La rócca

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Teocrito Antichità L 1868 Giacomo Zanella Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Odi letteratura La rócca Intestazione 22 dicembre 2011 100% Odi

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Traduzione dal greco di Giacomo Zanella (1868)
Antichità

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 347 modifica]

LA RÓCCA

___


Idillio dal greco di Teocrito.

__



     O dono di Minerva, o rócca amica
Delle candide lane, all’operosa
3Femminea man dolcissima fatica,

     Lesta vien meco alla città famosa
Di Nilèo, dove a Venere sul mare
6Verdeggia un’ara fra le canne ascosa.

     Fausti i venti preghiam sì che le care
Luci io vegga dell’ospite lontano,
9Del mio buon Nicia, a cui le grazie avare

     Non fur di vezzi. Or tu, bel dono, in mano
Della sua donna andrai, se di gentili
12Eburnei fregi non ti cinsi invano.

     Con lei sedendo filerai virili
Paludamenti, e veli alle donzelle
15Più che la spuma niveï e sottili.

[p. 348 modifica]


     Due volte l’anno le canute agnelle
Sovra l’erbetta deporran le spoglie,
18Cura di Teagène e dell’ancelle.

     Veder ben puoi ch’all’ozïose soglie
Io non ti guido di codarda gente,
21Ma presso ad una di pudiche voglie

     Donna d’alti pensier piena la mente;
A te venuta di sì chiara sponda
24Con ignavi abitar non si consente.

     Patria t’è quella, che fondò sull’onda
Archia Corintio; di Sicilia il cuore,
27Siracusa d’eroi madre feconda.

     Or raccolta nell’inclite dimore
D’uom che all’egro mortal molce le pene,
30Co’ farmachi fugando ogni malore,

     Tu di Mileto abiterai l’amene
Piagge bagnate dall’Ionio, e spero
33Recherai nova grazia a Teagène.

     A lei ricorda il buon cantor straniero;
E sia talun che nel vederti dica:
36Picciolo par, ma grande e lusinghiero

     È sempre il don che vien da mano amica.