Dalle dita al calcolatore/Cronologia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CRONOLOGIA

../XIV/6 ../Bibliografia IncludiIntestazione 21 gennaio 2016 100% Da definire

XIV - 6 Bibliografia
[p. 273 modifica]

CRONOLOGIA






4000 a.C. calculi dei Sumeri.

2000 a.C. comparsa dello ieratico egiziano.

900 a.C. si sviluppano le idee sul valore di posizione.

800 a.C. gli Etruschi usano l'abaco.

542 a.C. in Cina si usano i bastoncini per calcolare.

250 a.C. compaiono i pallottolieri. Ctesibio inventa un orologio ad acqua nel quale il flusso di liquido è regolato da un meccanismo di retroazione. Euclide sviluppa la geometria dal punto di vista logico.

50 d.C. Erone di Alessandria disegna un distributore automatico di vino, ed un meccanismo per aprire e chiudere le porte di un tempio comandato da un fuoco che scalda l'acqua in una caldaia.

300 d.C. in India compaiono le cifre posizionali con lo zero.

650 d.C. primo esempio di uso fuori dall'India, in Mesopotamia, delle cifre indiane.

870 d.C. Gerberto d’Aurillac introduce l'abaco che porta il suo nome.

[p. 274 modifica]

1200 Al-Jazari descrive il cilindro a schegge per comandare il movimento di automi; fornisce pure la descrizione di un “orologio elefante” animato da numerosi automi.

1300 compaiono le prime clessidre ed i primi orologi a scappamento.

1400 Dondi costruisce un orologio a scappamento a verga che calcola i movimenti di tutti i pianeti noti.

1470 compare la stampa a caratteri mobili.

1500/1550 Nicolò Tartaglia costruisce l’Archipendolo per calcolare l’alzo dei mortai, ed il triangolo di Tartaglia per calcolare la dispersione dei colpi intorno all’obiettivo.

1598 Guidobaldo del Monte costruisce un compasso per calcolare il lato dei poligoni inscritti in un cerchio, da cui Galileo deriverà il suo compasso geometrico-militare.

1614 John Napier inventa i logaritmi.

1617 John Napier presenta i bastoncini numerati o regoli per eseguire le moltiplicazioni.

1620 Edmund Gunter costruisce il primo regolo logaritmico.

1623 Wilhelm Schickjard all’Università di Tubinga progetta la prima sommatrice meccanica, progetto riscoperto nel 1930 tra le carte di Keplero.

1624 Henry Briggs pubblica la prima ampia tavola di logaritmi.

1630 in quegli anni Descartes inventa il piano cartesiano, uno strumento concettuale che permette di collegare l’algebra alla geometria.

1642 Blaise Pascal costruisce la Pascalina, la prima macchina funzionante capace di sottrarre e sommare numeri.

[p. 275 modifica]

1650 Leibniz e Newton mettono a punto separatamente i concetti fondamentali del calcolo differenziale.

1671 Leibniz progetta e costruisce la prima macchina calcolatrice capace di effettuare moltiplicazioni.

1731-38 Vaucanson costruisce i più famosi tra i suoi automi.

1741 Vaucanson viene nominato ispettore generale delle manifatture francesi, con l’incarico di sovrintendere al rilancio della industria della seta: dopo attenti studi introduce un sistema di cilindri forati per comandare i telai; questo sistema è derivato direttamente dai cilindri dentati usati per gli automi.

1745 viene brevettato il regolatore di direzione dei mulini.

1783 viene progettato il primo termostato.

1787 viene impiegato il pendolo centrifugo nei mulini a vento.

1790 Watt installa il pendolo centrifugo sul primo motore rotativo a vapore.

1800 Una commissione presieduta da Laplace mette a punto il sistema metrico decimale che si diffonderà nell’Europa continentale con le invasioni napoleoniche.

1804 Joseph Marie Jacquard costruisce un telaio comandato automaticamente mediante schede di cartone perforate, introduce cioè sulla idea di Vaucanson la possibilità di organizzare modularmente la sequenza dei comandi.

1820 Thomas de Colmar costruisce l’aritmometro, la prima calcolatrice costruita in serie.

1822 Charles Babbage realizza la «macchina differenziale» in grado di svolgere autonomamente calcoli scientifici ed astronomici.

[p. 276 modifica]

1832 Charles Babbage presenta il progetto di una macchina analitica, mai realizzata, che contiene in maniera estremamente anticipatrice molte delle idee che poi porteranno alla realizzazione dei calcolatori. Tra le altre va ricordata l’applicazione delle schede perforate, recentemente introdotte da Jacquard sui telai, a macchine matematiche. Negli anni immediatamente successivi Lady Ada Byron scrive il primo programma per la macchina di Babbage: il programma avrebbe dovuto ricercare i numeri primi.

1847 George Boole pubblica “L’analisi matematica della logica” una teoria dei sistemi binari nota come “algebra booleana”.

1850 Taverier-Gravet aggiunge il cursore al regolo logaritmico. Viene brevettata la prima addizionatrice a tastiera.

1872 Lord Kelvin costruisce il suo analizzatore delle maree, basato sul calcolo analogico.

1876 viene costruita la prima addizionatrice a nastro.

1883 viene costruito il primo registratore di cassa.

1887 Bollée inventa il modo per eseguire le moltiplicazioni senza ricorrere alle somme ripetute.

1889 Dorr Felt realizza la Comptograph, macchina calcolatrice con stampante incorporata.

1890 Hermann Hollerith brevetta la tabulatrice elettrica per il censimento della popolazione degli USA; questa sommatrice impiega schede perforate a quarantacinque colonne.

1919 viene costruito il primo circuito a flip-flop adatto a macchine calcolatrici numeriche.

1921 lo scrittore ceco Karel Capek impiega per la prima volta la parola ROBOT per indicare un lavoratore meccanico automatizzato.

[p. 277 modifica]

1926 prima comparsa di un robot al cinema in METROPOLIS

di Fritz Lang.

1928 la capacità delle schede perforate viene portata a ottanta colonne.

1931 Vanevar Bush costruisce il primo calcolatore analogico moderno.

1936 Alan Turing enuncia il modello teorico del calcolatore.

1937 John V. Atanassof formula le idee base del calcolatore elettronico: calcolo seriale, codice binario, memoria rigenerativa.

1938 Konrad Zuse costruisce lo Z1 il primo calcolatore elettromeccanico.

1941 Konrad Zuse costruisce lo Z3 a controllo programmato mediante nastro perforato.

1944 Howard H. Aiken costruisce Mark, il calcolatore aritmetico universale elettromeccanico come gli Z di Zuse.

1945 John von Neumann progetta E.D.V.A.C., dotato di programma memorizzato.

1946 progettato e realizzato da J.P. Eckert, J.W. Mauchly ed H.H. Goldstine, entra in funzione ENIAC, il primo calcolatore elettronico. 1947 vengono costruiti i primi transistor. 1948 SSEC è il primo calcolatore ad impiegare il programma memorizzato proposto da von Neumann. 1951 compare il FERRANTI MARK1 il primo calcolatore costruito in serie. Viene realizzato WIRL-Wind un calcolatore capace di reagire in tempo reale per gestire un simulatore di volo. [p. 278 modifica]

1953 viene sperimentata la prima memoria a disco magnetico.

1956 John Mac Carty, studioso dell’MIT, conia il termine di intelligenza artificiale.

1957 John Backus inventa il primo linguaggio di programmazione, il FORTRAN.

1958 primo esemplare di circuito integrato; diventa operativo il primo sistema di difesa aerea SAGE: una rete di radar collegati ad un enorme elaboratore.

1959 compaiono i calcolatori della seconda generazione a transistor.

1961 primo calcolatore a circuiti integrati; viene installato un robot per il controllo delle presse in una carrozzeria della General Motors.

1964 si diffonde la terza generazione di computer basata sull’impiego dei circuiti integrati.

1965 viene creato il Basic, linguaggio di programmazione destinato a principianti.

1966 viene presentato il Programma 101, primo calcolatore da tavolo.

1968 viene costruita la prima Ram da 1 K (1024 bit di informazioni).

1971 F. Faggin costruisce il primo microprocessore, che caratterizzerà i computer della quarta generazione, quella attualmente sul mercato. Nicolaus Wirt presenta Pascal, il primo linguaggio di programmazione strutturato.

1972 nasce il primo gioco gestito da un calcolatore PONG, costruito da Norman Bushnel.

1975 viene presentato dalla rivista POPULAR

[p. 279 modifica]

ELETTRONICS un computer personale da assemblare in casa

l’ALTAIR 8800 che costa solo 650 dollari.

1976 K. Appel e W. Haken dimostrano il teorema dei quattro colori con 1200 ore di elaborazione.

1977 Stephen Wozniac e Steven Jobs costruiscono l’APPLE 2, basato su un microprocessore ad otto bit, il primo calcolatore personale a diffusione di massa; nascono i primi videogiochi di avventura: ADVENTURE e DUNGEON.

1978 viene posto in commercio VISICALC, il primo foglio elettronico. Compare CP/M, quello che sarà il più diffuso sistema operativo per personal computers ad otto bit.

1980 compare LOGO, un linguaggio di programmazione destinato ad usi pedagogici.

1981 viene commercializzato negli USA il PC IBM, un personal basato su un microprocessore a sedici bit, che diventa leader del mercato in pochi anni. Viene presentato il sistema operativo MS-DOS.

1982 il governo giapponese lancia il «Progetto per i sistemi informatici della quinta generazione».

1984 viene realizzata la prima memoria RAM da un milione di bit.

1986 viene presentata la Connection Machine, un calcolatore parallelo di grande potenza.