Gli vostri occhi ch'e' m'hanno divisi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Gli vostri occhi ch’e’ m’hanno divisi Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 88 modifica]

XVII

Loda le bellezze di lei.

Gli vostri occhi ch’e’ m’hanno divisi
li spiriti, che son dentro nel core!
E escon fuor con si grande tremore,
ch’i* ho temenza che non sieno ancisi.
E poco stando, un sospiro si mi si
parte, ch’ahi! mess’ha l’anima in errore,
e ben sembra ne la virtù d’amore
guardando gli atti suoi cosí assisi
Ella è saggia e di tanta beltate,
che qual la vede convene che allora
mova sospiri di pianto d’amore.
Però lo dico chi ha gentil core
che tegna mente si com’ella onora
ciascuna gente, e’ ha in sé nobiltate.