Oi amoroso e mio fedele amante

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Oi amoroso e mio fedele amante Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Poi che voi piace ch'io mostri allegranza Graza e merzé, madonna, a voi mi rendo
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 28 modifica]

LIV

I — MADONNA
Non gli fará molto attendere la gioia.

Oi amoroso e mio fedele amante,
amato piú di nuli’altro amadore,
se tu ti dòli, i’ aggio pene tante,
4ch’ardo tutta ed incendo per amore.
E, se lo core meo fosse diamante,
non doveria aver forza né valore;
e, se di doglia in céra fai sembiante,
8eo sono eo quella, che la porto in core.
Amore meo, cui piú coralmente amo,
ch’amasse giá mai donna suo servente
11e che non fece Tisbia Pirámo,
l’attender non ti sia disavvenente,
chéd io tanto del cor disio e bramo,
14che picciol tempo, amor, sera’ attendente.