Graza e merzé, madonna, a voi mi rendo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Graza e merzé, madonna, a voi mi rendo Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Oi amoroso e mio fedele amante Assai mi son coverta, amore meo
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 28 modifica]

LV

2 — POETA
È pronto a sopportare dolori senza farne mostramento.

Graza e merzé, madonna, a voi mi rendo,
ché io per neiente non son degno;
l’amoroso consiglio vostro prendo,
4isperando venir nel vostro regno.
E, s’io aggio fallato, al vostro ammendo
son di voi, donna, mio core e sostegno;
e, s’io lamento e doglio e non attendo,
8ormai di piú doler muto divegno.
La vostra doglia sia la doglia mia,
e la mia doglia metto’n ubrianza;
11piú pene sofferrò, ch’io non soffria.
Ma non, mia donna, che paia sembianza:
gentile ed amorosa piú, che sia,
14a voi rendo merzé d’esta inoranza.