I rossi e i neri/Secondo volume/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IV

../III ../V IncludiIntestazione 9 settembre 2018 75% Da definire

Secondo volume - III Secondo volume - V

[p. 34 modifica]

IV.

Qui si racconta di Goffredo Rudel, come per amor si morisse

Si ricordano i nostri lettori della visita che fece Aloise alla villa Vivaldi, allorquando l’amico Pietrasanta lo condusse a fare la prima passeggiata di convalescenza là dalla parte di Nervi? Se essi non hanno dimenticato quella gita campestre, rammenteranno ancora che, innanzi di uscir dalla villa, e quando il giardiniere aveva additato l’albo dei visitatori, Aloise di Montalto si era fatto sollecito a pigliar la matita, e, dopo avere rivolta un’occhiata d’intelligenza al compagno, aveva scritto sull’albo due strani nomi: Goffredo Rudel e Percivalle Doria.

Di questa bizzarria il Pietrasanta aveva chiesta la ragione all’amico; e questi gli aveva risposto con un’altra, ripetendo una frase detta da Enrico al giardiniere, quando erano per rimettersi in carrozza: «i nostri noi viaggiano nel più stretto incognito».

Ma perchè, tra tanti nomi posticci che potevano venirgli in mente, egli era andato a cercar proprio que’ due nomi storici? Perchè all’innamorato senza speranze pareva di scorgere una certa somiglianza tra la sua infelicità e quella famosa del poeta provenzale. Un trovatore, poi, ne tirava un altro, e tra i nomi di trovatori da poter mettere accanto al primo, gli era balenato alla fantasia quello di un genovese; però aveva aggiunto Percivalle Doria, come pseudonimo di Enrico Pietrasanta. Si noti che mezz’ora innanzi il giardiniere, conducendoli sotto l’albero di sughero, aveva accennato ad una Corte di amore; si aggiunga che Aloise, a que’ tempi, secondo l’uso di tanti innamorati, leggeva assiduamente il Leopardi e il Petrarca. Ora, dal cenno del giardiniere e dai versi del Petrarca, ai trovatori, al Rudel, non c’era altro che un passo, e ad Aloise tornava in mente ciò che aveva scritto messer Francesco nel suo Trionfo d’amore.

          Gianfrè Rudel, che usò la vela e il remo
          A cercar la sua morte....

Dopo quel giorno, molte cose erano avvenute, ed Aloise era introdotto solennemente in casa Torre— Vivaldi. La sua [p. 35 modifica] prima visita alla marchesa, dopo ch’ella era in villeggiatura, gli aveva fatto ricordare, non senza un pochino di trepidanza, i due nomi scritti sul libro, e l’altro inciso sulla tavola di lavagna; ma s’era poscia raffidato nel pensiero che i primi dovessero rimanere ignorati, confusi com’erano tra tanti altri forestieri e visitatori d’ogni risma, e l’altro celato sotto il tappeto, che era sempre disteso sulla tavola di lavagna, in quelle ore che la marchesa usava passare in quel suo luogo prediletto.

Una volta aveva tremato davvero, ma non al tutto di sgomento. Egli era, con altri, vicino alla signora, e il discorso era per l’appunto caduto su quella rustica tavola, che il marchese Antoniotto avrebbe desiderato mutare in un’altra di marmo.

— No, essa m’è troppo cara così! — aveva esclamato la marchesa.

Ma il subitaneo timore e il dubbio dolcissimo di Aloise erano tosto svaniti. La marchesa, proseguendo, aveva narrato com’ella non volesse mutar nulla in quel luogo. La disposizione d’ogni cosa, la consuetudine di andarvi a passare le calde ore del giorno, il nome istesso di Corte d’amore, rimontavano alla sua bisavola, a quella «celebrata — Per ingegno e beltà Tullia divina» siccome l’avea cantata un poeta famoso del suo tempo. Agli orli di quella tavola si erano appoggiate le crespe rigonfie della sua veste di broccato; su quel piano s’era posato il suo ventaglio piumato, il suo occhialino, il suo libro; quella rozza lastra era sacra; sacri i rozzi sedili fatti di quel medesimo schisto nericcio, sorretti da scabri pilastrini; nient’altro di nuovo ci aveva da essere, salvo l’aggiunta dei sedili di maiolica, poichè i primi non sarebbero bastati alle geniali adunanze dei visitatori moderni.

Tornando ad Aloise, egli, poichè Ginevra niente aveva detto, o lontanamente accennato, s’era facilmente condotto a credere che non si fosse addata di nulla. E inoltre, come avrebbe ella potuto rintracciare in quei muti segni la mano di lui? Il giardiniere, nel quale s’era imbattuto due volte, non aveva mostrato di raffigurarlo; oltre di che, non avrebbe potuto affermare chi, dei tanti forestieri, avesse scritto que’ nomi. E li aveva forse pur letti? In queste argomentazioni s’era chetata l’apprensione di Aloise, ed egli non ci pensava già più.

Ma bene, per contro, ci pensava Ginevra, come potrebbe dimostrarvi una lettera di lei alla Roche Huart, scritta ne’ primi giorni del giugno, e già debitamente copiata da [p. 36 modifica] padre Bonaventura nel noto volume delle Opere di santo Agostino.

Volete leggerla? Tanto, per udire la continuazione dei lieti ragionari e la vita del trovatore Rudel, che qualcheduno si farà pure animo a raccontare, ci sarà sempre tempo, e noi, cronisti patentati, non ve ne faremo perdere neanche una sillaba.

È tempo, d’altra parte, che vi diciamo qualche cosa intorno al cuore della marchesa Ginevra, che fu una delle più notevoli donne della nostra generazione, in quella guisa che è una delle più importanti nel viluppo di questa veridica storia. Già minutamente ve l’abbiamo dipinta nella prima parte del libro, nè abbiamo tralasciato di accennarvi le egregie doti del suo intelletto; del cuore abbiamo detto soltanto che ancora non aveva dato segno di vita, così restando ella una donna della quale non si capiva un bel nulla. Tentiamo ora di capirne qualcosa; la lettera è qui:


«Sono finalmente nella mia tranquilla dimora di Quinto, dove mi è dato di respirare, di vivere. Sei mesi di agitazioni, di feste, di cure, di molestie parigine, non fanno anche a te, mia bellissima, desiderare la quiete della tua Bretagna? Le veglie, i teatri, le visite, le mille cure della città, opprimono me pure, m’infastidiscono per cinque o sei mesi colla monotona sequela dei loro trabalzamenti, e mi fanno parere cento volte più bella, più cara, questa mia vita campestre. Vivo in città, come il fiore nell’aria soffocata d’una stufa; qui torno all’aperto, dove il tepore è sano, dove la luce ravviva.

«Anche quassù s’alternano le visite e i passatempi; ma questi non sono comandati dalla consuetudine; la mia mente li trova e li varia a sua posta; quelle poi si ristringono a un picciol numero di famigliari, uomini sempre, e spesso adoratori molesti, ma sotto la comportabile maschera dell’ossequio, o della amicizia.

«Uomini! stirpe volgare, la cui ammirazione ti rimpicciolisce, il cui amore ti offende! Io non so intendere, per verità, come ci possano essere di così stolte donne, le quali commettano il cuore, la vita loro, al facile, insolente entusiasmo di un uomo. Or vedi che cosa avviene, sotto i nostri occhi, ogni giorno. Perchè una donna è giovane e bella (ardisco scrivere in tal guisa a te, mia bellissima, che m’hai guastata colle tue lodi e che solevi chiamarmi la tua petite madone italienne), si ascrivono a debito di ammirarla, di farle intendere in mille modi, non escluso quello della [p. 37 modifica] persecuzione, che ella ha l’altissimo onore di piacer loro non poco. Perchè questa donna ha un marito, tal volta severo e uggioso, tal altra maturo d’anni e logoro di cuore, eccoli tosto ad arrogarsi il diritto di amarla e di sperare che li ami. Questa è villania, insulto universale e continuo, che ognuna di noi è costretta a patire, e la più parte ne godono; tanto è vero che la servitù ci ha invilito lo spirito!

«Mi chiedi del Montalto, se continua a fare il malinconico. Sì, mia bellissima, continua, e va peggiorando; ma ti giuro che tutto ciò mi dispiace. Io lo stimavo assai più, allorquando, scrivendoti della mia prima comparsa di donna in questa società genovese, ti accennavo com’egli fosse il solo che non avesse cercato di farsi presentare a me, e in teatro, mentre tutti gli sguardi erano rivolti alla tua petite madone italienne, egli solo ostentasse di volger le spalle. Fui curiosa di conoscerlo, questo bizzarro giovinotto, del quale tutti erano, e sono ancora, invaghiti; e ciò forse ha potuto darti di me un concetto disforme dal vero. Egli è venuto, come sai, alla mia veglia annuale di congedo, e mio marito se n’è innamorato come tutti gli altri, egli che non va pazzo per alcuna cosa al mondo. Ma di lui ti ho già parlato a lungo, e di tutti i suoi amori colla politica: laonde non ti sarà difficile indovinare che la sua amicizia pel Montalto ha le sue radici nella ragion di Stato, che a noi donne mette i brividi addosso. Per fartela breve, il giovine amico è già venuto tre volte a Quinto, e mio marito vorrebbe vederlo ogni giorno. Intanto, sai che scoperta ho fatto io? Potrei dartela alle cento, alle mille, come madama Sevignè nella sua famosa lettera, che ci hanno fatta leggere tante volte in collegio, e tanto non la indovineresti. Figurati che quel suo contegno, quella sua arcana severità, nascondevano un antico affetto. E per chi? Per la madonnina italiana.

«Il primo giorno della mia villeggiatura, vado a salutare la Corte d’amore della marchesa Tullia, e quella tavola di lavagna che sai. Sull’orlo di quella tenera lastra di pietra che cosa trovo? Inciso il mio nome, Ginevra. Tutto ciò mi dà molto da fantasticare. Chi è stato? Vo a squadernare l’albo dei visitatori della villa. Son tutti nomi di Francesi, di Tedeschi, d’Inglesi, e di persone ignote. Ma l’incisore del mio nome, dico tra me, ha da essere uno del nostro ceto, e che mi conosca per bene. Ora io non so raccapezzarmi tra i nomi scritti nell’albo; due soli mi tengono dubbiosa, due nomi strani, due nomi d’antichi trovatori, Goffredo Rudel e Percivalle Doria. Piglio lingua dal giardiniere. Il [p. 38 modifica] brav’uomo si ricorda della venuta di due gran signori, giovani ambedue; l’uno pallido, biondo e svelto della persona, taciturno e infermiccio in apparenza; l’altro di capel bruno, spigliato nei modi, chiacchierino e sempre in moto. Sono certamente costoro che hanno lasciato quei due nomi nell’albo; il giardiniere ha notato che s’era negli ultimi giorni di febbraio, e sulla pagina c’è appunto scritta la data di quel mese. Essi visitarono la villa per ogni verso; ma, il biondo, che pareva stanco, non era andato più oltre della prateria, e, mentre il compagno scendeva nella grotta, era andato a sedersi presso la tavola di lavagna. Ci siamo, ho detto tra me; l’ignoto incisore è il giovine biondo.

«Ma ciò non bastava ancora; ho cavato le parole di bocca al Pietrasanta, l’amico inseparabile del Montalto, e lì, tra mille chiacchiere sbadatamente fatte, ho potuto sapere che egli era stato, in un tempo non molto lontano, a visitare la nostra villa. Non ho chiesto di più, per non metterlo in sospetto; ma il mio dubbio s’è fatto certezza; il tenue filo della mia logica mi ha guidato a questa scoperta: Aloise di Montalto aveva un segreto, e questo segreto lo ha confidato ad una tavola di lavagna, credendola muta. Ma oramai non parlano anche le tavole?

«Scriva a suo talento, il signorino: cada egli pure ed affoghi nella consuetudine di tutti gli uomini suoi pari. Ahimè, mia bellissima! non ci sono creature perfette quaggiù; salvo te, s’intende, salvo la prediletta, la lontana dagli occhi, ma non dal cuore di Ginevra.»

Di questa lettera, come dell’altre scritte prima e poi alla viscontessa di Roche Huart, come, a farla breve, di tutto ciò che pensasse la bella Ginevra, nulla poteva sapere Aloise. Però, argomenti il lettore come rimanesse sgomentito a quella improvvisa dimanda della marchesa, intorno ai due trovatori. Un fulmine, caduto a ciel sereno, non lo avrebbe scosso più forte. Per un tratto rimase muto; e fu ventura che altri parecchi gli fossero compagni, ai quali la domanda era rivolta come a lui; se no, impacciato come un pulcino nella stoppa, non avrebbe trovato niente da dire, e, quel che è peggio, il rossore lo avrebbe tradito.

Primo a rompere il silenzio fu il Cigàla, che rispose candidamente di non conoscere que’ due personaggi. Il piccolo Riario fece una ugual confessione; altri due si strinsero nelle spalle; perfino il De’ Carli tartagliò le sue quattro parole di scusa. Il Pietrasanta stette duro, come se la cosa [p. 39 modifica] non lo risguardasse punto, e se la cavò mandando una languida occhiata alla marchesa Giulia, che si fece tutta rossa nel volto. Ma i lettori non facciano sospetti temerarii; la marchesa arrossiva facilmente, perchè a ciò la traeva il suo color naturale.

Restava Aloise; ma, in quella che gli altri parlavano, il nostro giovine s’era fatto un cuor da leone. Non si diventa prodi, se non guardando in faccia il pericolo. Cotesto occorre in battaglia, e molti che leggono ne avranno fatto sperimento in sè stessi. Chinar la testa una volta al sibilar delle palle, conduce a chinarla per sempre; mettersi al riparo dietro un ciglione, persuade a non trarne più fuori la testa; e l’occasione, che potrebbe fare dell’uomo un eroe, la occasione se ne va, lasciando il soldato nella sua codarda postura.

Aloise aveva veduto il suo segreto scoperto; ma, tocco sul vivo, aveva pure considerata in un batter d’occhio la sua condizione disagiata, e fatto il proposito di uscirne. Però, a mala pena ebbe il marchese Onofrio tartagliate le sue scuse, volse lo sguardo animoso a Ginevra, e le disse:

— Orbene, se gli amici non la sanno, vedrò di raccontarvela io; ma quella soltanto di Goffredo Rudel, che l’altra del Doria non l’ho presente ora.

— Ci contenteremo di quella; — rispose Ginevra.

— Incomincio, dunque; ma badate, signora, che è lunga.

— Oh, non ve ne date pensiero; il tempo è tutto nostro.

— Aloise, — bisbigliò il Pietrasanta all’amico, — ero venuto per parlarti di un negozio....

— Me ne parlerai più tardi! — interruppe Aloise, con un accento che non isfuggì al fine udito della marchesa Ginevra.

E mentre tutta la nobile brigata si raccoglieva ad udirlo, Aloise, non senza arrossire un tantino, così incominciò la la narrazione:

— «Goffredo Rudel, signore di Blaia, è uno dei primi trovatori di cui facciano menzione le cronache di Linguadoca. Da giovine, amò, o credette di amare, una Guglielmetta di Benagues, viscontessa guascona, la quale doveva essere una gran lusinghiera, e amica del numero tre, poichè le piaceva tenere a bada, nel medesimo tempo, lui Goffredo, Elia Rudel suo cugino, e Savary di Mal Leone.»

— Povera viscontessa! — interruppe Giulia. — Non sareste per caso un po’ crudele con lei.?

— No, marchesa, imparziale. «Narra la storia che in una conversazione tra la dama e i tre gentiluomini anzidetti, ella [p. 40 modifica] sapesse diportarsi per modo che ognuno di loro, uscendo di là, si tenne il prediletto di lei. Infatti, venuti a disputa, si chiarì che a Goffredo avea data una dolcissima occhiata; ad Elia una eloquentissima stretta di mano; a Savary aveva premuto il piede, sotto la tavola. Così narra Nostradamus, ed io lo ripeto, per dimostrarvi in che guisa Goffredo Rudel si allontanasse da lei. Per ventura, quell’amore del giovine per la Guascona, era un capriccio, uno scherzo, non già un affetto profondo....»

— Non amano tutti ad un modo i signori uomini? — chiese argutamente Ginevra.

— La storia di Goffredo Rudel vi dimostrerà il contrario; — soggiunse Aloise, — ed io vado innanzi senza paura. «Fatto esperto da quel primo disinganno, Goffredo Rudel non volle metter più la sua fede fuorchè in nobili cuori. Ora i nobili cuori erano rari al suo tempo tra le donne, e per lunga pezza il signore di Blaia visse soltanto per l’amicizia, nè altro ebbe a celebrare ne’ suoi versi che questa. Il signore d’Agoult era l’amico suo, e il castello dell’amico lo trattenne a lungo tra le sue mura ospitali. Ma giunge in Provenza il conte Goffredo Plantageneto, fratello a Riccardo Cuor di leone, re d’Inghilterra, e nella breve dimora fatta al castello di Agoult, s’innamora cosiffattamente del gentile poeta, che lo vuole con sè alla corte d’Inghilterra. Il trovatore si schermisce; ma il signore d’Agoult, liberale com’era, nè volendo rimandare scontento un così potente barone, prega a sua volta l’amico di cedere allo invito del conte Goffredo. Ed ecco i due Goffredi, il principe e il trovatore, in viaggio, alla volta d’Albione.»

— Dell’avara Albione! — tartagliò il De’ Carli.

— Ma non avara di lusinghe pel nostro provenzale; — soggiunse il Cigàla. — Egli certamente avrà fatto dar volta al cervello di molte ladies!

— Può darsi; — soggiunse, continuando, Aloise: — «Quel che avvenisse alle dame inglesi non so; ma posso starvi pagatore che Goffredo Rudel non n’ebbe il cuore commosso, e in quella vece s’accese del più gagliardo affetto che uomo sentisse mai, per una donna la quale egli non aveva mai vista, per la contessa di Tripoli, la quale viveva nella sua corte, sulle spiagge di Soria. Innamorarsi di veduta, è cosa agevole e naturale; innamorarsi d’udita, è cosa strana, che molti stenterebbero a credere. Ma che volete? Udendo dai pellegrini, che tornavano da Terrasanta, narrare i pregi della contessa, celebrare la prestanza delle forme, la soavità dei [p. 41 modifica] modi, l’ingegno acuto, e virtù d’ogni maniera che la facevano superiore all’altre dame del suo tempo, il povero trovatore tanto se ne invaghì, che non ebbe più pace. E certo quel suo insolito e strano amore diventava la favola di tutta la corte d’Inghilterra, se le canzoni che egli scriveva in lode della lontana sua dama, della sconosciuta beltà, destando l’ammirazione universale, non avessero fatto tacere il sarcasmo.»

— Voi pure ammettete, — interruppe Ginevra, — che fosse strano non poco, questo amore d’udita?

— Non lo nego; sebbene, a que’ tempi, la cosa poteva parere meno bizzarra. Le cronache provenzali ci hanno conservata una tenzone tra due poeti, Gerardo e Peronetto, intorno alla quistione, chi più ami la sua dama, se il presente o l’assente, e chi più possente amore introduca, o il cuore o gli occhi.

— Questione difficile! — notò il Pietrasanta. — Che ne pensate voi, signora?

— Io tengo per gli occhi; — rispose arrossendo la Giulia, a cui la dimanda era rivolta.

— E voi? — chiese il Cigàla, alla Torralba.

— Pel cuore; — rispose la soave Maddalena.

— Ed io per tutti e due! — sbruffò il lezioso De’ Carli.

— Ma come fu sciolta la questione, allora? — chiese Ginevra, per dar la parola di bel nuovo al narratore.

— Non saprei dirvelo. Le cronache raccontano che fu portata innanzi alla corte d’amore di Pierafuoco e di Signa; ma non ci recano la sentenza che ne fu data. So bensì che in quella tenzone poetica, tra molte buone ragioni ed esempi per l’una parte e per l’altra, c’era una strofa che vi traduco così: «Tutti gli uomini di perfetto giudizio conoscono molto bene che il cuore ha signoria sopra gli occhi, e che gli occhi non servono punto nelle cose d’amore, se il cuore non acconsente; laddove, senza gli occhi, il cuore può francamente amare una cosa che giammai non abbia veduta, siccome avvenne al signore di Blaia.»

— L’esempio non scioglie la questione! — disse Ginevra.

— È un circolo vizioso! — aggiunse il De’ Carli.

— Ma via, — ripigliò la marchesa, — continuate la vostra storia, signor Aloise, e perdonate le interruzioni troppo frequenti a un uditorio curioso ed attento.

— «Infiammato sempre più dal desiderio di veder la contessa, Goffredo deliberò di andarsene pellegrino in Terrasanta. Un suo dilettissimo, anch’egli buon trovatore, [p. 42 modifica] Bertrando di Alamannone, fu pronto, come suol dirsi, a tenergli bordone, e ambedue fecero il disegno d’imbarcarsi a quella volta. Doleva di quella partenza al Plantageneto, che usò d’ogni suo potere per distogliere il suo protetto da quel faticoso viaggio. Ma nulla valse; e finalmente, ottenuta licenza dal conte, il Rudel monta in nave coll’amico. Eccoli in viaggio, alla scoperta dell’ignota bellezza. Il vento fischia nel sartiame; la tempesta assale il naviglio; il masso di Gibilterra torreggia spaventoso frammezzo alle brume; Goffredo Rudel non ode il fischio del vento; non bada ai marosi che invadono la coperta, e canta dolcemente d’amore. Udite la canzone ch’egli ha composto nel tragitto, temendo di non poter subito parlare alla contessa, anzi d’aversene a tornare con suo estremo dolore, dopo un sì lungo e pericoloso viaggio:

               Irat et dolent m’en partray.
          S’yeu no vey est amour deluench
          Et ne say qu’ ouras la veyray,
          Car son trop nostras terras luench.

«Ma scusate; senza badarvi, la recitavo nel testo provenzale, non rammentando che l’avevo tradotta.

               «Corrucciato, dolente, io partirò,
          Se pria non vegga l’amor mio lontano,
          E non so quando mai lo rivedrò,
          Chè nostre terre son troppo lontano!
          
               «Quel Dio che quanto viene e va creò,
          Che vita diede a quest’amor lontano,
          Mi dia conforto al cor, perchè pur ho
          Speranza di vederti, amor lontano!
          
               «Signor, per vero e per leale io dò
          L’amor che porto a lei, così lontano:
          Giacchè per un sol gaudio che n’avrò,
          N’ho mille affanni, tanto son lontano!
          
               «Già d’altri amori ormai non gioirò,
          Se di te non gioisco, amor lontano;
          Chè donna pia leggiadra esser non so,
          In alcun luogo, prossimo, o lontano!

«L’amore è stato paragonato ad una lama che, troppo a lungo rinchiusa, irrugginisce e corrode la guaina. Al misero Goffredo, quell’amore fortissimo per una donna ignota, compresso per così lunga stagione nel profondo del cuore, aveva turbate, distrutte, le fonti della vita. I venti contrarii, le stazioni forzate nei porti del Mediterraneo, tutto concorreva ad accrescere i disagi del tragitto; laonde il desiderio [p. 43 modifica] di giungere si tramutò in febbre, e colla febbre si svolsero in breve ora i segni dell’interno struggimento di quelle membra affralite. La nave non aveva anche oltrepassata la punta estrema di Sicilia, che già l’infermo non era più in grado di muoversi dal suo giaciglio, e i governatori del legno pensavano di averlo tra pochi giorni a seppellire nei gorghi del mare.

«— Almeno vivessi io tanto da vederla una volta! — andava ripetendo l’infermo al cortese amico, che passava i giorni e le notti al suo fianco, studiandosi di consolarlo. Veder la contessa e poi morire, era il suo pensiero assiduo, incessante, e, diremo anzi, la sua agonìa.

«La nave giunse finalmente nelle acque di Soria, in vista di Tripoli. Trascinatosi a stento sul cassero di poppa, Goffredo Rudel salutò le bianche torri della sospirata città, che parevano accostarsi a lui sulla liquida superficie, e non volle smuoversi da quella contemplazione fuorchè per scendere a riva. Ma un tanto sforzo lo aveva stremato; e quando, a gran fatica di braccia amorevoli, calato in uno schifo, fu condotto a terra più morto che vivo, parve necessario portarlo immantinente allo spedale dei pellegrini, dove si credette che in quella notte medesima dovesse render l’anima a Dio.

— Poveretto! — esclamò la pietosa Torralba.

— «In tali distrette — proseguì Aloise — Bertrando di Alamannone fu sollecito a recarsi presso il conte di Tripoli. Ma il conte Raimondo non era in città, sibbene ai confini della sua vasta contea, per abboccarsi con un messaggero del Saladino, al quale egli, cristiano, doveva più tardi riuscire di così valido aiuto nella conquista di Gerusalemme. Vide in quella vece la contessa e n’ebbe le più oneste accoglienze che sperar si potesse. E allorquando egli ebbe detto a quella nobile dama com’egli fosse giunto in compagnia del signore di Blaia, la cui fama era pervenuta fino a lei, insieme coi suoi versi d’amore per essa (perchè allora le canzoni dei trovatori correvano il mondo, in quella stessa guisa che oggidì corrono i libri dei più famosi scrittori) e come il gentil trovatore fosse ridotto in fin di vita, ella fu presa da così forte turbamento che la costrinse a sorreggersi sulle braccia delle sue ancelle, per non cadere come corpo morto sul pavimento.

«La donna che sa d’essere amata, è facilmente pietosa (almeno così dicono): e la contessa di Tripoli sentiva nei canti celebrati di Goffredo Rudel e nella fama che del suo affetto correva da più anni in Europa e sulle spiaggie di [p. 44 modifica] Palestina, di essere la più amata tra tutte le donne della cristianità. Epperò, tornata in sè stessa, non volle mettere indugio a vedere il morente, e corse, volò, in compagnia di Bertrando, allo spedale dei pellegrini.

«Allorquando dalle labbra dell’amico, che era corso innanzi, udì Goffredo che la sospirata donna gli era già tanto vicina, non seppe resistere a quella grande allegrezza, e uscì per tal modo fuori de’ sensi, che fu da Bertrando creduto morto senz’altro.

«— Ahimè, — gridò la contessa di Tripoli, entrando nella cameretta e vedendo quella pallida fronte supina sul capezzale — che questa mia infausta bellezza ha ucciso il più gentil cavaliere che al mondo fosse! —

«E corsa alla sponda del letto, ov’egli giaceva, strinse quella mano che pendeva prosciolta sul ruvido copertoio, e recatasela alle labbra, la baciò amorosamente più volte.

«Al tocco di quelle labbra, tornò in sensi, riaperse gli occhi il moribondo, e vide finalmente, ahi troppo tardi! quella immagine divina. Un’aria di supremo contento gli si diffuse sul volto; la sua mano strinse dolcemente quella di lei; i suoi occhi si affisarono estatici sul bianco viso, sul collo, sugli omeri, e sulla persona tutta quanta di quella gentile, quasi non volessero perdere un lineamento, un contorno, di tanta bellezza. Così guardandola, e palpitando, raggiando verso di lei con tutte le forze stremate dell’anima sua, notò Goffredo le lagrime che le sgorgavano copiose dagli occhi.

«— Madonna, — diss’egli allora, con un filo di voce, e traendo a sè, come gli veniva fatto, quella maravigliosa persona, — qui, qui, presso a me, ve ne prego, che quelle dolcissime lagrime non vadano perdute!

«— State di buon animo, messere! — soggiunse ella, accostando la sua alla faccia di Goffredo, per modo che i suoi capelli ricadenti gli sfiorarono le guance e l’alito della sua bocca scese come una divina ambrosia a rinfrescargli le labbra; — Voi risanerete, e la nostra corte udrà ammirata i nuovi versi di un sì gentil trovatore. —

«A queste parole della contessa di Tripoli, Goffredo crollò malinconicamente la testa sull’origliere.

«— No, madonna, — ripigliò; — io mi sento morire. Solo la speranza di vedervi una volta, mi ha serbato questo soffio di vita. Addio, madonna; io non mi dolgo ora della morte, ora che vi ho veduta. Il mio labbro ha bevute le vostre lagrime; il mio cuore le porterà nella tomba. — [p. 45 modifica]

«Furono le ultime parole di Goffredo Rudel, che poco stante, felicissimo nella morte, com’era stato infelicissimo in vita, esalava lo spirito tra le braccia della donna adorata. La quale compose la salma di lui in una ricca ed onorevole sepoltura di porfido, su cui fece intagliare alcuni versi in lingua arabica, a ricordo di un così grande amatore.

«E i versi tutti che Goffredo Rudel aveva composti in lode di lei, fece trascrivere in lettere d’oro e serbò gelosamente con sè. Ma, da quel giorno, mai più la contessa di Tripoli fu veduta con faccia lieta. Visse ancora, ma soltanto per ricordare quel giorno, quell’ora, in cui avea conosciuto, e perduto ad un tempo, il signore di Blaia.

«Il codice dei trovatori che si conserva a Roma, nella biblioteca Vaticana, racconta che la contessa di Tripoli, come potè farlo liberamente, si chiuse in un monastero. Tutti gli altri cronisti narrano che non tardasse molto a seguir nella tomba l’uomo che era morto d’amore per lei.»