Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo IX, Indici, Classici italiani, 1826, XVI.djvu/404

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
404 indice
Montesoro Domenico. del Moro Battista intagliator di stampe. Moroni Domenico pittore. Moscardo Lodovico. del Nassaro Matteo intagliatore in gioie. Nogarola Ginevra. Nogarola Girolamo. Nogarola Isotta. Nogarola Lodovico. Noris Arrigo cardinale. Pacifico arcidiacono. Padovani Giovanni. Panfilo Giuseppe. Panteo Giovanni poeta. Panvinio Onofrio agostiniano. Pasto Matteo pittore. da Pastrengo Guglielmo storico. Pisano, o Pisanello, Vittore coniator di medaglie e pittore. Pitati Pietro. Plinio Caio Secondo il vecchio. da altri voluto comasco. Pomponio Secondo poeta tragico, forse veronese. Pona Francesco. Raterio, suo vescovo, nativo di Liegi. Rizzoni Jacopo. Sanmicheli Michele. Saraina Gabriello giureconsulto. Saraina Torello. dalla Scala Can Grande poeta. Sorte Cristoforo. Sparavieri Francesco. Sporeni Giuseppe. Squaro Gabriello. della Torre Giambattista. dalla Torre Marcantonio. Tortoletti Bartolommeo. Turchi Alessandro. Verità Girolamo poeta. da
Verona Gasparo. da Verona Guarino, o Varino. da Villafranca Rinaldo gramaiico. Zavarisi Daniello. Zavarisi Virgilio. S. Zenone Pejcopo di Verona. Zerbi Gabriello medico. Zini Pier Francesco.

Verona, scuola ivi fondata da Lottario Primo III, 259; altre scuole che ivi erano 276; università ivi aperta da Benedetto Duodecimo V, 131.

Verona, professori che insegnarono nelle sue scuole e nella sua università: Beroldo Pietro filosofo. dal Bue Matteo grecista. Donato Bernardino. Filelfo Giammario. Lacisio Partenio. Lacizze Paolo apostata. Pitato Pietro matematico. Spinola Publio Francesco. da Verona Guarino o Varino.

Verona, se sia patria di Plinio il vecchio II, 281; fabbriche ivi innalzate da Teodorico III, 107; pitture del xii secolo che ivi conservansi 669; sue Accademie VII, 268; VIII, 90; scrittori della sua Storia VII, 1382; VIII, 593; musei ivi di Storia naturale 123.

da Verona Gasparo professor di eloquenza VI, 1629.