I malcontenti/Atto III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto III

../Atto II ../Nota storica IncludiIntestazione 27 luglio 2019 25% Da definire

Atto II Nota storica

[p. 289 modifica]

ATTO TERZO.

SCENA PRIMA.

Sala terrena comune alla due case, con fanale acceso.

Il signor Ridolfo ed il Procuratore.

Ridolfo. Sì signore, voglio aspettar qui il signor Geronimo, e sentire un poco da lui, come e’entra ne’ fatti miei; e quale difficoltà, quale dubbio abbia egli di darmi a censo i mille scudi. E se niente mi stuzzica, gli insegnerò io il modo di trattare co’ galantuomini pari miei.

Procuratore. E in casa sua lo vorrebbe ella insultare?

Ridolfo. Questa, ove siamo, non è casa sua. Questo luogo, che serve d’ingresso alla sua ed alla nostra casa, è comune. Posso, se mi monta davvero, strapazzarlo liberamente.

Procuratore. Strapazzarlo poi, signore... non si fa nemmeno in mezzo alla strada, che è più comune ancora di questa sala terrena. u [p. 290 modifica]

Ridolfo. Lo sapete voi, signore, ch’io sono mezzo disperato, e più di mezzo ancora?

Procuratore. Veramente la compatisco. I suoi creditori non dor- mono questa notte. Altri sono alle porte della città, altri girano qui d’intorno...

Ridolfo. Come! m’assediano! mi circondano! Sono io un qualche fallito? Mi maraviglio di voi, che abbiate anche l’ardire di dirmelo.

Procuratore. Io penso di far bene avvisandola.

Ridolfo. Non avranno tanta temerità. Sarà poi più interesse vostro, che loro.

Procuratore. Interesse mio, eh? Che caro signor Ridolfo! S’ella non mi conosce bene sinora...

Ridolfo. Siete di una razza di gente, che non si conosce mai abbastanza.

Procuratore. Mi maraviglio di lei, signore: a quest’ora dovrebbe conoscermi. Se nella professione mia vi è qualche briccone, sarà particolarmente segnato, ma il numero maggiore è quello de’ galantuomini, ed io mi vanto di essere fra questi. Un giorno conoscerà meglio chi sono. Andrà, andrà nelle ugne di alcuno di quelli che tengono mano a contratti illeciti; troverà di quelli che le faranno avere il denaro ad usura, e poi verranno con lei a mangiare la loro quota in campagna. Servitor umilissimo. (in allo di parlire

Ridolfo. Venite qui, sentite.

Procuratore. Non occorr’altro; la riverisco divotamente. (parie

SCENA II.

Il signor Ridolfo, poi Grilletta.

Ridolfo. Io sono nel maggior imbroglio di questo mondo. Se non fosse l’impegno... Sento gente dalla parte del signor Ge- ronimo. Sento scender le scale; se fosse lui almeno... Ma no, è la serva di casa.

Grilletta. (Guardate se sono vere pazzie queste. Mandarmi a quattr’ore di notte fuori di casa). (da sè [p. 291 modifica]

Ridolfo. Ehi! Grilletta; il signor Geronimo è in casa?

Grilletta. Non signore, non c’è.

Ridolfo. E molto che a quest’ora non sia tornato.

Grilletta. E ito alla commedia egli pure.

Ridolfo. Se verrà a casa, dovrà passare di qui.

Grilletta. Ci sarebbe nessuno de’ suoi servitori, che volesse un po’accompagnarmi?

Ridolfo. Dove avete d’andare a quest’ora?

Grilletta. Oh, veda lei se questa è ora da mandare una fan- ciulla come me, sola sola, e di più al buio ancora.

Ridolfo. Chi vi manda?

Grilletta. La padrona mi manda.

Ridolfo. E in casa la signora Felicita? Non è ita alla commedia ella pure?

Grilletta. Non signore, suo fratello e suo padre volevano che ci andasse. Lo zio non voleva. Hanno gridato un poco; poi ella ha voluto restare in casa.

Ridolfo. Segno ch’è una figliuola rassegnata e discreta.

Grilletta. Sì, discretissima! rassegnatissima! Lo sa vossignoria perchè è restata in casa?

Ridolfo. Che volete ch’io sappia? Credeva per non disgustare lo zio.

Grilletta. E restata in casa per far impazzire me, ed altre due donne ancora. Vuole in ogni maniera un vestito da viaggio per domattina. Il sarto non lo può fare; fatto non si trova; ed ella presto presto ha tagliato un andrienne, ha chiamato una sarta con un’altra donna; lavora lei, ci lavoro io, e non si va a letto, se l’abitino non è finito.

Ridolfo. Queste signore sono capricciosissime.

Grilletta. Ma come la mia non se ne dà.

Ridolfo. Anche mia sorella ha voluto fare il vestito...

Grilletta. Ma non è niente il vestito. Senta, se vuol ridere. Mi manda a quest’ora dalla signora Taddea, che non istà poi tanto vicina; mi manda a pregarla che le dia in prestito un tabarrino da viaggio, un cappellino alla moda, ed un ombrellino da parar il sole. [p. 292 modifica]

Ridolfo. Non le ha queste cose la signora Felicita?

Grilletta. Non le ha, e vuol parere di averle. In verità mi fanno da ridere queste signore, che per comparire in qualche occasione vanno qua e là accattando le robe in prestito; e chi le dà, lo dice, e si fanno poscia burlare.

Ridolfo. E se altri non lo dicesse, lo dicono le cameriere.

Grilletta. Oh, io lo dico a lei, ch’è nostro vicino di casa. Del resto ad altri non lo direi.

Ridolfo. So che siete una fìgliuolina di garbo.

Grilletta. Mi dispiace ora... Non ha nessuno in casa da farmi un pò compagnare?

Ridolfo. Non c’è nessuno. Sono al teatro con mia sorella.

Grilletta. Si sa niente ancora della commedia nuova?

Ridolfo. Niente, non sarà ancora finita.

Grilletta. Oh, la sarebbe bella che non incontrasse.

Ridolfo. Che male sarebbe egli? L’esito è sempre incerto.

Grilletta. Male sarebbe per la signora Felicita, che avrebbe persa una notte, rovinato un andrienne, e non andrebbe in villa.

Ridolfo. Perchè? Come c’entra la riuscita della commedia col- r andar di fuori?

Grilletta. Come e’entra? Ve lo dirò io, come e’entra. Se non piace, i comici non daranno al signor Grisologo il regalo pro- messogli di dodici zecchini, e senza questi non si va in campagna.

Ridolfo. Dite il vero?

Grilletta. Verissimo.

Ridolfo. Ma come? Raccontatemi; ditemi un poco meglio.

Grilletta. Oh, voi mi vorreste far dire, ed io non voglio dir niente. Anderò dalla signora Taddea per il tabarrino, per il cappellino, e per l’ombrellino. Ma se non vengono i dodici zecchini, non si va di fuori. Il padre non ne ha; lo zio non ne vuol spendere. La figliuola è ambiziosa. Basta basta... non dico altro. (parte per la porta di mezzo [p. 293 modifica]

SCENA 111.

Il signor Ridolfo. Il mondo è fatto così, per quello ch’io vedo. Ciascheduno vuol fare più di quello che può. lo mi rovino a debiti, e non so come anderà a finire. Mi basterebbe per quest’anno solo poter tirar innanzi con riputazione. L’anno venturo mi metterei un poco in economia. Gli è vero, che sono cinque o sei anni che vo dicendo così, ma una volta poi ci s’ha da venire ad una riforma. Se non altro in occasione di maritarmi. Se crepasse que- sto (1) vecchiaccio del signor Geronimo! Se potessi metterci le ugne in quei dobloni di Spagna... Oh, ecco che tornano dalla commedia. E per partire non c’è fondamento (2). Oh sì, che vogliamo sentire la signora sorella a cantarmi la solfa in tutte le quattro chiavi.

SCENA IV.

La signora LEONIDE col signor Makio, seroiti di lumi da Servitori, ed il suddetto.

Leonide. Eccoci, eccoci; fate attaccare, che siamo all’ordine.

Ridolfo. E finita la commedia?

Leonide. Non ancora; non abbiamo avuto la sofferenza di starci sino alla fine.

Ridolfo. Avrei piacer di sapere, come da ultimo il popolo l’ha applaudita.

Leonide. Il signor Roccolino, che vi è rimasto, ve lo saprà dire. Intanto ordinate che attacchino; non perdiamo tempo.

Ridolfo. Aspettiamo il signor Roccolino. Ma ditemi qualche cosa della commedia. C è niente di buono?

Leonide. Se la finiscono, fanno molto.

Ridolfo. E cattiva dunque?

Leonide. Scelleratissima. ( I ) Zatta: quel. (2) Mancano queste parole nelle edd. Guibert-Orgeas, Zatta ecc. [p. 294 modifica]

Ridolfo. E vero, signor Mano?

Mario. Cosa peggiore non ho sentito a’ miei giorni.

Ridolfo. Sachespir non piace dunque?

Mario. Non piace, perchè il signor Grisologo non T ha saputo imitare.

Leonide. Non vi è ordine, non vi è intreccio, non ci sono caratteri. Oh che pasticcio!

Mario. Io non so mai, perchè il signor Grisologo siasi posto ad un tale impegno.

Ridolfo. Ve lo dirò io il perchè. Per guadagnare dodici zecchini.

Leonide. Poveri comici! li hanno gettati via.

Ridolfo. Se non piace, non glieli danno.

Leonide. Oh, non li ha dunque?

Ridolfo. e se non li ha, ne lui, nè la signora Felicita vanno in villa.

Leonide. Come lo sapete? Chi ve l’ha detto?

Ridolfo. ^ Grilletta me lo ha detto, la cameriera.

Mario. E bellissima r istoriella.

Leonide. Non ci viene più a ritrovare la signora Felicita.

Ridolfo. Zitto, zitto, ch’ella scende le scale, e viene da voi.

Leonide. Povera donna! mi fa compassione.

Ridolfo. Usate prudenza con lei, non la state a mortificare.

Leonide. Se si tratta di compiacervi, le darò gusto.

Mario. Meglio per lei, che non sia stata in teatro.

SCENA V.

La signora FELICITA e detti.

Felicita. Serva di lor signori. Perdonino. Ho veduto dalla finestra tornare la signora Leonide; la curiosità mi sprona. Come è riuscita la commedia di mio fratello?

Leonide. Bellissima.

Felicita. Davvero?

Leonide. Lo domandi al signor Mario.

Felicita. Mi dica qualche cosa, signore. (a Mario [p. 295 modifica]

Mario. Eh, il signor Grisologo è giovine; si farà sempre meglio.

Felicita. Ma non ha fatto bene ora?

Leonide. Sì, ha fatto benissimo.

Felicita. Ha avuto applauso in teatro?

Leonide. Ho sentito tre o quattro paia di mani che battevano.

Felicita. Battevano dunque? (a Mario

Mario. Sì signora, battevano.

Leonide. Ed il signor Policastro come s’affaticava a battere!

Felicita. Anche mio padre batteva?

Leonide. Anche lui, e il parrucchiere, e ’1 sarto, e i portinai dei teatro battevano terribilmente.

Felicita. E piaciuta dunque la commedia di mio fratello. (a Ridolfo

Ridolfo. Si può sperare che r universale l’abbia aggradita.

Felicita. (Buono buono. Anderemo in villa). (da sè

Leonide. Che volevano significare, signor Mario, coloro che sba- digliavano?

Mario. Gente che non sa, che non bada.

Felicita. Ignoranti saranno stati.

Leonide. E quelli che strillavano, che sussunavano, che corbel- lavano?

Mario. Potevano essere anche genti maligne.

Felicita. Genti mandate a posta saranno state.

Ridolfo. Non occorre badare a tutto.

Felicita. Basta, la commedia è riuscita bene. (a Leonide

Leonide. Riuscì a maraviglia.

Felicita. È finita? (a Leonide

Leonide. Non ancora; siamo partiti ch’erano all’atto terzo, e la commedia è di cinque atti.

Felicita. Perchè non è stata sino alla fine?

Leonide. Perchè dobbiamo partire.

Ridolfo. Ecco il signor Grisologo.

Felicita. La commedia è finita dunque.

Leonide. Così presto? non è possibile.

Mario. Sarà venuto via innanzi, dunque. [p. 296 modifica]

SCENA VI.

Il signor Grisologo e detti

Leonide. (Vedendo venire il signor Grisologo melanconico, se ne ride in segreto col signor Mario.)

Grisologo. (Ah! pazienza!) (da sè, in aria melanconica

Leonide. (Fa lo stesso col signor Ridolfo.

Felicita. E finita la commedia? (a Grisologo Grilletta, h finita.

Leonide. Come mai così presto? Siamo partiti ora, ch’erano al- l’atto terzo.

Grisologo. Sapete l’impertinenza che m’hanno fatto i maligni? Hanno sollevato il teatro, ed hanno costretto i comici a calar la tenda.

Leonide. (Ride col signor Mario.

Felicita. Sono stati i maligni? (a Grisologo

Grisologo. E chi volete che l’abbia fatto?

Leonide. Povero signor Grisologo. Tutta invidia.

Grisologo. Dicano la verità, essi che ci sono stati: era una cosa che meritasse un affronto simile?

Leonide. Far calar la tenda? Piuttosto non alzarla nemmeno,

Grisologo. Non l’intendo, signora Leonide.

Mario. Vuol dir la signora, che in questi casi è da desiderare di non essersi esposti.

Grisologo. Sa ella che cos’è, signore? Non intendono niente.

Leonide. Questo è quello che diceva io; non intendono niente.

Ridolfo. Non vi perdete per questo, signor Grisologo. Un’altra vi rimetterà in riputazione.

Grisologo. Sì; voglio fame delle altre, a dispetto de’ miei nemici.

Leonide. Ecco il signor Roccolino; fate attaccare. E che si parta una volta. (a Ridolfo

Ridolfo. (Non si vede venire il signor Geronimo. Non so che risolvere). (da sè [p. 297 modifica]

SCENA VII.

Il signor Roccolino e detti.

Roccolino. Servitor umilissimo di lor signori. Bravo, signor Gri- sologo; me ne rallegro infinitamente.

Leonide. Gh è piaciuta la commedia, signor Roccolino?

Roccolino. Bella davvero; ci ho avuto gusto. Bene scritta; bei sentimenti, belle parole, bello stile, bella frase, bellissima di- citura; in verità, me ne rallegro infinitamente.

Grisologo. Sentono, signori miei? Non l’ho detto io, che i maligni me r hanno buttata a terra?

Leonide. Certo una gran bella cosa! E un peccato, signor Roc- colino, che non l’abbiano terminata.

Roccolino. Come? non l’hanno terminata? Sì, signora, termina- tissima. Ho veduto io calare la tenda.

Leonide. Ma la tenda l’hanno calata prima che la commedia fosse finita.

Roccolino. Davvero! questo non lo sapevo. La commedia è fatta con tale artifizio, che si può finire quando si vuole; bravo, signor Grisologo, me ne rallegro infinitamente.

Grisologo. Obbligatissimo alle di lei grazie. S’ella avesse desiderio di sentir il fine, posso servirla anche adesso, se vuole.

Roccolino. Mi farebbe un piacere singolarissimo.

Leonide. Non ci mancherebbe altro, che questo resto di seccatura. Signor Ridolfo, voi siete incantato, a quel che si vede. Anderò io a sollecitare questo gran viaggio. Con licenza di lor signori, la signora Felicita ci verrà a ritrovare in campagna; il signor Grisologo ci finirà di leggere la sua bella commedia in cam- pagna. (Poveri spiantati, non ci vengono per quest’anno). (da sè, e parte col signor Mario

Roccolino. Io ho l’onor di servir la signora, e ho l’onore di riverir lor signori. E al signor Grisologo ho l’onore di dirgli: me ne rallegro infinitamente. (parte [p. 298 modifica]

SCENA Vili.

La signora FELICITA, RIDOLFO e Grisologo.

Felicita. (I zecchini ci saranno?) (piano a Grisologo

Grisologo. (Pensate! se mi hanno fatto calar la tenda).

Felicita. (Pazienza. Povero il mio andrienne!) Signor Ridolfo, ella va in campagna. Faccia buon viaggio. Si diverta bene. (con passione

Ridolfo. Non ci sono ancora andato, signora.

Felicita. Se non è andato, è vicino a andarvi, ed io resterò qui. (asciugandosi gli occhi

Ridolfo. Dunque, signor Grisologo, non siete più in caso ora d’andar in villa?

Grisologo. Lasciatemi stare. Sono arrabbiato quanto mai posso essere.

Felicita. E il signor Ridolfo anderà a divertirsi. Bella premura che ha per me! Sono sincere l’espressioni che ha avuto la bontà di farmi. (con ironia

Ridolfo. (Vo’ cogliere qualche profitto dalla mia disgrazia), (da se) Signora Felicita, le mie espressioni sono sincere. S’ella non parte, non partirò nemmen io.

Felicita. E la signora Leonide?

Ridolfo. Nemmeno.

Felicita. Ma se è vestita da viaggio.

Ridolfo. Colla facilità con cui si è vestita, potrà spogliarsi.

Felicita. Si, è verissimo; potrà spogliarsi. Caro signor Ridolfo, vedo ch’ella ha della bontà per me. Si assicuri della mia gratitudine. (Pazienza, s’io non vado in campagna; bastami che non ci vada la signora Leonide). (da sè, e parte

SCENA IX.

Il signor Grisologo e il signor Ridolfo.

Grisologo. Non mi sarei mai creduto, che la mia commedia dovesse avere un esito così infelice.

Ridolfo. Non avete perciò ad affliggervi. Sono accidenti che accadono. [p. 299 modifica]

Grisologo. Se l’avessero lasciata finire, si sarebbe replicata dieci volte almeno.

Ridolfo. M’immagino che il buono sarà stato nel fine.

Grisologo. La faceva terminare con questi versi. Se gli uditori non erano statue, conveniva per forza che la facessero replicare. Sentite, se si può dire in modo più obbligante, più tenero, più convincente: Ecco, uditori, il fine dell’opera piacevole: L’ OTìor, la gloria, il merlo fra tìoì fu vicendevole. Da noi aveste in dono il grande e l’ammirabile. Noi ricevemmo in cambio l’aggradimento amabile. Dell’umile poeta vadan gli applausi all’etera: Battete e ribattete mani, piedi etcetera.

Ridolfo. Poteva darsi che avessero battuto, ma se poi la sera dopo non andava gente al teatro, era peggio.

Grisologo. Per me era meglio. 1 comici, a loro dispetto, avrebbono dovuto confessare che la commedia aveva incontrato.

Ridolfo. E vi avrebbono pagato i dodici zecchini?

Grisologo. Dodici zecchini? Che cosa sapete voi di dodici zecchini?

Ridolfo. Caro amico, le cose si sanno. Ma non vi prendete soggezione di me. Sappiate che io pure sono nel caso vostro. Senza trovar denaro, non posso andare in campagna.

Grisologo. Resteremo qui tutti dunque.

Ridolfo. Se avessi io uno zio ricco come il vostro, so bene che, per amore o per forza, ne vorrei certo delli denari.

Grisologo. Se sapessi il modo.

Ridolfo. Egli finalmente maneggia il vostro. In quello scrigno vi è la parte di vostro padre e la parte vostra.

Grisologo. E verissimo; ma come ho da fare?

Ridolfo. Se foss’io in luogo vostro, vorrei aprirgli lo scrigno, e prendermi la parte mia.

Grisologo. Mi consigliate a farlo dunque?

Ridolfo. Io non vi consiglio a farlo, vi dico quello che per me farei. [p. 300 modifica]

Grisologo. Lo farò, io.

Ridolfo. Torno a dirvi: non vi consiglio di farlo, ma quando mai lo faceste, caro amico, ho bisogno di mille scudi. Vi pa- gherò il vostro censo, e anderemo in campagna.

Grisologo. Prima ch’ei tomi a casa, volete che tentiamo ora, presto presto, se potessimo fare il colpo?

Ridolfo. Io non vi consiglio di farlo.

Grisologo. Son persuaso da me, senza che me lo consigliate. Venite solamente per compagnia.

Ridolfo. Verrò, ma avvertite bene, per qualunque caso vi protesto che non vi consiglio di farlo.

Grisologo. Non occorr’altro. Andiamo; si perde il tempo. Dirò, come diceva Arlecchino nella mia commedia...

Ridolfo. Che c’era Arlecchino in Inghilterra, a tempo di Cromuel?

Grisologo. Ci fosse o non ci fosse, queste sono licenze poetiche, lo ce r ho messo per far ridere. Sentite, se non è una cosa da far crepare: No voi perder più temp: a Londra voi andà, A fa quel ch’el patrìi m’ha dice e comanda. Mo che gran bella cossa! el patrù parla ingles. Mi parli bergamasch, all’us del mi paes. Lu no m’intend mi, mi no l’intendi lu, E pur se fa, se dis, d’i coss in tra de nu. Qualchedun me dirà: come fet, Arlecchin? Respond che la virtù la sta in tei me codin. Questo no l’è el demoni, questa no l’è magia: L’è virtù del poeta: viva la poesia. (parte

Ridolfo. Scioccherie sono queste... ma mi preme il denaro, se mai si potesse avere. Oh impegno, impegno, che cosa mi consigli di fare? Basta... Il denaro lo prendo a censo. 11 ra- pitore è nipote, e gli ho protestato e riprotestato... Ah, è meglio non ci pensare. Se ci penso, la delicatezza d’onore non lo comporta. (parte [p. 301 modifica]

SCENA X.

Il signor Geronimo, il signor Policastro e Ceppino (0 servitore, colla lanterna.

Geronimo. V ho detto, e vi torno a dire, che Grisologo è un ignorante.

Policastro. Ed io vi dico, che ne sa più di voi.

Geronimo. Nella commedia di questa sera ci sono più spropositi che parole.

Policastro. Spropositi? Se scrive da Cicerone. Scrive colla crusca alla mano; dice paroloni stupendi.

Geronimo. Paroloni fuor di proposito. E poi, che pasticcio è quello che ha egli fatto? Si può far peggio?

Policastro. Pasticcio chiamate una commedia fatta sul gusto di quelle di Sacca... di Sacchi... di Sacco... (2)

Geronimo. Di Sacchespir volete dire. C è tanta differenza, come dal giorno alla notte.

Policastro. Chi sente voi, non ci sono altri dottori che voi, e io non so niente io.

Geronimo. Oh, voi sapete molto! Povera la vostra famiglia, se venisse regolata da voi.

Policastro. Povera, povera, povera... Ceppino.

Ceppino. Signore.

Policastro. Ce ne sono più fichi?

Ceppino. Tre o quattro ancora.

Policastro. Date qui.

Ceppino. Eccoli. (gli dà d cartoccio

Policastro. Povera, povera, povera. (mangiando fichi

Geronimo. Eccoli lì i due mestieri del signor Policastro. Mangiare e dormire.

Policastro. E voi taroccare, e contcu: quattrini. (I) Questo nome non si legge fra i personaggi: v. se. Il, a. II. (2) Allusione alle commedie dell’arie del famoso iruff aldino Antonio Sacchi o Sacco (in quel tempo a Lisbona). [p. 302 modifica]

SCENA XI.

Cricca e detti.

Cricca. Signor padrone (’).

Policastro. Che c’è?

Cricca. Non dico a lei, dico al signor Geronimo.

Policastro. Eh, già non sono padrone io; non conto nulla io.

Cricca. Ho una cosa da dirle. (a Geronimo

Geronimo. Ditela.

Cricca. Che non senta il signor Policastro. (piano a Geronimo

Geronimo. Venite qui. (lo tira in disparte

Policastro. Non ho da sentire io; non e’entro io; non conto nulla IO. (mangiando fichi

Cricca. (Ho sentito strepito nella di lei camera. Ho guardato per il buco della chiave, e ho veduto il signor Grisologo, unitamente al signor Ridolfo, che forzavano il di lei armadio). (piano a Geronimo

Geronimo. (Cospetto di bacco!) (parte subito

Policastro. Che c’è? dove va?

Cricca. Non so niente io. (parte

Policastro. Va a vedere che cosa c’è. (a Geppino

Ceppino. Vuol restare qui solo?

Policastro. Anderò ancor io a vedere... No, è meglio che me ne vada nella mia camera... (parte da un altro lato con Geppino

SCENA XII.

Camera con lumi sul tavolmo. La signora FELICITA, poi GRILLETTA.

Felicita. Pagherei uno scudo a poter vedere la signora Leonide, e corbellarla un poco. Ma la vedrò domani. Spero che il signor Ridolfo tratterà meco da galantuomo; mi manterrà quello che mi ha promesso; ed io poi sarò obbligata di corrispondere... (I) Distrazione goldoniana: nei due primi atti Cricca è Krvitoie di Ridolfo. [p. 303 modifica]

Grilletta. Eccomi qui. La signora Taddea la riverisce. Le manda il tabarrino...

Felicita. Non mi occorre altro. Glielo potete riportare.

Grilletta. Ci è il cappellino, e l’ombrellino ancora.

Felicita. Se vi dico che non mi occone.

Grilletta. Non si va altro in villa?

Felicita. Per ora no. Domattina riportate le robe sue alla signora Taddea, ditele che la ringrazio... Sentite, potete dirle che ho mandato a prendere queste cose per mostra, e che mi faccio un tabarrino nuovo, un cappellino nuovo ed un parasole.

Grilletta. Sì signora, ho capito. Ma che vuol dire, che non si va in campagna?

Felicita. Vuol dire che non va più nemmeno la signora Leonide.

Grilletta. Certo, egli è vero. Non ci va più. Passando ora per la sala terrena, l’ho sentita gridar come un’aquila. Lo sa ella, signora padrona, il perchè non va la signora Leonide?

Felicita. Lo so certo. Il signor Ridolfo, che ha della stima di me, si è impegnato meco di non partire, se non siamo in grado di partir seco.

Grilletta. Oh signora mia, ella è male informata.

Felicita. Come! non sarà vero che il signor Ridolfo abbia pre- mura per me?

Grilletta. Sarà verissimo; ma non è questo il motivo che lo trattiene.

Felicita. Che altro dunque Io può arrestare?

Grilletta. Sono stata informata di tutto, ora in passando, dalla cameriera della signora Leonide. Dice così, che il signor Ri- dolfo è circondato da’ creditori, e se non li paga prima di andarsene, gli succederanno de’ guai.

Felicita. Oh, questa è bella davvero! Ora vorrei che mi capitasse alle mani la signora Leonide. Ci ho tanto gusto. Grilletta, quanto se andassi ora in villa, e credo ancora di più.

Grilletta. Affè, mi pare... è dessa senz’altro. (^guardando tra le scene

Felicita. Chi? [p. 304 modifica]

Grilletta. La signora Leonide.

Felicita. Oh bellissima! viene a tempo.

Grilletta. Vado a ripor queste robe. Dica forte, che sentirò ancor io. (parte

SCENA XIII.

La signora FELICITA, poi la signora LEONIDE, poi GRILLETTA.

Felicita. Pare che il demonio r abbia mandata a posta.

Leonide. Compatisca, signora Felicita, è qui mio fratello?

Felicita. Non l’ho veduto, signora.

Leonide. Dove diamine si è cacciato? In casa non si trova: mi è stato detto ch’egli sia col signor Grisologo.

Felicita. Io non ho veduto nè r uno, nè l’altro.

Leonide. Mi vuol far disperare questo mio fratello.

Felicita. Quando va di fuori, signora Leonide?

Leonide. Tutto è pronto, e non trovasi il signor Ridolfo.

Felicita. Il signor Ridolfo non sarà lontano. Ma mi dispiace darle una cattiva nuova.

Leonide. Che vuol dire, signora?

Felicita. Vuol dire, che il signor Ridolfo per ora non anderà più in villa, e a lei toccherà star qui, poverina.

Leonide. Come! dice davvero? Che cosa mai gli è accaduto?

Felicita. Credo che sia per una picciola difficoltà.

Leonide. Ma perchè mai?

Felicita. In confidenza, in segno di vera amicizia; già nessuno ci sente. Credo sia perchè gli manchino de’ quattrini.

Leonide. Mi maraviglio, non può essere. Casa nostra non è in questo stato; s’ingannerà, signora.

Felicita. Non occorre farsene maraviglia. A tutti qualche volta può mancare il denaro. E guai a chi manca. Casa sua, per esempio, paga tutti con tanta pontualità; e una sol volta che non ha potuto pagare il sarto monsieur Lolì, dice cose colui, [p. 305 modifica]che meriterebbe di essere bastonato. Fa bene a non servirsi più da lui, a mortificarlo.

Leonide. (La capisco l’impertinente. Ma giuro al cielo, mi saprò vendicare). (da sè

Felicita. Grilletta. (chiama

Grilletta. Signora. (di dentro

Felicita. Portami quel!’abitino da viaggio.

Grilletta. La servo subito. (di dentro

Leonide. Un abito fatto sì presto?

Felicita. Lo vedrà. Non è finito del tutto.

Grilletta. Eccolo, signora. (porta l’abito

Leonide. Oh oh, dove l’ha preso? In ghetto? (ridendo

Felicita. Non signora, le donne lo lavorano in casa.

Leonide. Un bell’abito nuovo di pezza vecchia!

Felicita. Almeno non farò aspettare ne il mercante, nè il sarto.

Leonide. E perchè se l’è fatto queir abitino?

Felicita. Per andar in campagna.

Leonide. Quando?

Felicita. Presto prestissimo.

Leonide. In confidenza, in segno di vera amicizia; già nessuno ci sente. Come vuol ella andar in campagna, se il signor Grisologo non ha avuto i dodici zecchini della commedia?

Grilletta. (Uh povera me!) (da sì

Felicita. Come! che die’ella de’ dodici zecchini?

Leonide. Domandatelo a Grilletta, che lo sa meglio di me.

Felicita. Temeraria! come lo potete voi dire? (a Grilletta

Grilletta. Vado a rimetter l’abito nel guardarobe. (parte

Leonide. Incartatelo, che non venga nera la guarnizione. (verso Grilletta

Felicita. Credo ch’ella lo saprà, signora, che in casa nostra si vive d’entrata.

Leonide. E con tante ricchezze non le fanno un abito con un poco di civiltà. [p. 306 modifica]

SCENA XIV.

Il signor Geronimo e dette.

Geronimo. Che si fa qui, signore mie garbatissime?

Leonide. Io cerco di mio fratello, signore.

Geronimo. Il suo signor fratello so io dov’è. Non è molto di qua lontano.

Leonide. Mi faccia il piacer d’avvisarlo che tutto è in pronto, che non si aspetta che lui.

Geronimo. Ha qualche cosa che fare ora; non potrà venir cosi subito.

Leonide. E che cosa fa egli? si può sapere?

Geronimo. Lo saprà da qui a poco; ora non posso dirglielo.

Leonide. Son curiosa ben di saperlo.

Felicita. Vi è qualche novità, signore? (- Geronimo

Geronimo. Vi sono delle bellissime novità di lui e di vostro fratello. (a Felicita

Felicita. Son curiosa anch io di saperlo.

Geronimo. Se lor signore voghono aver il piacere di saper tutto, favoriscano ritirarsi per qualche poco, e si chiariranno per- fettamente.

Leonide. Dica, signore, crede ella che questa notte si vada altro in campagna? (a Geronimo

Geronimo. Ho paura di no.

Leonide. Vogliamo star bene. Si dormirà sulle seggiole. (entra in una camera

Felicita. (Non ci voglio stare con lei. Ho troppa vergogna, ch’ella abbia saputo dei dodici zecchini). (entra in un’altra camera

SCENA XV.

Il signor Geronimo, poi Cricca.

Geronimo. Cricca.

Cricca. Signore.

Geronimo. Avete trovato il signor Policastro? [p. 307 modifica]

Cricca. Si signore, è qui di fuori in sala.

Geronimo. Fatelo venire. Ditegli che ho una cosa da comuni- cargli. Hanno tentato d’uscire dall’altra porta i due manigoldi?

Cricca. Non ho sentito niente alla porta. Lavorano ancora intomo all’armadio.

Geronimo. Bene dunque. Tenete queste chiavi. Aprite per di là, ed entrate a drittura. Essi resteranno sorpresi. Voi fingete di volerli assistere; e dando loro a credere di salvarli, aprite quest’altra porta, e conduceteli per di qua. Portatevi bene, e ci sarà per voi un paio di scarpe.

Cricca. Lasci fare a me, che quando voglio, so far le cose come vanno fatte. (parte

SCENA XVI.

Il signor Geronimo, poi il signor Policastro.

Geronimo. Ora spero di condurre la cosa bene, senza strepiti.

Policastro. Siete voi che mi vuole?

Geronimo. Sono io, che disdicendomi del male che ho detto di vostro figlio, desidero ora che siate a parte di un frutto novello della di lui virtù.

Policastro. Lo toccherete con mano, che Grisologo è virtuoso.

Geronimo. Virtuosissimo anzi, non c’è dubbio. Eccolo che egli viene da quella stanza. Non ci facciamo vedere così presto. (si ritira un poco col signor Policastro

SCENA XVll.

Il signor Grisologo, il signor Ridolfo e Cricca dalla boria che s’abre: e detti. dalla porta che s’apre; e detti.

Cricca. Vengano per di qua, che non saranno veduti.

Grisologo. Troppo tempo abbiamo perduto.

Ridolfo. E quel ch’è peggio, non si è fatto niente.

Geronimo. Dove, dove, signori miei? [p. 308 modifica]

Grisologo. (Si cava il cappello e resta confuso.

Ridolfo. Servitor umilissimo.

Cricca. (Il tempo non ha loro servito. Hanno fatto qualche danno all’armadio; ma non l’hanno aperto). (piano a Geronimo

Ridolfo. Con licenza di lor signori. (vuol partire

Geronimo. Favorisca trattenersi un momento.

Grisologo. (Povero me! non so in che mondo mi sia), (da sè

Ridolfo. Signore, se mi vedete uscire da quella stanza

Geronimo. Lasciate parlare a me, signore. Quando toccherà a voi, lo farete. Signor Policastro, ecco il vostro degno figliuolo, di cui ho da farvi conoscere un’altra bella virtù. Sapete voi che cosa faceva egli entro di quella camera? Tentava di aprire il mio armadio per prendere il denaro; ed il degnissimo signor Ridolfo gli serviva di scorta.

Policastro. Io non so niente. Io non e’entro per niente.

Ridolfo. Io non l’ho consigliato a farlo

Geronimo. Lo credo benissimo.

Grisologo. Io finalmente voleva prendere

Geronimo. Sì, nipote carissimo, so che volete dirmi, prevedo le vostre oneste difese, e voglio io contro di me medesimo far per voi l’avvocato. Io finalmente (intendevate dirmi) non voleva prendere che roba mia. Il signore zio maneggia le entrate della casa, che tiene rigorosamente serrate. Noi non siamo padroni di niente. Se si vuol un divertimento, non si può avere; se si vuol andar in villa, non si può andare. Ed io vorrei andare in campagna con mia sorella, col mio signor padre; ed in mancanza d’as- segnamenti, non faceva che prendere colle mie mani quello che dal signor zio mi sarebbe stato barbaramente negato. Per farlo, non aveva coraggio io solo, ho pregato l’amico; l’amico, persuaso delle mie ragioni, mi ha assistito; ma siamo due galan- tuomini, due persone oneste, incapaci di prendere quello che non è nostro, incapaci di una furfanteria. Eh? dico bene? sono queste le difese vostre? quelle del signor Ridolfo quelle del signor Policastro?

Policastro. Io non so niente. Non e’entro per niente, io. [p. 309 modifica]

Geronimo. Oh, sentite ora come all’avvocato vostro risponde il mio. Finalmente non volevate prendere che roba vostra. Come sapete voi gli interessi di questa casa, voi che col bell’esempio di vostro padre trascurate d’interessarvene, per non soccombere alla fatica di un cotal peso? Chi vi assicura, che le rendite annuali vostre bastino alle spese quotidiane della famiglia, onde possiate dir francamente che quegli avanzi sian vostri? No, che vostri non sono; poichè derivano essi dall’industria mia, da miei traffichi particolari, e sono frutti onorati de’ miei sudori. Sono vostri, egli è vero, in quanto l’amor mio a vostro prò li destina; ma non per fame mal uso, non per convertirli vil- mente in passatempi, in gozzoviglie, in villeggiature. Ewi una figliuola da collocare. Voi avete bisogno di un onorato impiego per mantenervi. E, in necessità vostro padre di assicurarsi il pane della vecchiaia. Il mio scrigno è il vostro deposito; ma voi insidiandolo barbaramente, siete un figlio snaturato, un ingrato nipote, un nemico del vostro sangue medesimo. 11 signor Ridolfo, persuaso delle vostre ragioni, vi prestava amorosa assistenza. Lo crederei fors’anche, se non sapessi di certo esser egli in grado di pretendere da voi il prezzo dell’amicizia, per nmediare ai disordini della pessima sua condotta. I mille scudi negati ono- ratamente dal zio, si procurano dal nipote. Non si consiglia a rubare, ma gli si tien mano perchè lo faccia; si fomenta la gioventù, si dà scandalo ai più pusillanimi, si eccita col mal esempio, e poi si potrà dir francamente: siamo due ga- lantuomini, siamo persone oneste, incapaci di commettere una furfanteria? Le persone onorate non antepongono alla propria riputazione il piacere, il chiasso, il divertimento. E un’azione onorata quest’ultima che fatta avete nella camera di un uomo che stenta per una famiglia non sua, che aumenta per il bene de’ suoi nipoti, che ama i nipoti suoi, come se fossero di lui figliuoli? Vergognatevi, (a Grisologo) Vergognatevi, (a Ridolfo) Vergognatevi, (a Polkastro) Il mio avvocato ha ragionato così.

Policastro. Vergognatevi a me pure? Come e’entro io? [p. 310 modifica]

Geronimo. Gli avvocati hanno dette le vostre e le mie ragioni. Sentite ora il giudice, che pronuncia la sua sentenza. Ma questo giudice, sapete voi chi egli sia, nipote mio? Consolatevi, egli è r amore, non è lo sdegno. E buon per voi, signor Ri- dolfo imprudentissimo, incauto, buon per voi, che associato nel delitto di mio nipote, sarete a parte della sentenza dolcissima che gli destino. Sì, figlio, il mio amore per questa volta vi assolve. Non voglio perdervi, non voglio abbandonarvi per ora. Scuso un primo delitto; ma giurovi sull’onor mio, che punirei severamente il secondo. Ed il castigo che vi preparo, è il più fatale che avvenir vi potesse: è l’abbandono all’arbitrio di voi medesimo, alla tutela d’un miserabile genitore.

Policastro. Come e’entro io? Non so niente io.

Geronimo. Deh, movetevi a compassione di voi medesimo, se conoscete che io non la meriti; se grato non volete essere ad uno zio che vi ama, che vi assiste, che vi benefica, siatelo alla provvidenza del cielo. Non la stancate, figliuolo mio, non r irritate; che s’ella con voi si sdegna, ahimè! s’ella vi scorge ingrato, leverà a me il piacere che ho di soccorrervi, e mal- grado le mie diligenze, sarete un di miserabile; mendicherete quel pane che ora vi sembra amaro, perchè vi vien dato con parsimonia da chi vi ama, da chi vi ama di cuore (’).

Grisologo. Ah signore zio, eccomi a’ vostri piedi a domandarvi perdono.

Ridolfo. Per carità, signore, vi raccomando la mia riputazione.

Policastro. Caro fratello, non ci abbandonate. (piangendo forte

SCENA XVllI.

La signora FELICITA, poi la signora LEONIDE; e detti.

Felicita. Signore zio, ho sentito tutto; siate benedetto; mi racco- mando a voi; se voi non mi maritate, non v’è nessun che CI pensi. (piangendo (I) Questa ripetizione fu soppressa nelle edd. Guibert-Orgeóis, Zatla ecc. [p. 311 modifica]

Leonide. E così, signor Ridolfo, quando si parte?

Ridolfo. Sorella carissima, per ora non si parte più.

Felicita. (L’ho caro). (da sè

Ridolfo. Il signor Geronimo mi ha toccato il cuore, facendomi toccar con mano la verità. I denari che destinati avevo per la villeggiatura, pagheranno una parte de’ miei creditori; e per il resto, se il signor Geronimo non mi aiuta, io non so più come tirare innanzi.

Geronimo. Non ho difficoltà di prestarvi mille scudi, e anche più se vi occorrono, purchè li veda bene impiegati. Ma per andare in villa? piuttosto che pagar i debiti con quel denaro che avete serbato per i cavalli, per i trattamenti, per il gioco, per la villeggiatura? Avrei rimorso, se lo facessi. Sono amico de’ galantuomini, non nego un piacere a chi mi par che lo meriti; ma non contribuisco a pazzie, a disordini, a vanità.

Felicita. Signora Leonide, che vuol ella fare? Ci goderemo in città con più comodo.

Leonide. Una bellissima novità. Che diranno i convitati da noi?

Ridolfo. Torneranno alle case loro.

Leonide. Non mi sarei creduta una cosa simile. Felicita, t. un peccato con quel bell’abitino da viaggio.

Leonide. Mandi a chiamare monsieur Lolì, che gliene faccia uno compagno.

Geronimo. Figliuoli miei carissimi, signori amatissimi, mi spiace infinitamente vedervi tutti essere malcontenti; però voglio pro- curare di confortarvi, voglio farvi toccar con mano, che sono di buon cuore per tutti...

SCENA ULTIMA.

Il signor Roccolino e delti.

Roccolino. Signori miei gentilissimi, scusino, perdonino, mi com- patiscano, se vengo arditamente ad intendere quando si prin- cipia a trottare.

Ridolfo. Per ora, signore, non si va più. [p. 312 modifica]

Roccolino. Non si va più in campagna? a Leonide

Leonide. Certamente; per causa di certo affare, non si va più. Or ora, tomèindo in casa, lo saprà il signor Mario pure.

Roccolino. Resteremo qui dunque?

Leonide. Resteremo qui.

Roccolino. Me ne rallegro infinitamente.

Ridolfo. V. S. può ritornarsene a casa.

Roccolino. A casa ho da ritornare? (a Leonide

Leonide. Certamente; noi non abbiamo comodo per servirla.

Roccolino. Ho da ritornare a casa? (a Ridolfo

Ridolfo. Così è.

Roccolino. Me ne... dispiace infinitamente.

Leonide. Domani può favorire a pranzo da noi.

Roccolino. Sarò a servirla.

Geronimo. Quel signore, per quel ch’io sento, è di quelli che va in campagna e in città onorando le mense or di questo, or di quello.

Roccolino. Chi è cotesto signore? (a Ridolfo

Ridolfo. Il signor Geronimo, zio del signor Grisologo.

Roccolino. Ella ha un bravo nipote. Una bella testa. Una testa originale massiccia. Gran bei versi! gran belle cose! Me ne rallegro infinitamente; me ne rallegro infinitamente. (parte

Geronimo. Nipote mio, adulatori, scrocchi, ignoranti. Questi son quelli che vi lodano, che vi acciecano, e che vi faranno im- pazzire, se li ascolterete più oltre. Torno al proposito di prima: siete malcontenti, figliuoli miei? Vo’ procurare di rallegrarvi. Nipote mia, voi avrete diecimila scudi di dote; so che incli- nereste al signor Ridolfo, ed egli inclinerebbe a voi. Muti vita; lo faccia conoscere, e non sarò contrario ai desideri vostri. Mio nipote lasci il fanatismo delle commedie; e avrà un impiego ha pochi giorni, onorifico, lucroso, e di non molta fatica ( ’ ). Mio fratello sarà contento di vedere ben collocati i figliuoli; e la signora Leonide, che è senza padre, si assicuri, per l’ mteresse che avere della sua famiglia, che potrà in me ritrovarlo, se con una savia rassegnazione si lascierà condurre da’ miei consigli; (1) Così l’ed. Zatla, Le edizioni precedenti aggiungono ancora: di non molta fatica. [p. 313 modifica]ma lasciamo da parte le vanità, le grandezze. Piace a voi la campagna? Andremo a goderla insieme in altro tempo, in altro sito, con altra miglior maniera, con parsimonia, moderazione e cervello. Siete più malcontenti? Alla cera mi par di no; mi par di vedervi tutti rasserenati.

Grisologo. Ah signore zio, compatitemi. Voi mi consolate davvero, e se mi assicurate dell’amor vostro, son contentissimo.

Ridolfo. Ed io non posso essere più lieto di quel che sono, se mi recate una sì soave speranza. Cercherò di farmi degno di conseguirla; e ne vedrete gli effetti.

Felicita. Caro signor zio, capisco che dite bene. Voglia il cielo che mio fratello v’ascolti. Di me non temete: son contentissima.

Policastro. Fratello... fratello... Mi fate piangere per l’allegrezza.

Leonide. Anch’io sono quanto gli altri, e più degli altri, contenta. Voglia il cielo che Malcontenti non sieno i spettatori di questa nostra commedia, ma piuttosto vogliano essi renderci consolati con qualche segno della loro allegrezza. Fine della Commedia. [p. 314 modifica]