dei gobbi, che tagliata storta torna diritta, — o che tagliata male torna bene, — essere come le camicie dei gobbi, che si tagliano storte e riescon diritte; no conta, o no vai saver se no se ga fortuna, prov. non vai saper a chi fortuna ha contro, — vai più un’oncia di fortuna che una libbra di sapere; cambiar mestier se cambia fortuna, prov. chi muta stato, muta lato; co la fortuna ghe voi coragio, prov. all’audace la fortuna dà la mano, e con modo latino: audaces fortuna juvat, timidosque repellit; ognidun sa baiar se sona la fortuna, v. baiar.

Fortunà, fortunado, agg. affortunato, fortunato, avventurato, avventuroso, dicciato; esser fortunado, fare, o tirare diciaotto con tre dadi, — aver il vento in fil di ruota, — aver la lucertola a due code; fortunà come ’l can in cesa, v. cesa.

Fortunal, sm. fortunale, procella, tormenta.

Forza, sm. forza, gagliardia, possa, possanza, potere, robustezza, vigore; forza che tende al centro: geogr.forza centripeta; — che tende ad allontanare dal centro: forza centrifuga; mancanza de forze, prostrazione; bela forza, inter. bella forza, o belle forze; per forza, m. avv. a forza, avviva forza, di viva forza, per forza; o per amor o per forza, m. avv. o per forza o per amore; a fine forza, a marcia forza; a pura forza, ad ogni forza; roba fata per forza no vai una scorza, m. prov. cosa fatta per forza non vale scorza, — per forza si fa l’aceto: — „V. E. può farmi piangere, ma non cantare“ diceva il musico Marchese al generale Miollis; la forza ghe caga a la ragion, prov. la forza caca addosso alla ragione; contro la forza no ghe xe ragion che tegni, m. prov. contro la forza la ragion non vale.


Fosforegiar, vn. fosforeggiare.

Fosforesente, agg. fosforescente.

Fosforesenza, sf fosforescenza.

Fossa, sf. fossa; carnaio; scavarse solo la fossa, met. scavare la fossa da sè stesso; chi che ghe fa la fossa ai altri casca solo dentro, prov. chi scava la fossa agli altri vi cade da sè, o vi cade solo.

Fossal, sm. fossale, fossato, fosso.

Fossaza, sf. fossaccia.

Fosseta, sf. fosserella; fossetta; fossicella, fossicina, fossina.

Fòssina, sf. fiòcina — se ha un rebbio solo; pettinella — se n’ha più d’uno.

Fossinada, sf. fiocinata.

Fosso, sm. fosso; fosso de la calzina, calcinaio; — del carbon, cetina; una dosso e una in fosso — dicesi di chi è scarso di camicie, mutande, ecc.: una addosso e una al fosso; aver un pie, o una gamba in fosso, met. aver i piè, o il capo nella fossa — aver la bocca sulla bara, — dar del capo ne’ cimiteri, — essere col capo nella fossa; o rosigar sto osso o saltar sto fosso, met. a volte convien bere per non affogare, — o bere o affogare, — o mangiar questa minestra o saltar questa finestra; a cavai del fosso, v. cavai.

Fosson, sm. fessone.

Fota, sf fotta, ira, livore, rabbia, rovello, stizza; cianciafruscola, cincinpotola, corbelleria, inezia, miscèa, nonnulla.

Fotografar, vo. fotografare.

Fracamento, sm. calcamento, pigi amento.

Fracanapa, sm facanapa; met. cazzabubbolo, cazzatello, tappo da botte.

Fracada, sf. pigiata, premuta; compressione, pressione. - Fracar, va. comprimere, pigiare, premere; met. corbellare, cuculiare, gabbare, ingannare, truffare; fracar la pena — e simili, scrivendo: aggravare la mano.

Fracassà, agg-. depresso; fracassato; schiacciato.

Fracassar, va. fracassare; schiacciare. [p. 180 modifica] Fraco, sm, fiacco, carpicelo, rifrusto, — rovescio di bastonate, di percosse.

Fradel, sm. frate, fratello, fra’tre;. de /radei, fratellevole, fraterno: — „Fratellevole dolce amistà. “ — „Tetto fraterno; “ fratellevolmente: — „Amare fratellevolmente;“ /radei vero, fratello carnale, o germano; — nato del medesimo papà ma de un altra marna, fratello di padre e non di madre; — nato de la medesima marna ma de un altro papà, fratello di madre,, o fratello uterino; /radei de late, collataneo, — fratelló di latte; orca /radei, inter. cocuzze, perdincibacco — e simili;. esser come /radei, essere fratelli giurati; tre /radei tre castei, v. Castel.

Fradelastro, sm. fratellastro; dettagliata spiegazione v. in: /radei.

Fradelazo, sm. fratellaecio.

Fradeléto, sm, fratellino, fratelluccio.

Fragola, sf. fragola, . fravola; fragaria; esser zucoro su le fragole, met. esser pannicelli caldi, — non arrivare la toppa al. rotto.

Fragolera, s/. fragolaio, fravolaia: — „Cento metri di terreno destinati a fragolaio.“

Fraia, sf. baldoria, crapula, gozzoviglia, orgia.

Fraiada, sf. gozzovigliata.

Fraiar, va. crapolare, crapulare, gozzovigliare; far brigata;. dilapidare, dissipare, fondere, scialacquare, spargere, sperperare.

Fraile, ?/. damigella, .madamigella, signorina; ’fraile de ’note, hot. ornitolago; met. effeminato; cagionevole. E’ voce questa elio nel primo significato va in disuso.

Fraion, sm. crapulone; dilapidatore, prodigo, scialacquatore.

Fraioto, sm. buontempone.

Fràmezar, va. alternare; framezzare.

Francadura, francazjon, sf. affrancatura; francatura: — „ Affrancatura di beni: — ^Francatura diplicco.“

Francar, va. affrancare, francare, — far libero; francheggiare; farla /ranca, farla pulita: — „Bestia budellona!


E’ la fa pulita e non lo possono mai incicciare.“

Francolin, sm. zi. francolino — tetrao francolinus.

Frantumada, sf. infrangimento, infrantura, schiacciamento, stritolaménto.

Frantumar, va. infrangere, schiacciare, -sfracellare, stritolare.

Frantumi, smp. frantumi, frammenti, resti; sfasciume;. cocci; vetrioli.

Franza, sf. frangia — se d’ornamento; ciambellina — se di capelli; t. de’ tessitori:, incorsatura; meter le. franze, met’. farci la frangia: — „Racconta i fatti e ci fa’ la frangia di suo.“ Pranzar,, va. sfrangiare.

Franzele, sm. nome proprio di persona: Francesco.

Franzelin, sm. nome proprio di persona,- diminutivo, di Franzele: Cecchino.

Franzescan, sm. francescano.

Franzesco, sm. nome proprio di persona: Francesco; andar col cavai de......S. Franzesco, v. cavai.

Franzetà, sf. frangettina.

Frapor, va. frapporre

Frasca, sf. frasca, fronda; pi. frasche; stipa: — ^Fiammate di stipa che non lian durata;“ . sussuro co’ se movi le frasche, frascheggìo; saltar .de palo in frasca,. met. saltare di palo in frasca.

Frascada, sf. frascata, frondata.

Frascai(i), eh’è una- festa degliisraeliti: festa delle capanne.

Frasco, sm. frasca; impicar el frasco, mettere la frasca, — aprir taverna.; al fion vin no ghe. ocori frasco, prov. il buon vino non ..’vuole frasca, — la buona mercanzia trova, presto recapito.

Frasegiar, va. fraseggiare.

Frastornar, va, frastornare.

Fratacion, sm. fratacchione, fratacchiotto. ’

Fratazin, sm, art. e mest. pialletto.

Fràtazo, sm. frataccio. Frate, sm. frate, monaco; nassi un frate, met. nasce un frate: — „Silenzio perfetto ? Nasce un frate;“ per la [p. 181 modifica] compania se ga marìdà un frate, v. compania.

Fratin, sm. fraticello, fraticino, . fratino, fratuncolo: — „E’ alla porta un fratuncolo spelacchiato;“ met, frataio: — „Fratai che sprecano i loro giorni nella chiesa de’ reverendi capuccini.“

Fratina, sf. art. e mesi, sprone.

Fratisel, sm. lo stesso che fratin, nel primo significato.

Fraton, sm. fratone, fratoccio, fratotto; art. e mest. nettatola.

Fratume, sm. frataglia.

Fraturada, sf. frattura.

Fraturar, va. fratturare.

Frazion, sf. frazione.

Frazioneta, sf. frazioncella.

Fredar, va. affreddare, freddare;. accoppare, ammazzare, trucidare, uccidere.

Fredeto, fredin, agg. fredderello, freddiccio, freddino.

Fredeza, sf. freddezza, frigidezza, frigidità, frigiditade, frigiditate.

Fredo, sm. freddo; met agiato, lento, pigro, — cencio molle, ser agio; fredo che taia, mei. freddo che pela; — >come ’i iazo, freddo marmato; — come in Siberia, freddo da Siberia; molar el fredo, cedere, o rallentare il freddo; sentirse vignir fredo, met. allibire, rabbrividire; esser negro de fredo, met. essere intirizzito dal freddo; no far .ne caldo ne fredo, v. caldo.

Fregada, sf. fregagione, fregamento, fregata, fregatura, stropicciamento, stropicciala, stropicciatura; mar. fregata.

Fregadina, sf. fregatina, sfregacciolata, strofinatina, stropicciatella, stropicciatina.

Fregadura, sf. fregamento, fregatura.

Fregagion, sf. fregagione, fregamento; fregagioni fate col argento vivo, med. idrargiròsi.

Fregar, va. fregare; strofinare, stropicciare; fregar co la piera pomiga, appomiciare; — col sabion, arenare; fregarse, met. arrotarsi, fregarsi, sofiregarsi: — ,,Si soffrega alla nonna per amore della nipote.“


Freghe,“ v. usata nella sola frase metaforica: far le freghe, far le fregagioni: — „Fa le fregagioni allo zio colla speranza di spillar denaro.“ Fregiar, va. abbellire, fregiare, ornare.

Fregola, sf. bricia, bricio, briciola, briciolo, mica, minuzzolo; inezia, nonnulla; met. cazzabubbolo, scriatello, scriato.

Fregoleta, fregolin, fregolo, sfm. bricioletta, bricioletto, goccioletta, gocciolina, gocciolo, pochette, pocolino, miccichino, micolino, minuzzolino, minuzzolo, scamuzzolo, scamuzzolino, zinzino.

Fregolosò, agg. friabile, sgretoloso, sminuzzevole.

Fren, sm. freno; tignir in fren, met. tenere a freno, o in freno, — tenere in briglia.

Frequentar, va. frequentare.

Frescheto, agg. e sm. freschino, frescolino, frescuccio.

Freschi, v. usata nella sola frase cavar dei freschi, dare, o porre il lembo, o il lembuccio in mano a uno; lasciare il banco e il benefizio, — piantare il banco e i burattini, — dar la benedizione, — levare il vin da’ fiaschi.

Freschin(saverde), sapere di mucido.

Fresco, agg. e sm. fresco; fresco al ombra dei alberi, dei muri, ecc. rezzo; ciapar el fresco, pigliare il fresco; star fresco, met. star fresco, — star fresco come la ruta, o più che la ruta; no far fresco, o no far nanca fresco, met. non farsi né in qua nè in là; pitocche pitura a fresco, frescante; piturar a fresco, dipingere a fresco, o a buon fresco; de fresco, di fresco, novamente, poco avanti.

Frescoto, agg. e sm. frescoccio, frescotto, frescozzo.

Freza, sf. dardo, iacolo, freccia, saetta, strale — l’asticciuola che viene lanciata; gorbia — la punta dello strale; arco — il congegno per lanciar le freccie; balestra — arco fermato su d’un incasso simile al fucile; faretra — la guaina ove si portano [p. 182 modifica] le freccie; cocca — la tacca della freccia nella quale entra la corda dell’arco.

Frezada, sf. frecciata.

Fricar, vn. corbellare, corbeltare, cuculiare; gabbare, ingannare, truffare.

Frigna sf. bietolone, pecorone, piagnolone, piagnoloso.

Fritaia, sf. frittata; met. ficattola, frittata: — Sedette inavvedutamente sul cilindro del signor Bello; figuratevi che ficattola ne fece!“ fritaia de un solo ovo, frittata di un foglio; fritaia rognosa, frittata con gli zoccoli, o rognosa; far la f ritaia, met. far la frittata; sconciarsi.

Fritaiada, sf. frittata; scorpacciata di frittata.

Fritaiaza, sf. frittataccia.

Fritaieta, sf. frittatina, frittatino, frittatuccia.

Fritaion, sm. frittatona, frittatone.

Fritola, sf. frittella; ciacole no fa fritole, v. ciacola.

Fritolada, sf. scorpacciata di frittelle

Fritoler, sm. frittellaio.

Fritoleta, sf. frittelletta, frittellina.

Fritolin, fritulin, sm. friggitore, frittellino.

Fritura, sf. frittura — e vale per tutta la corata d’agnello — e simili — e per pesci fritti; fritura de zervél, de latisini, de fleti, frittura bianca.

Frituraza, sf. fritturaccia.

Friul, sm. Friuli; in Friul, nel Friuli.

Friza, sf. cicciolo, fricciolo, sicciolo, lardingo; cagar le frize.jnet. m. basso, cacare, o sputare le lische dopo aver mangiato i pesci, — cacare i stoppini dopo aver mangiato le candele.

Frizer, ra. e vn. fare in padella, friggere; sfriggolare, sfrizzolare: — friggendosi i pesci sfriggolano in padella;“ sm. friggìo: — „ Sento un friggìo in cucina; friggono forse il pesce?“ esser frito, me’. essere fritto essere bell’e fritto; lassar frizer uno nel suo grasso, met. lasciare bollire uno nel suo brodo, o nel suo lardo; vate far frizer, inter. va a farti friggere — si dice per adonestare qualche altra maniera di mandare in quel paese chi ci molesta — è Yabi in malarn crucerà dei latini.


Frizion, sf. med. fregagione, frizione.

Froladura, sf. frollamento; frollatura.

Frantal, agg. e sm. frontale.

Frontar, va. affrontare; frontare; puntellare.

Fronte, sf. fronte; de fronte, m. avv. a fronte, alla fronte, di fronte; a fronte alto, tn. avv a fronte alto, o scoperto; arte di riconoscere l’indole di ciascuno dalle linee della sua fronte: metoposcopia.

Frontin, sm. tettino: — berrette con o senza tettino?“

Frontina, sf. fronticina.

Frontispizio, sm. frontespizio; el frontispizio xe bel, o xe bon, met. il frontespizio salva il palazzo.

Frugada, sf. consumazione, logoramento.

Frugador, sm. consumatore, logoràtore.

Frugar, va. e vn. adoperare; consumare; logorare; usare.

Frugo, sm. consumo, logoro, uso.

Frulin, sm. frullino.

Frustagno, sm. frustagno, fustagno.

Frustada, sf. logorata, strusciata.

Frustin, sm. frustino, scudiscio.

Frutar, vn. fruttare, fruttificare; rendere.

Frutariol, sm, fruttaiolo, fruttaiuolo, fruttivendolo.

Fruter, sm. frutticello, albero da frutto.

Fruto, sm. frutto; pi. i frutti, le frutta, e le frutte, — il fruttarne; frutto che indurisce il suo involucro sull’albèro, come la noce, la nocciuola,. ecc.: frutto carpòlito; frutta d’albero che cascano a terra da sè: frutta eolatìe; sbater i fruti zo dei alberi, abbacchiare, o abbattacchiare le frutta; fruto boìioriro, frutto precoce; fruto tardivo, frutto seròtine, o seròtino; [p. 183 modifica] fruto de durada, frutto serbatoio; esser un fruto fora de stagion, met. essere un frutto fuori di stagione; ogni fruto voi la su stagion, m. prov. ogni frutto vuole la sua stagione, — predica e popone vuole la sua stagione; quando el fruto xe fato el casca solo, prov. quando la pera è matura casca; albero de fruto, e el fruto no casca lontan del alboro, v. alboro.

Fruzado, agg, brancicato, rinfichisecchito. .

Fruzar, va. accincignare, brancicare, gualcire, sciupare, sgualcire spiegazzare.

Fuc(andar, o esser), andare alle Ballodole; ritornare a orciuoli e zolfanelli; aver lo sballo, o lo spallo; aver dato del culo in sul pietrone, o esser ito, o rovinato.

Futa, sf. collera, ira livore, rabbia, rovello, stizza.

Fufignada, sf. giunteria, imbroglio, truffa.

Fufignàdor, sm. annaspone, cavillatore, imbroglione.

Fufignar, va. gabbare, giuntare, imbrogliare, truffare.

Fufignezo, sm. cavillo, gherminella, giunteria, imbrogliamento, trufferia, viluppo.

Fufignon, sm. lo stesso che fufignàdor.

Fuga, sf. fuga, egira. — I cronologisti si servono di questa seconda voce per denotare l’era dei maomettani, cioè la cronologia della storia musulmana, che incomincia colla fuga di Maometto dalla Mecca, città dell’Arabia, sua patria, a Medina, l’anno 623 dell’era cristiana; che va de fuga, fugace, fuggevole: — „Destrier fugace;“ e al met.: — ,, Fugaci giovanili ebbrezze;“ dar la fuga, fugare, — mettere, o muovere in fuga: ,jPochi soldati han messo in fuga tutta quella turba di popolaccio.“

Fulminada, sf. logorata; dissipamento; guastamento.

Fulminante, agg. fulminante: — «Febbre fulminante;“ fulmineo: — „ Occhiata fulminea;“ sm. fiammifero, fiammifero, fulminante, solfanello, solfanetto, zolfanello, zolferino, zolfinello, zolfino; fulminante de zera, fiammifero di cera; — col scioco, fiammifero collo stianto; scatola de fulminanti, scatola di fiammiferi.


Fulminar, va. fulminare; guastare, sciupare.

Fulmine, sm. benedetta, folgore, fulgetro — pi. le fulgetra, — fulmine, saetta; fulmine a ziel seren, met. fulmine a ciel sereno.

Fumada, sf. fumata; vignir la fumada, mei. saltare, o venire la mosca’ al naso.

Fumadina, sf fumatina.

Fumado, agg affumicato; fumato.

Fumador, sm. fumatore.

Fumana, sf. fumèa, fumo, scarmana.

Fumar, va fumare; fumicare; fumar la carne, affumicare, o soffumicare la carne; la ghe fuma, met. la gli fuma.

Fumigar, va. affumicare, affumigare, fumicare.

Fumo, sm. fumo: met. fasto, superbia, vanagloria — ma c’entra un non so che d’ironia; che sa di fumo: fùmeo; che fa fumo, che fumica: fumifero; tabaco de fumo, tabacco da fumo; andar in fumo, met. andare per terra, — convertirsi in fumo; mandar in fumo, met. mandare in dileguo: aver caro come el fumo nei oci, aver caro quanto, o più che il fumo negli occhi; manco fumo, m. prov. manco fumo e più brage; assai fumo e poco rosto, prov. assai pampini e poca uva, — molto fumo e poco arrosto; el fumo brusa i oci, o el fumo no fa altro che brusar i oci, prov. frasche, fumo e vanità è tutt’uno, — gloria mondana, gloria grama, fiorisce e non grana, — e col divino poeta: 0 vanagloria dell’umane posse, Com’poco verde sulla cima dura. Purg. XI.

Funaral, sm, funerale; de funami, funerario.

Funzion, sf. funzione.

Funzionar, vn. funzionare.

Funzioneta, sf. funzioncella, funzioncina. } Furbaria, sf. accorgimento, ac!i cortezza, avvedimento, avvedutezza, [p. 184 modifica] furberia, perspicacia, sagacia, scaltrezza, versuzia.; furbana ingegnosa, articina; con turbarla, accortamente, approvedutamente.

Furbazo, agq. e sin. astutaccio, furbacchiotto, furbaccio, furbettaccio; furfantacelo, guidone, — bambino da Ravenna.

Furbescamente, avv. accortamente, astutamente, furbescamente, ingegnosamente.

Furbeto, agg. cattivello, furbetto, . spiritello, tristerello.

Furbità, sf. lo stesso, ma meno usato che furbafia.

Furbo, agg. e sm. accorto, approveduto, astuto, avveduto, avvertito, callido, destro, furbo, mozzino, sagace, scalabrino, scaltrito, scaltro; furbo matricolò, furbo bollato, o furbo trincato; bravo furbo, o ma ti oce furbo, inter. furbo il minchione; furbo come ’f diavolo, v.- diavolo.

Furgon, sm. frugone: — „Il frugone dell’impresa Zimolo.“

Furia, sf. fretta, furia, premura, pressa; folata, follata; foga, impeto; m furia in furia, o in tuta furia, m. avv. abborracciatamente, — a strappabecco, — in fretta e furia, — in fretta fretta, — in tutta fretta, — all’imbrescia; aver la furia francese, aver le bacce; andar su tute le furie, montar sulle furie; esser la furia — di pesce, di frutta, ecc.: esserci la fiacca; — esserci la macca, o esserci il macco, o un macco, — fare il fiocco; far furia, aifoltare; roba fata in furia no vai un figo, m. prov. la cagna frettolosa fece i canini ciechi, — la gatta frettolosa fece i gattini, o i miccini ciechi.

Furiata, furiaza, sf. furiacela.

Furigoto, sm. carpiccio, — rovescio, sfuriata — di bastonate; danno.

Furiosafnente, avv. frettolosamente; furiosamente.

Furiosazo, sm. furiosaccio.

Furioso, agg. frettoloso; furioso.

Furlan, agg. e sm. friulano.

Furor, sm. furore; far furor, o far furori, destar fanatismo, — far furore, o far romore.


Furto, sm. furto, ladrocinio; furto di denaro pubblico: malefatta.

Fusazo, sm. fusaccio.

Fuscar, va. abbacinare, abbagliare, offuscare.

Fusco, agg. fosco.

Fuseto, sm. fusellino, fusello, fuserello.

Fusil, sm. archibugio, arcobugio, arcobuso, fucile, schioppo.

Fusilada, sf. archibugiata, fucilata, schioppettata.

Fusilar, va. archibugiare, fucilare.

Fusilazo, sm. fucilaccio.

Fusileto, sm. fucilino.

Fusina, sf. fucina; de fusina, fuclneo.

Fusion, sf. fusione.

Fuso, sm. fuso, — pi. i fusi e le fusa; fusata: — ..-Favoriscimi una fusata di garzuolo;“ fato come un fuso, fusato, fusellato: — „Dita fùsóllate.“ — - „Oolonna fusata;“ cKi che fa, o che“ vendi fusi, fusaio; drito come un fuso, diritto come, o quanto un fuso. Fusto, sm. fusto; bel fusto, met. bel cero, bel fusto, — . imbusto, mobile, — bel mobile; fusto de la balanza,-v. balanza. ’

Futer(saltarel), crescere, o venire — e simili — la muffa al naso, o assolutamente-: crescere, o venire la muffa, — montare in bizza, — montare i futeri — Giusti, Epist. „Per esempio, chi non si sente montare i futeri vedendo quel canuciaccio del Mancini abbaiare ai garetti del Ni colini.“

Futizada, sf. acciabattatura, acciarpatura. .

Futizar, va. abbalucciare — voce del dialeto sienese, registrata dal Fanfani, — abboracciare, abborraeciare, acciabattare, acciannare, acciarpare, ciarpare, lavoracchiare.

Futizaria, sf. acciabattamento, acciarpamento; pi. ciarpame, sferre, fronzoli, gingilli, ninnoli,Futizon, agg. e sm. abborraccione, acciabattatore — fem. acciabattatora, acciabattatrice, — acciabattone, acciarpatore, ciabattone.